METODO SEDONA (tecnica di rilascio di emozioni/sensazioni/pensieri ingombranti) + the Work (il Lavoro) di Byron Katie per liberarsi dalle catene proprie convinzioni ( sistemi di credenze )

sabato 12 novembre 2011









Alcuni commenti presi dal web:


Il Metodo Sedona è un metodo di liberazione, atto a risolvere i conflitti emotivi... E' una dieta per la mente
... Lo scopo del metodo è di liberarti da dolore/afflizione/infelicità. Portare a galla ciò che resisti, ciò che reprimi dentro, ciò che non vuoi più vivere, ti permette di accedere al conflitto emotivo che già è presente in te, accogliendolo e disfandolo per sempre.
Quando ciò avviene, il tuo comportamento cambio, il comportamento di chi ti sta attorno cambia.






Come lasciar Andare ? - YouTube


Metodo Sedona: Procedimento di base - YouTube


che significa Lasciare Andare ? - YouTube





il metodo sedona





Fonte 1 --->  http://www.cocooa.com/1044/2010/il-sedona-method-cosa-e-e-come-funziona.html

Breve storia del metodo Sedona

Il Sedona Method è stato concepito da un ingegnere chiamato Lester Levenson. Leggenda dice che Lester, malato terminale nel 1952, ha avuto un’illuminazione: forse si sarebbe dis-ammalare lasciano andare tutte le emozioni e i sentimenti negativi. Per 22 anni ha continuato a migliorare il metodo e le proprie teorie. Nel 1974 incontra Hale Dwoskin, allora un giovane alla ricerca di risposte. Diventati amici hanno incominciato a lavorare insieme. Nel 2003, Dwoskin pubblica il libro: The Sedona Method: Your Key to Lasting Happiness, Success, Peace & Emotional Well-being.

Commenti Personali

Mi piace molto il Sedona. Si può applicare un po su tutto (tipo Eft) ma se facciamo riferimento all’articolo Funzionare , Fluire, Brillare. credo che sia perfetto per renderci fluidi e brillanti. Continuo a consigliare l’immagine di se come primo esercizio assoluto.
Secondo me la forza del sedona sta infatti nel protocollo di rilascio e nella sistemicità di esso più che nella metodologia di rilascio vero e proprio (le cose che propone Hack sono “più veloci” per esempio).
Una metafora/ similitudine che uso spesso per descriverlo a chi conosce l EFT ( e fortunamente lo conoscono in tanti) è questa: se l’Eft è come lo scalpello che toglie i pezzi da un blocco di marmo fino a tirare la figura celata al suo interno, il sedona è la carta abrasiva che si usa per lisciare suddetta scultura.
Secondo me i due sistemi si integrano benissimo (potrei sbagliarmi, o potrebbe essere che i trainer di una o dell’altra disciplina tirino acqua al loro mulino :-)

La procedura

Non ho seguito nessun training in italiano ( e leggendo questo post potete trarre le vostre decisioni se farlo in italiano o  dalla sorgente originale americana) ma “solo” l’audio corso (+libro) in inglese, quindi è probabile che alcune mie traduzioni non siano uguali a quelle ufficiali nella lingua di Dante.. poco male alcune sfumature sono personali. Sotto al post farò uno specchietto per gli anglofoni cosi potrete usare la formula che preferite.
Gli autori( nel caso specifico Hale Dwoskin ) dicono che il proceso libera la naturale abilità di rilasciare le emozioni permettendo di dissipare le energie compresse nel subconscio. Qualsiasi cosa essa voglia dire sembra bello.

Passo 1 del Sedona – Contatto

concentrati su qualcosa su cui vorresti sentirti meglio quando ci pensi, e poi permetti a te stesso di sentire qualsiasi emozioni esca in quel momento

Passo 2 – Potrei …

Chiedetevi una delle tre cose (oguno è diverso e può preferire una formula invece dell’altra):
  • POTREI lasciar andare questa sensazione ?
  • Potrei permettere a questa sensazione di essere qui?
  • Potrei accettare questa sensazione ?
Lo scopo è capire che è possibile fare qualcosa. potete rispondere Si o No, entrambe sono accettabili. Ponderate la risposta evitando un dibattito col dialogo interno ( anzi il mio consiglio e di “rilasciare” anche quello).
Nota: Anche soltanto concentrarsi sulle proprie sensazioni crea un cambiamento. spesso “evaporano” o perdono intensità. Gli autori dicono che la causa è tutto il tempo che noi combattiamo e sopprimiamo quelle emozioni, creando frizioni. Accettandole invece queste circolano e poi vengono rilasciate

Passo 3 – Lo farei ?

Qualsiasi sia la domanda (e la risposta) al passo2 chiedetevi
  • Lo farei ?
( nel senso: ho la volontà/desiderio di lasciarlo andare) se siete dubbiosi le prime volte potete usare la formula: Preferirei avere questa sensazione oppure Preferirei essere libero?
Quella che sia la risposta (SI / NO ) procedete al passo 4

Passo 4 – Quando ?

chiedetevi
  • Quando?
(con la risposta implicita: adesso :-)

Passo 5 – Loop !

Ripetete dal passo 1 fino a quando vi sentite leggeri .  Se non siete molto sensibili all’inizio non sentirete molto, ma già dopo 2-3 passaggi vi accorgerete che a ogni passaggio c’è più “leggerezza” ( non so come descrivere questa sensazione). Persistendo un po i risultati diventano tangibili. E vi accorgerete di essere una macchina a rilascio continuo :-)
Suggerimenti: dato che il concetto di rilascio per me non era per nulla facile :-) nell’audio fanno l’esempio del tenere in mano una biro. Tenerla in mano non è una grossa fatica, se invece incominciamo a stringerla forte (creando resistenza) inizia a essere fastidiosa. Stringete, Stringete…. fate un respiro e poi mentre espirate lasciate andare la presa. La mano si aprirà dolcemente e la biro potrebbe cadere. Credo che non sia mai stato tanto bello lasciar cadere qualcosa. le prime volte ho fatto l’esercizio della biro con le 3 frasi di set up di sopra e mi è molto servito. Fatelo anche voi se siete “rigidi” nel rilascio

Tutto qui?

Si tutto qui. il sistema è davvero “facile” quasi deludente nella sua semplicità.. ma come dicevo all’inizio secondo me la forza del sedona sta infatti nel protocollo di rilascio e nella sistemicità di esso più che nella metodologia di rilascio vero e proprio. Quindi il mio consiglio è di recuperare il corso e seguire le lezioni passo a passo… su Amazon costa 265 Dollari che non sono noccioline, ma se pensate che tempo fa il dollaro era 1.e rotti euro e adesso e molto meno…. ci penserei per il compleanno /natale

Ecco le tre frasi del sedona method in inglese

  • “Could I let this feeling go? Could I just let this feeling be here? Could I welcome this feeling?
  • Would I? Am I willing to let go?”
  • When?

-----------------------------------------------------------





Mettiti a tuo agio e concentrati dentro te stesso. I tuoi occhi possono essere aperti o
chiusi.
Passo 1 : Concentrati su un problema del quale vorresti sentirti meglio, e poi permetti a
te stesso di provare qualsiasi cosa stai provando in questo momento.
Essa non deve essere un’emozione forte. Infatti, puoi anche controllare come ti senti
riguardo questo libro e su ciò che vuoi ottenere con esso. Semplicemente dai il
benvenuto a questa emozione e permettile di essere quanto ampia o quanto meglio puoi.
Questa istruzione può sembrare semplicistica, ma necessita di esserlo. Molti di noi
vivono nei nostri pensieri, immagini, e storie riguardo il passato ed il futuro, piuttosto
che essere consapevoli di come in realtà ci sentiamo in questo momento.
L’unico momento in cui noi in realtà possiamo fare qualcosa riguardo ciò che proviamo
(e, a tal proposito, riguardo i nostri affari e le nostre vite) è ORA. Non devi aspettare che
un sentimento sia forte per lasciarlo andare. Infatti, se provi un senso di intorpidimento,
piattezza, di nulla, disconnessione, o di vuoto interiore, questi sono sentimenti che
possono essere lasciati andare tanto facilmente quanto quelli più facilmente
riconoscibili. Semplicemente fai meglio che puoi. Più lavori con questo processo, più
facile sarà per te identificare ciò che tu stai provando.

Passo 2 : Domanda a te stesso una delle seguenti tre domande:
Potrei lasciar andare questa azione ?
Potrei permettere a questa emozione di essere qui ?
Potrei dare il benvenuto a questa emozione ?
Queste domande ti chiedono semplicemente se sia possibile intraprendere questa
azione. “Si” oppure “No” sono entrambe risposte accettabili. Spesso lascerai andare
anche quando dici “no”. Meglio che puoi, rispondi alla domanda che hai scelto con un
minimo di pensiero, tenendoti alla larga dal dubitare te stesso o dall’entrare in un
dibattito interiore riguardo i meriti di quell’azione o delle sue conseguenze.
Tutte le domande usate in questo processo sono deliberatamente semplici.
Esse non sono importanti in quanto tali ma sono disegnate per puntarti verso
l’esperienza del lasciare andare, verso l’esperienza del fermare di resistere.
Vai avanti verso il Passo 3 a prescindere da come hai risposto alla prima domanda.

Passo 3 : a prescindere da quale domanda tu sia partito, domanda a te stesso questa
semplice domanda: Vorrei Io ?In altre parole: Sono Disposto Io a lasciare andare ?
Ancora una volta, tieniti alla larga meglio che puoi dal discutere. Inoltre ricorda che stai
sempre facendo questo processo per te stesso - con lo scopo di guadagnare la tua libertà
personale e chiarezza. Non importa quanto il sentimento sia giustificato, di lunga
durata, oppure giusto.
Se la risposta è “no”, oppure se non sei sicuro, domanda a te stesso: Preferirei avere
questa emozione, oppure preferirei essere libero ?
Anche se la risposta è ancora “no”, vai al Passo 4.

Passo 4: Chiedi a te stesso questa domanda più semplice: Quando?
Questo è un invito a lasciare andare semplicemente ORA. Puoi ritrovarti a lasciare
andare facilmente. Ricorda che lasciare andare è una decisione che puoi creare ogni
volta che tu scegli.

Passo 5 : Ripeti i quattro passi precedenti tanto spesso quanto sia necessario affinché tu
ti senta libero da quel sentimento particolare.
Probabilmente ti ritroverai a lasciare andare un poco di più su ogni passo del processo. I
risultati all’inizio possono essere davvero lievi. Molto velocemente, se sei persistente, i
risultati diventeranno sempre più notabili. Puoi scoprire di avere strati di sentimenti
riguardo un argomento particolare. Tuttavia, ciò che lasci andare è andato via per
sempre.
domade base per rilasciare


Qual é ORA la tua emozione ?
Potresti accoglierla/permetterla?

Potresti lasciarla andare ?
Vorresti lasciarla andare ?
Quando ?



-----------------------------------------------------------


IL LAVORO DI BYRNE KATIE






Fonte  1    http://it.artikeldirectory.com/127413_Oprah-e-Byron-Katie/



Katie spiega che nella misura in cui tutti noi crediamo ai nostri pensieri, noi soffriamo di conseguenza.


Quando impariamo a mettere in discussione i nostri pensieri, abbiamo l'esperienza immediata liberazione e la libertà.


Chiamano questo livello di discussione, "L'Opera".


Se mi amo e amo la mia esperienza e tutto nella mia vita, questi pensieri non devono essere modificati o messi in dubbio.


Katie ha detto che l'amore è il più alto standard di una mente equilibrata.


Ma i pensieri del tipo: "Lui non mi ama", o "io non perda peso", o "Io sono una persona cattiva", o "Tu sei una persona cattiva," sono pensieri che si trattengono fino a quando non si attiva la luce della consapevolezza , in seguito alla quale semplicemente perdono la loro forza e significato.

Queste sono le quattro domande che Byron Katie utilizza per il suo processo di indagine, di ogni pensiero che porta sofferenza:


1) E 'vero?


2) Posso dire con assoluta certezza, senza dubbio, che sia vero?


3) Come reagisco penso a questo pensiero?


4) Chi sarei senza tale pensiero?


... 

Poi il pensiero è voltato.

Katie ha detto che la difesa è il primo atto di guerra. Quando chiediamo a queste domande, si verifica un cambiamento, una liberazione.






Fonte 2   http://www.ilgiornaledellebuonenotizie.it/?p=1211



Cambia_mente con 4 domande:
4 semplici step per smettere di soffrire

Byron KatieLa tecnica di Byron Katie, scrittrice di bestsellers tra cui “Amare ciò che È: 4 domande che possono cambiare la tua vita”, basandosi sulla sua diretta e personale esperienza dimostra come tutta le sofferenza ha origine nei nostri pensieri e ci guida a sradicare le credenze che ci limitano e ci rendono infelici e a ritrovare la nostra libertà.
Il suo metodo è sconvolgentemente semplice, funziona così:
Il metodo
Identifichiamo un pensiero che ci fa stare male in una frase breve e semplice come: Mia madre non mi capisce, i miei figli non mi rispettano, il mio corpo è orrendo etc.
Dopo aver scritto la frase poniamoci queste domande, e scriviamo le risposte:

1.E’ vero?
2. Posso affermare con assoluta certezza che sia proprio vero?
3. Come reagisco (emotivamente, psicologicamente, fisicamente etc)  quando credo che questo pensiero sia vero?
4.Come sarebbe la mia vita se questo pensiero fosse completamente assente dalla mia mente?
Sembra un giochino, ma produce dei risultati stupefacenti in fatto di consapevolezza e di rapidità di miglioramento, perchè alla fine il pensiero si capovolge automaticamente.
Un esempio
Vediamo un esempio pratico per capire meglio.
Poniamo che il pensiero doloroso sia “Mio marito dovrebbe amarmi e rispettarmi di più″.
Procediamo con le domande.
1.E’ vero?
Si.
2. Posso affermare con assoluta certezza che sia proprio vero?
Si.
3. Come reagisco (emotivamente, psicologicamente, fisicamente etc)  quando credo che questo pensiero sia vero?
Mi arrabbio, sono frustrata, mi chiudo in me stessa. Reagisco con stizza, mi rifiuto di parlare e di mostrare la mia parte vulnerabile. Mi autocommisero e provo rancore e risentimento verso di lui, specialmente quando non se ne accorge nemmeno.
4.Come sarebbe la mia vita se questo pensiero fosse completamente assente dalla mia mente?
Se non avessi mai pensato che mio marito dovrebbe amarmi di più, sarei felice, grata e soddisfatta. Vivrei la mia vita facendo tranquillamente le mie cose senza preoccuparmi del fatto che gli altri debbano rispettarmi o amarmi di più. Non mi accorgerei nemmeno del problema e non stresserei me stessa e mio marito con questa richiesta.
Se senza questo pensiero ottengo questo risultato riesco a trovare un valido motivo per continuare a trattenerlo nella mia mente? La risposta dovrebbe essere ovvia.
Ho bisogno del tuo amore-E' vero?E ora, quello che Byron Katie chiama il turnaround, cioè il capovolgere il pensiero.
Un possibile capovolgimento è “mio marito non dovrebbe amarmi e rispettarmi di più″. Può essere vero?
Si. In fondo lui mi tratta con amore e rispetto a modo suo. Lui è come è.
Un altro possibile capovolgimento è “Dovrei amare e rispettare di più me stessa”. Può essere ancora più vero?
Si! Se mi amo e mi rispetto di più farei delle cose per me stessa che mi permetterebbero di apprezzarmi di più e di sentirmi più soddisfatta invece di preoccuparmi di come mi trattano gli altri.
Potrei diventare onesta con me stessa ed essere più aperta a mostrare i miei veri sentimenti condividendoli con mio marito senza la paura che possano essere usati contro di me.
Non mi vergognerei per come mi sento, ma proverei amore per me stessa e ascolterei con amore ed empatia per come si sente lui.
A questo punto diventa disarmante ed evidente come questa semplicissima tecnica di indagare la verità dei propri pensieri porti ad un accorgersi di quanti fraintendimenti e stereotipi ci rendano schiavi e contaminino i nostri rapporti con noi stessi e con gli altri.
Questa tecnica, che Byron Katie chiama “the work”, cioè “il lavoro”, non è concepita come aiutino “una tantum”, ma è applicabile a praticamente tutti i pensieri che ci causano dolore e angoscia e rappresenta un nuovo modo di pensare vero e proprio!
Continuando a indagare i propri pensieri attraverso “The work” diventa sempre più chiaro quanto prendersi la responsabilità delle proprie azioni e reazioni sia molto meno stressante e doloroso di aspettarsi che gli altri e le cose cambino magicamente a nostro vantaggio. Avete una vaga idea di ciò che potrebbe significare una simile svolta?
Diana Migliano







Fonte 3    http://www.viverepositivo.com/group/byronkat


Istruzioni per fare Il Lavoro

Vuoi sapere davvero la verità? Indaga ogni tua affermazione usando le quattro domande e il rigiro che
trovi più avanti. Togli «ma», «perché» o «e». Sottoponi solo un giudizio negativo alla volta al processo
dell’indagine. Spesso avrai diversi giudizi negativi su una persona. Sottoponi ogni giudizio al processo
separatamente. Il Lavoro è una meditazione. Si tratta di consapevolezza, non di cambiare modo di
pensare. Lascia che la mente si ponga le domande, poi contempla. Prenditi tempo, vai dentro di te e
aspetta che affiorino le risposte più profonde.

Le quattro domande

1. È vero?
2. Puoi sapere con assoluta certezza che è vero?
3. Come reagisci, cosa succede, quando credi a questo pensiero?
4. Chi saresti senza il pensiero?



Ecco un esempio delle quattro domande applicate all’affermazione «Paul dovrebbe comprendermi».


1. È vero? È vero che lui dovrebbe comprenderti? Resta in silenzio. Aspetta la risposta del cuore.

2. Puoi sapere con assoluta certezza che è vero? In ultima analisi, pensi davvero di poter sapere tuciò che lui dovrebbe o non dovrebbe comprendere? Sai tu con certezza assoluta cos’è che lui deve
comprendere per il suo massimo beneficio?


3. Come reagisci, cosa succede, quando credi a questo pensiero? Cosa succede quando credi
«Paul dovrebbe comprendermi» e lui non lo fa? Sperimenti rabbia, stress, frustrazione? Gli lanci
occhiatacce? Cerchi di cambiarlo in qualche modo? Come ti fanno sentire queste reazioni? Questo
pensiero porta pace o stress nella tua vita? Resta in silenzio mentre ascolti.


4. Chi saresti senza il pensiero? Chiudi gli occhi. Immagina di essere in presenza della persona che
vuoi che ti comprenda. Ora immagina che guardi questa persona, solo per un attimo, senza il pensiero
«Voglio che mi comprenda». Cosa vedi? Come sarebbe la tua vita senza quel pensiero?
Il rigiro
Adesso, rigira la tua affermazione. I rigiri ti offrono l’opportunità di considerare l’opposto di quello che credi sia
vero. Puoi trovare diversi rigiri.


Per esempio, «Paul dovrebbe comprendermi» si rigira a:

• Paul non dovrebbe comprendermi (Non è proprio questa la realtà, a volte?)
• Io dovrei comprendermi (È lavoro mio, non suo)
• Io dovrei comprendere Paul. (Riesco a comprendere che lui non mi comprende?)
Sperimenta a fondo i rigiri. Per ognuno chiediti: « altrettanto vero o più vero? » Puoi trovare esempi specifici nella
tua vita in cui il rigiro è altrettanto vero o più vero? Non si tratta di rimproverarsi o di sentirsi in colpa. Si tratta di
scoprire alternative che ti possono portare la pace.


Il rigiro del numero 6

Il rigiro dell’affermazione numero 6 è un po’ diverso:


« Non voglio mai più litigare con Paul » si rigira a:
Sono disposto a litigare ancora con Paul, e
Non vedo l’ora di litigare ancora con Paul.
Nel numero 6 accogli ogni tuo pensiero ed esperienza a braccia aperte perché ti faccia vedere dove sei ancora in
guerra con la realtà.
Se senti ancora della resistenza ad un tuo pensiero, il tuo Lavoro non è finito. Quando
onestamente non vedrai l’ora di sperimentare le stesse esperienze che prima ti mettevano a disagio, non ci sarà più




; Alza il Volume della Vita ♥ Eleva le Vibrazioni dell'Anima ♥ Aggiorna gli Spartiti della Coscienza ♥ Accorda la chitarra della Consapevolezza ♥ Remixa la Colonna Sonora dei tuoi Sogni Lucidi ♥ Incrementa i Battiti dell'Amore ♥ Moltiplica il ritmo della Gratitudine ♥ Intona le canzoni del tuo Cuore ♥ Innalzati con il movimento delle tue Ali ♥ Accresci le note dell'Abbondanza ♥ Espandi i Suoni della Gioia ♥ Componi i più bei pezzi della tua Esistenza ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥ (by Zewale Rovesta) c'è una LUCE DENTRO DI TE CHE NESSUNO POTRà MAI SPEGNERE, in nessun modo... Accendi la fiamma della tua Anima, in modo che il potere incandescente del tuo cuore possa divampare ovunque... Incendia i tuoi timori, riduci in cenere le tue paure col calore del tuo fuoco interiore ... Fai ardere queste vampate in tutto il tuo essere ILLUMINA IL TUO CAMMINO e diventa TU STESSO UN PORTATORE DI LUCE... (Zewale Rovesta)

0 commenti:

Related Posts with Thumbnails

Google+ Followers

Parole Chiave

abitudine (63) Accettazione (82) Acqua (7) Advaita (9) affermazioni (24) Aforismi (129) Agire (65) Aivanhov (4) Alchimia (58) Aldilà (5) AMORE (125) Aneddoto (100) angeli (11) Anima (121) archetipi (2) Armonia (29) arte (12) Astrale (39) attaccamento (49) attenzione (33) Audiolibri mp3 (23) Bambini (27) Bellezza (54) Bene (18) Buddhismo (60) C. Cisco (3) calma (13) cambiamento (82) Carte illustrative (24) Castaneda (33) chakra (4) Co-Creazione (34) compassione (30) comprensione (76) concentrazione (29) condizionamento (137) conoscenza (86) Consapevolezza (157) Coraggio (132) corpo (81) Coscienza (66) creatività (36) credenze/convinzioni (93) Cuore (90) desideri (33) destino (20) Dialogo Interiore (16) Dio (133) Disordine (5) distacco (85) Dna (11) domande (72) Donna (3) Dzogchen (23) Ego (40) Egregor (28) emozioni (59) Energia (47) energia vitale (38) entusiasmo (10) Equilibrio (32) Esercizi (198) Esperienza (74) Essere (113) Estasi (5) Eternità (18) Evoluzione (29) fare (14) fede (19) Felicità (95) Fiducia (7) film (39) flusso della vita (58) focus (17) follia (8) forme pensiero (49) fortuna (10) Forza Interiore (73) fotogallery (17) Fuoco Sacro (19) futuro (33) gioia (31) gratitudine (21) Gruppo Ur (18) Gurdjieff (40) idea (8) identificazione (47) idiota zen (50) il potere di Adesso (68) illuminazione (36) illusioni (148) Immaginazione (70) importanza (26) Impressione (14) inconscio (20) inferno (9) iniziative (53) iniziazione (56) intento/volontà (72) Intuizione (21) Invocazioni (11) Lanza del Vasto (5) Legge Attrazione (89) Lezioni di Vita (52) Libertà (149) libri gratuiti (119) linea della vita (17) Luce (36) MadMacX (71) Magia (58) Mahamudra (1) medi (1) meditazione (63) Mente (126) Metafisica (8) Metafore (47) MIGLIORI POST (45) Mistero / ignoto (23) mondo (122) morte (79) musica (35) Nascita (6) natura (24) Non Agire (Wu Wei) (46) Nulla (26) obiettivi (29) odio (6) Osservazione (37) ostacoli (9) Ottimismo (15) Pace (28) Paradossi (3) passato (28) paura (57) Pendoli (46) Pensieri (73) Percezione (31) Perdono (13) Personaggi (38) PNL (25) poesia (92) Possibilità (5) Preghiera (15) Presente (31) presenza (43) Principi (33) Psicosintesi (11) Qabbalah (2) quarta via (23) reagire (8) Realtà (56) relax (5) Respiro (20) ricordo (22) riepilogo (34) riflessione (48) rilassamento (29) Rinuncia (3) risonanza (6) risorse (7) Risveglio (107) Rituali (44) Rivista (5) Rocco Bruno (16) saggezza (189) Scelta (40) schiavitù (69) sciamano (33) seghe mentali (125) segnali (3) semplicità (28) sensazioni (19) sentimenti (22) serenità (14) Sesso (1) significati (8) Silenzio Interiore (16) Simboli (11) Sincronicità (19) sofferenza (35) sogni (99) Sole (6) solitudine (3) SONDAGGI (8) Sorgente (3) Sorriso (3) Specchio (14) sperimentare (19) spirito (97) spirito critico (8) Spontaneità (22) stress (9) suggerimenti (120) svago (35) tantra (5) TAO (33) tempo (73) Teurgia (1) Transurfing (54) Trasformazione (14) Tutto (11) Umorismo (120) Unione (46) Universo (77) Vampiri energetici (18) Verità (80) Vibrazioni (19) video (263) VIGNETTE SPIRITUALI (204) Visionari (9) Vista Interiore (61) Visualizzazione (52) Vita (63) Vuoto (33) yoga (21) zen (28) Zewale (323)
___________________________________________________________
______________________________________________________________________
CLICK E TORNA SU