ALEISTER CROWLEY ... Un semplice amante della magia cerimoniale ? - il Mago Otelma de Noiattri ? - Un maniaco di magia sessuale ? - Un provocatore dai gusti macabri ? - un Thelemita troppo esaltato ? + INCONTRO - SCONTRO tra GURDJIEFF e CROWLEY

martedì 17 gennaio 2012








Chi era questo stravagante personaggio ?

Vediamo cosa dicono di lui gli internauti... 
Alla fine verranno dedicate due righe di gossip sull'ipotetico incontro-scontro tra GURDJIEFF E CROWLEY



Comunque se prima volete farvi qualche risata,  qui c'è il film Chemical wedding - incentrato su Crowley - con sub in ita ---> http://www.megavideo.com/?v=MYO7RCL2
-
Qui sotto il trailer






Salvatore Brizzi lo definisce uno dei più grandi maghi di tutti i tempi
...

" Egli continua ad essere additato come un satanista, quando con il satanismo volgare come viene inteso oggi non ha mai avuto nulla da spartire. Egli intendeva il culto di Shaitan come il culto stellare-draconiano di Set. Niente a che vedere con il Satana delle sette sataniche. Sia sufficiente leggere la sua opera più famosa, Magick – testo fondamentale per chiunque voglia accostarsi seriamente alla Magia – per comprendere fino a che punto egli intendesse l’Ars Regia come una via iniziatica verso superiori stati di coscienza. Il fatto che si facesse chiamare provocatoriamente “la Grande Bestia 666” unito all’utilizzo sperimentale, a volte estremo, che egli ha fatto della »magia sexualis«, hanno creato intorno a lui un’aura di “satanismo” che, se invece si studiano attentamente i fatti, non ha alcuna giustificazione reale. I suoi comportamenti e le sue affermazioni miravano sicuramente a scioccare le coscienze dell’epoca, ma dietro quest’apparenza “sulfurea” si nascondeva in realtà un conoscitore approfondito della filosofia yoga e delle tecniche yogiche, e un pioniere nella ricerca degli stati alterati di coscienza e nell’utilizzo “magico” dell’energia sessuale. 

[ http://www.salvatorebrizzi.com/2010/11/il-ritorno-dellesoterismo.html


---
Ho letto la pagina italiana dedicata a Crowley e devo dire che, insieme ad altri colleghi, da studiosi siamo rimasti indignati. Premetto che non sono mai stato un fan del mago inglese, però credo che ci sia un limite a quanto di sbagliato si può scrivere su un personaggio, facendolo poi passare per "libera informazione". Ho modificato la pagina usando il nick OfficinaAlkemica e ho semplicemente aggiunto un paio di righe dove dico solo che Crowley non è mai stato un satanista, per la ragione più semplice del mondo: non ha mai praticato il satanismo e in nessuna delle opere scritte da lui fa riferimento a pratiche di evocazione satanica. Non dico di informarvi voi stessi circa la veridicità di certe affermazioni - dovreste effettivamente leggere una certa mole di testi - ma almeno potreste fare riferimento a chi ne sa di più, e mi riferisco semplicemente alla pagina inglese dedicata a Crowley, dove i termini satanismo o satanico, giustamente, non compaiono nemmeno una volta! Se non sapete... almeno copiate. Un simpatico saluto Salvatore Brizzi  
[http://wikipedia.kataweb.it/wiki/Discussione:Aleister_Crowley]


--

-


Cambiamo lido e vediamo cosa emerge dal forum http://buddhismoitalia.forumcommunity.net:


"Crowley non ha percorso un sentiero anagogico, ma catagogico: quello dell'albero rovesciato. Mi sembra evidente!

L'attraversamento di Daath lo ha fatto ma nella direzione opposta a quella di Mose' e Salomone.


Di alchimia e di ermetismo crowley non sapeva nulla, operando con il sistema della golden down di stampo magico-psichico operante esclusivamente nel mondo intermedio e dopo con le rivelazioni di aiwass, per finire con l'operatività da operetta e di bassa magia sessuale (visto che vi sono generi molto piu elevati dal punto di vista teurgico da lui ignorati) del'OTO di Reuss che aveva fatto uno zibaldone di tecniche indiane miste a invenzioni e modi per viversi la propria omosessualità latente sotto la scusa di un opera sacra....


Per mantenere il controllo sul mondo intermedio, visto che non poteva accedere ne in Bria ne in Atziluth, doveva assumere quotidianamente quantità di droghe che avrebero ucciso un cavallo, ma lui era sorretto dalle potenze arcontiche che lo utilizzavano come canale di manifestazione della loro corrente magica sulla terra.


La corrente di thelema non ha niente a che vedere che con la Regola primordiale, su cui si basa la teurgia e l'alchimia, ma è piuttosto emanazione delle potenze arcontiche che hanno escogitato un modo intelligente per attrarre e vincolare a loro per il resto dell'eone (durata del nostro sole espressa in milioni di anni) elementi che invece avrebbero potuto trovare un sentiero di uscita dalla gabbia sistema da loro creato.

Infatti il sistema di crowley si basa sostanzialmente sulla magia enochiana di J. Dee e Kelly, sul quale ha innestato prima il sistema di Abramel in il mago, e poi la rivelazione di Thelema avuta al Cairo, usando la moglie Rose come medium.


J. Dee e Kelly come sai sono notoriamente stati presi in giro per decenni dai cosidetti "angeli" che gli si manifestevano, (che angeli non erano) dettando un sistema complesso ed articolato quale quello degli aethyr.




Tali enti non sono allineati alla regola primordiale, ma gli aethyr sono uno dei tantissimi subuniversi del multiverso, e i loro esseri, se qualcuno gli apre le porte, amano fare incursioni e gite gastronomiche nella dimensione umana, molto piu ricca della loro in termini di energia.

L'albero si giudica dai frutti: J.Dee per seguire il consiglio degli enti enochiani, perse una importante posizione a corte presso elisabetta prima che lo teneva in altissima considerazione, per vagare nell'europa dell'est per incontrare quei Re che lo trattarono come un guitto, nonostante fose uno dei piu grandi eruditi del suo tempo, e nonostante le assicurazioni degli enti enochiani che attraverso il suo medium Kelly gli dicevano che gli avrebbero conferito grandi onori. Kelly mori di morte violenta e Dee in miseria perdendo tutti i privilegi che aveva prima, una volta tornato in patria.

Giudicate voi: questi sono i frutti della magia enochiana, con la quale Crowley aveva costruito buona parte del suo sistema, sulla scorta degli insegnamenti ricevuti nella Golden Down.


Conosco almeno altri dieci sistemi come quelli di Dee e Kelly, poco conosciuti dai teurghi contemporanei, e molto piu' potenti in termini di risultati magici, ma di questi utilizzo solo quelli che sono assolutamente allineati alla Regola primordiale - La Regola di Mat in termini egiziani - in termini anagogici e dove i signori dei rispettivi sistemi hanno giurato obbedienza alla Regola stessa, al contrario degli enti enochiani........
"


[http://buddhismoitalia.forumcommunity.net/?t=45052528&st=15]


---

Crowlwy è un mondo a parte per la cabala: Sprazzi di genio, alternati a follia pura che non ha niente a che vedere con quella sacra, ma dall'esser divenuto schiavo degli stessi enti da lui evocati e con i quali ha creato diversi casini piuttosto seri come sai, riferendomi che so' all'evocazione di Choronzon nel deserto dove lui si è voluto mettere nel triangolo evocatorio invece che nel cerchio.....incorporando il demone invece di soggiogarlo e mille altre amenità che piu' che un mago provetto indicano un folle, nonostante geniale in molte manifestazioni......

Evidentemente l'ermafroditismo magico gli aveva dato alla testa ed al Cairo prima dell'evocazione aveva incontrato in qualche bagno turco qualcuno dotato di mazza troppo lunga che gli aveva toccato il cervello, visto che sai che il buon alistair alternava momenti di magia evocatoria a momenti di puro ludibrio passivo con gli ultimi gradi dell'O.T.O. :lol: :lol: :lol:



 [http://buddhismoitalia.forumcommunity.net/?t=44410149&st=45]
--


----




   Aleister Crowley rientra in questa ricca galleria di personaggi che gettano discredito sulla tradizione esoterica. Dico di più ... è un'esteta del male. Non è un caso che amasse chiamarsi la grande Bestia 666 o, come anche usava dire grecizzandolo, maestro MEGA THERION. L'uso dell'appellativo ha un chiaro riferimento alla venuta dell'Anticristo. Per quanto Aleister Crowley suoni la grancassa dell'agnosticismo amava ammantarsi dello scenario dell'Apocalisse e indossare la pelle del serpente della Genesi.






Un primo aspetto, molto importante, per comprenderlo, secondo me, è la sua mancanza di identità sessuale.

   Crowley era bisessuale. Oscillava dal polo diciamo maschile a quello femminile secondo come si alzava la mattina. Nell'Abbazia di Thelema a Cefalù, dice Francis King, c'era un cartello sul suo letto con su scritto

ALYS CUSAK IS NOT AT HOME
ALYS CUSAK NON E' IN CASA

Alys Cusak era il suo aspetto, diciamo, femminile.

Quando cambiava la N di NOT in H si aveva

ALYS CUSAK IS HOT AT HOME
ALYS CUSAK E' IN CASA E IN CALORE

In questa sua bisessualità trova origine dell'XI grado che lui inventò come aspetto complementare del IX grado dell'O.T.O. Ha santificato cioè la sua omosessualità. Addirittura, secondo un documento pubblicato su un sito dell'O.T.O. << XI -- Per Aftera Ad Astra (si potrebbe tradurre per lo sfintere agli astri) rapporti anali e O.T.O.>>, in America nel 1933 un gruppo scimatico di ex seguaci di un discepolo di Crowley fondò un gruppo composto da soli omosessuali.

Sempre in questo documento si descrive in sintesi l'XI grado e di dice : << 1) Isolamento nell'ano (per vas nefandum) dove si crede incapace di interagire con qualsiasi altra cosa, ") interazione con gli escrementi ( uno degli ingredienti preferiti di Crowley) e una piccola quantità di sangue ( quando piccole ferite vengono prodotte dal rapporto) muco e, naturalmente, le membrane mucose che portano direttamente nel sangue nutrimento, ecc. ecc. . Crowley sognava di dar vita a un feto per anum . " ... una gran quantita di sangue e una piccola quantità di umore viscoso [il termine slime, qui usato, ha anche il senso di melma, viscido]". ... il figlio di tale amore (XI) è una terza persona, uno Spirito Santo, per così dire, che partecipa di ambedue le nature, senza confini e impersonale perché creazione senza corpo di natura interamente divina " 

   Non solo non aveva una identità sessuale definita ma aveva anche un appetito sessuale notevole e nessuna remora per perseguirne la realizzazione, qualunque sia l'oggetto uomo, donna,  bambino o animale 
.
Quanto al sacrificio umano di un bambino, ecco cosa l'entità Aiwass ordinò ad Aleister Crowley: «12. Sacrifica bestiame, piccolo e grande; dopo un bambino [...]. 24. Il sangue migliore è della luna, mensilmente: inoltre il sangue fresco di un bambino» 7. «Per il lavoro spirituale e più elevato si deve scegliere di conseguenza quella vittima che contiene la forza più grande e più pura. Un bambino maschio dall’innocenza perfetta e dall’intelligenza superiore è la vittima più soddisfacente e più appropriata [...]. Ma il sacrificio di sangue, sebbene più pericoloso, è il più efficace; e per quasi tutti gli scopi il sacrificio umano è il migliore» 8 
.
[ 7 Questo «Santo Angelo Custode» [Aiwass] - come lo chiamava Crowley - si rivelò al mago nel 1904 e gli dettò il Libro della Legge, o Liber al vel Legis, da cui sono estratte le righe citate.
8 Cfr. A. Crowley, Magick In Theory and Practice, Magickal Childe Publishing Inc., 1990, pagg. 95-96.]
-----

Un altro aspetto di Crowley che bisogna avere presente, per poterlo comprendere, è che era un essere disgustoso. Amava defecarsi sui tappeti di chi lo ospitava perché credeva che i suoi escrementi avessero una virtù santificante. Insomma per lui quell'atto era una benedizione per la casa di chi l'ospitava. Verso la fine della sua vita per mantenersi vendeva delle pastiglie di cocaina impastate con il suo sperma a degli ignari acquirenti spacciandole per afrodisiache. Francis King narra che a Cefalù ebbe luogo un rito in cui la donna Scarlatta ebbe un accoppiamento con un capro il quale fu scannato da Crowley durante l'orgasmo. 


...
Si può interrogare se fosse un satanista, molti lo negano, ma sicuramente i suoi scritti hanno notevole influenza negli ambienti satanisti e il moderno satanismo deve molto a A.C.. E' scritto nel Liber  AL vel Legis, A.C. proponeva questo scritto come una rivelazione che una entità di nome Aiwass gli aveva fatto al Cairo,:
 
     48. Ora che il mistero di queste lettere è compiuto, voglio inoltrarmi nel posto più santo.
     49. Io sono, in una segreta parola quadruplice, la blasfemità contro tutti gli dei degli uomini.
     50. Maledetti, Maledetti, Maledetti!
     51. Con la mia testa di falco becco gli occhi di Gesù inchiodato alla croce.
     52. Sbatto le ali sulla faccia di Maometto e lo acceco.
     53. Con i miei rostri strappo la carne dell'Indiano e del Buddista, del mongolo e del Din.
     54.Bahlasti! Ompedha! Sputo sulle vostre fedi intemperanti.
     55. Sia Maria vergine lacerata alla ruota: e in sua memoria siano tutte le donne caste cacciate da te!


---

<<... anch'io, celato nell'abbazia di Thelema a Cefaloedium, ho convocato perciò al consiglio Alostrael , 31-666-31, la donna scarlatta, La mia concubina, in cui è tutto il potere promesso da Aiwaz,  prostituita in ogni parte del suo corpo a Pan e alla Bestia, madre di bastardi, abortrice; di  sè stessa, dell'uomo,  della donna, di bambino e animale puttana, officiante dell'Eucarestia degli Escrementi nella Messa del Diavolo Strega del Rito di Esau e Jacob>>  
Crowley  Aleister <<Cephaloedium Working>>  Abbey  of Thelema 1920-21

-
Francis King << il cammino del serpente>> ed Mediteranee  1979 pag 161:
 
"Il periodo di piu intensa pratica da parte di Crowley della magia sessuale dell'O.T.O. coincise con i tre anni (1920-23) della sua vita trascorsi nella Abbazia di Thelema, da lui fondata presso una fattoria nei dintorni di Cefalu in Sicilia. In Le ah Hirsig, una insegnante di canto di New York che era diventata sua amante, egli aveva trovato la compagna ideale per i suoi esperimenti (in una frase dei diari si accenna alla vagina di lei come alla « pompa aspirante brevetto Hirsig » ), ed insieme i due si dedicarono a celebrare rituali che la maggior parte delle persone considera ormai morti da almeno duemila anni. Così, nell'estate del 1921, un caprone (simbolo di
Pan, di Priapo e del Capricorno) venne indotto a copulare con l'inginocchiata Leah, ed ebbe la gola tagliata cerimonialmente al momento dell'orgasmo; "

-

Fonte  3:  http://www.cesnur.org/religioni_italia/m/magia_cerimoniale_02.htm


Fra le grandi correnti o sistemi di magia cerimoniale a diffusione internazionale, e con presenze significative anche in Italia, va senza dubbio catalogato il vasto filone che si riferisce al lascito dottrinale e organizzativo del controverso magista anglosassone Aleister Crowley (1875-1947).
Allevato nella più rigorosa ortodossia fondamentalista dei Fratelli stretti darbisti, il giovane Edward Alexander (questo il suo nome di battesimo) abbandona negli anni della gioventù il severo cristianesimo familiare, per interessarsi presto – oltre alle passioni per le escursioni alpinistiche e le attività artistiche e letterarie, ambiti nei quali dimostra un originale talento, unito alla sua inconfondibile stravaganza e anti-conformismo scandaloso e trasgressivo – alle dottrine occulte. Così, dopo l’esperienza maturata nell’Hermetic Order of the Golden Dawn (di cui Crowley fonda peraltro una derivazione, l’A.∙.A.∙., il cui vero significato delle iniziali si ritiene debba rimanere riservato, anche se è invalso l’uso di scioglierle in Argenteum Astrum, Astrum Argentinum o Argon Astron), nella quale Alan Bennett (1872-1923) lo erudisce su molte tecniche magiche e nozioni di dottrine orientali, nel 1904 Crowley riceve al Cairo, per via di evocazione medianica, un “libro che spiega l’Universo”, il Libro della Legge, rivelatogli da un essere preternaturale che gli si presenta come l’angelo Aiwass, messaggero delle forze che guidano il mondo.
Il Libro della Legge, vera cifra dottrinale del successivo sistema crowleyano, annuncia l’avvento di una nuova epoca – l’eone di Horus, in sostituzione del precedente eone di Osiride, che era caratterizzato dall’adorazione di “divinità morenti” e basato su uno stile di vita di impronta patriarcale –, contraddistinta dalla “Legge di Thelema”, riassunta nel codice di condotta “Fai ciò che vuoi sarà tutta la Legge” e “Amore è la legge, amore sotto la Volontà”. Nel 1911 (o nel 1909, la data non è certa), Aleister Crowley entra finalmente in contatto con l’Ordo Templi Orientis, movimento fondato nel 1906 da Theodor Reuss (1855-1923), e da questi dichiarato quale filiazione templare e “cerchia interna” delle varie “massonerie di frangia” da lui dirette.
L’Ordo Templi Orientis si contraddistingue mediante l’elaborazione di un sistema di magia sessuale, che affonda le sue radici nella trasmissione degli insegnamenti basati sul tantrismo dell’austriaco Carl Kellner (1850-1905), il quale durante i suoi viaggi in Oriente sarebbe entrato in contatto con tre “adepti” (un sufi, Soliman ben Aifa, e due tantristi, Bhima Sena Pratapa e Sri Mahatma Agamya Paramahamsa), oltre che con l’organizzazione Hermetic Brotherhood of Light. Per tracciare solo una breve panoramica dell’interesse che l’O.T.O. ha generato nel mondo occultista – però indicativa dell’autentica selva di nomi e sigle, caratteristica dell’intero milieu magico –, sarà sufficiente fare accenno ad alcuni membri importanti che ne hanno fatto parte, alcuni con un impegno attivo e altri solo “sulla carta”: Harvey Spencer Lewis (1883-1939), fondatore dell’ordine rosacrociano AMORC; Gérard Encausse (“Papus”, 1865-1916), che abbiamo incontrato nella sezione sul martinismo; Arnoldo Krumm-Heller (“Frater Huiracocha”, 1876-1949), già citato in tema di Chiese gnostiche; John Yarker (1883-1913), figura di spicco delle “massonerie di frangia” e membro importante anche nella massoneria “regolare”, iniziato a diversi riti templari e inoltre al Rito di Heredom, al Rito Scozzese Antico e Accettato 33° (peraltro nella controversa versione detta Cerneau), al Rito Antico e Primitivo di Memphis 97°, al Rito Orientale Antico di Mizraim 90° e al Rito di Swedenborg, per un certo periodo uno dei capi della Societas Rosicruciana in Anglia – fondata fra il 1865 e il 1866 da Robert Wentworth Little (1840-1878) –, nonché membro dell’Ordine Martinista, della Società Teosofica e della massoneria mista detta Co-Massoneria.
Benché Crowley conduca le sue attività in nome dell’O.T.O. (in cui – dichiara – è del resto confluita la regolarità di un ventina di filiazioni iniziatiche, dal rito massonico di Memphis e Misraim al Sat B’hai, fino al martinismo e alla Chiesa Gnostica), egli non frequenta molto Reuss. Nel 1914 si trasferisce negli Stati Uniti, e vi si trova ancora nel 1917 quando Reuss organizza sul celebre Monte Verità, presso Ascona, in Svizzera, un “congresso antinazionalista” con l’intenzione di riunire (non senza propagandare 1’O.T.O.), conformemente alla tradizione del luogo che lo ospitava, teosofi, vegetariani, occultisti e pacifisti sotto la bandiera del rifiuto del nazionalismo e della guerra.
Nella geografia sacra dei movimenti magici in genere, Monte Verità ha tutti i requisiti per essere considerato il santuario principale. Nasce nei primi anni del XX secolo come colonia vegetariana e naturista (nudista) per opera di Henri Oedenkoven (1875-1935) e di Ida Hoffmann (1864-1926), e comincia ben presto ad attirare anarchici, teorici del “ritorno alla natura”, teosofi, occultisti e seguaci del movimento della “riforma di vita” (Lebensreform). Nel 1920 Crowley torna in Europa e fonda a Cefalù, in Sicilia, la famosa “Abbazia di Thelema”, che diventa famosa in tutto il mondo e famigerata sulla stampa inglese. I giornali si scatenano particolarmente contro la comunità “thelemita” dopo la pubblicazione di un libro di Crowley sulla droga (che racconta in realtà la sua disintossicazione, ma che è accusato di essere stato scritto per difendere la droga mentre si finge di criticarla) e le proteste della moglie di uno dei “monaci”, Raoul Loveday, che era morto di malattia nella comunità il 16 febbraio 1923. Il nuovo Stato fascista decide così di espellere Crowley dall’Italia; l’Abbazia – senza il suo capo – continua a esistere fino al 1924, anno in cui è chiusa (l’edificio esiste tuttora, ma è in cattive condizioni e c’è chi chiede un suo possibile restauro per trasformarlo in museo).
Nel 1923 era morto anche Reuss, che dopo un attacco di cuore nel 1922 aveva già rinunciato alla sua carica di superiore dell’O.T.O. in favore (secondo alcune testimonianze, che altri però contestano) dello stesso Crowley. Non tutti i membri dell’O.T.O. di lingua tedesca accettano tuttavia Crowley, che nel 1925 deve recarsi in Germania per affermare la sua autorità. Se non può evitare qualche scisma, Crowley acquisisce l’amicizia e il sostegno di Karl Germer (1885-1962) che si rivela anche un prezioso finanziatore. Può così dedicarsi a mettere per iscritto il suo insegnamento (Magick, una delle sue opere principali, è pubblicata nel 1929). Dopo un suicidio annunciato (ma non veramente tentato) nel 1930 in Portogallo, Crowley si stabilisce definitivamente nel 1932 in Inghilterra, dove è ancora vittima di tanto in tanto degli attacchi della stampa scandalistica, ai quali cerca di reagire anche con un processo per diffamazione: ma il giudice, scandalizzato dalle sue opere, rincara piuttosto la dose nei confronti del profeta di Thelema. Se si eccettuano queste polemiche, il vecchio mago vive abbastanza tranquillamente, venerato da pochi ma ferventi discepoli, fino alla morte che lo coglie il 1° dicembre 1947. Il funerale a Brighton – secondo un rituale da lui stesso predisposto – solleva un ultimo scandalo.
Si può proporre a questo punto una sintesi dei rituali e delle istruzioni segrete dei vari gradi dell’O.T.O. cosi come Crowley (sviluppando i primi schemi di Reuss, che giudicava “del piu grande valore quanto al segreto centrale, ma altrimenti molto inferiori”) li ha elaborati. Crowley stesso ci ha lasciato nell’autobiografia un riassunto degli scopi e delle caratteristiche dei gradi dell’O.T.O., lasciando tuttavia in ombra il contenuto del “segreto”. I primi quattro gradi rivelano l’influenza della massoneria – regolare e “di frangia” – e della Golden Dawn, e illustrano in generale “l’universo e le relazioni con esso della vita umana” mostrando a ogni uomo “come adattare al meglio la sua vita al cosmos e sviluppare le sue facoltà in modo da ottenere il massimo vantaggio”.
L’uomo è presentato come uno spirito libero ed eterno che sceglie di entrare in una particolare relazione con il sistema solare, incarnandosi e assumendo così (lo sappia o no) lo scopo di mostrare la sua “divinità” in ogni azione. Liberato dalla “ossessione della personalità” dalla morte, è “riassorbito nell’infinità”; ma questo “annullamento assoluto” – facendo entrare in gioco la categoria del tempo – può anche essere “punto di partenza per una nuova avventura dello stesso tipo” tramite la reincarnazione. Molte idee generali vengono dalla Golden Dawn; ma quella che è specifica dei vari “libri sacri” con cui l’adepto dell’O.T.O. entra in contatto è una polemica anticristiana a tratti di particolare virulenza. Non è in contraddizione con queste invettive il fatto che siano talora utilizzati anche termini e simboli apparentemente cristiani giacché, secondo lo schema del Libro della Legge, il nuovo eone di Horus invera in sé (nello stesso momento in cui li nega) gli eoni precedenti di Iside (il matriarcato) e di Osiride (la civiltà patriarcale, il cui tipo è il cristianesimo). L’opposizione al cristianesimo non può che essere radicale se ci troviamo in un nuovo eone in cui, insegna il Libro della Legge, “la parola del peccato, restrizione” non ha più ragione di esistere e “fa’ ciò che vuoi” diventa “tutta la Legge”. Questo non significa – lo ricorda lo stesso Libro della Legge (II, 5) – che fra i rituali del vecchio eone non ve ne siano di “buoni” che devono soltanto essere purgati dal “profeta”: cioè da Crowley, che quindi può – senza sentirsi in contraddizione con il suo proclamato odio per il cristianesimo – utilizzare simboli cristiani e perfino prendere le distanze dalla critica razionalista dei Vangeli.
Non di rado sembra che il rifiuto delle religioni si spinga fino all’ateismo: “Tu non sei crowleyano – proclama la prefazione dell’opera anticristiana La tragedia del mondo – finché non sei capace di dire con fervore: ‘Sì, grazie a Dio sono un ateo’”. Ma in realtà la categoria dell’ateismo si applica male a Crowley, e anche nell’espressione che si è appena citata le parole “grazie a Dio” non sono soltanto ironiche. Il sistema di Crowley è pieno di spiriti e di divinità: nel Libro della Legge si parla subito (I, 1) di Hadit (il movimento) e Nuit (la materia); successivamente (I, 7) è rivelato il figlio degli dei primevi, Arpocrate, il “Sé piu Alto” (o il Santo Angelo Custode) dell’uomo, che – quando da silenzioso si rivela, tramite il suo messaggero Aiwass, e diventa “trionfante” – assume la forma del gemello di Arpocrate, Ra-Hoor-Kuit. È vero, d’altro canto, che il “Sé superiore” è, scrive Crowley, “quasi l’inconscio di Freud”: ma se si considera che l’uomo è circondato da spiriti della natura, “elementali” e spiriti “familiari” che può mettere al suo servizio non si può non concludere che l’ateismo crowleyano è davvero pieno di dei.
Affermazioni come “non c’è altro dio che l’uomo” coesistono con l’“istruzione segreta” del settimo grado (De natura deorum) secondo cui “nel Macrocosmo c’è un solo dio, il Sole” e “nel Microcosmo, che è l’Uomo, il vice-reggente del Sole, il solo datore della vita, è il Fallo”, che è nello stesso tempo “la base fisiologica dell’Anima Superiore”. Dopo che l’adepto dell’O.T.O. ha imparato a rifiutare il senso del peccato e della restrizione e si è iniziato alla Legge e alla ricerca della sua vera volontà – sempre unica perché “ogni uomo e ogni donna è una stella” – può dapprima prepararsi e quindi (a partire dal settimo grado) essere veramente introdotto al “segreto dei segreti” che è la magia sessuale, a sua volta preparata dallo yoga e dalla familiarità con gli strumenti della magia cerimoniale classica, in gran parte ereditati dalla Golden Dawn.
Nell’ottavo grado si è iniziati ai “matrimoni segreti fra gli dei e gli uomini”, frutto di una tecnica autosessuale che distingue fra “grandi matrimoni” e “piccoli matrimoni”. Le istruzioni per l’ottavo grado comprendono una severa messa in guardia contro l’uso casuale o banale della sessualità, e una descrizione di sedici categorie di “immagini sacre” che dovrebbero trovarsi nella camera dell’adepto. Il vertice del sistema dell’O.T.O. è costituito dal nono grado, cui corrisponde l’istruzione segreta chiamata Liber Agapé, che va letta insieme con il commento scritto da Crowley stesso e intitolato De Arte Magica. Qui si rivela il segreto dell’O.T.O. che, secondo Crowley, sarebbe insieme il segreto degli alchimisti, delle massonerie e anche del cristianesimo esoterico (che lo avrebbe velato sotto il dogma eucaristico). Dopo essersi preparato con un digiuno (che tuttavia non esclude l’uso di alcool e di certe droghe) l’adepto dell’O.T.O. celebra il “sacrificio dell’eucarestia” – di cui una delle possibili versioni è appunto la messa della Chiesa Cattolica Gnostica di Crowley – che inserisce, al centro di un rituale magico, un coito (che dovrebbe durare in tesi “almeno un’ora”) seguito dalla preparazione “solennemente e in silenzio” dell’“Elisir” (un miscuglio delle secrezioni dell’uomo e della donna) che è “subito consumato”. L’Elisir è “la più potente, la più raggiante cosa che esista in tutto l’Universo”; è anche “la più delicata e pericolosa”.
Mentre l’uso corretto di questa forma di magia può ottenere sia risultati pratici volti a uno scopo determinato, sia più in generale il raggiungimento di stati di coscienza superiori ed esaltanti, la sua pratica da parte di persone non preparate può condurre a risultati assolutamente negativi e dannosi. Così – benché, come risulta dai suoi “diari magici”, lo stesso Crowley si sia servito talora di prostitute – le istruzioni del nono grado considerano essenziale la scelta e la preparazione della donna. Il rito crowleyano richiede pure la predisposizione – sia pure in forma semplice – di un tempio, e lo scrupoloso rispetto delle formule e delle invocazioni magiche che accompagnano l’atto. Le istruzioni segrete del nono grado comprendono infine una De Homunculo Epistola, che riprende le antiche leggende sulla possibilità di “fabbricare” un uomo artificiale diffuse nel milieu magico, ma le inserisce in un contesto diverso. Il “metodo classico” per la fabbricazione dell’homunculus, secondo l’epistola agli iniziati del nono grado, consisterebbe nel fare sviluppare l’uovo fecondato al di fuori dell’utero; ma (almeno ai tempi di Crowley) questa tecnica sembrava impossibile. In attesa dei progressi della scienza, non rimaneva quindi che affidarsi alla magia. La premessa di tutto il procedimento è l’idea secondo cui un’anima umana vagante prende possesso del feto solo quando questo ha tre mesi, e che il mago può tenere lontane dal feto le anime umane e attirare al loro posto uno spirito della natura del tipo desiderato, di cui diventerà il padrone e da cui si farà servire. Un uomo e una donna – possibilmente con un oroscopo favorevole all’opera – dovranno “copulare continuamente (ma specialmente in tempi astrologicamente favorevoli alla tua opera) e in modo cerimoniale in un tempio preparato, di cui la disposizione particolare e la decorazione siano ugualmente adatte al tuo lavoro. Occorre che dirigano la loro volontà in modo ardente e costante verso il successo della tua opera negando ogni altro desiderio. Continua così finché ne risulti una gravidanza”. “Quindi, allontana la donna”, consiglia Crowley all’adepto, “e portala in un grande deserto; perché lì raramente errano anime umane che cercano l’incarnazione” e “tienila all’interno di un grande cerchio magico”, evocando continuamente il tipo di spirito che si desidera ottenere e inducendo la donna a concentrare su di essa i suoi pensieri e la sua volontà. Il parto dovrà essere “ritardato o avanzato per quanto possibile in modo da assicurare un segno zodiacale adatto a questo bambino”. Ne risulterà “una perfetta forma umana, con tutti i poteri e i privilegi dell’umanità, ma con l’essenza di una particolare forza scelta, e con tutte le conoscenze e il potere di questa sfera; e questo essere è una tua creazione e servitore; per lui tu sei il Solo Dio e Signore, ed egli dovrà servirti”.
Con il nono grado il segreto è svelato, e il sistema dell’O.T.O. è completo: il decimo è il grado amministrativo dei dirigenti dell’ordine, e l’undicesimo grado, versione “invertita” del nono (XI, in numeri romani, è l’inversione di IX), rappresenta, rispetto alla magia (prevalentemente) eterosessuale del nono grado, una versione omosessuale, indicata come opportuna – secondo Crowley – da “nuove esperienze magiche” da lui personalmente tentate. Queste “operazioni magiche” nella carriera di Crowley non vanno sottovalutate, perché è proprio in una di queste, in Algeria, che – evocando e controllando il demone Choronzon – il profeta del nuovo eone sarebbe diventato egli stesso uno dei “capi segreti” di cui la Golden Dawn era andata alla ricerca.

......



Bhè.... A sto punto Leggetevi anche qualche sua opera esoterica e Tirate voi le somme... 
_
Sicuramente non sarà stato satanista come ci ricorda il buon Salvatore Brizzi  ma di certo era un pochettino bizzarro O_O   ... Se a suo dire questo è stato uno dei più grandi maghi di tutti i tempi, chissà quanto sono messi male gli altri  :(


----


Crowley Vs Gurdjieff... ?
Esistono differenti versioni sul loro incontro


Parto con quella di Fritz Peters :


« Molti anni fa, Aleister Crowley, che si era fatto un nome in Inghilterra come "mago" e che si vantava, tra le altre cose, di aver appeso per i pollici la moglie gravida nel tentativo di generare un essere mostruoso, si presentò a Fontainebleau senza essere invitato. Crowley era visibilmente convinto che Gurdjieff fosse un "mago nero" e lo scopo manifesto della sua visita era di sfidarlo in una specie di duello di magia. L'incontro si rivelò una delusione poiché Gurdjieff, sebbene non negasse di conoscere certi poteri che potevano essere definiti "magici", si rifiutò di fare qualsiasi dimostrazione. A sua volta, anche il signor Crowley si rifiutò di "rivelare" i suoi poteri; perciò, con grande disappunto dei presenti, non si poté assistere a nessuna impresa soprannaturale. Per giunta, il signor Crowley se ne andò con l'impressione che Gurdjieff fosse un ciarlatano o uno stregone di mezza tacca.»

Ora una versione - purtroppo in inglese -  di Stanley Nott, uno studente di  Gurdjieff... è tratta dal libro 'The Three Dangerous Magi' , "Osho, Gurdjieff, Crowley" - By P. T. Mistlberger:

Fonte integrale ->  http://www.ptmistlberger.com/why-remarkable-men-rarely-meet.php



One day in Paris I met an acquaintance from New York who spoke about the possibilities of publishing modern literature. As I showed some interest, he offered to introduce me to a friend of his who was thinking of going into publishing, and we arranged to meet the following day at The Select in Montparnasse. His friend arrived; it was Aleister Crowley. Drinks were ordered, for which of course I paid, and we began to talk. Crowley had magnetism, and the kind of charm which many charlatans have; he also had a dead weight that was somewhat impressive. His attitude was fatherly and benign, and a few years earlier I might have fallen for it. Now I saw and sensed that I could have nothing to do with him. He talked in general terms about publishing, and then drifted into his black-magic jargon.

“To make a success of anything,” he said, “including publishing, you must have a certain combination. Here you have a Master, here a Bear, there the Dragon- a triangle which will bring results…” and so on and so on. When he fell silent I said, “Yes, but one must have money. Am I right in supposing that you have the necessary capital?” “I?” he asked, “No not a franc.” “Neither have I” I said.
Knowing that I was at the Prieure he asked me if I would get him an invitation there. But I did not wish to be responsible for introducing such a man. However, to my surprise, he appeared there a few days later and was given tea in the salon. The children were there, and he said to one of the boys something about his son who he was teaching to be a devil. Gurdjieff got up and spoke to the boy, who thereupon took no further notice of Crowley. There was some talk between Crowley and Gurdjieff, who kept a sharp watch on him all the time. I got the strong impression of two magicians, the white and the black- the one strong, powerful, full of light; the other also powerful but heavy, dull and ignorant. Though “black” was too strong a word for Crowley; he never understood the meaning of real black magic, yet hundreds of people came under his “spell”. He was clever. But as Gurdjieff says: “He is stupid who is clever.” (2)

...

Crowley arrived for a whole weekend and spent the time like any other visitor to the Prieure; being shown the grounds and the activities in progress, listening to Gurdjieff’s music and his oracular conversation. Apart from some circumspection, Gurdjieff treated him like any other guest until the evening of his departure. After dinner on Sunday night, Gurdjieff led the way out of the dining room with Crowley, followed by the body of the pupils who had also been at the meal. Crowley made his way toward the door and turned to take his leave of Gurdjieff, who by this time was some way up the stairs to the second floor. “Mister, you go?” Gurdjieff inquired. Crowley assented. “You have been guest?”—a fact which the visitor could hardly deny. “Now you go, you are no longer guest?” Crowley—no doubt wondering whether his host had lost his grip on reality and was wandering in a semantic wilderness – humored his mood by indicating that he was on his way back to Paris. But Gurdjieff, having made the point that he was not violating the canons of hospitality, changed on the instant into the embodiment of righteous anger. “You filthy,” he stormed, “you dirty inside! Never again you set foot in my house!” From his vantage point on the stairs, he worked himself into a rage which quite transfixed his watching pupils. Crowley was stigmatized as the sewer of creation was taken apart and trodden into the mire. Finally, he was banished in the style of East Lynne by a Gurdjieff in fine histrionic form. White faced and shaking, the Great Beast crept back to Paris with his tail between his legs. 



♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ |



-----

 ALTRE INFO SU CROWLE


Fonte   http://www.centrosangiorgio.com/occultismo/articoli/chi_era_crowley.htm




titolo chi era aleister crowley?
di Uncommon Sens Ministries 1
aleister crowley
l Un mago o uno squilibrato?
Come lo definireste un uomo che mostra segni evidenti di comportamento psicotico, che defeca sui tappeti degli alberghi perché pensa che le sue feci siano sacre, che scrive poesie in cui declama le molestie sessuali ai propri figli, che si identifica con l'Anticristo e che muore come un tossicomane squattrinato in un pensionato di infimo rango? Se siete thélemiti, lo considerate un dio e naturalmente conoscete ogni singola lettera dei suoi scritti! Il nostro nacque Edward Alexander Crowley nel 1875. Egli venne al mondo in una famiglia ricca, un erede della Birra Crowley. La sua famiglia apparteneva ad una chiesa rigorista detta Plymouth Brethren. Crowley era molto legato a suo padre, che era un ministro di questa sètta. All'età di dieci anni, il mondo del giovane Aleister andò in frantumi, quando il padre morì. Sembra che l'omosessualità più tardiva di Crowley - seguendo l'idea classica freudiana - sia stata causata dal bisogno di una figura paterna. Alcune giovane aleister crowleypersone credono che Crowley abbia abbandonato il cristianesimo per dedicarsi all'occulto e alla magia nera a causa della sua infanzia repressa, ma per ammissione dello stesso Crowley, egli era un «ragazzino piuttosto vizioso», e apparentemente la sua vita non era affatto «repressa» come molti hanno voluto credere. C'è stato un incidente che ha segnato la vita del giovane Crowley che di solito viene trascurato dalla maggior parte degli autori, ma non da chi ha indagato seriamente sulla sua vita. Credo che questo incidente abbia spinto il povero Crowley sulla via della rovina. Quando aveva quattordici anni, egli rimase traumatizzato dopo una disavventura con un fuoco d'artificio casalingo avvenuta la notte di Guy Fawkes del 1891 2. La «candela romana» fatta in casa consisteva in un grande vaso di vetro contenente circa due libbre (mezzo chilogrammo) di polvere da sparo. L'esplosione mandò in frantumi le finestre del vicinato, lasciando Crowley con frammenti di ghiaia conficcati nel volto e mentalmente scosso. Egli rimase in coma per quattro giorni 3, e dovette portare una benda per due settimane per timore che rimanesse cieco a contatto diretto con la luce. Dopo che uscì dal coma - sempre se ciò corrisponde al vero - Crowley ebbe un forte cambiamento nella personalità e nel comportamento. Alcuni dei suoi seguaci credono che questo incidente abbia probabilmente sviluppato in lui ciò che Colin Wilson definisce la «capacità X», che conferì a Crowley i «poteri mistici». In realtà, è verosimile che questo incidente abbia lievemente danneggiato il suo cervello. Le persone che ricevono ferite alla testa che comportano danni cerebrali mostrano spesso cambiamenti di personalità e di comportamento psicotico, e nessun psicologo o psichiatra, anche di grande esperienza, potrà spiegarne la causa. Il comportamento psicotico può includere estrema impulsività, aggressività e una totale noncuranza per la legge e per i diritti degli altri. Nel mondo dello psicotico, nessuno è importante tranne sé stesso. Crowley mostrò questo tipo di comportamento dopo l'infortunio. Fu la notte di Guy Fawkes che Edward Alexander Crowley morì e che nacque Aleister Crowley. Egli manifestò deviazioni sessuali di cui scrisse estensivamente. Crowley era bisessuale e pedofilo. Infatti, tutti i suoi scritti sono contrassegnati da una profonda ossessione per il sesso. Egli fu talmente assillato da questo aspetto del comportamento umano che potrebbe essere definito come un pansessuale, ossia una persona che vede il sesso dappertutto. Egli frequentò molte prostitute dalle quali contrasse diverse malattie veneree. Sembrava essere disposto a provare sessualmente qualsiasi cosa. Crowley sviluppò l'interesse per l'occulto in età giovanile. Egli  cominciò a leggere libri sull'occultismo come The Kabbalah Unveiled («La Cabala svelata»), un'opera tradotta da Samuel Liddell MacGregor Mathers (1854-1918), e The Book of Black Magic («Il Libro della Magia Nera»), di Arthur Edward Waite (1860-1942), e dichiarò di aver stipulato un patto col diavolo all'età di quattordici anni. Crowley frequentò l'Università di Cambridge dopo aver terminato la scuola pubblica, ma abbandonò gli studi prima di laurearsi. Egli si immaginava un pittore, un poeta e soprattutto un magickian («mago»).
colin wilson the kabbalah unveiled - samuel liddell macgregor mathers the book of black magic - arthur edward waite
Colin Wilson The Kabbalah Unveiled The Book of Black Magic
C'è veramente poco di quello che è uscito dal sacco di Crowley che potrebbe essere considerato arte o poesia nel senso tradizionale... o magico. Una buona porzione della sua poesia può essere catalogata come una raccolta di filastrocche oscene. La sua «arte» era unidimensionale e spesso pornografica. La sua magia potrebbe essere definita «magica» solo nelle menti dei più disperati. All'età di ventun'anni, Crowley aprì un Temple of SatanTempio di Satana») in un studio-edward alexander crowleyappartamento in Fulham Road, a Londra 4. Egli continuò a studiare l'occulto, sperperò la fortuna di famiglia in droghe e prostitute avviandosi a divenire «l'uomo più perverso del mondo». Nel 1909, Crowley creò una religione occulta che, secondo le sue speranze, avrebbe dovuto sostituire il cristianesimo (cosa che non avvenne) che chiamò Thélema, una parola greca che significa «Volontà». Un esempio dell'odio assoluto di Crowley per i cristiani e per il cristianesimo può essere reperito in questo commento: «Con la croce di Gesù calpesto il pavimento [...], i colli dei cristiani il nostro sgabello, il Paradiso stesso il Nostro trono» 5. Lo sviluppo della volontà è accentuato negli scritti di Crowley, anche se esaminando la sua vita non si ha certo l'impressione di trovarsi di fronte ad una persona dotata di grande forza di volontà, ma al contrario ad un individuo che ha dissipato la sua fortuna e che è diventato un alcolizzato e un tossicodipendente. Sembra che Crowley abbia scopiazzato l'idea di Thélema dal romanzo del monaco cattolico apostata François Rabelais (1495-1553) intitolato Gargantua e Pantagruel, scritto all'incirca nel 1542. Questo libro attacca l'educazione ecclesiastica, l'ascetismo medievale e gli ordini monastici, ed esalta il piacere mondano. Come altri poemi osceni, Gargantua e Pantagruel contiene una descrizione della vita in un convento immaginario, l'«Abbazia di Thélema», le cui regole sono evidentemente assai diverse di quelle osservate in un convento medievale. «Tutta la loro vita non era regolata da leggi, statuti o norme, ma secondo la loro spontanea volontà e piacere. Essi si alzavano dal letto quando volevano, e bevevano, mangiavano, lavoravano e dormivano quando ne avevano voglia. Nessuno li svegliava; nessuno li costringeva a mangiare o a bere, o a fare qualsiasi qualsiasi altra cosa. Era Gargantua che aveva stabilito tutto questo. Nelle loro regole c'era solamente una clausola: "Fà ciò che ti piace"»! 6. Si tratta di un brano estremamente imbarazzante per quei thélemiti che credono a Crowley quando afferma di aver ricevuto una rivelazione da parte del demone Aiwazz che gli ordinava di creare una aleister crowley a thélema a cefalùnuova religione chiamata «Thélema», il cui motto sarebbe stato - guarda caso - il Do what thou wilt («Fà ciò che ti piace») di Gargantua e Pantagruel. Questo romanzo sembra avere fortemente impressionato Crowley. Questi tentò di creare la sua «Abbazia di Thélema» in Sicilia, nel 1920 (vedi foto a lato), un fatto su cui torneremo più tardi. Gli appetiti sessuali del magus sono stati ben documentati da lui stesso. Nel suo romanzo semi-autobiografico Moonchild, Crowley rivela di aver dovuto spesso pagare per fare sesso, e allo stesso tempo confessa di non essere mai stato quel grande mago dipinto dai suoi seguaci (ad esempio, i suoi incantesimi d'amore non funzionavano...). Crowley era bisessuale, ma è probabile che la definizione che meglio gli si addice sia quella di trisessuale..., visto che avrebbe provato qualsiasi cosa con chiunque. Crowley ebbe molte relazioni, sia con uomini che con donne, e dopo aver sciupato la sua eredità, sbarcò il lunario facendosi mantenere dai proprî amanti. In altre parole, egli era un gigolò. Nel commentare la sua vita corrotta, Crowley scrive: «Per me, ogni atto sconcio era semplicemente un sacramento di peccato, un appassionante protesta religiosa contro il cristianesimo, che per me era il simbolo di ogni abiezione, meschinità, slealtà, falsità e oppressione» 7. Se alla gente fosse detto in maniera chiara che per diventare un mago potente bisogna drogarsi, fare il gigolò e lo scroccone, senza dubbio molte persone non opterebbero per questa carriera. Crowley sviluppò anche una passione per la montagna mentre era a Cambridge, e tentò alcune volte di scalare il Monte Everest, ma senza mai riuscire a raggiungerne la vetta. Egli paragonò la ricerca nell'occulto alla scalata di una montagna. Per compiere un'impresa simile, una persona deve lavorare sodo e non fermarsi mai. Se l'occultista fallisse nel suo intento, farebbe precipitare la «montagna» nell'«Abisso». Si sa che Crowley abusava dei suoi portatori, e in un'occasione fornì motivazioni razziste ad un giornale britannico che lo intervistò a riguardo di questo suo atteggiamento. Durante una spedizione nel 1905, Crowley venne deposto dal ruolo di leader del gruppo a causa di tale comportamento. Nel corso di quella scalata, una valanga uccise numerose persone. Crowley sentì gridare aiuto, ma non si degnò nemmeno di guardare fuori dalla sua tenda. Si tratta certamente di un atteggiamento difficile da scusare, anche da parte dei suoi seguaci.
françois rabelais gargantua e pantagruel - françois rabelais moonchild - aleister crowley
François Rabelais Gargantua e Pantagruel Moonchild
Ma questo incidente è lungi dall'essere atipico di Crowley. Egli fu descritto, da un amico-nemico, come un egotista, un egocentrico e un arrogante, che prendeva molto e rendeva in cambio ben poco. Non gli interessava affatto delle altre persone, eccetto quello che avrebbe potuto ottenere da loro e al bisogno diveniva estremamente crudele anche verso i suoi discepoli e i suoi amici. La vita di Crowley riflette perfettamente la sua filosofia di vita: «Fà ciò che vuoi». Tale motto è la massima di un sociopatico, se non di un criminale, e non può di certo migliorare le persone. Influenzato da Friedrich Nietzsche (1844-1900), egli credeva di essere «al di là del bene e del male», e pensava che la moralità convenzionale non fosse cosa che lo riguardasse. Quando si ripercorre il comportamento di Crowley peraleister crowley il magus tutta la sua vita, è difficile vedere i benefici che si ricevono praticando la religione di Thélema. Il sistema occultista di Crowley - già realizzato prima di lui dalla Golden Dawn e dalla Società Teosofica - era un tentativo di fondere tutte le forme esoteriche in un unico sistema. Thélema era una specie piatto misto dell'occulto. Il sistema di Crowley includeva la magia cerimoniale europea (dai grimori come The Greater Key of Solomon, il Lemegeton, The Sacred magic of Abramelin the Mage, ecc...), lo gnosticismo, la mitologia egizia, la meditazione buddista, il taoismo, lo yoga, il sesso tantrico e le droghe. C'era anche una forte e innegabile influenza esercitata dal satanismo. Una volta Crowley disse nei suoi scritti che rifiutava l'idea del diavolo perché «tale essere avrebbe dovuto essere un dio», ma questo non significa che egli non credesse in Satana; semplicemente, egli aveva rifiutato il concetto cristiano di «diavolo». Crowley disse di Satana, il diavolo: «Non mi andava l'idea di credere in un diavolo personale e di servirlo, nel senso comune attribuito a questa parola. Volevo mettimi personalmente in contatto con lui e divenire il suo capo del personale» 8. A Crowley piacevano veramente i demoni e li evocò in molte occasioni. Una tecnica che utilizzava a questo scopo era quella di sodomizzare un collega mago, uomo o donna, e al termine mangiarne lo sperma o le feci. Crowley credeva che la sodomia attirasse i demoni, e che ingurgitando queste cose abbiette (una specie di finta comunione) avrebbe fatto entrare i demoni dentro di sé e acquisito i loro poteri e la loro conoscenza (spero che queste descrizioni non vi facciano vomitare...). I risultati effettivi di questi esperimenti di Crowley ci sono ignoti, e siamo convinti che solo un idiota tenterebbe di sperimentare queste tecniche. Crowley non divenne mai il «capo del personale» del diavolo, ma in compenso - secondo i suoi seguaci - venne posseduto da un demone in almeno un'occasione. Durante un rituale nel deserto, officiato in compagnia di due suoi discepoli, egli tentò di evocare il demone Choronzon. Si narra che Crowley tracciò sulla sabbia un piccolo cerchio contenente tutti i nomi di quel Dio che egli disprezzava per proteggerlo. Ma, secondo il racconto, con un semplice calcio il demone gettò della sabbia sul cerchio, e puntò dritto su Crowley, che rimase indemoniato. Si dice che dopo questo incidente, Crowley sembrasse essere invecchiato di vent'anni. Molti dei suoi seguaci credono che Crowley venne posseduto da questo demone per il resto della sua vita! Si tratta di elementi che meritano considerazione quando si decide di seguire gli insegnamenti di quest'uomo. Il suo odio per il cristianesimo lo portò ad abbracciare lo gnosticismo. Certamente Crowley sembrava essere uno gnostico nel suo modo di pensare, rifiutando Cristo e proclamandosi l'Anticristo. Egli si affiliò alla Chiesa Gnostica Universale e rapidamente divenne un «Arcivescovo».
the greater key of solomon lemegeton the sacred magic of abramelin the mage
The Greater Key... Lemegeton The Sacred magic of...
Senza dubbio, Crowley - come del resto Madame Blavatsky (1831-1891) e Anton Szandor LaVey (1930-1997) - considerava Satana il «lato oscuro della natura». E siccome il diavolo è il padre di ogni depravazione sessuale, dell'ubriachezza, della violenza e della magia, Crowley vedeva solamente del buono nell'idea di Satana. Gli apologisti di Crowley ritengono che egli fosse soltanto un «satanista letterario», come John Milton (1608-1674) o Idres Shaw. Alcuni ritengono che il suo fascino per Satana sia stato originato dalla sua ribellione adolescenziale, e questo può essere parzialmente vero. Essi sostengono che i suoi riferimenti a Satana siano ironici, e che quindi non possono essere presi sul serio. Tuttavia, quando leggiamo le opere di Crowley e analizziamo la sua vita, diviene dolorosamente ovvio che il suo interesse per il satanismo fu ben più di una voglia passeggera. Egli scrisse un'«Invocazione a Satana» nel Liber Samekh, e amava farsi chiamare «La Grande Bestia 666», il che rende difficile affermare che non venne coinvolto o influenzato dal satanismo. Egli mantenne questa identità fino alla morte avvenuta all'età di settantacinque anni, ben oltre quindi l'età in cui ci ribella ad un'educazione severa. Durante la Prima Guerra Mondiale, Crowley si recò in America e scrisse materiale propagandistico in favore della Germania. Più tardi, egli disse di averlo fatto per sminuire i tedeschi, a causa della scarsa qualità della propaganda da lui prodotta 9. Crowley disse molte cose di sé, come la sua pretesa di essere un proprietario terriero scozzese, anche se nelle sue vene non scorreva nemmeno una goccia di sangue scozzese. Egli affittò una casa (la Boleskine House) che si affacciava sul Lago di Loch Ness, senza dubbio a causa degli avvistamenti del mostro che venivano segnalati da secoli. Più tardi, dopo un viaggio in Egitto, egli affermò di essere un principe egizio e si scelse il nome di «Principe Chioa Khan», e rispediva al mittente tutta la posta che non fosse indirizzata a lui con questo ridicolo titolo. Nel 1910, Crowley si autoproclamò «cavaliere» e si rase la testa. Egli sosteneva di essere un medico con un dottorato conseguito all'Università di Londra, cosa che giunse nuova all'Università quando i suoi seguaci fecero delle indagini nel 1980. In quella facoltà, Crowley non aveva frequentato un solo corso! Una volta aprì un «ristorante magico» in cui era possibile ingurgitare pillole tra cui ingredienti figurava il suo sperma (puah!). Nel tentativo di imitare i poteri di Cristo, egli tentò di rianimare uno scheletro recitando incantesimi e spargendo ogni giorno su di esso «a piacere il sangue di piccoli uccelli», ma la cosa fallì perché non possedeva alcun potere (perché, dunque, comprare o leggere i suoi libri?) 10. Questo esperimento «magico» ebbe come unico risultato una vista orribile e un fetore inimmaginabile. Se tu avessi un parente come Crowley, lo avresti fatto rinchiudere in un manicomio! Crowley non venne mai internato in un ospedale psichiatrico solamente a causa della sua ricchezza e della posizione sociale. Nel 1903, il Nostro sposò Rose Kelly (1874-1932). Crowley la chiamò «La Prostituta di Babilonia», un appellativo che ben si appaiava con il suo titolo di Anticristo. La povera donna era mentalmente instabile (che altro genere di donna avrebbe sposato Crowley?), e alla fine divenne completamente pazza passando il resto della sua vita in un ospedale psichiatrico. Si dice che questa fu una costante in tutta la carriera magica di Crowley. Seguaci, servitori e amanti di entrambi i sessi divennero folli, forse perché erano già mentalmente instabili o forse perché furono indotti intenzionalmente in quello stato da Crowley, o forse per ambedue i fattori. Si dice che molti dei suoi discepoli si suicidarono dopo che Crowley non ebbe più bisogno di loro. La maggior parte delle persone si aspetterebbero che una figura religiosa faccia del bene alle persone. Ma cosa pensare di una guida spirituale che conduce le persone alla follia o al suicidio?
anton szandor lavey john milton rose kelly
Anton Szandor LaVey John Milton Rose Kelly
l Non chiedete a Crowley di fare il babysitter per voi
Crowley venne coinvolto anche nella pedofilia, e amava spesso paragonarsi allo stupratore di bambini e assassino Giles de Rais (1404-1440), detto Barbablù. Durante la sua permanenza in Italia - come ha ben documentato Colin Wilson - il suo partner sessuale fu un bambino di colore 11. Quanti bambini Crowley abbia messo al mondo non si sa con precisione, ma è certo che ne ha avuti parecchi fuori dal matrimonio. Egli ebbe due figli legittimi da Rose. Un giorno scrisse un oroscopo per sua figlia di quattro anni predicendo che sarebbe «cresciuta fino a diventare una piccola prostituta». Certamente è una cosa terribile per ogni uomola famiglia di aleister crowley desiderare questo per una figlia, e questa è un'altra asserzione difficilmente difendibile da parte dei suoi attuali sostenitori. Nonostante ci sia chi nega che Crowley sia stato un pedofilo, è piuttosto chiaro invece che lo fu. È un fatto che Crowley abbia addirittura molestato sessualmente i suoi figli registrandolo nel suo diario (pur scrivendo in terza persona). «(Rose Kelly) ha dato suo figlio bastardo di due anni al suo amante capriccioso di sodomia [...]. Essa aveva leccato la sua bambina di cinque mesi, e aveva chiesto a suo padre di deflorarla» 12. Si tratta di un racconto veramente abominevole. Esso riassume in pieno tutto ciò che la maggior parte delle persone teme a proposito dell'occulto. Le storie di bambini che sono stati sessualmente molestati da occultisti non sono del tutto prive di fondamento, così almeno sembrerebbe. Talvolta gli psicotici molestano i loro figli, il che avvalorerebbe la teoria secondo cui Crowley fosse uno psicopatico. Con l'edonistico credo «Fà ciò che vuoi», i suoi dèi e dee pagani, i suoi rituali che comprendevano l'adorazione fallica, la sua magia sessuale, la sua abitudine ad attingere da altre culture, i suoi riferimenti sub-testuali al satanismo... Thélema sembra essere in qualche modo una proto-Wicca. Poiché Crowley praticava una religione secondo cui una persona poteva fare fondamentalmente qualsiasi cosa, egli decise che avrebbe praticato la magia e fatto uso di droghe. Crowley era ossessionato dallo sviluppo della volontà. Infatti, il nome della sua religione occulta, Thélema, in greco significa appunto «volontà». Crowley credeva che una persona potesse assumere qualsiasi sostanza stupefacente come l'eroina e l'hashish senza divenirne assuefatta grazie alla forza di volontà sviluppata attraverso la sua magia thélemica. Un altro esperimento per sviluppare la volontà consisteva nel tagliarsi con un rasoio l'avambraccio ogni volta che avesse pensato, detto o fatto qualcosa per evitare una data cosa come parte di un esercizio (ad esempio, non dicendo mai la parola «the») 13. Alcuni occultisti sono finiti all'ospedale imitando il magus. Altri sono finiti all'obitorio. Questa idea dell'«adorazione della volontà» è riflessa nella sua Magnum Opus, il Liber Al Vel Legis, che in latino significa «Il Libro della Legge», un'opera che egli scrisse nel 1903. Esso gli sarebbe apparentemente stato dettato da un demone di nome Aiwazz. Il libro è diviso in tre parti, e ha a che fare con un sacco di divinità egizie come Horus e Iside. Il libro fornisce, in un linguaggio assai velato, le istruzioni per praticare la magia sessuale e altri segreti. Esso contiene anche numerose invettive anticristiane. Ecco alcuni estratti del libro.
- 2, 23: «Io sono solo: non vi é Dio là dove io sono». Su questo non c'è alcun dubbio! Molti gruppi satanici, come il Temple of Set, credono che l'entità che ha comunicato con Crowley nel Liber al vel Legis sia Satana stesso. Il fatto che la parola «Dio» sia stata scritta in maiuscolo indica che Crowley sta parlando del Dio cristiano.
- 3, 12: «Sacrificate bestiame, piccolo e grande: dopo un fanciullo». Questo versetto venne più tardi interpretato come concernente la figlia di Crowley, che morì all'età di quattro anni. Crowley venne devastato da questa perdita, e sembra essere stato uno dei pochi momenti della sua vita in cui ha provato compassione per un altro essere umano. Crowley volle che sua figlia fosse adorata dai suoi seguaci come una dea, e le offriva sacrifici di animali bovini. Alcune persone sostengono che le mutilazioni di bovini così frequenti negli anni '70 e '80 possano essere state inspirate da questo versetto.
- 2, 22: «Io sono il Serpente che dona la Conoscenza e il Piacere e gloria fulgida, ed eccita i cuori umani con l'ebbrezza. Per adorarmi prendete vino e strane droghe di cui narrerò al mio profeta e inebriatevene! Non vi faranno alcun male. Questa della follia contro sé stessi é una menzogna. L'esibizione dell'innocenza é diary of a drug fiend - aleister crowleyuna menzogna. Sii forte, o uomo! Desidera, godi ogni cosa dei sensi e dell'estasi: non temere che alcun Dio possa punirti per questo». Droghe e sesso erano gli ingredienti-chiave di Thélema. Nel 1922, Crowley scrisse un racconto romanzato di questo processo nell'opera narrativa Diary of a Drug Fiend («Diario di un fanatico della droga»). Nel romanzo, un giovane e una ragazza si innamorano e se ne vanno per tutta l'Europa eccedendo nel consumo di ogni tipo di droga. Il divertimento termina quando l'approvvigionamento di cocaina e di eroina della coppia finisce e il disagio sostituisce il sollazzo. Attraverso la magia di «Re Lamus», un mago che incontrano, essi si liberano dalla dipendenza attraverso la magia thélemica di Crowley, e vivono felici e contenti. Il problema è che la magia non funziona nella vita reale, come non ha funzionato con Aleister Crowley. Col passare degli anni, il mago divenne assuefatto a sostanze come l'alcol, l'eroina, la morfina e la cocaina. Egli tentò di liberarsi da queste dipendenze attraverso l'astinenza, ma solo per diventare sempre più dipendente. Crowley sviluppò un'assuefazione seria alle droghe entro il 1930 e assumeva una dose giornaliera di eroina che risulterebbe letale per molte persone. Spesso i tossicodipendenti riescono ad assumere quantità di droghe a livelli che sarebbero mortali per i non tossicodipendenti. Crowley morì come ogni drogato, senza mai raggiungere quell'immaginario dominio sulle sostanze stupefacenti. Ho conosciuto personalmente una ragazza coinvolta nella Wicca e seguace di Crowley. Essa è morta tossicodipendente, esattamente come Crowley. Entrava e usciva senza sosta da una comunità di riabilitazione per tossicodipendenti. Se n'è andata lasciando un marito e due figli. Aveva ventisei anni. Non è possibile stabilire quante persone siano morte per overdose negli ultimi cinquant'anni tentando di realizzare la mèta irraggiungibile della padronanza thélemica sulla volontà. Morire da tossicodipendente non è certo un tipo di potere magico! Le droghe possono provocare allucinazioni, e senza dubbio molti occultisti credono realmente che le loro allucinazioni siano spiriti, déi o demoni. In realtà, sono solamente allucinazioni.
- 3: 23-24: «Come profumo mischia farina e miele e densi depositi di vino rosso: poi olio di Abramelin e olio di oliva, quindi addolciscilo e raffinalo con ricco sangue fresco. Il miglior sangue é quello della luna, mensilmente: poi il sangue fresco di un bambino, o quello gocciolato dall'ostia del paradiso: indi quello dei nemici; poi quello dei preti o degli adoratori: e infine quello di una bestia, non importa quale». I sacrifici animali occupano una posizione preminente nella magia thélemica di Crowley. Questo versetto afferma che può essere usato il sangue di qualsiasi animale... Ciò includerebbe presumibilmente anche quello di un cane o di gatto. Notate anche il versetto in cui si fà menzione del «sangue fresco di un bambino» o di quello dei «nemici». Chi sono i nemici di Thélema? I cristiani! Sia ben chiaro! Non sto dicendo che tutti i thélemiti sacrifichino i cristiani, ma non è impossibile che qualche seguace fuorviato un giorno o l'altro non lo faccia davvero. Lamastering witchcraft - paul huson Family di Charles Manson aveva contatti con una Loggia dell'Ordo Templi Orientis, e i due avevano molte credenze in comune incluso il razzismo, l'uso di droghe e la tortura. Come abbiamo già detto, Crowley si interessò ad antichi grimori (libri di incantesimi) come il Grimorium Verum e The Sacred magic of Abramelin the Mage. Infatti, più tardi egli riscrisse il Grimorium Verum e lo intitolò The Lesser Key of Solomon 14, che col tempo divenne un libro occulto assai popolare. Tra l'altro, l'autore wiccan Paul Huson usa le iscrizioni del Lemegeton nella sua opera Mastering Witchcraft («Dominare la stregoneria»). Crowley credeva che contattando i demoni attraverso questi libri e lasciandosi possedere da loro si potesse acquisire la conoscenza e il potere. Ciò può sembrare un'idea folle, ma si deve ricordare che per un occultista il bene e il male non esistono, e che secondo la magia nera i demoni sono esseri spirituali da cui l'umanità può trarre profitto. Infatti, ho sentito esoteristi riferirsi ai demoni come ad «angeli con un'attitudine». Nel corso degli anni, Crowley aderì a molti gruppi occulti e Logge. Durante un viaggio in Messico, venne insignito del 33º Grado della Massoneria. Egli entrò a far parte anche dell'Ordo Templi Orentis (che in latino significa «Ordine del Tempio d'Oriente»; O\T\O\). Questa sètta venne fondato in Germania, ed era dedita a rituali di magia sessuale. L'O\T\O\ affermava di possedere tutti i segreti dei Rosacroce, della Massoneria, dei Templari e dell'Alchimia. Crowley scalò rapidamente la gerarchia dell'Ordine fino ad averne il totale controllo. Quando divenne il capo dell'O\T\O\, aggiunse un 11º Grado dedicato alla magia omosessuale. Questo assicurò a Crowley il dominio sui membri del gruppo, i quali avrebbero dovuto avere rapporti sessuali con Crowley per raggiungere un Grado più elevato. Il nome di Crowley in questo ordine fu To Mega Therion (in greco «La Grande Bestia»), un chiaro riferimento alla Bestia del Libro dell'Apocalisse della Bibbia. In tutta vita sua, Crowley si riferì a sé stesso come «La Grande Bestia 666». Fu tra le fila di questo gruppo che incontrò Gerald Gardner (1884-1964), il futuro fondatore della Wicca o neostregoneria. Come abbiamo già ricordato, Crowley divenne arcivescovo della Chiesa Gnostica Universale, un gruppo che ben presto il mago inglese «thélemizzò» cancellando la più piccola traccia di cristianesimo che conteneva. Ai nostri giorni, la Chiesa Gnostica Universale è poco più di una propaggine dell'Ordo Templi Orentis. Crowley entrò a far parte anche della Golden Dawn e la portò alla rovina. Più tardi, egli creò la sua versione della Golden Dawn che chiamò Argenteum Astrum (in latino «Stella d'Argento; A\A\). Egli aiutò anche Harvey Spencer Lewis (1883-1939) nella fondazione in America dell'A.M.O.R.C. (Ancient Mystical Order Rosæ Crucis), iniziandolo durante un rituale a porta chiuse che durò tre giorni, e che probabilmente comportò anche magia omosessuale.
gerald gardner harvey spencer lewis charles manson
Gerald Gardner Harvey Spencer Lewis Charles Manson
l Non chiedete a Crowley di prendersi cura della vostra capra mentre siete via
Dopo che Rose Kelly divenne pazza, Crowley si consolò con Leah Hirsig (1883-1975), che incontrò a New York. Negli anni '20, Crowley riuscì finalmente a coronare il sogno di tutta una vita, vale a dire creare una vera «Abbazia di Thélema» in Sicilia. Chiaramente, la vita nell'Abbazia non fu l'utopia che Crowley aveva creduto di aleister crowleypoter realizzare. Egli tentò di avere una relazione poligama con due donne, ma Leah e l'altra ragazza iniziarono rapidamente a provare una reciproca antipatia seguita da continui litigi. Anche Crowley non aveva mezzi per sostenersi, e in certi periodi i tre sarebbero quasi morti di fame se non fosse stato per la compassione dei contadini locali. Per tre anni, Crowley e un assortimento patetico di seguaci che andavano e venivano (lasciando in quel posto il loro denaro e parte della loro salute mentale) ridussero l'Abbazia in un luogo che i visitatori descrissero come una stalla maleodorante. Uno dei più disgustosi atti «magici» compiuti da Crowley ebbe luogo la sera in cui Leah defecò su un piatto che Crowley, un uomo il cui spirito blasfemo non conosceva limiti, consacrò come un'«Eucaristia». In seguito, essa ordinò al mago di mangiare i suoi escrementi. Sotto lo sguardo fisso e austero della Hirsig, Crowley pulì il piatto di feci. Più tardi, egli scrisse di questa esperienza «magica»: «La mia bocca bruciava; la mia gola era chiusa; ebbi conati di vomito, il mio sangue fuggì chissà dove e la mia pelle sudò. Essa stette in piedi sopra di me, orribile e sprezzante» 15. Crowley decorò i muri con crudi affreschi che ritraevano persone in ogni posizione sessuale e demoni. Molti testimoni descrissero il sacrificio di animali nel corso di riti magici. Uno di essi consistette nell'accoppiamento tra una delle Donne Scarlatte e un caprone, al quale Crowley tagliò la gola nel momento dell'orgasmo. Il sangue fu poi raccolto e bevuto dai seguaci 16. Nel corso di un altro rituale, Crowley battezzò una rana «Gesù Cristo» e poi la crocifisse come parte della sua «Messa Gnostica» 17. Un altro sacrificio officiato da un discepolo di nome Raoul Loveday, che prevedeva l'uccisione di un gatto, ebbe un tragico epilogo: «Il gatto venne posto sull'altare; l'incenso venne bruciato; seguirono circa due ore di evocazioni magiche. Al termine, Loveday tagliò la gola del gatto con un coltello; ma l'incisione fu troppo superficiale, e il gatto si mise a correre per la stanza miagolando. Venne preso e narcotizzato, e a Loveday venne fatta ingoiare una tazza di sangue dell'animale» 18. Dopo avere bevuto il sangue di quel povero gatto, Loveday contrasse il cimurro e morì alcuni giorni dopo.
leah hirsig raoul loveday
Leah Hirsig Raoul Loveday
Questo incidente e alcune storie di sacrifici infantili e animali pubblicate dai giornali locali convinsero l'Italia Mussolini a cacciare Crowley e i suoi adepti. Tutta la carriera di Crowley fu accompagnata da diverse storie di sacrifici infantili, ma non venne mai prodotta una sola prova. Tuttavia, gli stessi scritti di Crowley, almeno ad un primo sguardo, sembrerebbero confermare questa pratica: «Di conseguenza, per l'elevata operazione spirituale si deve scegliere quella vittima che contiene la forza più grande e pura. Un bambino maschio dall'innocenza e dall'intelligenza perfetta è la vittima più soddisfacente e appropriata» 19. Ma sembra che quando Crowley parla di sacrificio di bambini, si stia riferendo scherzosamente alla masturbazione rituale. Ciò nonostante, mentre Crowley viveva a Londra, una delle sue domestiche andò alla polizia lamentandosi del fatto che Crowley uccideva bambini e ne gettava i resti cremati nel Tamigi. Apparentemente, la polizia non credette alla donna. Nonostante le proteste degli occultisti in occasione delle accuse di rituali di sangue e di sacrifici di animali, queste cose fanno veramente parte dell'occulto, al di là del fatto che essi lo ammettano o meno. Non tutti gli occultisti compiono tali pratiche, ma molti lo fanno. Esse non sono parte integrante di ogni branca dell'occultismo, ma lo sono per molti. Nella santeria, nel vudù e nella brujaria si compiono sacrifici di animali. Grimori come The Greater Key of Solomon e il Grimorium Verum contengono le istruzioni per il sacrificio di animali. A cominciare dai wiccan, che non sono tutti occultisti, e sono eterogenei, non è impossibile credere che alcuni neopagani sacrifichino degli animali. Ultimamente, c'è molto interesse per la santeria. La strega Lady Sebrina ha incluso nei suoi libri incantesimi per evocare gli dèi della santeria, e ci si deve chiedere se anch'essa compia dei sacrifici come fanno i santeros. è estremamente raro che i wiccan prendano parte a sacrifici di sangue. Ma visto l'aumento di interesse per certe religioni occulte o bizzarre come la macumba, la zarabanda, il vudù, ecc..., c'è da aspettarsi un incremento di sacrifici animali. Certamente molti aderenti alla Wicca leggono avidamente i libri di Crowley, e non è da escludere che alcuni di questi wiccan crowleyani pratichino sacrifici di animali. Dire che Crowley non sia stato per nulla un satanista non è esatto. Da tutto ciò che finora abbiamo letto, sembrerebbe che egli lo fosse. Ecco altri passi estratti dalla «bibbia» di Crowley, il Liber al vel Legis:
- 3:49-53: «Io sono, in una segreta parola quadruplice, la blasfemità contro tutti gli dèi degli uomini. Maledetti! Maledetti! Maledetti! Con la mia testa di Falcohorus becco gli occhi di Gesù inchiodato alla croce. Sbatto le ali sulla faccia di Maometto e lo acceco. Con i miei rostri strappo la carne dell'indiano e del buddista, del mongolo e del din. Bahlasti! Ompedha! Sputo sulle vostre fedi intemperanti. Sia Maria vergine lacerata alla ruota: e in sua memoria siano tutte le donne caste cacciate da te»!
Questi versetti mostrano chiaramente intolleranza non solo verso il cristianesimo, ma per tutte le religioni. Poiché ogni credo comporta dei comandamenti che concernono la condotta morale, Crowley li disprezzava tutti, tranne per poi plagiarli per la sua religione. Sarebbe difficile descrivere gli ultimi passi come qualcosa di diverso dalla bestemmia. Quindi, sarebbe meglio se gli occultisti, prima puntare il dito sui cristiani e guardarli in cagnesco a causa di ciò che percepiscono come «intolleranza», leggessero con maggiore attenzione i libri che tengono nei loro scaffali! Il succitato versetto non suona molto diverso da ciò che certi satanisti adolescenti postano nei vari newsgroup on-line. Quindi, dovremmo chiedere alle persone che seguono Crowley: com'è possibile che questi fosse un essere «illuminato»? è forse perché odiava tutte le altre religioni tranne la sua? O forse perché beveva il sangue di capra, mangiava le feci e crocifiggeva rospi? Forse uno di questi giorni il capo dell'Ordo Templi Orientis mi scriverà per rispondermi (visto che conosco già la risposta, è meglio che risparmi il francobollo...). Nel Liber al vel Legis ci sono molti altri riferimenti all'adorazione del Serpente, che potrebbe essere un'allusione alla magia sessuale, ma potrebbero essere anche un richiamo al Serpente Ofita dello gnosticismo. Ecco alcuni di questi versetti:
- 2, 22: «Io sono il Serpente che dona la Conoscenza e il Piacere e gloria fulgida...». Questa è senza alcun dubbio una referenza al Serpente Ofita (Lucifero). Non dobbiamo dimenticare il coinvolgimento di Crowley nella Chiesa Gnostica Universale. Le sètte gnostiche, antiche e moderne, potrebbero essere considerate come forme di adorazione diabolica. Il versetto finale è curioso:
- 3, 74: «Vi é uno splendore nel mio nome nascosto e glorioso, perché il Sole di mezzanotte é sempre il figlio». Nel XVII e XVIII secolo (e forse anche più tardi, nel XIX), a Londra prosperò un culto satanico denominato «I Figli di Mezzanotte». Il versetto appena letto potrebbe riferirsi a loro. Talvolta, nella letteratura occulta Lucifero viene definito «il Sole a mezzanotte», o «il Sole invisibile». Quindi, il «nome nascosto e glorioso» del dio del Libro della Legge potrebbe essere davvero Lucifero. Michael Aquino, fondatore della sètta satanica The Temple of Set, sembra pensarlo visto che il Liber al vel Legis di Crowley (più un commentario particolareggiato) è incluso nel Crystal Tablet of Set, la «bibbia» di questa sètta. C'è poi questa «preghiera» composta da Aleister Crowley ed estratta da The Book of Lies («Il Libro delle Bugie», che secondo me dovrebbe essere il titolo di tutti i suoi libri...). Chiaramente, essa contiene una parodia del Padre Nostro cristiano.
The Cry of the Hawk Il grido del Falco
Hoor hath a secret fourfold name: it is
Do What Thou Wilt
Four Words: Naught-One-Many-All.
Thou-Child!
Thy Name is holy.
Thy Kingdom is come.
Thy Will is done.
Here is the Bread.
Here is the Blood.
Bring us through Temptation!
Deliver us from Good and Evil!
That Mine as Thine be the Crown of the Kingdom,
even now.
ABRAHADABRA (AA).
These ten words are four, the Name of the One.
Hoor ha un nome quadruplice e segreto: esso è
Fà ciò che vuoi
Quattro Parole: Niente-Uno-Molto-Tutto.
Tu-Bambino!
Il tuo Nome è santo.
Il tuo Regno è venuto.
La tua Volontà è fatta.
Ecco il Pane.
Ecco il Sangue.
Guidaci attraverso la Tentazione!
Liberaci dal Bene e dal Male!
Poiché mia come tua è la Corona del Regno,
anche ora.
ABRAHADABRA (AA) 20.
Queste dieci parole sono quattro, il Nome dell'Unico.

Come gran parte del materiale prodotto da Crowley, questa poesia è ispirata al satanismo. Poiché quest'ultimo è l'opposto del cristianesimo, parodie di preghiere, cerimonie e riti cristiani sono una delle maggiori caratteristiche del culto demoniaco. Ad esempio, il libro The Satanic Rituals («I Rituali Satanici») di Anton LaVey include il rito della Massa Nera, che non è nient'altro che una parodia della Massa cattolica contenente una presa in giro del Padre Nostro. Talvolta, i satanisti rehtaf ruo - boiled in goat bloodpronunciano al contrario le preghiere cristiane (ad esempio, Our Father - Padre Nostro - diviene Rehtaf Ruo, o il latino Pater Noster diventa Retson Retap, ecc...) Similmente, Crowley riteneva che diventare esperti nel leggere, scrivere, parlare e pensare all'indietro fosse una capacità essenziale per diventare un occultista. Quindi, se da una parte questa preghiera non prova in maniera insindacabile che Crowley fosse un satanista, certamente è molto suggestiva, specialmente se la si somma al satanismo molto più evidente che si riscontra nel Liber al vel Legis. Infatti, tutti gli scritti di Crowley sono come attraversati da una corrente carsica di satanismo e di riferimenti a Satana. Ne consegue che essendo le opere e le credenze di Crowley intrise di cose di questo genere, non ci deve sorprendere il fatto che la Church of Satan di Anton LaVey citi Crowley come una delle sue fonti. Come abbiamo già detto, anche il Temple of Set considera Crowley un profeta, e Michael Aquino come il suo successore. Crowley avrebbe potuto facilmente condurre una vita agiata. Egli nacque in una famiglia ricca, frequentò la scuola pubblica e per un periodo anche il college. Non era affatto il poeta o l'artista che il suo ego smisurato gli fece credere, ma mostrò un certo talento come scrittore, e forse avrebbe potuto diventare famoso se solo fosse stato capace di incanalare le sue potenzialità. Invece egli divenne una specie di sociopatico, apparentemente incurante delle persone che vivevano attorno a lui. Sapeva essere incantevole quando voleva ingraziarsi i suoi discepoli per poterli spennare, ma poi quando aveva ottenuto ciò che voleva li trattava come immondizia. Crowley condusse molti loro alla rovina o al suicidio. Anche i suoi seguaci moderni ammettono che non era una persona gentile. Egli visse una vita scandalosa di cui sembrava andare orgoglioso, e a causa della sua posizione sociale e del denaro se la spassò mentre era giovane. Quando sulla quarantina i soldi cominciarono a scarseggiare, iniziò a spillare denaro ai suoi seguaci e ai suoi studenti. Aveva bisogno di quei quattrini per fare fronte alle enormi spese per l'alcol e le droghe. Se non fosse caduto nell'ossessione per l'occulto, avrebbe condotto una vita agiata e abbastanza normale, anche se era uno psicotico. È un fatto documentato che diversi capitani d'industria sono psicopatici. La convinzione di essere come il «superuomo» di Nietzsche 21, al di sopra della moralità convenzionale e di fare tutto ciò che gli andava di fare, lo portò alla rovina. Nessuno è al di là del bene e del male. C'è un'altra cosa che è accaduta nella vita di Crowley su cui la maggior parte dei thélemiti non vuole riflettere. Verso la fine della sua vita, Crowley officiò unthe equinox rituale con il figlio illegittimo MacAlister in un albergo di Parigi. Durante il rito, si udì un tremendo scompiglio, e le grida dei due uomini poterono essere sentite da chi stava fuori dalla porta. Gli amici di Crowley credettero che ciò facesse parte del rituale, e non controllarono cosa stesse realmente accadendo. Quando la mattina seguente i due non si presentarono per la colazione, gli amici chiamarono la sicurezza dell'albergo che irruppe nella stanza di Crowley. All'interno, MacAlister venne rinvenuto cadavere. Il suo accappatoio era ridotto a brandelli e aveva graffi su tutto il corpo. Il suo volto si era irrigidito in una smorfia di terrore. Più tardi venne determinato che la morte era sopraggiunta per un infarto provocato da un forte spavento. Era letteralmente morto di paura. Aleister sedeva rannicchiato in un angolo della stanza, farfugliando parole incoerenti. Anche lui presentava graffi sul corpo e il suo accappatoio era a pezzi. Crowley passò quattro mesi in un ospedale psichiatrico, al termine dei quali venne dimesso 22. Dopo questo incidente, egli venne ritenuto «innocuo», e così cominciò la sua spirale discendente fatta di mance elargite da amici e da ex studenti, passando i suoi ultimi giorni in un ripugnante pensionato di Hastings, in Inghilterra. Nessuno sa quello che accadde in quella stanza chiusa in cui MacAlister morì e Crowley ebbe un crollo nervoso. Credo che quella notte il mago abbia evocato un demone, e che abbia scoperto la vera natura di queste creature! I demoni non sono esseri che vogliono aiutarci o darci la «Conoscenza». Essi sono entità malvagie, e lo scopo che perseguono è di fare del male all'umanità e di causarci più danni possibili. Questo insegnamento non proviene solo dal cristianesimo, ma ogni religione ha questo concetto degli spiriti impuri. Se credete il contrario state prendendovi in giro. Speriamo che non dobbiate scoprirlo nel modo in cui lo scoprì Crowley. C'è una storia che viene allegramente raccontata dai suoi seguaci secondo cui il medico che curava Crowley sarebbe morto a causa di una maledizione lanciata su di lui da Crowley quando questi si rifiutò di prescrivergli tutta la morfina che voleva. La storia non venne a galla che qualche decennio più tardi quando si seppe che l'anziano medico di Crowley era deceduto per un attacco cardiaco alcuni giorni dopo la morte del mago. Chiaramente, la storia è un patetico tentativo di far credere che Crowley fosse dotato di poteri magici. Ho già sentito altri occultisti tentare di giocare lo stesso trucco sostenendo che qualcuno di loro conoscenza era morto... magicamente. Il vero decesso di Crowley è stato molto meno drammatico. Secondo un residente del pensionato, si sentì un botto nella stanza di Crowley, che venne rinvenuto morto con il volto rivolto verso il pavimento. Niente ultime parole, nessuna maledizione. Questa storia, per nulla drammatica, probabilmente è la pura verità. Crowley aveva curato la pubblicazione di un aperiodico intitolato The Equinox. Tutte le edizioni di questa rivista furono ripubblicate più tardi in una raccolta di dieci volumi al prezzo approssimativo di 500 sterline, una somma magicamente disperata... tanto che, per crowley con una bacchetta magica d'ottonequanto sia stupido, non ne ho acquistato nemmeno una copia. In effetti, dopo una ricerca iniziale su Crowley, quando ero ancora un occultista, praticamente scrissi di lui come di un dissoluto. Più tardi, ciò mi spinse a lasciare la Wicca, sulla quale c'erano le impronte digitali di Crowley, e finalmente compresi che la Wicca era un'imitazione alla cui creazione Crowley ha indubbiamente contribuito (volontariamente o meno). Alcuni affermano che la Wicca sia una religione vitale, «nonostante le fonti». I miei sentimenti circa questa opinione sono che non si può semplicemente mettere insieme una religione perché ci sembra buona. La religione dovrebbe essere qualcosa che è inspirato direttamente da Dio. Solo in quel caso le fonti sono veramente importanti! Se non c'è un mandato divino per fondare una religione, essa non ha alcun valore. Aleister Crowley era molte cose, ma non fu mai ispirato da Dio! Era un uomo che ha mostrato un comportamento psicotico, e le persone che seguono la sua filosofia rischiano di emulare il suo comportamento psicotico. Era un individuo che pensava di essere l'Anticristo. Crowley era un tossicodipendente, un alcolizzato, un misogino, una persona sessualmente deviata e un pedofilo. Aveva lavorato sodo per diventare malvagio e se ne vantava. Egli praticò ogni tipo di magia nera ed era un indemoniato (su ciò concordano anche i suoi seguaci!). Tutti i wiccan e gli occultisti dovrebbero chiedersi: è questo il tipo di persona che dovrebbe contribuire al mio sistema religioso? E che vi piaccia o non vi piaccia, che l'ammettiate o meno, una buona fetta della vostra religione occulta, a iniziare dal motto «Fà ciò che vuoi» e a numerosi rituali di The Book of Shadows («Il Libro delle Ombre»), provengono direttamente da Aleister Crowley, tramite Gerald B. Gardner, un discepolo di Crowley! Ci sono molte somiglianze tra la Wicca e Thélema, troppe per essere una coincidenza. Un'altra ragione per cui è importante menzionare Crowley è che molti wiccan della prima ora erano collegati a lui, o forse dovrei dire, vorrebbero farcelo credere. Gerald Gardner conobbe Crowley quando era membro dell'Ordo Templi Orientis: egli sottrasse a Crowley molto  materiale per creare il suo «antico» Book of Shadows. La wiccan Sybil Leek (1917-1982) disse di aver conosciuto Crowley..., cosa che più tardi risultò essere falsa. Essa non lo incontrò mai. Nondimeno, Sybil fece menzione della sua amicizia fittizia con Crowley, affermando che era un amico di famiglia, addirittura imparentato con la sua discendenza. Il wiccan Alex Sanders (1926-1988) disse che Crowley era stato il suo babysitter quando era bambino e che gli aveva regalato un anello. Non esiste una sola prova che Crowley lo abbia conosciuto, anche perché il mago non ha mai menzionato la famiglia Sanders nei suoi scritti, e i genitori di Sanders erano entrambi cristiani.
the book of shadows - gerald gardner sybil leek alex sanders
The Book of Shadows Sybil Leek Alex Sanders
l Non fidatevi di un «semidio», «profeta» o «mago» che è morto tossicomane e squattrinato in un misero pensionato!
 
C'è una nota positiva in tutta questa storia. A quanto pare, un nipote di Aleister Crowley si è trasferito in California negli anni '90. Risulta che sia cristiano, e che lavori in una chiesa come giardiniere. Si è detto spiacente per le cose terribili che ha fatto suo nonno e di non essersi mai interessato all'occultismo. Vivete e imparate, gente. Vivete e imparate.
Riassumendo:
- è assai probabile che Aleister Crowley abbia subito un danno cerebrale a causa di un incidente avuto da bambino;
- Il suo comportamento per tutta la vita è stato quello di uno psicopatico. Soffriva di molte malattie e disturbi, un fatto ammesso anche dai suoi seguaci;
- Non era dotato di poteri magici. Se li avesse avuti, non sarebbe morto drogato in una topaia. Accettiamo questo fatto;
- Essere un tossicodipendente, un indemoniato, un pedofilo, un malato di sifilide, uno scroccone e morire in uno squallido pensionato non sono cose desiderabili. Una persona del genere non è un tipo su cui basare la propria religione.
- Crowley fu ossessionato dal sesso e fortemente influenzato dal satanismo;
- I suoi insegnamenti occulti non fecero di lui una persona migliore. Al contrario, egli fu uno psicotico stravagante. Le persone che seguono i suoi insegnamenti possono sperare di fare la stessa fine.

banner centro culturale san giorgio ccsg
Note

1 Traduzione dall'articolo originale inglese Who Was Aleister Crowley? («Chi era Aleister Crowley»?), a cura di Paolo Baroni. Scritto reperibile alla pagina web
Nota dell'Autore: prima di scrivermi un'e-mail per chiederrmi il motivo per cui «mento» a riguardo di Aleister Crowley, fate bel un respiro profondo, poi leggete la biografia di Crowley scritta da qualcuno che lo conosce veramente come Colin Wilson. Se dopo questa lettura non mi credete, non scrivetemi affatto!
2 Cfr. The Magical Record of The Beast 666: The Diaries of Aleister Crowley, 1914-1920 («L'archivio magico della Bestia 666: i diari di Aleister Crowley, 1914-1920»), pubblicato da John Symonds e Kenneth Grant, Games Systems, 1972, pag. 238. Guy Fawkes Night (conosciuto anche come Bonfire Night, o Fireworks Night) è una celebrazione annuale protestante che si tiene nel pomeriggio del 5 novembre. Viene celebrata la sventata Congiura delle Polveri, quando un gruppo di cattolici guidati da Robert Catesby (comprendente anche Guy Fawkes) progettò di far saltare il Palazzo di Westminster nel pomeriggio del 5 novembre 1605, all'interno del quale era presente re Giacomo I d'Inghilterra, che reprimeva i cittadini di religione cattolica. I festeggiamenti pubblici vertono essenzialmente in uno spettacolo pirotecnico e soprattutto in un falò nel quale vengono bruciati i pupazzi dei congiurati. La giornata è anche accompagnata da cibi tradizionali cucinati od acquistati per l'occasione (N.d.T.).
3 Alcuni dei seguaci di Crowley insistono sul fatto che egli sia stato realmente una spia britannica, e che il suo addestratore sarebbe stato nientemeno che Ian Flemming. C'è anche una storia popolare circa la consegna da parte di Crowley di informazioni occulte fasulle a Hitler per conto del governo britannico. In realtà, entrambe le storie non sembrano essere fondate. Nel libro The Nazis and The Occult («I nazisti e l'occulto») si afferma che la Golden Dawn fosse in contatto con la Vrill o la Thule, (due società segrete tedesche razziste), e che Crowley, in qualità di capo della Golden Dawn, avrebbe passato informazioni occulte false per demoralizzare i nazisti. In realtà, la Golden Dawn non ebbe contatti con alcuna società segreta tedesca (fu a causa di questa storia che i membri della Golden Dawn decisero di cacciare Mathers), e Crowley non fu mai a capo della G\ D\. Crowley disse di aver sporto domanda per diventare una spia inglese, ma come abbiamo verificato, egli disse di essere stato tante altre cose che non corrispondono al vero. È assai improbabile che il governo britannico abbia arruolato un tipo instabile come Crowley. Certamente, i suoi vizi lo avrebbero reso un personaggio poco affidabile.
4 Cfr. C. Wilson, The Occult: A History («L'occulto: una storia»), pag. 364.
5 Cfr. Collected Works of Aleister Crowley, Foyers Society for the «Propagation of Religious Truth»; ristampato da Yogi Publication Society, 1906, vol. II, pag. 4.
6 Cfr. C. Wilson, The Occult: A History, pag. 364.
7 Cfr. A. Crowley, Satanic Extracts («Estratti satanici»), Cosmo Trelawney, 1995.
8 Cfr. The Confessions of Aleister Crowley («Le confessioni di Aleister Crowley»), cap. V, 1929.
9 Cfr. C. Wilson, op. cit., pag. 352.
10 Cfr. L. Sutin, Do What Thou Wilt: A Life of Aleister Crowley («Fà ciò che ti piace: una vita di Aleister Crowley»), Martin's Press, 2002, pag. 64.
11 Cfr. C. Wilson, op. cit., pag. 371.
12 Cfr. The Magical Record of The Beast 666: The Diaries of Aleister Crowley, pag. 239.
13 Cfr. A. Crowley, Liber III vel Jugorum, 2.
14 Occorre precisare che in epoca medievale era pratica comune attribuire un grimorio (dal francese grammar, ossia «libro di incantesimi») ad un leader religioso o ad una figura biblica. Ad esempio, ad Alberto Magno, teologo e studente di San Tommaso d'Aquino, è stata attribuita una dozzina di libri di incantesimi, nessuno dei quali scritti da lui. A Papa Onorio è sono stati falsamente attribuiti almeno due grimori. A re Salomone è stata attribuita una dozzina o più di variazioni del cosiddetto The Greater Key of Solomon, The Lesser Key of Solomon, e del Grimorium Verum, tra gli altri. A Mosè è stato attribuito il 6º, il 7º, l'8º, il 9º e il 10º Libro di Mosè, ecc... è evidente che si tratta di contraffazioni. Ad esempio, The Key of Solomons e il 6º e 7º Libro di Mosé menzionano «Gesù» e citano il Nuovo Testamento... che fu scritto migliaia di anni dopo che questi uomini vissero. Certamente nessuno di questi uomini di Dio praticava la magia!
15 Cfr. C. Wilson, Aleister Crowley: The Nature of the Beast («Aleister Crowley: la natura della Bestia»), pag. 123.
16 Cfr. C. Wilson, The Occult: A History, pag. 368.
17 Ibid.
18 Cfr. A. Crowley, Magick in Theory and Practice («La magia nella toria e nella pratica»), Castle Books, pag. 95.
19 Ibid.
20 La parola magica Abracadabra deriva Abraxas, un dio adorato dagli antichi gnostici. Talvolta, Abraxas è rappresentato come un serpente.
21 Friedrich Nietzsche passò i suoi ultimi anni di vita in un manicomio credendo di essere un dio. Ma diversamente dall'edonismo di Crowley, la filosofia di Nietzsche insegna che la felicità personale è futile, e che una persona dovrebbe gettarsi completamente in una causa senza speranza di ricompensa. Alcune persone pensano che la filosofia di Nietzsche abbia potuto ispirare i suoi lettori in Europa spingendoli ad aderire al nazismo e ai vari partiti comunisti nella prima parte del XX secolo. Egli era avvolto in una specie di ateismo antisemita e mistico. In qualche modo, Nietzsche è simile all'idea di Crowley secondo cui lo studio dell'occulto è un compito arduo come la scalata di una montagna. Altre persone che hanno studiato Nietzsche, lo assimilano a Charles Manson e ad Adolf Hitler. Come Crowley e Hitler, Nietzsche fu ossessionato dalla volontà.
22 Cfr. D. Logan, America Bewitched («America stregata»), pagg. 64-65.
 
 

0 commenti:

Related Posts with Thumbnails

Google+ Followers

Parole Chiave

abitudine (63) Accettazione (82) Acqua (7) Advaita (9) affermazioni (24) Aforismi (129) Agire (65) Aivanhov (4) Alchimia (58) Aldilà (5) AMORE (125) Aneddoto (100) angeli (11) Anima (121) archetipi (2) Armonia (29) arte (12) Astrale (39) attaccamento (49) attenzione (33) Audiolibri mp3 (23) Bambini (27) Bellezza (54) Bene (18) Buddhismo (60) C. Cisco (3) calma (13) cambiamento (82) Carte illustrative (24) Castaneda (33) chakra (4) Co-Creazione (34) compassione (30) comprensione (76) concentrazione (29) condizionamento (137) conoscenza (86) Consapevolezza (157) Coraggio (132) corpo (81) Coscienza (66) creatività (36) credenze/convinzioni (93) Cuore (90) desideri (33) destino (20) Dialogo Interiore (16) Dio (133) Disordine (5) distacco (85) Dna (11) domande (72) Donna (3) Dzogchen (23) Ego (40) Egregor (28) emozioni (59) Energia (47) energia vitale (38) entusiasmo (10) Equilibrio (32) Esercizi (198) Esperienza (74) Essere (113) Estasi (5) Eternità (18) Evoluzione (29) fare (14) fede (19) Felicità (95) Fiducia (7) film (39) flusso della vita (58) focus (17) follia (8) forme pensiero (49) fortuna (10) Forza Interiore (73) fotogallery (17) Fuoco Sacro (19) futuro (33) gioia (31) gratitudine (21) Gruppo Ur (18) Gurdjieff (40) idea (8) identificazione (47) idiota zen (50) il potere di Adesso (68) illuminazione (36) illusioni (148) Immaginazione (70) importanza (26) Impressione (14) inconscio (20) inferno (9) iniziative (53) iniziazione (56) intento/volontà (72) Intuizione (21) Invocazioni (11) Lanza del Vasto (5) Legge Attrazione (89) Lezioni di Vita (52) Libertà (149) libri gratuiti (119) linea della vita (17) Luce (36) MadMacX (71) Magia (58) Mahamudra (1) medi (1) meditazione (63) Mente (126) Metafisica (8) Metafore (47) MIGLIORI POST (45) Mistero / ignoto (23) mondo (122) morte (79) musica (35) Nascita (6) natura (24) Non Agire (Wu Wei) (46) Nulla (26) obiettivi (29) odio (6) Osservazione (37) ostacoli (9) Ottimismo (15) Pace (28) Paradossi (3) passato (28) paura (57) Pendoli (46) Pensieri (73) Percezione (31) Perdono (13) Personaggi (38) PNL (25) poesia (92) Possibilità (5) Preghiera (15) Presente (31) presenza (43) Principi (33) Psicosintesi (11) Qabbalah (2) quarta via (23) reagire (8) Realtà (56) relax (5) Respiro (20) ricordo (22) riepilogo (34) riflessione (48) rilassamento (29) Rinuncia (3) risonanza (6) risorse (7) Risveglio (107) Rituali (44) Rivista (5) Rocco Bruno (16) saggezza (189) Scelta (40) schiavitù (69) sciamano (33) seghe mentali (125) segnali (3) semplicità (28) sensazioni (19) sentimenti (22) serenità (14) Sesso (1) significati (8) Silenzio Interiore (16) Simboli (11) Sincronicità (19) sofferenza (35) sogni (99) Sole (6) solitudine (3) SONDAGGI (8) Sorgente (3) Sorriso (3) Specchio (14) sperimentare (19) spirito (97) spirito critico (8) Spontaneità (22) stress (9) suggerimenti (120) svago (35) tantra (5) TAO (33) tempo (73) Teurgia (1) Transurfing (54) Trasformazione (14) Tutto (11) Umorismo (120) Unione (46) Universo (77) Vampiri energetici (18) Verità (80) Vibrazioni (19) video (263) VIGNETTE SPIRITUALI (204) Visionari (9) Vista Interiore (61) Visualizzazione (52) Vita (63) Vuoto (33) yoga (21) zen (28) Zewale (323)
___________________________________________________________
______________________________________________________________________
CLICK E TORNA SU