Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2014

BEVI IL NETTARE COSMICO

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ; Piove ogni giorno Nettare dal cielo ma voi avete la coppa capovolta. Quando deciderete di girarla noterete con stupore che si riempirà all’istante … ma il Nettare pioveva anche prima, eravate voi ad avere la coppa capovolta (Buddha)

Lascia andare! Mooji racconta una storiella (LET GO! Mooji tells a joke )

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ;

PROGETTO ZION | FORMAZIONE | 5.10.2014, Ferrara | D. Damiano - Framme...

USCIRE DAL FIUME DELLA VITA

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ; by Claudio Lamparelli Con il karma che abbiamo avuto (genetico, fisico, psicologico, storico, religioso, familiare, ecc.) non possiamo far finta di nulla e scegliere un altro percorso. È come scendere un fiume: una volta in acqua, dobbiamo seguire la corrente e fare i conti con il percorso obbligato dell’alveo. E qui c’è la varietà dei nostri destini, delle nostre doti, dei nostri difetti, delle nostre esistenze, delle nostre morti. Volenti o nolenti, dobbiamo seguire il fiume e andare là dove ci porta, fino in fondo, finché non sfocia in mare. Poiché l’acqua compie sempre lo stesso percorso, dalla sorgente alla foce, il ciclo non s’interrompe: una volta giunta in mare si fonde con l’acqua salata, evapora, sale in alto, ridiscende sotto forma di pioggia e infine ricade ad alimentare quella sorgente o un’altra. Come fare, allora, a cambiare il nostro destino? Dobbiamo riflettere su questo ciclo c

VERA NATURA

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ;  Proprio come tra lo stato di veglia e lo stato di sogno c’è uno stato di sonno profondo, in cui traluce il tuo vero sé, così tra una pensiero e l’altro c’è un momento di “vuoto ”in cui recuperi la tua vera natura. Ma poiché lì non funziona più la tua mente abituale, non sai niente di quel che vi succede. Dunque, la tua vera natura è sempre presente. E sei tu che te ne tiri fuori con i tuoi pensieri. (C. Lamparelli)

La quiete della mente

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ;  di C. Lamparelli Le persone “normali” non riescono a stare quiete in una stanza nemmeno per cinque minuti. Subito devono muoversi o fare qualcosa. E, se non fanno, pensano, fantasticano, rimuginano, ricordano fatti della vita e guardano film (più o meno mentali). Anche chi vuol essere spirituale, che fa? Va in pellegrinaggio, prega, compone sermoni, studia le fonti antiche, cerca di imitare qualche santo, si circoncide, si battezza, legge i testi sacri, compie rinunce, fa yoga, cerca maestri, compie complicati esercizi di meditazione, parte missionario, indossa una tonaca, fa catechismo, vuole conquistare gli altri… Nessuno che se ne stia fermo e quieto nell’unico posto che è la fonte della spiritualità. Lì - nel proprio sé più profondo.

Il sonno profondo

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ; by Claudio Lamparelli ,  claudiolamparelli.blogspot.com   Qualche volta propongo quella che potrebbe essere definita la “meditazione del pisolino”. Non si tratta di una mia invenzione, ma di una tecnica che risale all’antichità delle Upanishad. In questi testi, infatti, si nota come esistano quattro stati fondamentali dell’essere: la veglia, il sogno, il sonno profondo (senza sogni)  e il “quarto stato” (il fondamento da cui sorge tutto). Ora, la veglia e lo stato di sogno sono caratterizzati dal dualismo, perché c’è sempre un soggetto che conosce e un oggetto che è conosciuto, entrambi impegnati in un gioco di specchi senza fine. Ma già nel sonno senza sogni - il pisolino - la distinzione scompare: non c’è il sognatore e non c’è il sognato. E che cosa rimane? Voi non potete ricordarvi di nulla, perché non c’è la coscienza con le sue divisioni. Ma, poiché vi siete risvegliati,

Lavoro in calma, lavoro nel mondo.

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ; di rocco bruno "L'energia viene soprattutto spesa in emozioni inutili e sgradevoli, nell'ansiosa attesa di cose spiacevoli possibili ed impossibili, consumata dai cattivi umori, dalla fretta inutile, dal nervosismo, dall'irritabilità, dall'immaginazione, dal sognare ad occhi aperti e così via. L'energia viene sprecata da un cattivo lavoro dei centri; dalla tensione inutile dei muscoli, sproporzionata rispetto al lavoro compiuto; dal perpetuo chiacchierare, che ne assorbe una quantità enorme, dall'"interesse" accordato ininterrottamente alle cose che accadono intorno a noi o alle persone con le quali non abbiamo nulla a che fare e non meritano nemmeno uno sguardo; dallo sciupo senza fine della forza di "attenzione"; e via di seguito." - frammenti di un  insegnamente sconosciuto Tutto quello che è scritto in questo post ha un unica utilità: pratica. Inutile dire ch

VOGLIO SENTIRE IL TUO RUGGITO:

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ;  Siamo simili a quel leoncino che era stato allevato in un gruppo di pecore. Si credeva una pecora e aveva imparato a belare. Ma si sentiva insoddisfatto, incompleto, infelice. Finché un giorno incontrò presso uno stagno un leone, che lo prese per la collottola e gli disse: “Guarda il tuo riflesso nell’acqua. Non sei una pecora, sei un leone!” Il leoncino in un attimo capì… e si mise a ruggire.

SCEGLI DA CHE PARTE INCLINARTI E LANCIATI!!!!!!

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ;  Scegli da che parte pendere e buttati!!! Da entrambe le parti c'è comunque un baratro, e sai che morirai. In un caso ti lascerai cadere come un manichino inanimato e deluso perché hai seguito la direzione imposta da qualcun altro, nell'altro caso ti tufferai gioiosamente poiché hai seguito il tuo impulso interiore. In entrambi i casi creperai... quindi tanto vale chiudere il tuo spettacolo in bellezza.

ESPERIENZA FUORI DAL CORPO

♥ ♥ CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO ♥ ♥ | ; Tratto di   Parsifal A. Drake, dal suo blog http://spadanellaroccia.blogspot.it/ Spesso mi è stato chiesto di riportare pubblicamente le mie personali esperienze fuori dal corpo. Credo che sia un vissuto esclusivo, di cui ogni ricercatore debba farne tesoro a livello personale, e non sto parlando delle mie esperienze, ma delle tue; ho spesso incrociato il problema della trascrizione di tali esperienze, ed è sempre stato un fardello -per me- la probabilità di introdurre in questo blog degli elementi personali. L'esperienza accumulata in questo campo mi ha fatto comprendere quanto il raccontare degli avvenimenti analoghi sia d'ispirazione a quelle persone che ricercano da tempo di aggiungere alla propria vita quel tassello che, apparentemente, sembra impossibile da conseguire per una presunta difficoltà nel cercare di “proiettarsi”. Difficoltà, queste, dovute a un semplicemente erroneo sistema di c

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa))

Mostra di più
  • I MIEI LIBRI