LA RICERCA DELLA FELICITA'

giovedì 28 dicembre 2017





;

ESERCIZIO PER RIMANERE SEMPRE NEL TUO STATO DI BENESSERE NATURALE

sabato 23 dicembre 2017
La spensieratezza dovrebbe essere lo stato naturale di qualsiasi persona.
Puoi chiamarla pace, beatitudine, felicità, silenzio interiore, calma, vuoto mentale, nirvana, regno dei cieli
Alcuni, come Andrea Magrin la chiamano stato Senzamente.
Anche tu dovresti trovarti in questo stato per la semplice ragione che è la tua autentica condizione, quella più spontanea.
Se non ti trovi in questo stato di tranquillità allora c’è qualcosa che non va, c’è un’anomalia nel tuo corpo. La tua mente non funziona correttamente.
Per fortuna esistono rimedi a questa disfunzione che colpisce l’intera umanità.
Adesso ti mostro alcuni passi rapidi per entrare in quello stato di quiete e non uscirne mai più.
Memorizza i vari step e poi mettili in pratica. Si tratta di 5 minuti.
Mandami dei feedback così posso darti qualche indicazione in più. Ti basta lasciare un commento e dirmi com’è andata…
Per rendere tutto più semplice ti consiglio di seguire le istruzioni di questo video. Passa al min. 1:02:23, dove ti guida passa a passo. Ti consiglio di ascoltare quella parte di  filmato solo dopo aver letto tutto questo articolo.

:
:
Andrea consiglia di accompagnare i primi respiri con il tocco EFT, però a mio avviso non è fondamentale. Almeno a me non serve.
Di seguito ti riassumo le istruzioni. Se nutri un po’ di diffidenza (com’è giusto che sia), supera il tuo scetticismo e fai almeno un tentativo.
_
1) Prima di tutto inspira profondamente con il naso e poi espira lentamente con la bocca
2) Ripeti la respirazione profonda due o tre volte, vedrai che scivolerai in uno stato di relax.
3) Chiudere gli occhi puoi aiutarti a rilassarti meglio
4) Bene, ora che ti senti molto più rilassato ti trovi nello stato Senzamente, nel tuo stato naturale, sei dentro la pace, sei nella calma, nei vuoto mentale, nel regno dei cieli… sei caduto dentro la felicità. Ora rimanici. Per rimanere lì ti basta prestare attenzione alla sensazione di quiete che stai provando.
5) Adesso devi soltanto mantenere l’attenzione come un laser puntato su ciò che succede dentro il corpo (cosa stai provando? calore, sonnolenza, alleggerimento, benessere, formicolio)
6) Rimani dentro qualsiasi sensazione che sta emergendo. Vai a vedere quanto è profonda questa sensazione. Quanto è profonda la calma, quanto è profondo il rilassamento.
Ricordati che puoi star lì quanto tempo vuoi… non ti costa niente, non richiede alcuno sforzo.
7) Ottimo, adesso ti invito a fare qualcosa di paradossale, ma fidati, funziona!
Devi chiedere di uscire da questa piacevole sensazione.
Formula con la mente o ad alta voce la seguente domanda: “fammi uscire dal mio stato senzamente” oppure “fammi uscire da questa sensazione” oppure “fammi uscire dalla meditazione profonda, dal mio stato naturale”
Quando ti distrai (ti perdi in qualche pensiero, sorgono ricordi, dubbi), chiedi di uscire da quella sensazione. Devi solo ripeterlo come un mantra… “fammi uscire da questa sensazione”
Accadrà una cosa imprevedibile: più chiedi di uscire, più vieni spinto all’interno…
Non devi credere a queste parole, puoi sperimentarlo subito di persona. Il perché accada questo ora non importa, ma c’è un suo perché… Alla fine ti spiego perché funziona così. Per ora rimani sul pezzo.
In questo momento ti basta ricordare che più cerchi di uscire dal rilassamento e più ci scivoli dentro.
In questo momento sei incastrato dentro il benessere, stai sprofondando pian piano all’interno di questa sensazione che hai “attivato” con 3 semplici respiri profondi.
Se emerge qualcosa di fastidioso non allarmarti, fa parte del processo di rilascio. I circoli viziosi (loop psico-emotivi, antiche emozioni accumulate negli anni) stanno uscendo e potrebbero scorrere in gran abbondanza lungo tutto il tuo corpo. Questo è naturale, sono stati nascosti lì per chissà quanto tempo ed ora vengono espulsi. E’ come una diga che viene aperta senza preavviso. Hai tolto i muri ed ora potresti avvertire delle ondate di energia, emozioni di ogni sorta. Nel mio caso ho avvertito soltanto un senso di calore, alleggerimento. Una volta riconosciuta questa sensazione l’ho lasciata espandersi. L’unico atto richiesto è l’osservazione di questa sensazione. Rimani con lei, esplorala ad occhi chiusi.
8) FINITO
Hai sperimentato il tuo stato naturale. Ci sei entrato ed ora è impossibile uscirne, anche volendo.
Come ogni cosa dovrai prendere confidenza con questa soave sensazione. Per chi non è abituato sembra qualcosa di miracoloso. Per chi è abituato non è niente di straordinario. Dipende da quante emozioni (traumi, desideri) hai incubato.
Questa tecnica richiede pochi minuti ma è veramente efficace. Se funziona anche con te insegnala a qualcun altro. E’ gratuita e può fare la differenza su larga scala. Attendo i tuoi feedback.
Buon ritorno al tuo stato naturale!
___
Ora che hai provato il metodo ti spiego il paradosso.
Di solito tutti si sforzano di essere felici. Cercano di entrare nel rilassamento profondo, di trovare la soddisfazione nel mondo, negli altri e negli oggetti esterni, e proprio a causa di questo sforzo si stressano maggiormente, soffrono di più.. I loro sforzi sono impercettibili, sono meccanismi che si muovono all’interno al corpo e attivano delle brutte reazioni a catena. Poiché non si possono vedere, passano inosservati e questo passare inosservati è la loro forza. La forza del malessere sta nell’invisibilità.
Queste persone presuppongono di trovarsi fuori dal benessere. Danno per scontato che lo stato naturale di qualsiasi individuo sia il malessere e che l benessere sia là fuori, da qualche parte, dentro qualche persona speciale, è dentro chiunque tranne che in se stessi. Questo è il loro assunto inconscio.
Partono da una convinzione pericolosissima e non sanno che questa idea è alla base di ogni situazione in cui si finiscono incastrati. A questo si aggiungono istituzioni, religioni, guru, film che fanno sembrare lo stato di felicità, tranquillità e spensieratezza come una condizione riservata agli eletti, ai santi, ai bambini, ai più fortunati meditanti.
Non dicono che è la cosa più naturale ma soprattutto non spiegano che chiunque la può ottenere.
Hanno diffuso il paradigma dell’uscire da matrix, dal samsara, dall’inferno… rafforzando così la convinzione che il nostro stato originario è la schiavitù, la prigionia, la sofferenza.
Tutti cercano di star bene, di star meglio, di aver più autostima e questo loro atteggiamento è la ragione per cui soffrono e continuano a soffrire. E’ un loop che si autoalimenta.
Tu invece inneschi il loop opposto, il loop del benessere, della tranquillità.
Tu hai fatto qualcosa di eccezionale. Tu – ora che hai trovato lo stato naturale – puoi andare a cercare la sofferenza, il disagio, i pensieri negativi e contemporaneamente sentirti bene, anzi sentirti sempre meglio. Puoi invitare qualsiasi emozioni e puoi invitare gli altri a provocarti in qualsiasi modo. Vedrai che la tua eccessiva reattività, la tua apprensione, sarà svanita.
Ora che sei in questo stato, prova a rievocare un ricordo che poco tempo fa ti infastidiva. Cercalo (sempre se lo trovi, perché potrebbe essersi dissolto durante il processo). Se emerge, ti accorgerai che non ha più alcuna influenza, non ti fa né caldo né freddo. Cercane un altro, poi un altro. Non fermarti, stai sciogliendo una marea di tossine interiori. Non temere, non uscirai mai da quella soave sensazione. In questo stato i circuiti viziosi (pensieri-emozioni) di una volta non hanno alcun potere, sono innocui. I vecchi loop si sciolgono automaticamente senza che tu debba alzare un dito.
Perfetto.
Se ti ha aiutato, passa al favore, condividi, diffondi queste informazioni in modo che un numero sempre maggiore di persone possa fruire di questa opportunità.

Stato Senzamente (Applicazione pratica in diretta) - Webinar Live

giovedì 21 dicembre 2017

LIBERAZIONE SCATENATA (http://www.liberationunleashed.com)

domenica 23 luglio 2017

LIBERAZIONE SCATENATA (http://www.liberationunleashed.com)


Come posso fare “esperienza diretta” di quella condizione conosciuta come “liberazione interiore” o “stato naturale”?
C’è un modo rapido per dissipare (non solo a livello intellettuale, m anche emotivo/fisiologico) l’identificazione, l’attaccamento – e quindi la schiavitù – ai pensieri, all’inganno sensoriale di un “io” che giudica o viene giudicato?
Sì, esistono molti mezzi rapidissimi…
Uno di questi è questo sito (http://www.liberationunleashed.com) in cui viene fornito “grauitamente” un approccio pratico, semplice, immediato a chiunque sia minimamente interessato a vedere la vita per quel che vermente è, al di là delle illusorie costruzioni mentali (o spirituali) che albergano abusivamente la nostra testa.
L’iniziativa è molto semplice: si viene guidati mediante una serie di semplici domande, in apparenza banali, e tutto ciò che dovete fare è rispondere in maniera “completamente sincera”.  L’onestà nell’autoindagine è l’ingrediente fondamentale al processo di liberazione dall’attaccamento/identificazione al concetto di “io”. Il bello è che sei tu a portare avanti l’intera indagine, in un certo senso ad auto-liberarti definitivamente con le tue mani, senza venir influenzato minimamente dalle opinioni altrui.
In teoria è possibile avere un supporto anche in italiano. Mal che vada potete leggere le esperienze di altri utenti (http://www.liberationunleashed.com/nation/viewtopic.php?f=5&t=8) e constatare come avviene il processo. Buttateci un occhio, provate a rispondere alle domande con parole personali e persistete – basandovi sull’esperienza diretta/quotidiana – fino a quando non avvertite con fermezza che non esiste alcuen entità separata (io), se non come fantasioso concetto linguistico a cui avete aderito involontariamente già dall’età prescolare.
Chi volesse provare questo approccio con il sottoscritto mi mandi pure una mail.

Alcune domande del sito:
1) Is there a separate entity ‘self’, ‘me’ ‘I’, at all, anywhere, in any way, shape or form? Was there ever?
2) Explain in detail what the illusion of separate self is, when it starts and how it works from your own experience. Describe it fully as you see it now.
3) How does it feel to see this? What is the difference from before you started this dialogue? Please report from the past few days.
4) What was the last bit that pushed you over, made you look?
5) Can you talk about decision, intention, free will, choice and control? What makes things happen? How does it work? What are you responsible for? Give examples from experience.

Matisyahu - Darkness Into Light (Spinner)

martedì 18 luglio 2017




;

VASCA DI DEPRIVAZIONE SENSORIALE (morire in vita)

domenica 9 luglio 2017

-
l'esperienza di un italiano --<  http://cicconevincenzo.blogspot.it/2011/12/la-mia-prima-esperienza-in-camera-di.html
---> " Il galleggiamento mi aiuta a perdere la concezione dello spazio e del tempo. Non so più dove sono, la vista è oscurata, il tatto è quasi assente, la gravità è assente. I suoni sono ovattati: il battito cardiaco e la respirazione vengono amplificati dalla deprivazione di stimoli esterni.
Immagino di non avere dimensione e di non avere tempo. Lascio andare tutti i pensieri e rimango nel nulla.
Dopo un tempo, non quantificabile, e non percepibile, perchè il concetto di tempo ha perso significato provo una sensazione di fusione totale.
. Non ho più nome, più tempo, più forma fisica, più memoria. Sono morto e questo non mi preoccupa affatto. E' come se la morte fosse un concetto creato dalla mente vigile che in questa condizione non ha più senso. Fuso con ogni cosa, una dimensione eterna, senza spazio e senza tempo.
Rimarrei in questa condizione piacevole ancora a lungo. Purtroppo l'ora a mia disposizione si è volatilizzata e una lama di luce taglia l'oscurità. E' Laura che apre il portellone dall'esterno e mi porta a una nuova rinascita.
"

-

-

-

Angelo Pintus Arena di verona Spettacolo 2016 con proposta di matrimonio





;

RAPPRESENTAZIONE DELL'AUTOCOSCIENZA (CHI SONO IO)


-
Quel cerchietto centrale [RESISTENZA ELETTROMAGNETICA] è ciò che sei tu.
Questa resistenza è una particolare "CONFIGURAZIONE ENERGETICA": questa configurazione di energia consente all'energia stessa (o alla Mente Universale) di sperimentare se stessa in piccole parti, in oggetti, in esperienze, in sogni, in individui "dissociati". Queste ENTITA' apparentemente DISSOCIATE sono le infinite manifestazioni che percepisci ogni giorno. In poche parole tu sei una di questa multi-personalità che si sentono dissociate da Dio (da se stesse, dall'Esistenza stessa).
In pratica esisti e contemporaneamente non esisti.
La spiritualità è una via per dissolvere questa resistenza elettromagnetica. Ma non è l'unica, anche la scienza può condurre allo stesso risultato. In tal senso la vera spiritualità e scienza coincidono.
Ciò che chiami morte è l'assenza di resistenza: i contorni del tuo personaggio, prima spessi e ben definiti, diventano dei tratti sempre più sottili, fino a fondersi con l'oceano di energia indifferenziata.  Fino a ritornare a dove ti sei sempre trovato.
Le pratiche spirituali aiutano ad accelerare la presa di coscienza di questo processo naturale ed inevitabile. Sono un mezzo per sperimentare una piccola morte in vita, un modo per anticipare qualcosa che comunque avverà spontaneamente.
L'Advaita (non dualità) andrebbe quindi vista in ques'ottica: un canale aperto ad qualsiasi espressione di questa energia indifferenziata.
Vedere chiaramente (o perlomeno percepire vagamente) questa resistenza (elettromagnetica) è la chiave di tutto.

In assenza di quella resistenza sparisce ogni concetto: autocoscienza, io sono, distinzione soggetto/oggetto. Tutto svanisce e rimane solamente l'ignoto, l'insondabile, l'irriducibile, l'innominabile... ciò che in un certo senso tu sei realmente.

Pizzocchi e Giacobazzi - 2004

venerdì 7 luglio 2017




;

Beyond Thought (Awareness Itself)

giovedì 6 luglio 2017




;

Realization, Illumination = Bipolar Disorder Series: Hey Lisa, what is True?





;

IL MIO FORUM

venerdì 23 giugno 2017

Anime libere,

ho appena aperto un forum dove potete liberamente interagire, condividere, chiedere quel che vi pare [in ambito di crescita interiore, auto-aiuto, ricerca spirituale e compagnia bella...]

link --->   mente-libera.forumfree.it

-

ego = bastoncino d'incenso, più si consuma, più emana la sua fragranza

domenica 18 giugno 2017
Per consumare il bastoncino dell'ego occorre una fonte di calore.
Questo fuoco può essere una pratica spirituale (meditazione vipassana) oppure una non-pratica (abnegazione, abbandono, silenzio, assenza di pensieri).
Una volta appicciato il fuoco, il processo di "autocombustione/illuminazione" procede da sé... allora non sarà più necessario alimentare quel fuoco, l'ego-bastoncino emanerà automaticamente il profumo.
-
-
-
https://ae01.alicdn.com/kf/HTB1EJsbNpXXXXctXFXXq6xXFXXXU/Creative-Gift-Home-Decor-Little-Monk-Censer-Ceramic-Yixing-Backflow-font-b-Stick-b-font-font.jpg

Come raggiungere l'illuminazione spirituale: Garcia dentro il sogno

giovedì 15 giugno 2017




;

Temple Grandin - Scene salienti dal film

lunedì 12 giugno 2017




;

Balasso e Dio

venerdì 9 giugno 2017




;

RICERCA SPIRITUALE = ANSIOLITICO

mercoledì 7 giugno 2017
La pratica della cosidetta magia – chiamata dai politically correct “spiritualità” – ovvero l’insieme di atti finalizzati a un benessere interiore, non è altro che un’alternativa ai comuni ansiolitici o farmaci per ridurre i sintomi dell’ansia (agitazione, irritazione, squilibri psicofisici, disturbi del sonno, malumore, malinconia, etc.).
Ciò che inconsciamente ricerchiamo attraverso attività spirituali (alchimia, tantra, sciamanesimo, pranoterapia, reiki, vipassana, etc.) non è l’illuminazione, l’autorealizzazione, l’unione bensì la semplice e fisiologica riduzione dell’ansia. Ci raccontiamo che puntiamo a qualcosa di superiore, di più sottile, di più sublime, ma sotto sotto tutti sappiamo che non è vero. In realtà abbiamo buttato via tempo, soldi ed energia per dei seminari, libri, video. Non abbiamo il coraggio di confessarlo, sarebbe la fine della ricerca. Una mancanza di rispetto nei confronti dei nostri guru e peggio ancora del nostro “io spirituale”. Non ci accorgiamo che – mediante l’immaginazione o il pensiero magico – abbiamo edificato un “io alternativo” , una versione migliore di noi, speciale. Per sostenere questa “auto-immagine” (eretta su suggerimento di altri individui) dobbiamo necessariamente fare qualcosa di particolare (movimenti rituali) o pensare in un certo modo. Per capire che tipo di auto-immagine abbiamo creato è sufficiente fare un inventario delle proprie abitudini, rendersi conto di quali sono le azioni che vengono compiute più frequentemente, i desideri principali, i dubbi/le riflessioni/le questioni più ricorrenti. Per dare contintuità a questa auto-immagine sprechiamo un mare di energia, ogni giorno. Intellettualmente è facile capire che non vale la pena dare contintuità a questa auto-immagine (a ciò che “pensiamo di essere”) eppure a livello pragmatico pochissimi individui riescono a farne a meno.
Per comprendere meglio questo discorso farò un parallelismo tra gli ansiolitici e le pratiche energetiche (comprese attività come tai chi, qi gong, yoga, etc.).
Per comodità il termine paziente equivale al termine “praticante” o ricercatore, meditante etc.
I pazienti (ovvero i praticanti) che sono diventati dipendenti dagli ansiolitici (cioè dalle attività di riequilibrio energetico)  sono quasi sempre accumunati da diverse delle seguenti caratteristiche:

  • Hanno assunto ansiolitici su prescrizioni mediche in dosi “terapeutiche” (normalmente basse) per mesi od anni. Ovvero hanno ricevuto insegnamenti da alcuni “specialisti” (guru del settore) e hanno applicato questi metodi per mesi o anni.
  • Hanno, gradualmente, sentito il bisogno di assumere ansiolitici per svolgere le normali attività quotidiane. Nel caso dei praticanti, hanno sentito il bisogno di praticare (meditare, leggere nuovi libri sul benessere dell’anima) anche durante le normali attività quotidiane o il bisogno di parlare sistematicamente in termini spirituali o energetici anche durante banali conversazioni – occasioni in cui l’interlocutore non era interessato o non ci capiva niente.
  • Hanno continuato ad assumere ansiolitici, nonostante il motivo che ne aveva in origine fatto scaturire la prescrizione fosse cessato. Hanno continuato a praticare malgrado non fosse più necessario, nonostante il problema era già risolto o avessero già ottenuto ciò che gli serviva. La mente continuava a chiedere, cercare tra una dimensione e l’altra, a sentirsi insoddisfatta, nonostante il corpo fosse già in pace, pienamente soddisfatto.
  • Hanno difficoltà a sospendere l’assunzione del farmaco, o a ridurlo. Hanno difficoltà a sospendere o ridurre la pratica.
  • Sviluppano sintomi di ansia, tra una somministrazione e l’altra, o hanno un forte desiderio di assumere la dose seguente. Diventano ansiosi se la ricetta successiva non è subito disponibile. Ovvero quando interrompono la pratica si sentono a disagio. Se non si picchiettano i chakra, se non hooponoponizzano, se non meditano almeno 20 min. al giorno, non si sentono soddisfatti. In terapia si parla di “craving” (bisogno irrefrenabile e patologico), in spiritualità si parla di avvicinamento all’auto-realizzaizone.
  • Contattano regolarmente il loro medico per ottenere ripetutamente le ricette necessarie per continuare il trattamento. Contattano regolarmente il loro insegnante per ottenere nuove risposte, guardano frequentemente i filmati di nuovi personaggi in modo da aggiungere una nuova pratica al proprio interminabile repertorio.
  • Devono avere sempre con sé il farmaco, soprattutto durante eventi stressanti. I praticanti devono sempre premunirsi, per questo il momento migliore per assumere il proprio farmaco (es. meditazione) è il mattino.
  • Possono aver aumentato la dose, rispetto a quella indicata inizialmente. In altre parole, quando il praticante supera una certa soglia – medita per 10 min. – sente il bisogno di alzare l’asticella e meditare per 20 min. In terapia è il classico fenomeno della tolleranza.
Spero che questi esempi bastino a darvi un’idea di quanto sia messa male l’umanità, soprattutto la frangia degli spirituali.

Umberto Eco: 'Come prepararsi serenamente alla morte. Sommesse istruzioni a un eventuale discepolo'

mercoledì 31 maggio 2017
Non sono sicuro di dire una cosa originale, ma uno dei massimi problemi dell'essere umano è come affrontare la morte. Pare che il problema sia difficile per i non credenti (come affrontare il Nulla che ci attende dopo?) ma le statistiche dicono che la questione imbarazza anche moltissimi credenti, i quali fermamente ritengono che ci sia una vita dopo la morte e tuttavia pensano che la vita della morte sia in se stessa talmente piacevole da ritenere sgradevole abbandonarla; per cui anelano, sì, a raggiungere il coro degli angeli, ma il più tardi possibile.

Recentemente un discepolo pensoso (tale Critone) mi ha chiesto: "Maestro, come si può bene appressarsi alla morte?" Ho risposto che l’unico modo di prepararsi alla morte è convincersi che tutti gli altri siano dei coglioni.

Allo stupore di Critone ho chiarito. "Vedi," gli ho detto, "come puoi appressarti alla morte, anche se sei credente, se pensi che mentre tu muori giovani desiderabilissimi di ambo i sessi danzano in discoteca divertendosi oltre misura, illuminati scienziati violano gli ultimi misteri del cosmo, politici incorruttibili stanno creando una società migliore, giornali e televisioni sono intesi solo a dare notizie rilevanti, imprenditori responsabili si preoccupano che i loro prodotti non degradino l’ambiente e si ingegnano a restaurare una natura fatta di ruscelli potabili, declivi boscosi, cieli tersi e sereni protetti da un provvido ozono, nuvole soffici che stillano di nuovo piogge dolcissime? Il pensiero che, mentre tutte queste cose meravigliose accadono, tu te ne vai, sarebbe insopportabile.

Ma cerca soltanto di pensare che, al momento in cui avverti che stai lasciando questa valle, tu abbia la certezza immarcescibile che il mondo (sei miliardi di esseri umani) sia pieno di coglioni, che coglioni siano quelli che stanno danzando in discoteca, coglioni gli scienziati che credono di aver risolto i misteri del cosmo, coglioni i politici che propongono la panacea per i nostri mali, coglioni coloro che riempiono pagine e pagine di insulsi pettegolezzi marginali, coglioni i produttori suicidi che distruggono il pianeta. Non saresti in quel momento felice, sollevato, soddisfatto di abbandonare questa valle di coglioni?"

Critone mi ha allora domandato: "Maestro, ma quando devo incominciare a pensare così?" Gli ho risposto che non lo si deve fare molto presto, perché qualcuno che a venti o anche trent’anni pensa che tutti siano dei coglioni è un coglione e non raggiungerà mai la saggezza. Bisogna incominciare pensando che tutti gli altri siano migliori di noi, poi evolvere poco a poco, avere i primi dubbi verso i quaranta, iniziare la revisione tra i cinquanta e i sessanta, e raggiungere la certezza mentre si marcia verso i cento, ma pronti a chiudere in pari non appena giunga il telegramma di convocazione.

Convincersi che tutti gli altri che ci stanno attorno (sei miliardi) siano coglioni, è effetto di un’arte sottile e accorta, non è disposizione del primo ebete con l’anellino all’orecchio (o al naso). Richiede studio e fatica. Non bisogna accelerare i tempi. Bisogna arrivarci dolcemente, giusto in tempo per morire serenamente. Ma il giorno prima occorre ancora pensare che qualcuno, che amiamo e ammiriamo, proprio coglione non sia. La saggezza consiste nel riconoscere proprio al momento giusto (non prima) che era coglione anche lui. Solo allora si può morire.

Quindi la grande arte consiste nello studiare poco per volta il pensiero universale, scrutare le vicende del costume, monitorare giorno per giorno i mass-media, le affermazioni degli artisti sicuri di sé, gli apoftegmi dei politici a ruota libera, i filosofemi dei critici apocalittici, gli aforismi degli eroi carismatici, studiando le teorie, le proposte, gli appelli, le immagini, le apparizioni. Solo allora, alla fine, avrai la travolgente rivelazione che tutti sono coglioni. A quel punto sarai pronto all’incontro con la morte.

Sino alla fine dovrai resistere a questa insostenibile rivelazione, ti ostinerai a pensare che qualcuno dica cose sensate, che quel libro sia migliore di altri, che quel capopopolo voglia davvero il bene comune.
E’ naturale, è umano, è proprio della nostra specie rifiutare la persuasione che gli altri siano tutti indistintamente coglioni, altrimenti perché varrebbe la pena di vivere? Ma quando, alla fine, saprai, avrai compreso perché vale la pena (anzi, è splendido) morire.

Critone mi ha allora detto: "Maestro, non vorrei prendere decisioni precipitose, ma nutro il sospetto che Lei sia un coglione". "Vedi", gli ho detto, "sei già sulla buona strada."

STATO NATURALE - UG Krishnamurti

venerdì 26 maggio 2017
Un personaggio molto interessante è UG Krishnamurti (non Jiddu K.).
Lui parlava dello "stato naturale" come la condizione di defualt di ogni organismo, condizione in cui la coscienza (vita?) si esprime liberamente e nel migliore dei modi, cioè sotto forma di ineccepibile intelligenza.
Ciò che altri chiamano illuminazione (concetto da lui aspramente rifiutato) per lui era una "calamità". Una trasformazione biologica imprevedibile ed estremamente sgradevole, ma soprattutto un'esperienza assolutamente involontaria, un colpo di scena che ti colpisce all'improvviso - non perché hai accumulato meriti in seguito ad opere straordinarie. E' come una folgorazione, vieni fulminato senza un perché, il sistema nervoso si resetta e tutta la vecchia conoscenza (identità costruita negli anni) si dissipa in un nanosecondo, lasciandoti per alcuni istanti (anche giorni) in stato catatonico. Nulla a che fare con aggrazianti visioni luminose o incontri angelici. In seguito a questa calamità il suo cervello ha semplicemente smesso di porsi qualsiasi forma di domanda esistenziale. La mente formulava solo richieste basilari (dove sono le chiavi?) e per il resto della giornata era quieta/silenziosa. Si era spento la necessità di diventare qualcuno di speciale, non andava in cerca di esperienze intense, anzi non sapeva neppure chi era. Non gli interessava più "sapere" alcunché, cioè accumulare nozioni.
Non voleva più aiutare nessuno perché lo riteneva impossibile, anzi presuntuoso. Era totalmente indifferente alle pseudo-sofferenze psicologiche degli altri, cioè alle loro afflizioni immaginarie, agli atteggiamenti autocommiseranti. Se uno gli diceva di sentirsi trsite, deluso o disperato per la tal questione, lui gli voltava semplicemente le spalle, non voleva ascoltare i loro interminabili piagnistei.
In conclusione, dal suo punto di vista non ci sono livelli, nuovi/alterati/espansi stati di coscienza, niente da trascendere o trasalire. Per lui la maggioranza di questi concetti (soprattutto karma) sono frutto di un meccanismo di autosabotaggio mentale, propugnato da millenni non solo in ambito spirituale.
Ad es. se faccio credere alla tua mente che sei in "Debito" con me ti sentirai in bisogno di "riparare, rimediare, ripagare" tale debito. In tal senso debito karmico o finanziario sono la stessa cosa; concetti per manipolare la psiche altrui.
Oltre a ciò asseriva che non possiamo conoscere l'esperienza e neppure esserne testimoni. Al massimo possiamo tradurre (concettualizzare) qualche nuova sensazione in qualcosa di "familiare" ma questo qualcosa di concettualizzato non corrisponderà mai alla pura esperienza, in tal senso è inutile continuare a voler "comunicare" l'esperienza personale a qualcun altro. Non si possono comunicare esperienze banali come il sapore del pepe figuriamoci le epserienze più profonde. Lo strumento che utilizziamo - il pensiero o alfabeto - è inappropriato per ovvie ragioni. Questo strumento va bene per raggiungere un obiettivo terra a terra, come andare da A a B, ma per il resto (indagare "Chi sono io?" o trasmettere il sapore del pepe) non potrà mai tornare utile.
Al contrario di altri personaggio che sembra volessero convincere gli altri - o loro stessi - che quella fosse la verità, per lui non c'è bisogno di comunicare la verità (quale verità?) e nemmeno di aiutare altri a trovarla. E' arrogante il solo tentativo di metterti in testa il concetto di verità. Per lui Buddha, Cristo, Osho hanno fallito miseramente o forse hanno peggiorato le cose creando ultetiori illusioni, una su tutte l'idea di una pace perfetta, eterna (a cui inevitabilmente l'umano di turno tenderà).
Insomma UG butta nel WC ogni conoscenza, senza distinzioni tra mistico e profano. La coscienza/vita non non ne ha mai avuto bisogno.

QUAL E' IL MIGLIOR INSEGNAMENTO?

martedì 23 maggio 2017
QUAL E' IL MIGLIOR METODO?
IL TUO ! (Forse)
Supponi che i metodi e i modelli siano come delle scarpe.
Il Buddha indossava un paio di scarpe che gli consentivano di camminare bene. Queste scarpe sono state chiamate "Buddhismo" e miliardi di persone stanno tuttora cercando di indossare le scarpe del Buddha sperando di sentirsi bene (raggiungere la pace dei sensi). Ovviamente i tuoi piedi non sono come quelli del Buddha, il tuo metodo - il tuo stile di vita, la tua pratica - cioè le scarpe appropriate a te sono diverse. Sembra banale eppure molti indossano le scarpe degli altri e sperano così di sentirsi meglio. E poi magari danno la colpa ad altri.
Cristo aveva un altro paio di scarpe (un altro tipo di insegnamento) e ad oggi miliardi di altri fenomeni ambulanti provano ad indossare le sue scarpe sperando nel "miracolo".
Gurdjieff, Don Juan, Krishna  o un famoso pinco pallino qualsiasi indossava altre scarpe  - le aveva create da(l) Sé - ma poi sembrerebbe che le abbia vendute ad altri o meglio altri hanno voluto replicare quelle scarpe e camminare come i loro idoli.
Pensa a tutti i libri di auto-aiuto che hai letto e a come anche tu sei caduto in questo trabocchetto.
In una parte è colpa degli autori stessi che promettono risultati strabilianti con titoli del tipo "come vivere felici e contenti in tre semplici mosse...", ma per il resto la responsabilità è di chi compra e si beve quel che legge/ascolta da questi personaggi.
In tale ottica Buddha o Cristo stessi -sempre che siano esistiti - hanno errato nella loro missione fin dall'inizio, cioè nel momento stesso in cui si sono messi a raccattare discepoli che diffondessero la loro parola o la parola di Dio. Col senno di poi - osservando imparzialmente la storia - questi "personaggi" hanno contribuito più in peggio che in meglio. Basti pensare ai conflitti  (non ancora terminati) che si portano avanti per difendere una marca di scarpe (cristianesimo) contro un altra marca (islam).
Un vero saggio si sarebbe subito accorto della condizione dell'umano medio e sicuramente avrebbe evitato di "farsi un nome" allo scopo di insegnare come vivere in pace. Già l'idea che l'amore, la consapevolezza, la compassione vadano insegnante con un "metodo preciso" la dice lunga su quanto siamo superficiali.
L'unico che forse poteva salvarsi la faccia, cioè che sembrerebbe essere stato coerente con se stesso- era (in teoria) Lao tzu. Il libro a lui attribuito era cominciato bene - "Il Tao che puoi nominare non è l'eterno Tao".  Peccato che poi si sia dilungato con 80 capitoli nel descrivere l'indescrivibile Tao. E comunque già nominare "l'innominabile" come "Tao" è un controsenso. Al di là di questo lui sembra essere l'unico che non è andato in giro a fare miracoli e soprattutto a "suggerire" le sue scarpe agli altri. Anzi la prima cosa che ha fatto è stato licenziarsi, uscire dall'ufficio e isolarsi. Sembra che abbia scritto soltanto per accontentare le richieste di un tizio. Ma sopra ogni cosa non voleva discepoli. Si era solo divertito nello scrivere qualche strofa e fine. Tra l'altro non professava sentieri, poteri taumaturgici, non imponeva regole monastiche. Era troppo consapevole del fatto che ognuno deve indossare le "proprie" scarpe per suggerire agli altri le tecniche "giuste", visualizzazioni, preghiere o mantra speciali.
-
Che scarpe stai indossando?
Quelle con la marca "Steiner, Krishnamurti, Tony Robbins, Castaneda, Roberto Re, Katie Byron?"
Se sono strette, se ti danno troppo fastidio (come è ovvio e naturale che sia) sappi che stai indossando quelle sbagliate. Fossi in te non aspetterei altri 10 anni prima di togliermele. Levatele subito di dosso e sentirai un sollievo incredibile.

CHIAREZZA SULLo STATO NATURALE, IL SENSO DI ESISTERE, il non-io, falsa identità, etc.

*Percezione di sé
* io = somma di sensazioni
* insime di impressioni vaghe

esempio pratico:

Immagina qualcuno che ti dica
  1. "hai un naso bruttissimo",
  2. "mi fai schifo"
  3. "hai degli occhi bellissimi"
  4. "ti amo, sei un'anima speciale".
Cosa accadrà?
Tu - il tuo presunto io  proverà particolari sensazioni (sempre diverse) e quindi continuerà a cambiare.
Emergerà un "io" irritato dalle prime due frasi e un "io" allegro grazie alle ultime lusinghe. Ma quali di questi "io" sei tu? Anzi, cosa sono questi io?
E' ovvio che si tratta di semplici impressioni, sensazioni estemporanee. Ebbene se ci fai caso la tua vita è costellata di queste impressioni. La somma di queste impressioni costituisce ciò che in questa società chiamiamo stupidamente "io sono".
L'io è una sensazione vaghissima che varia di momento in momento, in un certo senso non esiste un "io reale" cioè "stabile, immutabile", esistono solo interminabili sensazioni con cui  "qualcosa di misterioso/indefinibile - il vero io" si identifica. In seguito all'identificazione (al credere/fidarci di quelle parole) finiamo puntualmente per rimanerci male appena vediamo che esse scompaiono oppure vengono rimpiazzate in un batter d'occhio da altre imprevedibili o indesiderabili sensazioni.
Quindi tu chi sei?
Quell'anima con gli occhi bellissimi o quella schifezza con il naso bruttissimo?
Ovviamente nessuno dei due... quelle sono solo impressioni - spesso appiccicate dal mondo - con cui abbiamo ingenuamente costruito la nostra identità.

-
* le percezioni sono illimate , quindi l'io non può essere una "precisa, unica" percezione, in inglese si dice che il sé è  no-thing (non una cosa "unica" e distinta)

* storia personale = luogo/periodo (spazio/tempo)
* ma qual è la 1° PERCEZIONE INIZIALE?
* come distingui una "vera, attendibile" Percezione (la mia percezione) dalla falsa (non mia, prodotta dall'immaginaz., da altri/esterno)?
* chiunque può indurre/stimolare percezione a chiunque altro
---> la mente stimola se stessa
* l'immaginazione produce impressioni
* vita è fatta di impressioni
* vita è frutto dell'immaginazione
* La Percezione è sempre impersonale (senza io -  cioè senza un costrutto secondario, es. linguistico o anche energetico)
* Falsa Personalità = identificazione con le percezioni = il famoso non-io, l'ego, cioè uno stato di coscienza sempre deludente perché si identifica con le percezioni che sorgono all'infinito e vi si aggrappa sperando che non scompaiano. Chi non comprende il meccanismo del sistema percettivo è destinato a soffrire inutilmente.

La spiritualità utilizza da sempre un presupposto ingannevole --> l'io allo stato naturale "è sat-cit-ananda, gioia/vitalità/entusiasmo incessante, pace eterna" (percez. naturale = percez. positive)
Questa affermazione - promossa da innumerevoli maestri - implica che le percez. semi-positive (imprecisabile contentezza, fioca serenità instabile, poca pazienza) oppure negative (torpore, vergogna, non beatitudine, emoticon)  siano (io) innaturali o non pienamente naturali.
In realtà un insegnante maturo dovrebbe semplicemente far notare che  lo stato naturale (che di preciso nessuno sa cosa sia) precede qualunque percezione e qualsiasi "io".
* Allo stato naturale non c'è io, non percepisci né sat-cit-ananda né irritazione.

La mente ordinaria non può cogliere questo insegnamento e per questo continua ad osannare pseudo-maestri che promuovono le percezioni spirituali/sublimi rispetto a quelle carnali/inferiori. Involontariamente, come se chi non percepisse gioia non fosse degno di entrare nel regno. Così facendo alimentano ignoranza e confusione, il che porta ai soliti conflitti interiori/esteriori.
La vera liberazione è liberazione da queste distinzioni puerili ed astratte (tra la "mia" superiore percezione e la "sua" immatura percezione), su cui però si fondano non solo le religioni ma l'intera società e forse l'intero Magico Universo di Maya.
Diffida da chi ti vuol convincere a suon di "stimolazioni sensoriali", costui non è un saggio ma un drogato di "percezioni".
Ah già, se non hai colto il punto ti riassumo il discorso:
tu non esisti - l'io a cui hai sempre creduto non c'è, è puramente immaginario... esistono solo vaghe percezioni che emergono caoticamente in un mare di possibilità.
Rilassati, non c'è niente da fare e tu non hai mai fatto nulla, il tuo passato non esiste, si sono solamente susseguite delle impressioni.
Tu sei una semplice espressione vitale - che non ha niente a che fare con le cavolate addizionali (culturali o spirituali). Le teorie, speculazioni sui sentieri metafisici, la via di mezzo, la vacuità, le iniziazioni, lo sciamanesimo etc. sono solo parole vuote sognate da un incontrollato meccanismo di pensiero frustrante.

CHE SOLLIEVO!

domenica 14 maggio 2017

   * Tentare/sforzarsi di accettare questo momento è come tentare di respirare. La respirazione sta già qui, e questo momento è stato già accettato... L'accettazione (amore, silenzio, connessione) è già avvenuta... avviene da sé.

      * non "devo" imparare, perdonare i difetti, coltivare compassione.
         * Illuminazione (trasmissione/ricezione di luce) c'è già. Tutto è fatto di luce.
         * Connessione (en. sottile, campo) è stabile ovunque, non occorrono saluti, sorrisi, abbracci... per colmare distanza/separazione apparente a livello superficiale/sensoriale.
            * ogg. intessuti dello stesso filamento dorato che li collega.
         * mentire (credere di non poter accettare o ricevere luce) è una resistenza vana che produce sofferenza (non devi giudicare l'applicazione della corretta "forma" di accettazione, convenzionalmente ridotta e rappresentata come gentilezza, buona educazione).
         * il corpo carnale "accetta" in maniera spontanea molte più cose di quanto si creda...
         * il corpo di luce o la coscienza/spazio concede tutto (inclusa violenza, inquinamento)  - da la possibilità a qualsiasi manifestazione. Senza criteri esclusivi.

Tu sei questa coscienza, questa accettazione illimitata... che ti piaccia o meno, che tu pratica o meno.

Il vero amore è semplice accetazione e questa c'è sempre stata indipendentemente dai sentimentalismi con cui l'intelletto ha distorto questa verità. Non riguarda coppie, anime gemelle, etc. Accettare un oggetto insignificate è un atto di puro amore come accettare un gesto da una persona particolare. Si tratta solo e sempre di accettazione. E' facilissimo. Il tuo corpo sta già amando - cioè accettando -  tutti... il tuo intelletto invece si fissa su qualcuno di apparentemente speciale in basa a criteri fittizi... come se potesse "amare - accettare" di più la nonna rispetto all'amante. Non c'è gradazione nell'autentica accettazione. Il privilegiare (che implica l'escludere - il gradualizzare l'accettazione) provoca insensata frustrazione.

La prossima volta che dici o senti la fatidica frase "sei l'unico vero amore... la persona che amo più di tutti, quella con cui sento maggior connessione" rinsavisciti e accorgiti che hai fraintesto un mare di cose, in pratica tutto.

Istruzioni per maghi erranti: Andrea Panatta - BN PODCAST

martedì 9 maggio 2017




;

PER VINCERE IL GIOCO (sesso, lavoro, relazione, sport) DEVI DIMENTICARTI IL GIOCO (sesso, lavoro, relazione, sport)

domenica 7 maggio 2017
THE GAME = SAMSARA, problemi immaginari,  menzogne, lato oscuro della Forza, Sistema fallimentare, Matrix, l’identità sociale, vita ordinaria, ego, mente, stato limitato di coscienza
THE OTHER GAME = La Forza, il Regno, essenza, io reale/spontaneo, stato espansivo di coscienza

inizi a giocare quando ti interessi, prendi sul serio THE GAME: in quell’istante perdi.


Risultati immagini per THE GAME game

Immagine correlata

DIVENTARE UN AGHORI

aghori = guerriero che attraversa l'inferno rimanendo intimamente immacolato

stato di coscienza di chiunque sia in grado di oltrepassare limiti e paure

facoltà di integrazione del lato terrificante con quello benevolente

superamento definitivo della dualità o distinzioni tra bene e male, lecito/legale e illecito/illegale, gentilezza e violenza

-
Risultati immagini per aghori

-

Immagine correlataRisultati immagini per aghoriImmagine correlata
-
Risultati immagini per aghori

-
-
Immagine correlata

-

-

Salvatore Brizzi - Come la pioggia prima di cadere

martedì 2 maggio 2017




;

SOFFERENZA VOLONTARIA

lunedì 1 maggio 2017

consiglio di rileggere tutto almeno un paio di volte

-

La sofferenza volontaria è moneta di scambio per la salute, l'arricchimento interiore/esteriore, la crescita personale, la pace interiore, la forza, l'intelligenza

sigilla nel cuore questo messaggio ---> le persone più felici non sono quelle che hanno sofferto di più ma quelle che hanno saputo soffrire meglio.

  • ATTRITO
    • l'ideale sarebbe agire quando e dove c’è “attrito”, questo genera una trasmutazione interiore e favorisce un'accelerazione del processo. Il trucco sta nel fare qualcosa di utile proprio in quei momenti in cui hai meno voglia di farlo. In pratica devi riuscire a costringere il corpo a mettersi all'opera malgrado le resistenze della mente. Per superare l'attrito iniziale (resistenze dell'io pigrone o falsa personalità) devi affidarti alla forza di volontà e alla fiducia nel Lavoro sul corpo sottile o corpo energetico.
    • Es. di attrito = alzarsi presto quando non ne hai voglia; astenerti dal mangiare proprio quando desideri un dolcetto; fare una doccia fredda mentre sei appena sceso dal letto; fare una passeggiata o corsetta al mattino presto.
    • In soldoni, andare “consapevolmente” contro la via di minor resistenza, evitare la scelta più comoda, agire contro tutto ciò che è meccanicizzato (abitudinario) genera attrito e quindi “sofferenza volontaria” e infine trasmutazione da piombo in oro, salto ad un'ottava superiore ovvero un piano esistenziale migliore.
  • NON IDENTIFICAZIONE
    • Non scordare mai che la sofferenza è un mezzo e non il fine.
      •  con il crescere della tua consapevolezza, essa va scemando.
    • Renditi subito conto che non sei tu a soffrire bensì sono le emozioni negative, gli schemi di pensieri dominanti, le abitudini correnti, in due parole stai sacrificando la falsa personalità, l'identità con cui ti eri erroneamente immedesimato finora. Falsa personalità è sinonimo di sofferenza inutile, sofferenza immaginaria (provocata da preoccupazioni insensate, timori concettuali).
    • Mentre pratichi rimani autoconsapevole, ricorda che tu sei solo alchimista che controlla l'andamento del processo di trasformazione interiore. I processi che avvengono nel crogiulo umano riguardano le componenti del corpo. Sensazioni dolorose, emozioni sgradevoli, impressioni, pensieri e così via rappresentano il combustibile o la materia prima sottoposta al fuoco alchemico (fuoco = tua concentrazione/consapevolezza). All'emergere di queste sensazioni fastidiose non identificarti, rimani lucido, consapevole che tu sei l'osservatore "esterno" (non toccato dai quei processi) che si prende cura della macchina biologica: la tua attenzione è necessaria alla riuscita dell'opera. Il principiante si fa del male (SOFFERENZA INUTILE) perché si identifica con il materiale che brucia. Il bravo praticante sa che non può scottarsi perché egli stesso è quel fuoco o meglio il generatore e manipolatore di quel fuoco.
    • Man mano che pratichi lucidamente acquisirai un incredibile potere personale. Carisma, autostima, capacità attrattiva, vigore, centratura, radicamento: queste sono soltanto alcune delle inevitabili benefici dello sforzo cosciente o sofferenza volontaria. Questa sofferenza "utile" si trasforma automaticamente - per una legge fisica infallibile - in nuova energia. La soff. inutile invece - per una serie di ragioni che non è il caso di analizzare - ti depriva di energia.
    • Es. di Soff. inutile =
      • dare istintivamente espressione alle emozioni negative (rabbia, gelosia, senso di colpa, senso di inferiorità, autocommiserazione, lamentarsi-criticare gli altri),
      • continuare a dubitare del lavoro interiore,
      • FANTASTICARE (evadere dalla realtà presente), desiderare di trovarsi altrove con una persona speciale, lontano da ogni difficoltà.
  • DOLORE = PROPELLENTE
    • la fatica, l'attrito, la tensione iniziale vanno visti come una molla che ci spinge ad uscire dall'indolenza: affinché questa molla funzioni è necessario esercitare una pressione verso il basso, al crescere della quale crescerà lo slancio verso l'alto. Considera questo meccanismo come un incentivo. Inoltre questo dolore consapevole ti scuote dal torpore abituale.
    • Spezza le colonne dietro cui il falso io (l'avversario, l'ego) ha edificato il suo nascondiglio
      • Più è grande è la sofferenza "utile" e maggiore sarà l“energia propulsiva” che hai a disposizione
    • eleva il tuo quoziente volitivo = sviluppi la facoltà di non arrenderti davanti a niente e nessuno
      • "la volontà è la quantità di sofferenza che siamo disposti a spendere per ottenere ciò che vogliamo"
  • Se pratichi correttamente puoi accedere alla sorgente vitale ed usufruire di una quantità inesauribile di energia

  • NON RIMANDARE LE PRIORITA'
    • "Fallo subito, non domani mattina"
      • [che si tratti di lavare i piatti, fare la doccia, fare ginnastica, meditare, etc.]
    • Concentrati su un'attività per volta
      • "Lascia perdere il multitasking"
  • SACRIFICA LE ATTIVITA' SECONDARIE, INUTILI
    • mentre ti dedichi all'attività principale, non pensare ad altro [chiudi f.b., whatsapp, istangram]
    • stai alla larga dai vizi, dalle sigarette, dal caffè, dallo zucchero, dall'alcol, etc.
    • Es. di Soff. volontaria = stanare le inclinazioni insensate, i meccanismi sconvenienti che tendezialmente eseguiamo senza rendercene conto: una volta “stanato” uno di questi meccanismi, continuando ad osservarlo senza volerlo cambiare… prima o poi svanisce: da solo!
      • se cerchi di cambiarne anche solo una virgola, c’è la possibilità che lo stesso meccanismo si travesta, cambiando un dettaglio o spostandosi altrove, per ripresentarsi sotto mentite spoglie.
      • Il che equivale a non cambiare una beata fava: è come cambiare una camicia pensando di andare in giro a torso nudo.
      • Occorre porsi una specie di “sveglia” interna che ci porta a riconoscere il comportamento in questione sul nascere, ovvero dalla reazione emotiva che lo produce e stroncarlo letteralmente all’istante.
      • Se non cerchi di cambiare quello che osservi, ma continui a guardarlo senza cercare di giudicarlo (anche solo dare un nome ad una cosa significa de facto emettere un giudizio), è possibile che parta una catena di osservazioni che ti portano a capire molte altre cose interessanti sul tuo funzionamento.
  • IL POTERE DEI DOVERI ESSERICI
    • il leggero SFORZO COSCIENTE compiuto quotidianamente contrasta il torpore ("SONNO" o "IPNOSI" a cui viene abitualmente sottoposta la bio-macchina - il tuo corpo]
      • nel fare quella piccola attività stai rimandando qualcos'altro, l'attività deleteria [il dormire, il cazzeggiare, il disperdere energia vitale]
      • Dai sempre la precedenza a tutte le attività che stimolano attivamente la tua attenzione, innalzano il liv. energetico. Sacrifica le comodità. Il tuo Essere si espande fuori dalla zona di comfort
      • All'inizio evita i SUPER-SFORZI. Essi sono estremamente utili e potenti ma richiedono una padronanza enorme.
  • COMINCIA DAL MICRO
    • Non lancirati in attività eroiche. Parti con piccoli atti, di breve durata e lieve intensità, poi aumenta gradualmente la portata del lavoro. Inizia per pochi minuti, cronometra 5 minuti e non demordere fino alla fine. Dopo un paio di settimane prolunga di 5 min., poi 10 min., 15 min. etc.
  • ILLUSORIETA'
    • la sofferenza, per quanto lancinante, proviene sempre da una percezione soggettiva, è un fattore variabile, modulabile e in alcuni casi annullabile. In poche parole la radice della sofferenza è irreale. Fa leva su una serie ingannevole di meccanismi biologici, psicologici e sensoriali. Per ritrovare il benessere non è necessario intervenire cavillosamente su questi meccanismi... è sufficiente comprendere cosa significa il termine "percezione".
      • La sofferenza è uno dei legami più interessanti e diretti che abbiamo con l’illusione. Non va scacciata ma studiata a fondo. Il saggio giunge al risveglio proprio grazie alla lucida analisi della sofferenza: in tal modo ottiene la chiara visione della sua radice percettiva.
      • Sofferenza volontaria = non sfuggire da un dispiacere (una scomodità) frapponendo barriere tra noi e la sua percezione. Immergiti completamente! Riemergerai in un mare di GODURIA.
        • il dolore può sconfinare nel piacere, come viceversa. Piacere e dolore sono due facce della stessa medaglia: l'illusoria percezione soggettiva.

In conclusione la sofferenza è inevitabile, non c'è via di scampo. L'unica decisione sensata riguarda il tipo di sofferenza: puoi scegliere quella utile oppure quella inutile.

-
Nello scrivere l'articolo ho preso spunto da vari blog tra cui:
http://www.francescoamato.com
http://www.sviluppocoscienza.it/ouspensky.htm

ALCUNI MIEI APPUNTI SUL TRANTRISMO SHIVAITA KASHMIRO

domenica 30 aprile 2017


-

la conoscenza (liberatrice) non si conquista  negando/fuggendo/andando oltre le apparenze ma prestandovi attenzione da vicino (tramite una profonda contemplazione della natura)

-
I PENSIERI SONO ESATTAMENTE DEGLI SCIAMI DI MOSCERINI ETERICI:
ogni tanto entrano nelle cavità eteriche, neurali... non darti pena per la loro presenza, non credere di averli generati, sono volati lì o inseguono per un po' la bio-macchina (corpo). Transita altrove e  lasceranno in pace la psiche (apparato corpo-mente).
NON OCCORRE FERMARE I PENSIERI [sciame moscerini] ma semplicemente riconoscerli come ogg. esterni a te (che sei consapevolezza) e attraversali... "Sposta l'attenzione" altrove.
-
Come esiste un sistema immunitario fisico (costituito da un insieme di anticorci, micro-organismi, di cui non sei consapevole) così esiste un sistema immunitario psichico che può proteggerti da attacchi energetici di vario tipo. Questo sist. immunitario è formato dalle linee guida che puoi rintracciare in tutti gli insegnamenti. Affinché il sist. imm. psichico sia robusto è necessario che la tua attenzione sia posta su questi insegnamenti, occorre che in te si sviluppino i dovuti anticorpi (pensieri creativi, intenzioni, scopi, ideali, aspirazioni, setimenti pacifici).
-
La perdita di un qualcosa di inutile non è mai una perdita bensì sempre un guadagno.
Questa perdita viene percepita come un sacrificio a causa della tua ignoranza o dell'identificazione con ciò a cui rinunci. Se ti rendessi conto che non stai perdendo una parte di te, un oggetto o una persona di valore ma qualcosa che non ti è mai appartenuto o che ti può solo danneggiare allora ti rallegreresti di tale perdita e saresti ben lieto di lasciarlo perdere il prima possibile.
La perdita a cui mi riferisco è il senso di "io sono" (questo corpo, questa mente, questi pensieri, queste sensazioni, quest'anima che si è reincarnata, etc).  Da questa sensazione esistenziale di essere un individuo limitato nel tempo-spazio derivano tutte le altre sgradevoli e ingannevoli sensazioni che hanno accompagnato il tuo viaggio. Il senso di scarsità, il vuoto interiore, la sensazione che manchi sempre qualcosa, il bisogno di qualcuno di speciale che possa riempire questo apparente vuoto sensoriale: questi sono tutti sintomi che indicano che sei prigioniero del senso di "io sono" qualcuno di particolare separato da qualcun altro. Essendo identificato con il tuo stesso aguzzino è praticamente impossibile trovare l'agognata libertà. Il problema non è che non puoi perdere questo io-fittizio, il problema è che "non vuoi" perché ne sei assuefatto. Sei assuefatto agli organi sensoriali, ai piaceri carnali, alle fantasie mentali, alle preoccupazioni dell'io-sociale. Sai che è così.
La perdita di tutto ciò è una goduria che al momento non puoi immaginare.
-



il liberato lo è dalle qualificazioni (tra Sé e natura) = si ritira nello stato originario non-manifesto
     per egli i movimenti di ascesa/discesa rappresentano l'attività spontanea della coscienza
     porre fine all'infruttuosa ricerca, liberi dalla falsa nozione che il corpo sia impuro



la conoscenza (liberatrice) non si conquista negando/fuggendo/andando oltre le apparenze ma prestandovi attenzione da vicino (profonda contemplazione della natura)




viravrata (voto dell'eroe) = vedere ogni cosa - per quanto disgustosa o attraente - con occhi equanime/lucido (sapendo che sono tutte manifestaz. della coscienza)



tuffandosi ripetutamente dentro di sé, anche quando esce dalla meditazione, vibrando [interiormente], ebbro per i postumi della contemplazione/comprensione, vede tutto dissolversi nello spazio della propria coscienza.

Anche quando riemerge dall'assorbimento, è una cosa sola con l'esperienza dell'assorbimento. Congiunge gli stati inferiori e superiori. Non necessita più di mezzi liberatori.

Tutto ciò che dice o fa genera istantaneamente in lui il più alto liv. di coscienza.

In che modo può colui che - sbalordito dalla propria natura e testimone di una coscienza che sostiene l'esistenza di tutto - rimanere soggetto alle afflittive opinioni dell'intelletto?

Si sorprende nello scoprire che l'individuo che si credeva - invischiato nelle pastoie dei pensieri, impigliato nella ragnatela dello spazio-tempo, non esiste affatto.



Una volta capito ciò da cui puoi trarre beneficio e ciò che non è di alcun valore e anzi ostacola (questa realizzazione), puoi iniziare a progredire verso la meta.



non può esserci relazione tra sogg. eterno e ogg.



il saggio fissa l'attenzione sulla fonte del piacere (liberando così la mente/attenzione da tutti i fenomeni che la seducono/disturbano). Si prepara in tal modo alla transizione verso una condizione in cui le preoccupaz. son trascese nell'esperienza pervasiva del sommo piacere. Non è un edonista che brama i piaceri sensoriali, sebbene li usi come trampolino per lanciarsi oltre i regni della transitoria oggettività fisica.

Al piacere sublime si accede tramite la rimozione di ostacoli come l'aspettativa di un vantaggio personale... Liberata da questi impedimenti, l'esperienza è quella di un assaporamento  e un riposo incessante.

risveglio vitalità = Canzoni, profumi, carezze sono mezzi che possono ridestare da uno stato di torpore/distrazione, stimolando il cuore (coscienza) a pulsare più intensamente.

intenzione disciplinata mirante all'innalzamento del liv. di sensibilità ci avvicina alla prolungata meravigliosa pulsazione. Il sapiente riconosce questa pulsazione dentro sé anche di fronte a difficoltà dolorose, ogg. disgustosi. I sensi interni, divini, potenziati o superiori (sono le divinità) rendono l'intero universo una sola cosa con la coscienza.

Muore a se stesso in un atto di adorazione, pieno di devozione per questa realtà che si dispiega al suo interno. Padrone della vitalità che rinvigorisce mente-corpo, può rafforzarsi direttamente senza bisogno di cibi o abbandonandolo a piacimento per animare il corpo di un altro.

ogni piacere è essenzialmente spirituale/energetico = il piacere è stato interno esperito dal sogg. non una proprietà dell'ogg.

colui che desidera il piacere dei sensi percepisce l'apparenza estetica/formale/carnale/rajas-tamas

colui che desidera la quiete, beatitudine percepisce luminosità energetica senza forma





non devi far nient'altro che comprendere (accettare totalmente) il sempre rinnovato flusso/eruzione di coscienza sotto forma di apparizioni che si affaccia a te (consapevolezza)



deporre la molteplicità accumulata = scaricare il fardello "non-mio"



espansione incontrastata dei ridestati

     salsi nel Supremo, si stabiliscono sul piano della beatitudine assaporando qualsiasi ogg. sensoriali che appaiono spontaneamente

     ogni fase è ora luminosa: avendo consumato il senso di diversità, conserva l'auto-consapevolezza in ogni istante (sonno, veglia)...

          riconosce la potenza pulsante della sua vera natura: lo scarto apparente  tra coscienza immanifesta e ogg. manifesto - si ricompone



il desiderio giocoso è la causa della differenziazione (tra sogg. percepiente, atto percepire e percettibile)

     quando il d. giocoso è finito, quella differenza sparisce

          Maya = potere/libertà creativa di apparire in forme incalcolabili - dare la "sensazione" di separazione tra sogg./ogg



distolto lo sguardo (dall'Unità della visione consapevole), ignori il tutto e rimani ossessionato dalla parti



l'anima danzatrice sebbene libera di lasciare la sala di ballo (il corpo, il mondo manifesto), si ritiene prigioniera perché si lascia in-trattenere dal guardiano (il pensiero) e così viene rigettata sul palco di Maya



nulla di nuovo viene conseguito, né si rivela (l'immanifesto), è soltanto sradicata l'idea che l'essere luminoso non splenda



il saggio percepisce direttamente lo sfolgorio del reale in quel luogo in cui non sorgono pensieri dicotomizzanti (nello spazio tra un pensiero o una percezione e il seguente). Viene all'istante assorbito nel vuoto vibrante e poi catapultato nell'attualità. In quell'attimo si libera dalla tirannia dello scorrere del tempo, rimane pienamente soddisfatto del presente (eterno): in quanto conquistatore del tempo, gode nel piacere di divorarlo. Ha capito che è l'eternità.



Rimani per ore - senza interruzione - nel tuo stato naturale e percepirai la libertà (assenza di contaminazioni limitanti)



il dubbio (circa lo stato naturale) è fonte di indisposizione (ostacolo al cammino)

coloro che dicotomizzano cadono ai liv. inferi e devono ricorrere alle pratiche.

Tutte le pratiche dipendono dalla coscienza e non possono servire come mezzo per realizzarla. In quanto coscienza, non puoi praticare per diventare cosciente o espander coscienza.



tutte le cose sono coscienza, quindi tutt'altro che irreali







Related Posts with Thumbnails
CLICK E TORNA SU