CHE SOLLIEVO!

domenica 14 maggio 2017

   * Tentare/sforzarsi di accettare questo momento è come tentare di respirare. La respirazione sta già qui, e questo momento è stato già accettato... L'accettazione (amore, silenzio, connessione) è già avvenuta... avviene da sé.

      * non "devo" imparare, perdonare i difetti, coltivare compassione.
         * Illuminazione (trasmissione/ricezione di luce) c'è già. Tutto è fatto di luce.
         * Connessione (en. sottile, campo) è stabile ovunque, non occorrono saluti, sorrisi, abbracci... per colmare distanza/separazione apparente a livello superficiale/sensoriale.
            * ogg. intessuti dello stesso filamento dorato che li collega.
         * mentire (credere di non poter accettare o ricevere luce) è una resistenza vana che produce sofferenza (non devi giudicare l'applicazione della corretta "forma" di accettazione, convenzionalmente ridotta e rappresentata come gentilezza, buona educazione).
         * il corpo carnale "accetta" in maniera spontanea molte più cose di quanto si creda...
         * il corpo di luce o la coscienza/spazio concede tutto (inclusa violenza, inquinamento)  - da la possibilità a qualsiasi manifestazione. Senza criteri esclusivi.

Tu sei questa coscienza, questa accettazione illimitata... che ti piaccia o meno, che tu pratica o meno.

Il vero amore è semplice accetazione e questa c'è sempre stata indipendentemente dai sentimentalismi con cui l'intelletto ha distorto questa verità. Non riguarda coppie, anime gemelle, etc. Accettare un oggetto insignificate è un atto di puro amore come accettare un gesto da una persona particolare. Si tratta solo e sempre di accettazione. E' facilissimo. Il tuo corpo sta già amando - cioè accettando -  tutti... il tuo intelletto invece si fissa su qualcuno di apparentemente speciale in basa a criteri fittizi... come se potesse "amare - accettare" di più la nonna rispetto all'amante. Non c'è gradazione nell'autentica accettazione. Il privilegiare (che implica l'escludere - il gradualizzare l'accettazione) provoca insensata frustrazione.

La prossima volta che dici o senti la fatidica frase "sei l'unico vero amore... la persona che amo più di tutti, quella con cui sento maggior connessione" rinsavisciti e accorgiti che hai fraintesto un mare di cose, in pratica tutto.

0 commenti:

Related Posts with Thumbnails
CLICK E TORNA SU