Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2018

LA TUA VERA NATURA E' A PROVA DI DOLORE

- Sono acido perché so che la tua vera natura è a prova di acidità e per dimostrartelo verso litri e litri di acido sulla tua finta corazza. Tra l’altro così sciolgo anche la maschera del tuo ridicolo personaggio. In pratica ti faccio un favore perché facilito un lavoro che dovresti imparare a fare da solo, ma probabilmente sei talmente pigro e perbenista da evitare questo processo di auto-dissoluzione inventando scuse di ogni tipo, come la compassione, il buon cuore, il rispet to, la gentilezza, la pietà, l’integrità spirituale. Tutte cazzate, ovviamente! Cazzate con cui addobbi e tappi i buchi del tuo ridicolo personaggio pubblico, privato, mondano o spirituale. -  

LASCIA CROLLARE IL MONDO DEI SOGNI

“È come se fossi rimasto addormentato per tutta la mia vita", dirai tra te e te. "Sono una persona intelligente, posso pensare, almeno penso di poterlo fare, quindi perché non l'ho capito prima? Non ci vuole un genio per vedere che tutto ciò che mi circonda, questo tragicomico teatrino, non ha senso.” Con un pizzico di rodimento la tua riflessione continuerà più o meno così. “È come se per tutta la mia vita fossi stato ubriaco o posseduto o sotto un incantesimo che mi ha fatto inseguire un'allucinazione dopo l'altra,  un miraggio mondano dopo un miraggio spirituale, correre a destra e manco senza mettere mai in discussione niente, ma non appena mi fermo e faccio una domanda, anche una semplice domanda, purché seria, l'intera struttura si ripiega e implode come una casa di carte, l’intero universo ricco di significati (personali o collettivi) crolla come un castello di sabbia.” Piuttosto seccato del fatto di averlo realizza

NON COINVOLGIMENTO NEL SOGNO PLANETARIO

"Al risveglio mattutino vi trovate in una condizione di A-sparsa (disinteresse) nei confronti dei sogni notturni, cioè non vi sentite emotivamente o sentimentalmente coinvolti con i personaggi che avete amato, odiato, ammirato, disprezzato durante la notte. Il disprezzo, l’affetto, l’attaccamento, la repulsione venivano sperimentati soltanto durante il sogno, mentre al risveglio svanisce sia l’attrazione che la repulsione verso quei contenuti. Se nella condizione di risveglio mattutino non provate più alcun coinvolgimento emotivo con le avventure o disavventure dei sogni, al Risveglio inteso in senso lato sarete nella stessa condizione di A-sparsa (non coinvolgimento, intoccabilità, disinteresse, spensieratezza) però nei confronti delle esperienze diurne, del mondo, del sogno collettivo, cioè nei confronti delle avventure o disavventure in cui la vostra coscienza si sente quotidianamente coinvolta." ZeRo, Risveglio dal sogno planetario, vol. 1

C-REX - LA CONSAPEVOLEZZA E' RE (di Jed McKenna)

La consapevolezza è il Re, per questo la chiamo C-Rex. "C-Rex?" chiede Karl.           "Sì, C-Rex, la consapevolezza è Re, al contrario di U-Rex, l'universo è re, che è il paradigma regnante che tutti conosciamo e amiamo." Karl legge i miei appunti. si prende il suo tempo. "No," dice, "non la penso così." Ne discutiamo per qualche minuto. "La differenza tra U-Rex e C-Rex è semplice." gli spiego. "Immagina un foglio di carta bianca e metti un punto da qualche parte nel mezzo. Supponi che la pagina bianca sia infinita, continua per sempre in tutte le direzioni. Ok?" "Si, ok."   "Ora etichetta il foglio di carta infinito come 'Universo' ed etichetta il punto con 'Consapevolezza'. Ok?"    "Ok."   "Quello è ciò che sto chiamando U-Rex, il nostro paradigma condiviso di realtà. Indipendentemente da altre considerazio

LA CHIESA DEL SILENZIO INTERIORE

Il Silenzio è la Chiesa. La mente è il devoto. I pensieri sono le preghiere benedette. Non puoi mai pensare male poiché tutti i pensieri sono sempre benedetti dalla Chiesa del Silenzio Interiore: qualsiasi cosa tu pensa è già benedetta in partenza! Anche il pensiero del male, del peccato, della colpa, della vergona, dell’errore è un pensiero benedetto che può apparire come impuro, ma non lo è. Non devi correggere niente perché non hai mai commesso alcun errore: tutto avviene nella Chiesa del Silenzio e qui non esistono colpe, sbagli, iniquità, scorrettezze, malignità.    

FAI QUEL CAZZO CHE TI PARE

Cara Coscienza L'universo è semplicemente il tuo parco giochi Fai ciò che vuoi Dove, come, quando, perché e con chi vuoi Poniti dei limiti e poi superali Identificati e disidentificati Sentiti in colpa e poi espia la colpa Oscurati e poi illuminati Nasconditi e poi ritrovati Innamorati e poi disincantati Separati e poi riunisciti Moltiplicati e poi azzerati Insomma fai tranquillamente quel cazzo che ti pare! Alla fine risplenderai comunque nello stato naturale di Pura Coscienza.    

LA VERITA' IN FACCIA

Ti schiaccerò la Verità in faccia! Fino a farti perdere la testa! Fino a farti perdere tutti i sensi! Fino a farti perdere tutto! Ti schiaccerò la Verità in faccia! Fino ad annichilire quella ridicola maschera che chiami ‘io’! Fino a far cadere nell’oblio la tua attuale identità! Fino a farti estraniare da questo mondo! Fino a farti perdere qualsiasi punto di riferimento! Ti schiaccerò la Verità in faccia! Fino a farti mancare l’aria! Fino ad ammutolire qualsiasi altro suono! Fino a soffocare qualunque altra voce! Fino ad estinguere qualsiasi pensiero! Fino a demolire la tua mente! Ti schiaccerò la Verità in faccia! Fino a farti venire la nausea! Fino a farti vomitare tutte le tue credenze, i tuoi desideri, le tue fantasie, i tuoi sogni!

RADI AL SUOLO LA TUA FOTTUTA MENTE

Accendi la miccia della Verità. E fai un attentato ai tuoi sogni. Fai un attentato al sogno collettivo. Lancia una bomba atomica nel sogno in cui credi di vivere e lascia che questo sogno che chiami ‘realtà’ esploda in mille brandelli onirici. Lascia tranquillamente esplodere il mondo dei sogni! Radi al suolo la casa dei tuoi sogni. Radi al suolo la vita dei tuoi sogni. Radi al suolo la storia dei tuoi sogni. Radi al suolo il corpo dei tuoi sogni. Radi al suolo questo incubo che chiami ‘la mia vita’. Radi al suolo questo inferno che chiami ‘casa dolce casa’. Radi al suolo questo teatrino che chiami ‘la mia società’. Radi al suolo il tuo passato. Radi al suolo il tuo futuro. Radi al suolo il tuo presunto presente. Radi al suolo la tua fottuta mente. Radi al suolo questo fottuto Universo. (ZeRo) -    

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa))

Mostra di più
  • I MIEI LIBRI