Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da marzo, 2024

Rimani aggiornato

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa)

Mostra di più

Cosa c'è dopo la morte? ... (morte in vita, indifferenziato)

  Non c'è niente dopo la morte. O se preferite dopo la morte c'è l'indifferenziato. La morte non è un evento a sé stante ma la fine di un fenomeno o di un inganno sensoriale. È la fine di un vortice energetico algoritmico e autoreferenziale (me, me, me, mio, mio, mio). È la dissoluzione di un caleidoscopico artefatto (l'io, il mondo, l'universo) immaginato dal potere impersonale che sogna tutto in tempo reale. Da una prospettiva in prima persona (nel senso dei videogiochi o dei sogni notturni), quando le persone muoiono si trovano ad affrontare una sorpresa piuttosto bizzarra: improvvisamente cessa l'ipnosi dell'io sono ("io sono questo corpo, io sono quella persona, io sono quell'essere"). Il respiro si ferma. Il cuore si ferma. Il cervello si ferma e con esso si ferma la frenetica, maniacale, ossessiva differenziazione (io-altri, dentro-fuori, prima-dopo, questo-quello). Ciò che resta è il maledetto nettare che tutti cercano in continuazione

Il mondo che conosci è stato azzerato... E poi?

Questo articolo si ricollega a quelli sull'azzeramento del mondo . Anche il più ritardato dei ritardati si sarà accorto che i punti nevralgici del sistema sociale stanno saltando in aria come fuochi d'artificio. Da un punto di vista artistico non sarebbe neppure un brutto spettacolo, peccato che coinvolga la vita di miliardi di persone. Sta procedendo un po' alla "Fight Club" solo che in questo caso i facinorosi sono proprio gli agenti che avevano eretto il sistema stesso. Questo finto crollo verrà ovviamente rimpiazzato da un nuovo sistema, un sistema più sofisticato,  ma questo a noi non interessa. Per ogni sistema c'è una falla, una crepa, una piccola via d'uscita: alcune tradizioni l'hanno chiamata autoliberazione, autorealizzazione, Risveglio, etc... Se il sistema ha aperto la finestra di Overton per tenervi sempre più incantati e incatenati al mondo delle apparenze, il sottoscritto (e qualche altro individuo) sta aprendo un'altra finestra, un

Sessioni Individuali con ZeRo - Prima Parte

Link sessioni:  https://payhip.com/b/QUsdG Molti lettori, soprattutto quelli che non hanno approfondito il mio materiale, potrebbero chiedersi: Perché fare delle sessioni con il sottoscritto? Quali sono i vantaggi concreti? La risposta può essere sintetizzata nel seguente modo: - Il tipo di sapere, materiale, chiarimenti, soluzioni, consigli pragmatici preparati di volta in volta dal sottoscritto - Dimostrare non tanto a me ma a voi stessi di voler fare sul serio, di non voler perdere tempo. Questo piccolo investimento va contro il vostro ego, il quale (se non lo avete ancora capito) non fa il vostro interesse. L'ego è come un parassita, non è interessato al vostro benessere ma solo al malessere  - Oltre alle sessioni private avete un supporto gratuito infrasettimanale (periodiche email di ricognizione) - Possibilità di interrompere i meccanismi di identificazione con la propria autoimmagine, con il riflesso di sé, con il proprio ridicolo personaggio sociale. - La possibilità di sp

ZeRo Metodo - Vol. 1 - (Anteprima Primo Capitolo)

Link:  https://payhip.com/ZeRoVe  - CAP. 1 - L'INCONTRO "L'unica cosa che brucia all'inferno è la parte di te che non lasci andare..." - Meister Eckhart *** Francesco poteva ancora sentire la pioggia dall'interno del bar. Quel suono cadenzato sembrava il rumore del liquido che aveva appena bevuto. "Individua l'uomo con il cappello bianco e la maglia nera, con al centro un simbolo orientale" - era ciò che c'era scritto nella email che Francesco aveva ricevuto qualche giorno prima. Di persone col cappello ne aveva viste un paio, ma soltanto una persona indossava la maglia con un cerchio bianco, dai contorni sfumati. Doveva essere per forza lui. Si alzò dal suo tavolo e si avvicinò a quel misterioso individuo. Gli sguardi si incrociarono. - "Ehi" - disse Francesco, "Tu sei quello del manifesto?" L'uomo lo fissò per qualche secondo. Nei suoi occhi non si intravedeva quasi nulla, come se fosse un banco di nebbia che eludeva

Scienziati trovano un "gemello parassita" nel cervello di un bambino...

Di seguito riporto un post riguardante un "gemello parassita" cresciuto nel cervello di un bambino di 1 anno. Si tratta di un vero e proprio feto, un corpo in miniatura con tanto di testa, gambe, braccia. Si tratta di un vero e proprio feto, un corpo in miniatura con tanto di testa, gambe, braccia.  Quell'essere stava crescendo nel cervello del bambino... chissà cosa avrebbe fatto se non fosse stato rimosso?  In termini di parassitismo quell’essere avrebbe potuto controllare il cervello e il corpo intero del suo ospite, il tutto senza che la vittima fosse a conoscenza della sua esistenza.  Il parassitato avrebbe potuto credere di fare la propria volontà o i propri interessi mentre in realtà si trattava della volontà e degli interessi di un parassita letteralmente nascosto nella propria mente. Credete che la situazione dell'uomo comune sia tanto diversa?  Indovinate un po' chi è che vi farà credere di essere "liberi" da qualsiasi forma di parassitismo... 

Corpo di Impressioni (capitolo introduttivo)

Link :  https://payhip.com/b/5OPzr - Questo volume è suddiviso  in due macro sezioni. La prima sezione (CONTENUTO PRELIMINARE) è rivolto soprattutto a chi non ha mai letto il mio materiale e serve per favorire almeno un piccolo disincanto. La seconda sezione (CONTENUTO INTERMEDIO - AVANZATO) contiene un approfondimento rivolto soprattutto a chi ha già rotto qualche incantesimo, ha riconosciuto qualche inganno sensoriale, ha una comprensione basilare o generale di questo insegnamento. - CONTENUTO PRELIMINARE L’espressione corpo di impressioni è già stata utilizzata in altri volumi, ma non è mai stata spiegata, analizzata o approfondita, poiché la sua comprensione richiede una certa preparazione e una buona maturità da parte del lettore. In questo momento siete impressionati dal vostro stesso corpo di impressioni. Siete impressionati dalle vostre stesse impressioni, ma in assenza di pura consapevolezza e disincanto non potete riconoscere questa impressionabilità latente, inconscia, invol

Rimani aggiornato sui miei contenuti

  • I MIEI LIBRI

Lettori fissi

ECOVILLAGGIO MANTOVA