Passa ai contenuti principali

"IO SONO" È LA DROGA PRIMARIA – Nisargadatta Maharaj

 

Prima di nascere, eri già drogato.
Qual era la droga?
Puoi guarire da qualsiasi malattia, ma se sei ancora sotto l’influenza della droga primaria, a che servono le cure superficiali?
Qual è la droga che chiami karma o destino, e ti fa credere di essere ciò che non sei?
Prima di andare oltre, devi accettare, almeno come ipotesi, che non sei ciò che sembri, e che dipendi da una droga. Solo allora avrai lo stimolo e la pazienza di esaminare i sintomi, e cercare la causa comune. Non fidarti di nessuno, nemmeno di te. Cerca, scova, smuovi e rifiuta ogni assunto.
Finché non sarai libero dalla tua prima droga, tutte le scienze e le religioni, le preghiere e i vari yoga, non ti serviranno, perché sono basati su un errore, che peraltro rafforzano.

[Nota di ZeRo]
La droga primaria discussa da Maharaj riguarda il processo di identificazione o attaccamento all’io e più in generale l’idea “io sono il corpo” oppure “io sono la mente”, “io sono l’io”.
In poche parole la droga primaria è il senso dell’io.
Da questa droga primaria (attaccamento all’io) derivano quelle secondarie: “io sono nato”, “io morirò”, “io ho pensato male”, “io ho agito male”.
Le cure superficiali sono i palliativi fisici o intellettuali (il pensiero positivo).
La droga primaria non viene riconosciuta perché viene continuamente giustificata da condizionamenti millenari oppure insabbiata da costrutti mentali: karma, destino, volontà, missione divina, mistero della fede.

Finché non ti occupi seriamente della prima droga (attaccamento all’io), qualsiasi cosa tu faccia non ti servirà, sarà controproducente e rafforzerà l’identificazione e la dipendenza dall’io.

Tratto da NISARGADATTA MAHARAJ – messaggi spirituali selezionati da ZeRo eBook: ZeRo (ZR): Amazon.it: Kindle Store

Commenti

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa))

Mostra di più
  • I MIEI LIBRI