Passa ai contenuti principali

Mente Vuota in Corpo Pieno, Aforismi di Zero – 1° parte

 Aforismi tratti da “Mente Vuota in Corpo Pieno. Vol. Poetico-Didascalico

Più realizzi che l’ignoto (l’indicibile) è ciò che desideri e più perderai il desiderio per il noto.

Non identificarti con il flusso allucinatorio della tua mente.

Sei ad un solo passo dal tuo stato naturale.
E quel passo è un passo indietro e in dentro.
Dietro i pensieri e dentro il silenzio.
Dietro le frenetiche emozioni e dentro la pace interiore.
Dietro i veli della tua mente e dentro la Pura Consapevolezza.
Dietro l’io e dentro il Sé.
Dietro le apparenze del mondo esterno e dentro la Pura Coscienza.

Se tieni il telefono spento, nessun operatore esterno può disturbarti.

Se mantieni la Mente Vuota, Pacifica, Silenziosa, nessun operatore interno può disturbarti.

Lo ‘stato naturale’ viene davvero riconosciuto quando sai che sei nello stato naturale anche quando ti sembra di non trovarti nello stato naturale; quando ti senti O.K. anche quando non sei O.K.,; quando sai che va bene anche se non sembra andare bene.

I pensieri che entrano in una Mente Vuota sono come dei ladri che entrano in una casa vuota: non c’è nulla per loro!

Non c’è nulla che possano tenere, portare via, possedere e quindi se ne vanno immediatamente… oppure non entrano proprio.

Bello – Brutto
Giusto – Sbagliato

Superiore – Inferiore

Sacro – Profano

Mondano – Spirituale

 …

Vai al di là della diabolica mente dialogica.

Vai oltre il dialogo.

Non credere alla dualità.

Vai al di là di qualsiasi categoria.

E poi stabilisciti là.

Cos’è il Risveglio?

La rottura di un incantesimo.

Ma non un incantesimo qualunque, piuttosto l’incantesimo per eccellenza; l’incantesimo di tutto ciò in cui credi, l’incantesimo delle tue percezioni, l’incantesimo del mondo esterno, l’incantesimo dell’apparente realtà separata, l’incantesimo dell’Universo.

SONNO PROFONDO = PACE PROFONDA = MENTE VUOTA

 

Il saggio dalla Mente Vuota partecipa al mondo dei sogni diurni e notturni rimanendo assorto nella Pace Profonda caratteristica del Sonno Profondo.

Egli agisce come se non stesse agendo, cioè come se fosse immerso nel Sonno Profondo… e in effetti lo è.

La sua reattività, quando non viene azzerata, viene spontaneamente ridimensionata e autoregolata dalla Pace Profonda.

Nel suo apparato psicofisico regna un’immensa calma piatta; all’esterno si muove, comunica e interagisce normalmente, ma dentro è come se fosse placidamente disteso a letto, immobile, assente, indifferente ai fenomeni del mondo.

La percezione dell’uomo comune è accompagnata da un dialogo interno, caotico e incessante.

Quando la percezione viene privata del suo compagno abituale, il dialogo interno, allora non si tratta più di percezione grossolana e ristretta ma di percezione sottile e allargata. Questa nuova percezione è una percezione diretta, libera dai filtri e dalle interferenze cognitive tipiche della mente ordinaria.

Questa percezione sottile, diretta, allargata corrisponde alla percezione della Mente Vuota.

La Pura Consapevolezza ‘conosce senza pensare’.

Nella Mente Vuota c’è soltanto un funzionamento spontaneamente karmico nel senso di “liberamente attivo” (Karma = azione).

Il corpo – in una Mente Vuota – opera in modalità pilota automatico: tutto fluisce con la corrente cosmicasenza gli attriti e le resistenze di un ‘io’ che vuole manovrare la macchina biologica (il corpo, la natura, il mondo).

La Verità non ha riguardo per nessuna superstizione, nessuna credenza, nessuna illusione, nessuna impressione, nessun sogno.

La tua mente crede che ci sia sempre un ‘segreto nascosto’ da trovare, conoscere, capire o interpretare, quindi volteggia freneticamente su se stessa.

 

La mia mente sa che non c’è nessun segreto da  conoscere e niente da comprendere, quindi riposa tranquillamente in se stessa.

Quando realizzi veramente che tutti quei discorsi (mondani o spirituali) sono dei LOOP che non portano a NIENTE, li abbandoni immediatamente… e definitivamente!

Il giudizio porta alla condanna.

L’assenza di giudizio porta all’assoluzione.

Usare l’intelletto per smettere di pensare è come usare un trapano per smettere di trapanarti la testa!

Non andare alla ricerca di significati insignificanti.

Lascia che i significati giusti emergano spontaneamente

dall’esperienza stessa.

Dal punto di vista di chi vive soltanto in superficie e rimane attaccato alle superficialità esterne, le profonde variazioni interiori saranno sempre vissute come dei grandi terremoti esistenziali.

Non preoccuparti per il futuro… il futuro non esiste.

Senza intenzioni, la mente è libera da tensioni.

È meglio un’illusione positiva oppure un’illusione negativa?

Nessuna delle due… entrambe sono soltanto illusioni.

Entrambe hanno lo stesso valore: zero!

Il desiderio di un’esperienza più positiva è di per sé un’esperienza negativa. E, paradossalmente, l’accettazione di un’esperienza negativa è di per sé un’esperienza positiva.

Qual è la cosa, la persona, la sensazione o l’esperienza a cui tieni maggiormente?

Qualunque essa sia, sappi che

CIÒ A CUI TIENI DI PIÙ È PROPRIO CIÒ CHE TI TRATTIENE DI PIÙ

 

… ti trattiene dall’AutoRealizzazione, dalla Liberazione, dal Risveglio!

Sforzarsi di essere più presenti è come essere una goccia d’acqua che cerca di essere più bagnata.

La preferenza produce sofferenza.

Il bene sorge con il male: se preferisci solo il bene e ignori il male, ti farai sempre male.

Per me è sempre l’anno zero, il mese zero, il giorno zero, l’ora zero, il secondo zero.

Nell’anno Zero non accade mai niente, eppure si sta da Dio.

Nell’anno in cui credete di trovarvi voi sembra accadere di tutto, ma si sta da cani.

Ciò che la tua mente chiama fatto non è affatto un fatto.

Ciò che il tuo intelletto crede di aver fatto non è mai stato fatto.

Un presunto fatto è un non fatto.

E quanta importanza ha un non fatto?

Zero!

Stando ad alcune presunte ricerche, l’uomo comune produce circa 70 mila pensieri al giorno.

Stando a quella statistica, la mente ordinaria trasporta ogni giorno circa 70 mila grossi e pesanti macigni.

Nella Mente Vuota invece passano circa 70 mila piccole e leggere nuvole al giorno.

Analizzare i pensieri produrrà soltanto altri pensieri.

Credere alle illusioni moltiplicherà le illusioni.

 

Non cercare di avere ragione, non analizzare le futili credenze, non dibattere con sterili opinioni, non controbattere alle illusioni.
Balza fuori dall’intera struttura mentale!

Prima di decidere, parlare o agire o reagire
Ricordarti che la Realtà è già perfetta così com’è.

 

A prima vista, tutto sembra solido, consistente, duraturo… reale.

 

Ad una seconda occhiata, più lucida e profonda, tutto è vuoto, inconsistente, impermanente… onirico, immaginario!

Lascia accadere

Ogni cosa

Lascia cadere
Cosa dopo cosa

Sistematicamente
Fino alla non cosa

Fino al niente

Abbandona la mente ordinaria, caotica, rumorosa.
Inabissati nella Mente Vuota, Pacifica, Silenziosa.
Istantaneamente!

Non preoccuparti delle tue assillanti congetture, paranoie, ossessioni, fantasie.

Presto o tardi verranno tutte abbandonate.

Nel frattempo goditi le fantasie più spassose e lascia andare quelle più tediose.

Mente Vuota = Oblio della mente ordinaria

 

Nell’oblio tutto è ovvio ed evidente, quindi non pensi a niente.

 

Oblio inteso non come oscurità e confusione ma come chiarezza quasi accecante che dissolve la miriade di proiezioni della mente ordinaria.

 Altri libri di ZeRo

 Mente Vuota a Cuor Leggero -Volume UnoNISARGADATTA MAHARAJ – messaggi spirituali selezionati da ZeRoJed McKenna - Suggerimenti spirituali scelti e tradotti da ZeRo

Commenti

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa))

Mostra di più
  • I MIEI LIBRI