Le migliori frasi di Georges Ivanovic GURDJIEFF + INCONTRI A PARIGI ( verbali di venti incontri inediti trascritti su richiesta del maestro Gurdjieff stesso)

venerdì 22 luglio 2011


Ricopiate le frasi che vi piacciono di più ;D  e salvatele da qualche parte




 "Ricordati che sei venuto qui perchè hai capito la necessità di lottare contro te stesso e soltanto contro te stesso. Sii Grato dunque a tutti coloro che te ne forniscano l'occasione"

----


L'illusione suprema dell'uomo è la sua convinzione di poter fare. tutti pensano di poter fare, ... , ma nessuno fa niente. Tutto accade.


-----

"Vi lascio in un bel casino!” (ultime parole di Gurdjieff in punto di morte) 

--
"C'era una volta un Mago/Pastore  che possedeva un gregge di pecorelle. A lui piaceva la carne d'agnello e ogni tanto ne macellava una. Per impedire le fughe, decise di ipnotizzare il gregge e immergendole nel sonno ipnotico inculcò tre convinzioni:
1- che quelle pecore erano immortali, sicché non dovevano temere la macellazione, che è anzi un modo di andare di filato nell'eternità;
2- che egli era un buon pastore , che sopra ogni cosa amava le sue pecorelle;
3- che inoltre esse non erano pecore, ma leoni, aquile, uomini, maghi, MAESTRI, DiscePolli nella via del Risveglio.
Da allora in avanti il gregge aspettò tranquillo la macellazione da parte del Pastore "



--


«Una percentuale considerevole della gente che incontriamo per via è vuota dentro, cioè, in realtà è già morta. È una fortuna per noi che non lo vediamo e non lo sappiamo. Se sapessimo quante di queste persone sono in realtà morte e quante di queste persone morte governano le nostre vite, impazziremmo dall'orrore»

--

... il sesso è la nostra principale fonte di schiavitù ma anche la nostra principale possibilità di liberazione ... 
--


l'uomo, come tutte le altre creature viventi, è sostanzialmente un trasformatore di energia che verrà riassorbito a suo tempo nel substrato indifferenziato dell'ecologia cosmica.... tuttavia, a differenza di altre creature, egli può scegliere se partecipare a tutto ciò in maniera  ATTIVA  oppure passiva


-
Sostanzialmente la Magia è la tendenza ad usare le persone per alcuni scopi (buoni o cattivi è relativo), sia producendo in loro la "fede" o l'infatuazione sia agendo su di essi attraverso la paura.
In ogni caso si opera senza che tali persone comprendano appieno o siano a conoscenza di tali azioni e scopi.

E' riduttivo parlare di magia nera, bianca, rossa, etc...
Non vi è, infatti, né magia rossa, né verde né gialla.
Vi è "fare".
Solo "il fare" è magico ".
... E Solo colui che può "Essere" può anche "Fare "
... Tuttavia l'illusione suprema dell'uomo è la sua convinzione di poter fare. tutti  pensano di poter fare, ... , ma nessuno fa niente. Tutto gli accade.



--

I nostri cosiddetti pensieri non sono altro pensieri che formazioni fisse estratte da classificatori o schedari soggettivi. 
Quelli che chiamiamo pensieri non sono pensieri. 
Noi non abbiamo pensieri: abbiamo varie etichette, alcune brevi, altre concise, altre lunghe, ma nient'altro che etichette. 
Queste etichette vengono trasferite da un posto all'altro
Le richieste provenienti dall'esterno sono ciò che noi riceviamo sotto forma di impressioni. Ma le richieste non vengono solo dall'esterno, provengono anche da diversi punti interni. E tutto dev'essere messo in codice.
Questo caos è ciò che chiamiamo pensieri e associazioni.




Nessuno vi crederà se gli dite che non può fare nulla. Questa è la cosa più offensiva e spiacevole che si possa dire alla gente. Ed è particolarmente spiacevole e offensiva perché è la verità e nessuno vuol conoscere la verità.

------




Dio è uno per tutti,
Ma è trino.
Gli uomini sbagliano, poiché è settuplo.
Nella sua totalità è unisono.
Nella sua divisione è contraddittorio.
Egli è ovunque in tutte le forme.
Quando gli uomini lo vedono dipende dalle loro qualità
Quale parte essi toccano.
Ma chi tocca, se è ignorante,
Vede nella parte che tocca, tutto di sé





------------
Ogni momento, preso da solo, rappresenta una particella dell’eterna creazione.

CONSIDERATE ogni ora come un’UNITA' di VITA a SE STANTE

in ogni momento noi possiamo estrarre le sostanze più sottili che possiamo chiamare ”l’essenza della vita”

i momenti che costituiscono il tempo sono delle sostanze.

Per estrarre dalla vita ciò che vi è in essa di più prezioso dovete essere capaci di fare un’operazione chirurgica sulle vostre emozioni.

Ordinariamente l’uomo vive semplicemente seguendo il flusso.
Non è semplicemente addormentato: è completamente morto.


Guardate i risultati di tutti i vostri sforzi del passato e pensate a quale significato ora hanno, nell’ultima ora della vostra vita.

Lavoro su di sé… una cosa strana, impercettibile, ma per molti impossibile vivere senza.

vivere ogni ora con sempre più maggiore profitto... Fate un piano dettagliato dell’ultima ora della vostra vita.

Cercate di immaginare in modo abbastanza chiaro voi stessi nell’ultima ora della vostra vita sulla terra...
Scrivete una specie di sceneggiatura di quest’ultima ora

-------





-------

 L'ULTIMA ORA DELLA PROPRIA VITA -Esercizio di Gurdjieff
===========

Immagina di aver scoperto, in qualche modo, esattamente quando morirai... Immagina di avere solo pochi minuti, forse un'ora da vivere, Cosa faresti con quest'ora preziosa del tuo soggiorno sulla Terra?
Saresti in grado di completare qualcosa in questa ultima ora, hai un'idea consapevole su come farlo?

Nel lasciar andare il tuo ultimo respiro ti sentiresti pienamente soddisfatto dalla consapevolezza di aver fatto tutto il possibile in questa vita per adempiere alla tua Missione ?

Probabilmente saresti costantemente presente, sempre vibrante, in attesa, come il figlio è in attesa del padre marinaio...

Se non sarai soddisfatto dell’ultima ora della tua vita, non lo sarai dell’intera tua vita. Morire significa attraversare qualcosa di irripetibile.
Spendere il tuo prezioso tempo nel nulla significa privarti dell’opportunità di estrarre dalla vita quanto ha di più prezioso.

Attraversare questo mondo con la propria vita, dall’inizio alla fine, rappresenta un’altro aspetto dell’Assoluto.

Tutti i maggiori filosofi si sono accuratamente preparati per l’ultima ora della loro vita.

Nel mondo manifesto tutto ha il suo inizio e la sua fine.
Nel mondo reale tutto è sempre presente e un bel giorno ti sarà permesso di dimenticare tutto e lasciare il mondo "per sempre".

Ed ora vi darò l’esercizio per prepararvi alla vostra ultima ora sulla Terra. Cercate di non fraintendere nessuna parola dell’esercizio.

===========
Esercizio

Riconsiderate l’ora appena trascorsa come se si trattasse dell’ultima ora per voi sulla terra: vi siete appena resi conto che siete morti.
Domandatevi: siete soddisfatti di quest’ora?

Ed ora riprendete vita e ponete in primo piano la vostra aspirazione. Nell’ora successiva (se avrete la fortuna di viverne un’altra) provate ad estrarre dalla vita qualcosa di più di quel che avete fatto nell’ora passata. Definite dove e quando avreste dovuto essere maggiormente consapevoli e dove avreste dovuto mettere più fuoco interiore.

Ed ora riaprite e spalancate i vostri occhi e con ciò voglio dire: aprite a voi stessi più possibilità, siate un po’ più coraggiosi di quanto siete stati nell’ora trascorsa. Poiché sapete che questa è la vostra ultima ora e che non avete nulla da perdere, cercate di ricavarne qualcosa di audace – almeno ora. Naturalmente non dovrete essere sciocchi rispetto a ciò. Conoscetevi meglio, guardate alla vostra macchina biologica come dall’esterno. Ora, mentre state morendo, non ha alcun senso mantenere reputazione e prestigio.


Ed ora avanti fino alla vostra reale ultima ora, coltivate costantemente l’aspirazione a ricevere quanto più potete dalla vita di ciò che ha valore, sviluppate la vostra intuizione.

Prendetevi qualche momento ogni ora per guardare l’ora appena trascorsa, senza giudicare, e poi regolatevi in modo da estrarre qualcosa di più dall’ora successiva.


Se CONSIDERATE ogni ora come un’UNITA' di VITA a SE STANTE, potete provare a fare del vostro meglio per usare ciascuna unità completamente.

Sforzatevi e trovate il modo per farne qualcosa di più di ogni ora rispetto a quella precedente.
Ma nel contempo siate consapevoli del fatto che vi siete presi cura dei debiti collezionati fino ad ora. Aumentate l’ascolto e la conoscenza di voi stessi ed incrementate anche l’abilità d’essere padroni di voi stessi, ciò cambierà il lavoro della vostra macchina che è sempre fuori dal vostro controllo.
Queste abilità possono essere l’indice di cambiamenti reali. E’ assolutamente indifferente che cosa la macchina pensa di tutto ciò.
-------






Gli esseri umani credono a tutto quel che sentono dire invece di credere soltanto a quello che hanno potuto riconoscere direttamente attraverso una giudiziosa riflessione, maturata da un ‘dibattito comparativo’ fra tutti i dati già immagazzinati in loro...




Ti chiedo di non credere a nulla che non puoi verificare in prima persona.”
 



"Tratto caratteristico dell'uomo raffinato è la sua capacità di recitare alla perfezione qualsiasi parte voglia nella sua vita esteriore, mentre interiormente si mantiene libero".





Sii cosciente in ogni istante di ció che pensi, senti, desideri e fai.





Non parlare mai di te senza concederti la possibilitá di cambiare.





Renditi conto che niente é tuo.



La morale soggettiva e' una concezione relativa; se sei imbevuto di concezioni relative, quando sarai grande tu agirai e giudicherai gli altri sempre e dovunque secondo i modi di vedere e le nozioni convenzionali che avrai acquisiti. Devi imparare a non conformarti a cio' che le persone che ti stanno intorno considerano buono o cattivo, ma ad agire nella vita secondo cio' che ti detta la tua coscienza. Una coscienza liberamente sviluppatasi ne sapra' sempre di piu' di tutti i libri e di tutti i maestri messi insieme.




il maestro serve soltanto ad aprire la strada, ma poi dev'essere abbandonato













il punto di partenza della ricerca è la conoscenza di noi stessi o “Lo studio di noi stessi”, “il ricordarsi di noi stessi”.
Questa è la prima importantissima fase. 
In ogni momento della giornata dobbiamo volgere l'attenzione a quello che facciamo pensiamo, diciamo, immaginiamo, proviamo, ecc; dobbiamo riuscire a vederci per quello che siamo, come se ci guardassimo dall'esterno.





Ama quello che non ti piace





Non rendere conto a nessuno; sii il tuo proprio giudice.



Ricorda sempre e ovunque te stesso





“La vita ci è data per uno scopo elevato e tutti insieme siamo tenuti a servirlo; in ciò consiste la nostra ragion d’essere. Tutti gli uomini senza esclusione sono schiavi di questa grandezza.”




“… se ci concentriamo troppo esclusivamente sulla nostra Ombra ne veniamo contagiati e diventiamo inconsciamente simili a essa"





Non guardare con la coda dell'occhio, guarda fisso.


La Volontà vera esiste soltanto quando un solo IO governa, quando c'é un "padrone" nella casa. Un uomo comune non ha "Padrone". Egli é governato ora dalla mente, ora dai sentimenti e ora dal corpo. Spesso l'ordine arriva dall'apparato formatorio e ancora più spesso quest'uomo riceve gli ordini dal centro sessuale. La libera VOLONTÀ é la funzione del PADRONE in noi. La nostra VOLONTÀ é la SUPREMAZIA di un DESIDERIO su un ALTRO.



Se vuoi imparare ad amare, comincia con gli animali, perche' sono piu' sensibili





L'UNICO NOSTRO LIMITE è CHE NON ANDIAMO MAI FINO IN FONDO A CIò CHE VOGLIAMO FARE, NELLE GRANDI COME NELLE PICCOLE COSE



« Alla gente sembra sempre che gli altri non facciano nulla come si dovrebbe, che gli altri facciano tutto sbagliato. Invariabilmente ognuno pensa che lui potrebbe fare meglio. Nessuno comprende né vuol comprendere che ciò che viene fatto attualmente in un certo modo — e soprattutto ciò che è stato già fatto — non poteva essere fatto altrimenti.






.... tutto dipende da tutto, tutte le cose sono collegate, non vi è niente di separato. Tutti gli avvenimenti seguono dunque il solo cammino che possono prendere. Se le persone potessero cambiare, tutto potrebbe cambiare. Ma esse sono quelle che sono, e di conseguenza le cose, anche esse sono quelle che sono. »






Prima di qualunque cambiamento poniti queste semplici domande:
1) Perché sono qui ?
2) Vale la pena di restare ?





Noi consumiamo in permanenza più energia del necessario, usando muscoli di cui non abbiamo bisogno, lasciando correre i pensieri a ruota libera e reagendo troppo emotivamente








A un uomo che non abbia ottenuto determinati risultati, non si può chiedere nulla. 
Non ci si può aspettare più di quel che ha.
Da un punto di vista molto pratico, un uomo non può essere ritenuto responsabile della propria situazione. Non è colpa sua se è diventato così. Quindi occorre tenerne conto, sapendo che non è possibile aspettarsi da un uomo debole delle cose che richiedono molta forza. Ciò che gli si chiede dev'essere in rapporto alla forza con cui può rispondere.






L'uomo è una macchina. tutto ciò che fa, tutte le sue azioni, tutte le sue parole, pensieri, sentimenti, convinzioni, opinioni, abitudini, sono i risultati di influenze e impressioni esterne. Per "fare" bisogna essere ...
(... Per questo la piu' grande conquista per un uomo e' quella di essere capace di fare)






Non decorarti con idee altrui.

La gente finge di sapere qualsiasi cosa su Dio, sulla vita futura, l’universo, le origini dell’uomo, l’evoluzione; ma, in realtà, non sa nulla, neppure su se stessa. E ogni volta che uno parla di qualcosa che non sa come se la sapesse, mente.






... Rilassate i  muscoli, utilizzando solo quelli necessari, tenete in serbo i pensieri, ed esprimete i vostri sentimenti solo se lo volete


Non lasciatevi toccare dalle apparenze: in quanto tali, sono inoffensive. Siamo noi a permettere che ci feriscano




Il tempo è soggettivo, dipende dalle associazioni. Quando sedete inattivi senza concentrazione, il tempo non passa mai. Esternamente, il tempo non esiste; esiste soltanto al nostro interno




Purtroppo noi ci scordiamo sempre di tutto
Ci ricordiamo le cose solo quando è troppo tardi. 
Al momento opportuno, la nostra attenzione è occupata, per es., dal fatto che quell'uomo non vi garba, e non potete impedirvi di provare antipatia. Questa sensazione non va dimenticata, dev'essere registrata nella memoria. Il gusto di un'esperienza non dura a lungo. Senza attenzione, le manifestazioni vanno perdute. Dovremmo annotare tutto in memoria, altrimenti finiamo per dimenticare...
Ci sono cose che non si ripetono spesso. Se casualmente osservate una cosa, e non la affidate alla memoria, la perdete per sempre.





Noi possiamo soltanto dare una direzione e creare alcune condizioni, ma non aiutare


L'anima è come un seme che deve germogliare e  svilupparsi... può essere acquisita soltanto nel corso della vita; non solo, ma è un gran lusso, riservato a pochissimi uomini. La maggior parte della gente trascorre tutta la vita senz'anima, senza padrone interiore. Per la vita ordinaria, l'anima non è affatto necessaria.


Il sistema migliore per essere felici in questa vita consiste nella capacita' di riflettere sempre esteriormente, e mai interiormente


Quando ti ammali, invece di odiare quel male, consideralo tuo maestro.






Uno dei mezzi migliori per risvegliare il desiderio di lavorare su di se' e' quello di rendersi conto che si puo' morire da un momento all'altro... Ma bisogna imparare a non dimenticarselo




Dividi te stesso in due parti. 
Interiormente non identificarti, esteriormente devi recitare una parte. Prendi tutte le cose come una guida. Il tuo compito ora è di acquisire libertà interiore. Questo è il punto di partenza per andare oltre.

Se decidi di lavorare per gli altri, fallo con piacere.


L'amore cosciente risveglia l'amore cosciente. L'amore emozionale evoca l'opposto. L'amore fisico dipende dal tipo e dalla polarità.
La fede cosciente e' liberta'. La fede emozionale e' schiavitu'. La fede meccanica e' stupidita'
La speranza incrollabile e' forza. La speranza piena di dubbi e' vigliaccheria. La speranza piena di paura e' debolezza






Ricordati che sei venuto qui perche' hai capito la necessita' di lottare contro te stesso, soltanto contro te stesso... Sii grato dunque e tutti coloro che te ne forniscono l'occasione






Diventare consapevoli di noi stessi, anche solo per pochi momenti, è la tecnica che può aiutarci ad uscire dallo stato di alienazione in cui ci troviamo abitualmente... deve essere accompagnato da uno sforzo di riduzione del troppo parlare, del mentire a noi stessi e del dare espressione alle emozioni negative.






Non t'incatenare a niente che alla lunga ti distrugga.






Smetti di auto-definirti...


Non contraddire mai, solo taci.


Quando ti chiedono la tua opinione su qualcuno o qualcosa, di solamente le sue qualitá.


Sappi che questa casa puo' essere utile solo a coloro che hanno riconosciuto la propria nullita' e credono nella possibilità di cambiare


In genere l'uomo ha soltanto desideri, e ciò che chiamiamo una volontà forte o debole non è altro che la permanenza più o meno forte dei nostri desideri. La volontà autentica è un potere derivato non tanto dai vari desideri, di regola contraddittori, appartenenti ai diversi "io", ma derivato dalla coscienza e governato da un io unico e permanente. Soltanto questa volontà agisce e trasforma ... può essere definita libera, perché è indipendente dal caso e non può essere modoficata o diretta dall'esterno.



L'uomo può nascere, ma per nascere deve prima morire, e per morire deve prima svegliarsi.


Non conoscendo le leggi cui è soggetta la sua opera, l'uomo s'illude di essere lui ad agire, a fare, a costruire, a decidere; non si rende conto di essere dominato, nelle sue scelte, da forze superiori; non vede che cosa lo induce a muoversi in un modo piuttosto che in un altro, a ripetere ciclicamente le stesse operazioni; non riconosce il suo grado di meccanicità, il suo stato di letargia, di autoipnosi, di automistificazione .


Non giudicare un uomo dalle parole altrui


Se non sei dotato di uno spirito critico, la tua presenza qui e' inutile


L'energia spesa nel lavoro interiore attivo si trasforma immediatamente in una nuova riserva, ma quella spesa nel lavoro passivo e' perduta per sempre


Fai quello che stai facendo nel migliore dei modi possibili.


Non lamentarti.



Nessuno capisce che il grado del sapere d'un uomo è una funzione del grado del suo essere. Quando il sapere surclassa eccessivamente l'essere, diviene teorico, astratto... può diventare addirittura nocivo, perché, invece di servire la vita e di aiutare la gente nella lotta contro le difficoltà, un sapere di questo tipo comincia a spiegare tutto: perciò può arrecare soltanto difficoltà nuove, nuovi guai e calamità d'ogni genere che prima non esistevano.



Chi si e' liberato dalla malattia del "domani", ha qualche speranza di trovare cio' che e' venuto a cercare qui


Non lasciarti impressionare da personalitá forti.


Il riposo non dipende dalla quantita' ma dalla qualita' del sonno


Insegnando agli altri, imparerai su te stesso


Impara a ricevere, ringrazia per ogni dono.



Non ti lodare né ti insultare.


Tieni presente che qui il lavoro non e' fine a se stesso, ma e' solo un mezzo

Non cercare di distinguerti per la tua apparenza.

Qui non ci sono ne' russi, ne' ebrei, ne' cristiani, ma soltanto uomini che perseguono un solo scopo: diventare capaci di essere

Non definirti mai per quello che possiedi.

Non giudicare né discriminare quando non conosci la maggior parte dei fatti.


Lo sviluppo dell'uomo avviene secondo due linee: sapere ed essere. Perché l'evoluzione si compia correttamente, le due linee devono procedere insieme, parallelamente l'una all'altra, sostenendosi a vicenda ...


Soltanto chi puo' vegliare sul bene degli altri meritera' il proprio bene

Aiuta il tuo prossimo senza renderlo dipendente... Aiuta all'altro ad aiutare sé stesso.

« Tutte le persone che voi vedete, che conoscete, che vi può capitare di conoscere, sono macchine, vere e proprie macchine che lavorano soltanto sotto la pressione di influenze esterne, come voi stesso avete detto. Macchine sono nate e macchine moriranno. Che c'entrano i selvaggi e gli intellettuali? Anche ora, in questo preciso istante, mentre parliamo, parecchi milioni di macchine cercano di annientarsi a vicenda. In che cosa differiscono, quindi? Dove sono i selvaggi e dove gli intellettuali? Sono tutti uguali... »


Non parlare dei tuoi problemi personali... Parla solo di ció che é necessario.

Tieni conto di cio' che la gente pensa di te e non di cio' che dice

Non conservare oggetti inutili.



In una disputa, mettiti nei panni dell'altro.

Se sai gia' che e' male e lo fai ugualmente, commetti un peccato a cui e' difficile rimediare


Non stabilire amicizie inutili.



Non seguire mode.



Non venderti.



Non pensare nei benefici che ti procurerá la tua opera.



Solo la sofferenza cosciente ha significato




Vinci le tue paure.



Trasforma la tua collera in creativitá.... Trasforma la tua avarizia in rispetto per la bellezza... Trasforma la tua invidia in ammirazione per i valori dell'altro... Trasforma il tuo odio in caritá.



Non difendere le idee antiche, solo perché fosti tu chi le enunció.



Se offendi qualcuno, chiedigli scusa... Se l'hai offeso pubblicamente, scusati in pubblico.
(Se ti rendi conto di aver detto qualcosa di sbagliato, non insistere in quell'errore per orgoglio e desisti immediatamente dai tuoi propositi.)


L'uomo si identifica con il ruolo che è costretto a vivere: padre, figlio, padrone, operaio, impiegato, dirigente, professionista, intellettuale, guru, furbo, tonto, forte, debole, disoccupato, manager, ministro, ecc.
... Per ognuno di questi ruoli, esistono comportamenti sociali, status symbol, abbigliamenti, modi di pensare e di esprimersi cui ciascuno si adegua inconsapevolmente. E quindi non siamo mai individui autentici, ma veri e propri imitatori: imitiamo modelli e stereotipi, prodotti dalla società in cui viviamo.
.... Persino nei comportamenti più intimi recitiamo in realtà dei ruoli precostituiti, che non si limitano soltanto a comportamenti e ad atteggiamenti convenzionali, ma che penetrano anche all'interno delle nostre convinzioni, dei nostri giudizi, della nostra coscienza.
... Insomma continuiamo a recitare: l'inquinamento della nostra mente è troppo esteso.

Bisogna imparare a dire la verità. Per dire la verità, bisogna essere diventati capaci di conoscere che cos'è la verità e che cos'è la menzogna ... soprattutto in se stessi ...


Tratta ció che non ti appartiene, come se ti appartenesse.


Il più grande errore, egli diceva, è credere che l'uomo abbia un'unità permanente. Un uomo non è mai uno. Continuamente egli cambia. Raramente rimane identico, anche per una sola mezz'ora.


L'uomo non ha un Io individuale... Al suo posto vi sono centinaia e migliaia di piccoli io separati che il più delle volte si ignorano, non hanno alcuna relazione, o, al contrario, sono ostili gli uni agli altri, esclusivi ed incompatibili. 

L'uomo è una pluralità. Il nome dell'uomo è legione... L'alternarsi di questi io, le loro lotte manifeste, di ogni istante, per la supremazia, sono comandate dalle influenze esteriori accidentali...
Un piccolo io accidentale può, a un certo momento, fare una promessa, non a se stesso, ma a qualcun altro, semplicemente per vanità o per divertimento... Vite intere trascorrono così, per regolare dei debiti contratti da piccoli io accidentali.


l'uomo è paragonato a una casa senza Padrone né sovrintendente, occupata da una moltitudine di servitori che hanno interamente dimenticato i loro doveri: nessuno vuole fare ciò che deve; ognuno cerca di essere il padrone, non fosse che per un momento, e, in questa specie di anarchia, la casa è minacciata dai più gravi pericoli

Ma anche se l’uomo comprendesse nel modo più chiaro le sue possibilità, questo non lo farebbe progredire di un solo passo verso la loro realizzazione. Per essere in grado di realizzare queste possibilità, deve avere un desiderio di liberazione molto forte, deve essere pronto a sacrificare tutto, a rischiare tutto per la propria liberazione". 





Non dobbiamo illuderci di poterci liberare con le nostre sole forze: ogni nostro tentativo, ogni sforzo, ogni pensiero o atto, sono già fortemente condizionati; non sappiamo neppure da che parte stia la libertà, che cosa significhi essere svegli.... Il primo passo perciò consiste nella presa di coscienza che siamo come in una prigione e che non sappiamo come uscirne. Per quanti sforzi facciamo, non possiamo evadere da soli; gli ostacoli sono troppi. Sarà più saggio trovare un gruppo di persone che come noi hanno il desiderio di risvegliarsi e che si avvalgono dell'esperienza di qualcuno che lo ha già fatto.



L'Assoluto, vale a dire quello stato di cose in cui l'Insieme costituisce un Tutto, è lo stato primordiale, fuori dal quale, per divisione e differenziazione, sorse la diversità dei fenomeni che noi osserviamo... L'uomo vive in tutti i mondi, ma in modi differenti. Ciò significa che egli è prima di tutto influenzato dal mondo più vicino, con il quale vive in contatto immediato, giacché ne fa parte... I mondi più lontani, anch'essi influiscono sull'uomo, sia direttamente, sia attraverso i mondi intermedi, ma la loro azione diminuisce in ragione diretta della loro lontananza o dall'aumento della differenza tra essi e gli uomini. 


L'umanità, come il resto della vita organica, esiste sulla terra per le necessità e gli scopi propri alla terra. Ed essa è esattamente ciò che deve essere per rispondere ai bisogni della terra al momento attuale... Solo un pensiero così teorico e così separato dai fatti quale il pensiero europeo moderno, poteva concepire che un'evoluzione dell'uomo fosse possibile indipendentemente dalla natura che lo circonda, oppure considerare l'evoluzione dell'uomo come una graduale conquista della natura.


Che egli viva, muoia, evolva o degeneri, l'uomo serve egualmente le finalità della natura o, piuttosto, la natura si serve allo stesso modo, sebbene forse per differenti scopi, dei prodotti sia dell'evoluzione che della degenerazione.
L'umanità, considerata come un tutto, non può mai sfuggire alla natura, poiché l'uomo agisce in conformità agli scopi della natura, anche quando lotta contro di essa.


Come vedremo più tardi, l'influenza diretta dell'Assoluto non raggiunge l'uomo. Ma l'influenza del mondo immediatamente consecutivo, quella del mondo delle stelle, è già del tutto evidente nella vita dell'uomo, benché la scienza' certamente non ne sappia nulla...




Piu' sono difficili le condizioni di vita, piu' sono buoni i risultati del lavoro, sempre ammesso che ti ricordi il lavoro


Sviluppa la tua immaginazione.

Non dare ordini solo per il piacere di essere obbedito.



Se stai meditando e arriva un diavolo, fai andare quel diavolo a meditare.

Puo' essere giusto solo colui che sa mettersi al posto degli altri

Prendi la comprensione dell'Oriente e la scienza dell'Occidente e poi cerca

Non visitare mai nessuno solo per riempire il tuo tempo.

Se dubiti tra fare e non fare, rischia e fa'.


Ciò che è possibile per il singolo è impossibile per le masse.



Colui che desidera la conoscenza deve fare egli stesso gli sforzi iniziali per trovarne la sorgente, per avvicinarla, servendosi delle indicazioni date a tutti, ma che generalmente la gente non desidera vedere, né riconoscere. La conoscenza non può venire agli uomini senza che essi facciano degli sforzi.

Voi siete in prigione e tutto ciò che potete desiderare, se avete del buon senso, è di evadere...
nessuno può fuggire dalla prigione senza l'aiuto di coloro che sono già fuggiti. Solo essi possono dire in qual modo l’evasione è possibile e far giungere ai prigionieri gli utensili e tutto ciò che può essere necessario. Ma un prigioniero isolato non può trovare questi uomini liberi o venire in contatto con loro. È necessaria una organizzazione. Nulla può essere portato a compimento senza una organizzazione.


L'evoluzione può essere necessaria soltanto a colui che si renda conto della sua situazione e della possibilità di cambiarla, e si renda conto che ha dei poteri che non usa e delle ricchezze che non vede. Ed è nel senso della presa di possesso di questi poteri e di queste ricchezze che l'evoluzione è possibile


Una cosa l'uomo deve ben comprendere: la sua evoluzione non è necessaria che a lui.
Nessun altro vi è interessato, ed egli non deve contare sull'aiuto di nessuno; infatti, nessuno è tenuto ad aiutarlo e neppure ne ha l'intenzione. Al contrario, le forze che si oppongono all'evoluzione di grandi masse umane, si oppongono anche all'evoluzione del singolo. Spetta a ciascuno di NOI eluderle. E se un uomo può sottrarsi ad esse, l'umanità non lo può. Comprenderete più tardi come questi ostacoli siano utili; se non esistessero bisognerebbe crearli intenzionalmente, poiché soltanto vincendo degli ostacoli l'uomo può sviluppare in sé le qualità di cui ha bisogno...Queste sono le basi per una visione corretta dell'evoluzione umana. Non esiste evoluzione obbligatoria, meccanica.

L'evoluzione è il risultato di una lotta cosciente.

L'evoluzione dell'uomo è l'evoluzione della sua coscienza, e la coscienza non può evolvere inconsciamente. 
L'evoluzione dell'uomo è l'evoluzione della sua volontà, e la Volontà non può evolversi involontariamente.
L'evoluzione dell'uomo è l'evoluzione del suo potere di fare, e fare non può essere il risultato di ciò che accade.



immaginiamo il rapporto esistente tra una cellula microscopica e il nostro corpo intero. La presenza o l'assenza di una cellula non cambia niente nella vita del corpo. Noi non possiamo esserne coscienti e questo non può avere influenza sulla vita e le funzioni dell'organismo. Esattamente nello stesso modo un individuo distinto è troppo piccolo per influenzare la vita dell'organismo cosmico, con il quale egli si trova (per quanto riguarda le dimensioni) nello stesso rapporto che una cellula ha con il nostro intero organismo



Perché si possa parlare di vita futura, di qualsiasi genere, ci deve essere una certa cristallizzazione, una certa fusione delle qualità interiori dell'uomo: una certa indipendenza dalle influenze esteriori. Se in un uomo vi è qualcosa capace di resistere alle influenze esteriori, allora proprio questo qualcosa potrà resistere anche alla morte del corpo fisico


Gli uomini sono macchine. Le macchine sono obbligatoriamente cieche, incoscienti, non possono essere altrimenti, e tutte le loro azioni devono corrispondere alla loro natura.

... INVECE, Progresso e civiltà nel senso reale di queste parole, possono apparire soltanto al termine di sforzi coscienti. Non possono apparire come risultato di azioni incoscienti e meccaniche.

Quali sforzi coscienti potrebbe fare una macchina?
...
l'attività incosciente di milioni di macchine deve necessariamente concludersi in sterminio e rovina. È precisamente nelle manifestazioni incoscienti e involontarie che sta tutto il male. Voi non capite ancora e non potete immaginare tutte le conseguenze di questo flagello. Ma verrà il giorno in cui comprenderete.

....

ESISTEVA UN MAGO RICCHISSIMO ED AVARO CHE POSSEDEVA
NUMEROSI GREGGI. EGLI NON SI SERVIVA DI PASTORI E
NEMMENO VOLEVA RECINTARE I LUOGHI DOVE PASCOLAVANO
LE SUE PECORE. COSI’ ACCADEVA CHE ESSE SI SMARRISSERO
MA SOPRATTUTTO FUGGISSERO PERCHE’ SAPEVANO CHE IL
MAGO VOLEVA LA LORO CARNE. IL MAGO TROVO’ UN RIMEDIO:
IPNOTIZZO’ LE PECORE. LE CONVINSE CHE LUI ERA UN BUON
PASTORE, CHE LE AMAVA COME DEI FIGLI E CHE LORO ERANO
IMMORTALI PER CUI NON DOVEVANO TEMERE CHE QUALCUNO
LE SCUOIASSE. INOLTRE LE CONVINSE CHE ESSE NON FOSSERO
PECORE MA LEONI, AQUILE ED ALTRE ADDIRITTURA UOMINI.
COSI’ ANZICHE’ FUGGIRE VERSO LA LIBERTA’ RESTARONO
DOCILMENTE IN ATTESA CHE IL MAGO LE SCANNASSE !

--------------


  1. Le migliori frasi di Georges Ivanovic GURDJIEFF  
  2.  Ebook con Consigli Pratici e Compedio sulla Quarta Via
  3. RIPRENDERE LA CORSA DELLA VITA CON GLI SHOCK ADDIZIONALI... 
  4. I CONCETTI PRINCIPALI DI GURDJIEFF (1° PARTE)
  5. La Liberazione conduce alla Liberazione
  6. L'uomo ordinario non ha né anima né volontà...
  7. CONSIGLI DI GURDJIEFF A SUA FIGLIA
  8. Frammenti di un insegnamento sconosciuto (1° parte)
  9. Evadere dalla prigione - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (2° parte)
  10. Il corpo Astrale - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (3° parte)
  11. La conoscenza è accessibile a pochi... - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (4° parte)
  12. I quattro corpi... - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (5° parte)
  13. Sull'immortlità - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (6° parte)
  14. La quarta via - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (7° parte)
  15. L'impermanenza dell'IO - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (8° parte) 
  16. Comprendere l'evoluzione... - Frammenti di un insegnamento sconosciuto (9° parte)
  17. L'Io individuale- Frammenti di un insegnamento sconosciuto (10° parte)
  18. I Mondi...- Frammenti di un insegnamento sconosciuto (11° parte)


;


 -------------------



INCONTRI A PARIGI Si tratta dei verbali di venti incontri, tenuti il giovedì e il sabato tra il 1920 e il 1946 circa, da Gurdjieff. Dal contesto si deduce che fu proprio lui stesso, contrariamente a disposizioni prese in altri periodi del suo insegnamento, a stabilire che si trascrivessero gli incontri.

fonte:  http://gurdjieffinedito.blogspot.com


Incontro del 7 dicembre 1941

D: Accade qualcosa di intollerabile nel mio lavoro. Nonostante i miei sforzi non riesco a ricordare me stesso; ottenere una miglior qualità. Mi ci metto inutilmente per intere ore. Non ottengo risultati. Perché?

G: Questo deriva dal tuo egoismo. Particolarmente il grande egoismo in cui sei vissuto fino ad ora. Tu sei racchiuso in esso, devi uscirne. Per uscirne devi imparare a lavorare. Non solo per te soltanto, ma per gli altri. Comincia con il lavoro sui tuoi genitori. Devi cambiare il tuo compito. Prendine uno nuovo, the same one on the neighbor, non importa chi, tutti gli esseri, o scegli tra le persone tra cui ti trovi. Devi lavorare per te stesso mediante lo scopo di essere capace di aiutarli. Solo questo lotta contro l'egoismo. Io vedo che tu hai un passato molto cattivo, un egoismo particolare. Tutto il vecchio materiale viene a galla. E' per questo motivo che non puoi fare niente. E' normale; in accordo con l'ordine, in accordo alla legge. Prima di raggiungere lo scopo, ci sono molte salite e discese. Questo dovrebbe rassicurarti. Potrebbe rassicurarti completamente, ma tu devi lavorare su te stesso.

D: Per uscire da questo stato di sofferenza, così vivido e così negativo. (Due tipi di sofferenza, una oggettiva, una soggettiva.) Posso fare uso di mezzi esterni, assumere dell'oppio, per esempio?

G: No, tu devi lavorare su te stesso. Distruggere l'egoismo nel quale hai sempre vissuto. Prova quel che dico. Cambia il tuo compito. Ora è necessario raggiungere un nuovo stadio. Voi entrambi siete sulla strada per la Gare de Lyon, ma tu passi per strade diverse, una da Londra e una dall'Opera. Siete entrambi a circa la stessa distanza.

D: Vedo la mia impotenza e la mia codardia. Non posso dire niente e fare niente per un altro. Poiché la mia testa non è pulita. I have a sensation of whether a thing is right or not, ma non posso spiegare chiaramente il perché.
G: Tu non puoi dire niente o fare niente per un altro. Tu non sai di cosa hai bisogno per te stesso, non puoi sapere di cosa ha bisogno un altro. Lavora di proposito per lui. Ma recita la tua parte. Sii distaccato interiormente: Vedi.

PAGINA 02

Externally speak as he does, in modo da non urtarlo. Devi acquisire la forza di farlo. Recita una parte. Diventa doppio. Per adesso lavori come coordinatore. Fai quello che ti dico, non puoi fare di più. Amore per il tuo prossimo; quella è la VIA. Porta a tutti quello che hai provato per i tuoi genitori.

D: Si ha questo desiderio fin dall'inizio del lavoro.

G: Certo, è la stessa cosa; sempre la stessa cosa che ritorna in gradazioni diverse. Ora a un altra gradazione. Tu devi superare questa crisi. Tutto arriva dal falso amore di se', dall'opinione che si ha di se' stessi, che è menzogna.

D:  Ogni cosa in me è stata messa sottosopra dall'esercizio - in tutto il mio lavoro. Ha portato via la gioia del lavoro, l'ha reso doloroso, senza speranza, mi sento come un asino che tira una pesante carretta su per la collina.

G: E' perché in te ci sono altre parti che sono state toccate. E' come un pittore che mischia sempre gli stessi colori e non c'è mai nessun rosso. Quando ci metter dentro il rosso, esso cambia ogni cosa. Devi continuare.

D: Questo esercizio mi ha fatto sentire qualcosa che per me è nuovo; quando provo a farlo e pongo la mia attenzione su quel piccolo punto immobile e vedo che non posso trattenermi davanti ad esso, ho la sensazione della mia nullità e ho visto come comprendere meglio l'umiltà. Questo piccolo punto è più grande di me.

G: Perché in te hai un cane che ti ostacola in ogni cosa. Si chiama insolenza verso se' stessi. Devi distruggere questo cane. Dopodiché ti sentirai padrone di questo puntino, che tu sei più forte ed esso è nulla. Io non ho fiducia nel tipo artistico che vive nell'immaginazione, ha idee dietro la propria testa, non dentro, pensa di sentire ed esperire, ma in realtà è solo occupato con cose esteriori. Vive solo sulla superficie, al di fuori, non dentro, non in se' stesso. Gli artisti non sanno niente della realtà e immaginano di conoscerla. Non ti fidare di te stesso. Entra dentro te stesso, in tutte le parti di te stesso. E' assolutamente necessario imparare a sentire e pensare nello stesso momento in ogni cosa che fai, in ogni giorno della vita. Sei una persona vuota.

PAGINA 03

D: Come si dovrebbe pregare?

G: Lo spiegherò, ma è per dopo. Nel nostro sistema solare alcune sostanze emanate dal sole e i pianeti, come quelle emanate dalla terra, fanno contatto in certi punti del sistema solare. E questi punti possono riflettersi in immagini materializzate che sono le immagini invertite del Tutto Più Alto - L'Assoluto. Vi dico che è sempre esistita in immagine materializzata nella nostra atmosfera. Se la gente potesse avere abbastanza concentrazione da entrare in contatto con queste immagini, riceverebbe questa sostanza; in tal modo ricevendo, ??non stabilendo una linea telepatica come il telefono????.

D: Queste immagini si materializzano in forma umana?

G: Sì.

D: Se qualcuno mette se stesso in contatto con questa immagine, e una seconda persona può mettere se stessa in contatto con lui?, e una terza e una quarta, posso loro tutti ricevere questa immagine?

G: Se sette persone possono concentrarsi abbastanza da mettersi in contatto con quesyta immagine, essi possono comunicare, a qualsiasi distanza, tramite la linea stabilita tra di loro, e le sette ne formano una. Essi possono aiutarsi tra loro. Comunque, è solo spiegando qualcosa agli altri che uno comprende e assimila da sè completamente.

D: Voglio sapere se materializzando l'immagine di un santo, questo mi porterà quello che desidero particolarmente.

G: Tu pensi come una persona ordinaria. Non hai l'idea????? di materializzare niente ora. Per adesso prendi un compito di autosuggestione, così che una parte convince l'altra e ripete e ripete all'altra che cosa hai deciso. C'è una serie di sette esercizi per lo sviluppo successivo dei sette centri. Citiamo il primo, il cervello, che è quello che conta nella vita ordinaria. (la testa è un lusso) gli altri, anche l'emozionale, che è il solo che è necessario è la corda spinale, quella che devi sviluppare è sofferenza per prima. Questo esercizio la rafforzerà. Allarga le braccia orizzontalmente ad un angolo preciso, contemporaneamente, fissa lo sguardo in un punto di fonte a te.

PAGINA 04

Dividi la tua attenzione esattamente tra il punto e le braccia. Troverai che non ci sono associazioni, non c'è posto per loro, così tu sarai occupato con il punto e la posizione delle braccia. Fallo da seduto, da in piedi, poi sulle ginocchia. 25 minuti ogni posizione, parecchie volte al giorno - o meno. Una volta ho avuto un allievo che poteva stare per due ore senza muovere le braccia du un centimetro. Su altre cose era una nullità.

D: Quando desidero fare degli sforzi per il lavoro, si forma una dura barriera nel mio petto, impossibile da superare. Che potrei Fare?

G: Non è niente. Non sei abituato a usare questo centro - è un muscolo che si contrae - solo muscolare. Continua, continua.

D: Ho fatto questo esercizio fino a quando mi facevano male le spalle. Mentre lo facevo, ho avuto una sensazione di Io. Ho sentito me stesso distaccato, realmente Io.

G: Tu non puoi avere un "Io". L' "Io" è una cosa molto costosa. Tu sei a buon mercato. Non filosofizzare, non mi intereressa, e non parlare di "Io". Fai l'esercizio come un esercizio, come un obbligo, non per i risultati (come l' "Io"). I risultati verranno dopo. Oggi è solo servizio. Solo quello è reale.
D:

G: Non è una porta ma molte porte. Devi aprire ogni porta, impara a farlo.

D: Ho lavorato in particolare sull'amor proprio.

G: Senza amor proprio un uomo non può fare nulla. Ci sono due qualità di amor proprio. Una è una cosa sporca. L'altra, un impulso, amore del vero "Io". Senza di questo, è impossibile muoversi. Un antico detto indiano dice - "Felice è chi ama se stesso, per potermi amare" - Vedo dal rapporto di Mme. S. che nessuno mi ha compreso. Si ha bisogno di fuoco. Senza fuoco, non ci sarà mai niente. Questo fuoco è la sofferenza, sofferenza vollontaria, senza la quale è impossibile creare nulla. Ci si deve preparare, bisogna sapere che cosa farà soffrire e quando è lì, fare uso di esso. Solo tu puoi preparare, solo tu sai cosa ti fa soffrire, che fa il fuoco che cuoce, cementa, cristallizza, fa soffrire tramite i tuoi difetti, nel tuo orgoglio, nel tuo egoismo - ricorda te stesso, dello scopo.

PAGINA 05

Senza sofferenza preparata non c'è niente, for by as much as one is conscious. non c'è più sofferenza. No further process, nothing. Questo perchè con la tua coscienza tu devi preparare cosa è necessario. Tu appartieni alla natura. Il cibo che mangi, che nutre la tua vita. Tu devi pagare quaste sostanze cosmiche; tu hai un debito, un'obbligazione, da ripagare con il lavoro conscio. Non mangiare come un animale, ma rendi alla natura quello che ti ha dato. Natura, tua madre. Lavoro - una goccia, una goccia, una goccia - accumulato durante il giorno, mesi, anni, secoli, forse darà risultati.

D: Sono arrivato al punto di essere infelice, ogni cosa mi è disgustosa, di nessun interesse.

G: E quel fazzoletto sistemato a modo come quello nel tuo taschino? Quello ti interessa. Bene, la natura vuole il tuo bene, ne sono felice. Lei ti conduce al lavoro reale rendendoti tutto il resto disgustoso - è un passaggio che devi fare. Più lavori, più verrai fuori da questa scomodità, questo vuoto, questa mancanza.

D: Anche il lavoro mi è disgustoso.

Mme de Salzmann: Perché tu non lavori, non c'è mai nessun lavoro con te, sempre niente tra noi quando siamo insieme - è il vuoto. Una persona non può portare tutto da sola. Sei tu che devi fare lo sforzo per te stesso. Stasera è lo stesso. Nessuno è lì - nessuno fa lo sforzo.

G: Poi si deve cambiare il modo di lavorare. Invece di accumulare per un'ora, si deve provare a mantenere costantemente la sensazione organica del corpo. Sentire il proprio corpo ancora, senza interrompere le proprie occupazioni ordinarie - mantenere un po' di energia, per prendere l'abitudine. Ho pensato che l'esercizio ti avrebbe permesso di mantenere l'energia a lungo, ma vedo che non è così. Bagna un fazzoletto, strizzalo, mettilo sulla tua pelle. Il contatto ti farà ricordare. Quando è asciutto, ricomincia. LA CHIAVE DI OGNI COSA - ????????? Remain apart Rimani distaccato????????. Il nostro scopo è quello di avere costantemente la sensazione di noi stessi, della propria individualità. Questa sensazione non può essere espressa intellettualmente, poiché è inorganica. E' qualcosa che ti rende indipendente, quando sei con altre persone.



Incontro di Giovedì 8 aprile 1943

Lebeau: Si può "lavorare" in un bagno turco e cosa è meglio fare?

Gurdjieff: L' "hammam" è un posto eccellente per lavorare se uno ci può lavorare. (In particolar modo quando si è nella stanza più calda o tra le mani del massaggiatore.) Ricordare sé stessi senza smettere. Tutto fa esercizio lì. (Tracol dice che qui teme particolarmente l'immaginazione nel lavoro. Gurdjieff gli risponde che comunque in questo caso non sarebbe molto pericoloso poiché il tempo trascorso lì è poco.) --------------------------- 2 Per essere capace di lavorare lì dà a te stesso la tua parola prima di andarci. Pensa. Mentre sei lì. Datti un compito poiché all'inizio è difficile; comunque, se si è capaci, lì si può fare un eccellente lavoro. L'animalismo si espande, si è completamente dentro la sua piacevole sensazione corporea e lavorare qui pone delle difficoltà.
Phillippe: Come si dovrebbero capire le parole: "sacrifica la tua sofferenza."

Gurdjieff: (Prima, da dove vengono queste parole?) (Da un discorso con Gurdjieff) Sacrifica la tua sofferenza per il tuo prossimo, la tua sofferenza volontaria, non per te stesso, ma per gli altri. (Questa regola faceva parte del giuramento pronunciato in passato dai dottori quando erano astrologi e tanto tempo fa quando dovevano promettere di sacrificare il loro sonno, la loro fatica, la loro sofferenza, per gli altri).

Phillippe: Perché la maggior parte della sofferenza umana gira intorno all'amore e cose di sesso?

Gurdjieff: Perché questa domanda? Non riguarda la tua personalità. Chiedilo in un altro modo.

Phillippe: Perché la maggior parte delle associazioni, che interferiscono con il lavoro, sono associazioni sessuali?

Gurdjieff: Questa domanda è soggettiva. Non è così per tutti gli uomini. È un'anormalità risultato della masturbazione infantile. Ma qual è il nesso tra questo e la sofferenza? Non c'è traccia di sofferenza qui. Ogni uomo ha in se tre escrementi che si elaborano da soli e che devono essere espulsi. Il primo è il risultato del nutrimento ordinario ed elimina sé steso naturalmente, e questo deve essere ogni giorno, altrimenti seguirà ogni sorta di malattia. (I dottori lo sanno bene.) Per lo stesso motivo per cui vai in bagno per questa manutenzione, devi andare al bagno per il secondo escremento che è espulso da te tramite funzione sessuale. È necessario per la salute e l'equilibrio del corpo; ed è necessario certamente per qualcuno farlo ogni giorno, in altri ogni settimana, in altri ancora ogni mese o ogni sei mesi. È soggettivo. Per questo devi scegliere un bagno appropriato. Uno che è buono per te. Un terzo escremento si forma nella testa; è immondizia del nutrimento delle impressioni, e le scorie accumulate nel cervello. (I dottori lo ignorano, come ignorano anche il ruolo dell'appendice nella digestione, e lo rifiutano come immondizia.) Non è necessario farsi coinvolgere nell'atto con sentimento. Qualche volta è anormale farli coincidere. L'atto sessuale è una funzione. Uno lo può considerare come esterno a sé, anche se l'amore è interno. L'amore è l'amore. Non ha bisogno del sesso. Può essere sentito per una persona dello stesso sesso, persino per un animale, e la funzione sessuale non c'entra. Qualche volta è normale unirli; questo corrisponde a uno degli aspetti dell'amore. È più facile amare in questo modo. Ma, allo stesso tempo è poi difficile rimanere imparziali come l'amore richiede. Ugualmente se uno considera la funzione sessuale come necessaria medicalmente,  perché dovrebbe amare un rimedio, una medicina?--------------------------- 3 Originariamente l'atto sessuale doveva essere eseguito solo per la riproduzione delle specie, ma a poco a poco l'uomo ne ha fatto uno strumento di piacere. Dovrebbe essere un atto sacro. Si dovrebbe sapere che questo seme divino, lo Sperma, ha un'altra funzione, quella della costruzione in noi di un secondo corpo, da cui la frase "Felice colui che capisce la finzione degli 'exioeccari' per la trasformazione del proprio essere. Infelice colui che li usa in un solo modo".

Aboulker:Perché le religioni proibiscono l'atto sessuale?

Gurdjieff: Poiché all'origine conoscevamo l'uso di questa sostanza, da cui la castità dei monaci. Ora noi abbiamo dimenticato questa conoscenza e rimane solo la proibizione che attrae ai monaci una quantità di disordini specifici e malattie. Guarda ai preti dove crescono "come grassi maiali", (li domina l'interesse del cibo) oppure sono "magri come il diavolo" (e hanno dentro poco amore per il prossimo), i grassi sono meno pericolosi e più affabili.


Giovedì, 1° luglio 1943

S: Mi inganno spesso nella mia opinione su altri. Questo è brutto per me. Dò credito alle persone per qualità che non possiedono; lo vedo solo più tardi quando le conosco meglio. Non so come riconoscere l'ipocrisia e la vedo sempre troppo tardi. Mi piacerebbe avere un mezzo per giudicare le persone e riconoscere chi può essermi utile e chi inutile.

Gurdjieff: Tu non puoi, devi prima preparare te stesso a vedere la realtà. Nel frattempo, recita esteriormente una parte. Interiormente, riconosci la tua non-entità (non entityness). Tu non sai niente. Se hai l'abitudine di fare le cose in un certo modo, falle in questo modo. Dì “Buongiorno" come dici sempre buongiorno. Ma allo stesso tempo lavora per rimanere nel lavoro che stiamo facendo qui e poi sarai capace di riconoscere le persone. Per ora, ognuno è come te: niente, zero. Non importa se è un operaio, o un senatore, egli è una merde come te. Lavora per non essere una non-entità; lavora, così che sia tra un giorno, un mese o un anno tu non sartai una non-entità.  Fai tutto esattamente come sei abituato a farlo. Ma devi recitare una parte, senza partecipazione, senza identificarti interiormente: e ricorda che il tuo valore è - zero. Lavora, lavora e ancora lavora, al fine di cambiare quella nullità in qualcosa di definito.
L'educazione fa una maschera. Quando guardi la gente, tu credi a questa maschera. Dopo un po' la maschera cade e tu vedi che sono la stessa merde che sei tu. Non importa chi tu stia guardando, egli rappresenta una maschera. Se lo osservi a lungo, con imparzialità e attenzione, vedi che non è sempre capace di tenersi la maschera; nello stesso istante, la merde verrà mostrata attraverso, è la stessa che è in te. Egli è niente, come tu sei niente, fosse anche un colonnello, senatore o milionario. E' solo le combinazioni di vita che ci sono qui (?). Ma egli stesso rappresenta soltanto una nullità.
Non è nulla soltanto chi ha compreso la propria nullità e ha lavorato su di sè per cambiarlo. Quell'uomo è un'altra qualità di merde: con "rose". E' ancora merde ma non ha lo stesso odore.

PAGINA 07

Lavoro, metti ogni cosa a confronto con esso, e stai certo che tutti quelli che non lavorano sono nullità come te. Tu non sei nulla, ma anche lui non è nulla. Egli è un generale, un colonnello, queste sono cose esteriori: non valgono (costano) nulla.
Nella vita, ogni cosa è accidentale - occupazione, posizione, tutti gli obblighi; che uno sia il sindaco o il poliziotto all'angolo. E' la vita che crea queste anormalità. Interiormente, ogni cosa è sempre la stessa cosa. Le cose esteriori non cambiano le cose interiori. Solo il lavoro cosciente è capace di cambiare l'interiorità - lavoro cosciente e sofferenza volontaria.

Sim: Ho notato per un lungo periodo che molto spesso, e riguardo faccende molto diverse tra loro, una voce interiore mi ha detto quel che dovevo fare. Io la percepivo, ho sentito quel che diceva, ma senza eseguire quello che mi diceva. Ho agito diversamente e poi ho visto che la voce ha sempre ragione. Mi piacerebbe sapere se non devo prestarle attenzione o al contrario darle più retta.

Gurdjieff: Non fare nulla di tutto questo. Compra un quadernetto, fai una registrazione. Scrivi ma non fare niente. Quella voce è il tuo istinto; qualche volta l'istinto può apparire attraverso la coscienza, ma è raro. Forse essa proverà che tu hai un vero istinto. Guarda se le registrazioni lo dimostreranno. Ora forse troveremo un esercizio. Ma non fare niente prima.

Sim: Ma per scriverlo, devo farlo al momento (rendermi conto).

Gurdjieff: Fai una nota, parlerò dopo. Forse è suggestionabilità, fantasia, idiozia. In base al risultato io dirò matematicamente che cos'è. Qualche volta l'istinto è una cosa molto indipendente. Ma come sia per te, non lo so. Parlerò dopo. Prima di quello, continua come stai facendo, prima di quando non noti niente (Before that, continue as you are doing, before you noticed anithing.).

Sim: Sarebbe meglio dopo se io ho eseguito quello che essa mi dice.

Gurdjieff: Vedremo. Tu la pensi così, ma forse è il contrario. Forse è psicopatica. Io non voglio credere a niente tranne che a i fatti dati dalle registrazioni. (Statistica). Tu parli soggettivamente. L'oggettivo non lo conosco.

PAGINA 08

Lu: Io provo a mantenere il sentimento di non-entità e sofferenza volontaria quanto più spesso possibile. Ma noto che dà un paralisi lunga tanto quanto l'azione implicata. Mostra la futilità di tutte le azioni e occupazioni. Se, prima, dovevo fare uno sforzo per fare una data cosa, oggi mi devo anche portare il collare di ferro di questa non-entità. Lo sforzo è raddoppiato. Cosa dovrei fare perché questo sentimento di nullità non mi paralizzi, non interferisca con la vita esteriore?

Gurdjieff: Fai quello che ti ho già detto. Uno deve lavorare solo la terza parte del proprio stato di veglia. Stabilisci un tempo speciale per il lavoro. Non mischiare le cose: stabilisci un tempo: domani tra le dieci e le undici, vita ordinaria. Le altre idee, il lavoro, mandale al diavolo.

Lu: Non si è mai liberi di mandare via il sentimento della propria nullità?

Gurdjieff: Metti da parte il tuo nuovo stato. E fai quello che ti ho detto prima, quando non avevi cominciato il lavoro. Non si devono mai mischiare le faccende. Per adesso non usare ancora i risultati del lavoro interiore per il lavoro esteriore. Non ancora. Tu sei a scuola, come un bambino. Non è per la vita, non per guadagnare soldi. Tu vorresti sapere un grande segreto che non useresti. Quello è una cosa, la vita un'altra cosa. Mercoledì, venerdì, domenica, fai quel che ti piace, manda al diavolo tutti gli altri pensieri; se li mischi, uno ostacolerà l'altro.

Lu: Il sentimento di nullità, non chiamato, che viene da sé, è davvero automatico e quindi distruttivo?

Gurdjieff: Nel tempo accantonato per il lavoro, fai un commento più vivace. Il resto del tempo, al diavolo. E' psicopatia.

Gurdjieff a An: Non ho mai sentito il suono della tua voce. Io conosco la tua voce nella vita, ma non nel nostro circolo. Puoi dirmi qualcosa?

An: Non ho lavorato ancora abbastanza per fare una domanda.

Gurdjieff: Come lo sai?

An: Perché non oso.

PAGINA 09

Gurdjieff: Prima avevi una domanda.

An: Non oggi.

Gurdjieff: Bene, prima, ieri.

(Mme. de Slzman dice a Gurdjieff la domanda che aveva posto An)

Gurdjieff: Chi lavora diventa un attore, un vero attore nella vita. Essere un attore è recitare una parte. La vita è il teatro dove ogni uomo recita una parte. Ogni giorno essi la cambiano. Oggi una parte, domani un'altra parte. Solo che lui è un buon attore che è capace di ricordare sé stesso e recitare consciamente la sua parte, non importa quale possa essere.

An: Ma come si può conoscere la parte che si deve recitare?

Gurdjieff: Tu parli con Boussik - tu sai chi è lei, come uno dovrebbe essere con lei, cosa le piace. Bene, poi fallo. Interiormente lei è nulla per me, è una merde per me. Le piace la gente che le fa il baciamano; io glielo faccio perché le piace. Sono gentile con lei. Interiormente voglio insultarla, ma non lo faccio. Recito la mia parte. Così poi lei diventa (la) mia (schiava). Interiormente io non reagisco.

An: Non ho successo nell'essere buona con gli altri.

Gurdjieff: Forse non sei ancora libera.

An: Vorrei approfittare trarre profitto da ogni cosa, egoisticamente per me stessa.

Gurdjieff: Devi lavorare. Ammazza il cane in te. Tu reciti la tua parte solo teoricamente, ma ti dimentichi in fretta e torni alla tua nullità. Il tuo compito sarà di ricordare più a lungo.

Dr. Ab: Che c'è di buono nell'avere schiavi?

Gurdjieff: Per la vita; se tu non hai nessuno schiavo, sei schiavo di qualcuno.

Dr. Ab: Non si può semplicemente essere uguali?

Gurdjieff: Mai. Come è possibile? Tu hai quattro occhi e io due. Questa è già una differenza. Tuo padre amava tua mamma se si sdraiava a sinistra; mio padre amava mia mamma se si sdraiava a destra. Il risultato: io sono uno, tu un altro. Per me una legge, per te un'altra.

PAGINA 10

Il benessere dell'uomo è che ognuno sia suo schiavo. Tu dici che il lavoro ti ha cambiato. Grazie al lavoro non sei più una merde; grazie al lavoro conscio e alla sofferenza volontaria. Obiettivamente te lo meriti.

Dr. Be: Per ora i nostri cani ci obbligano a usare gli altri per i nostri fini.

Gurdjieff: Lì hai buon terreno per essere-lavoro. Oggi sei un uomo ordinario; nel tuo lavoro prova ad essere un uomo superiore. Dopodiché, forse, sarai un uomo completo, un vero uomo. Per adesso, quando senti i tuoi cani, lotta contro di loro; questo conflitto ti è necessario, per diventare un vero uomo; è buon terreno per il lavoro. E ci sono ancora molti cani in te che sono invisibili.

Dr. Be: Ma uno dovrebbe arrendersi a usare i propri poteri sugli altri?

Gurdjieff: Oggi lo fai inconsciamente; prova a farlo consciamente. Allora sarà buono, sia per gli altri che per te. Non c'è altra giustizia.


Incontro di giovedì 22 luglio 1943

Simone: Prima di conoscere il lavoro, ero molto più inquieto, perché sentivo brutte cose delle quali pensavo che non avrei mai potuto sbarazzarmi. Questo mi manteneva inquieto, non costantemente forse, ma molto di frequente. Ho percepito che con il lavoro, é passato, e mi sono sentito più calmo interiormente. Mi piacerebbe ritrovare il stato di inquietudine perché mi manca. Cosa posso pensare o fare per ritrovarlo?

Gurdjieff: Prima credevi che potevi riuscirci con quello. Con questi risultati non puoi fare mai niente. Riuscirai soltanto se fai uno sforzo più forte dell'ordinario. Ma tu forse non ne hai neanche il gusto. Tu sei stato qui per molto; sei limitato per capire cos'è lo sforzo. Auto-sforzo. Sto per dirti una segreto: l'auto-sforzo non è possibile tutto in una volta sola; è necessaria una preparazione. È necessaria la lotta. Finché uno riesce, uno dimentica, uno ricorda, uno dimentica, uno ricorda. Ma quando sei accomodato, calmo, puoi pensare e cominciare a fare; fino ad ora non hai fatto ancora alcuno sforzo.

Simone: Per questo ho fatto la domanda. Sono lì e mi sento troppo tranquillo.

Gurdjieff: Tu immagini, credi che andrai direttamente in Paradiso. No, ci devono essere sforzi sopra l'ordinario. Per esempio, per questa persona (indica un nuovo arrivato) è abbastanza buono per lei, ma tu, non andrai lontano con questo. Devi cominciare a fare un super sforzo, e ora, se non lo fai, è perché non hai uno scopo. Come puoi stare calmo? Con lo sforzo che stai facendo oggi, non riuscirai mai. Una persona normale non potrebbe rimanere calma.

Simone: È proprio per questo motivo che questo mi rende inquieto.

Gurdjieff: È necessario fare sforzi qui. Sei abituato a rendere come prima nella vita. Prima, andava bene, ora non è abbastanza. Lo sforzo deve tendere tutti i tuoi muscoli, tutti i tuoi nervi, anche tutti i tuoi cervelli. Una simile concentrazione deve essere tua. Dovresti averlo fatto da molto tempo. All'inizio, per una persona nuova, è perdonabile. Per te, tu hai il gusto del lavoro vero. Devi realizzarlo nella tua vita ordinaria. Io sono - sempre: io sono. Non dimenticare mai. A poco a poco il tuo "io" farà un contatto con la tua essenza. È necessario ripeterlo molte volte.

Dr. Arboulker: Sono arrivato a preferire emozioni violente piuttosto che l'abituale e passiva inerzia.

Gurdjieff: Questo non esiste per il tuo vero "me", attivo o passivo. Dipenda dal tuo stato. Le cose esteriori sono indifferenti. Ricorda qualche volta, tu pensi che sia negativo, e forse è il contrario. Per avere una verità materiale, non pensare al tuo stato. Non filosofare; osserva soltanto; punta al tuo vero "me".

Luc: Ho fatto quasi la stessa osservazione del dottore. Ma questo invita le emozioni negative a ritornare più fortemente. Questa settimana è stata la migliore, poiché ho avuto alcune emozioni negative. È pericoloso, è reale, è possibile la devastazione, ma ho avuto il gusto di quel che può essere una vita.--------------------------- 5

Gurdjieff: Continua. Ma con la comprensione che stai accumulando una cosa sostanziale non solo per il presente, ma per il futuro. Questo è molto importante. È già tempo di pensare al ricordo e allo stesso tempo di raffigurare a te stesso in forme, non parole, quello che ti sta accadendo.

Luc: Sono stato esaurito persino organicamente dalle mie emozioni negative. Oggi, non mi sono mai sentito così bene, così animato.

Gurdjieff: Non hai mai avuto, precedentemente, alcun argento liquido. Devi sentire che tu oggi hai dell'argento liquido.

Luc: Si sente che il corpo è sotto pressione, che è il teatro di una tale lotta che sta per andare in pezzi.

Gurdjieff: Ho detto: l'uomo non è un maiale, non può scoppiare quando mangia. Il maiale ha uno stomaco normale; non può mangiare di più di quello che gli permette il suo stomaco; scoppierebbe; l'uomo è un furfante; ha uno stomaco di gomma d'India. È peggio del maiale; ingoia, ingoia senza scoppiare mai. Non solo lo stomaco, tutti gli organi sono di gomma. Ma a poco a poco ha degenerato. Persino la gomma, se non la si usa, si restringe. È soltanto se lo si gonfia un migliaio di volte più grande che è come deve essere. (It is only if one restores it a thousand times bigger that he is like he must be). "Scoppiare", è una parola fantastica. Solo i maiali possono scoppiare, l'uomo non può. Il maiale ha uno stomaco normale, può scoppiare: Lo stomaco dell'uomo è di gomma, e tutti i suoi organi. Continua senza paura, se è dieci volte più forte, tanto meglio; andrai dieci volte più veloce qui nel mio gruppo. Non avere paura, non scoppierai. È immaginazione. Come si può scoppiare se si mangia bene? Sei abituato a ingoiare come una maiale. Non hai mai mangiato bene. Solo ora cominci a imparare cos'è il vero mangiare. Non essere spaventato.  Continua e continua. Lascia questa sensazione che crea questo si espanda ogni volta; sei esattamente come un bambino che ha il singhiozzo quando ha mangiato un grande pasto. La natura allarga il suo stomaco. Un bambino può avere il singhiozzo un migliaio di volte. Sei alla prima volta. Non ti spaventare; li avrai 999 volte in più.

Madame Franc: Capisco bene la lotta contro le emozioni negative ma quello che mi disturba è un leggero aspetto del mio carattere che scherza, anche sulla mia miseria stessa. Questo mi impedisce il rimorso e la pietà. Come posso sbarazzarmene?

Gurdjieff: Questo prova che non sai cosa stai cercando. Ti interessi di queste questioni senza partecipazione del tuo istinto. Lo hai detto molto bene. Io capisco perché non vai avanti. Io conosco il segreto del perché rimani lì ferma, uno, due, uno, due; fino ad ora il tuo istinto era isolato. Non ha mai preso parte al tuo lavoro. ti darò una serie di esercizi. Ma hai capito cosa ho spiegato. Tu hai sentito che il tuo interiore non è mai interessato a queste cose per cui stiamo lavorando. Qualcosa in te rimane da parte; esso guarda. Un'altra parte di te fa qualcos'altro; lavori senza istinto. Ogni cosa lavora; la testa, il sentimento, tranne quella che deve. Non ha mai fatto nulla per cambiare.

--------------------------- 6

Hignett: Ho provato ad usare le emozioni negative. Le ho sopraffatte molto bene, ma ho avuto la sensazione di annientarle invece di convertirle. Non riesco a usarle come una forza. Le sopprimo.

Gurdjieff: Non devi sopprimerle. Quel che succede in te è un altro impulso che per un breve tempo prende il posto dell'impulso negativo. Così da parte, per un momento. Ma non è distrutto. Si deve fare tante volte "Chick", "Chick", per distruggerle. Non puoi accertarti che è assente; ma se tu cambi stato vedrai che funziona più debolmente. Perciò, hai un programma di lavoro. Se hai capito, continua a estirpare, a cacciare via gli impulsi. Ma non stare tranquilla. Fallo serenamente. Questo è un altro impulso che rimpiazza, troppo flebile da percepire per te; e immagina di non avere più emozioni negative. Solo le vibrazioni forti raggiungono la tua coscienza.

Mechin: Negli esercizi, sono molto disturbato dalle associazioni. Contro di loro non posso fare niente. Che dovrei fare?

Gurdjieff: Le associazioni sono una parte della nostra presenza. Se la nostra presenza avesse uno scopo, vorrebbe che accadesse qualcosa. Questo prova che la nostra presenza non ha uno scopo. Tu hai uno scopo solo con un centro - (che vuole arrivare in Paradiso con gli stivali sporchi). Si deve avere uno scopo con tutta la propria presenza e lavorare per questo obiettivo. Non con una parte, un solo centro. Io ho associazioni; ma esse non raggiungono la mia coscienza. La circolazione del sangue fa anch'essa tutto da sola. È una funzione automatica. Non mi disturba. Va giorno e notte. Ci sono anche le associazioni; come il mio cuore sta lavorando; e ci sono altre funzioni; per esempio, io vedo, presto attenzione; quel che ho mangiato viaggia. Posso pensare a questo tutta la sera, ogni centimetro dà sensazioni differenti. Automaticamente tu sei occupato con questo. Devi avere uno scopo, e lasciare da parte le funzioni organiche. Non ascoltarle con, la coscienza, col pensiero. Si deve imparare a pensare imparzialmente. Solo questa somma di sforzo ti porterà al pensiero normale. L'esercizio che deve fare, Madame de S. può formulare.

Gurdjieff a Ansi: Hai capito?

Ansi: No.

Gurdjieff a Luc: Hai capito?

Luc: Sì.

Gurdjieff: Spiegalo a lui; questo sarà il tuo compito.

Ansi: Ho notato che prima, le mie emozioni negative, my negative emotions came most of all in my relations with
--------------------------- 7
people. Ero violento e indesiderabile quando dicevo cose alle persone. Per un po' di tempo ho provato a lottare contro questo. Ma sono caduto nell'indifferenza e non so come cambiare il mio stato.

Gurdjieff: Non è necessario cambiare; è molto buono. In te sta crescendo un ri-apprezzamento dei valori. Prima, ti interessavi di cose a buon mercato. E per te non aveva valore quel che non era interessante. Ora quel che per te ha valore è quello che prima non ti interessava. Questo è il motivo.

Ansi:  Ma io voglio cambiare.

Gurdjieff: Perché? Il tuo stato è già cambiato. Prima non vedevi che eri interessato da cosa senza valore. Più di così ora. il tuo stato è cambiato.

Ansi:  Ma se qualcosa mi ferisce, anzichè essere arrabbiato o offeso, sono indifferente.

Gurdjieff: Normale; è poco ma è normale. Prima avevi il tuo amor proprio. Non vale niente, è una cosa ordinaria;ora lo hai capito. Vedi che è idiaota, una nullità, un escremento; prima non lo sapevi. Oggi lo vedi; non sei arrabbiato. Vedi le manifestazioni dell'escremento. Se è così, sono molto contento. Senza volerlo, senza saperlo, sei già avanzato oggettivamente, avanzato meccanicamente. Presto sarai il nostro stimabile camerata.

Lanctin: È possibile nelle condizioni attuali evitare uno sviluppo troppo disarmonico del corpo rispetto lo sviluppo generale?

Gurdjieff: Per lo sviluppo fisico non esistono le stagioni. Non stagioni politiche. È sempre necessario. Devi educare il tuo corpo con la tua testa, coscientemente. È molto semplice. Non permettergli mai di fare quello che vuole. Fagli fare tutto il contrario di quello che ama. Gli piace lo zucchero; non dargliene. Si deve ferirlo per lottare, hai sempre ragione quando resisti al tuo corpo. Ogni cosa al contrario; è così che Dio ha creato il tuo corpo e il tuo intelletto. È una cosa molto semplice. Per questo non è necessario leggere. Il programma è molto semplice. Sotto tutte le condizioni, in tutte le situazioni politiche, l'uomo deve educare il suo corpo a sottomettersi a lui. La tua personalità può educare il tuo corpo. Colui nel quale il corpo è forte e prende l'iniziativa su di lui, è nulla. Chi ha il corpo reso schiavo, è intelligente. Capisci il significato di intelligente? Intelligente significa colui che comanda il suo corpo. Se il corpo comanda, sei una nullità, un villano - se tu comandi il tuo corpo sei intelligente. Perciò scegli cosa vuoi. Intelligente o villano? Se vuoi essere un villano lascia che il tuo corpo ti comandi. Se vuoi essere intelligente, lascia che la tuo coscienza comandi il tuo corpo. Più vuoi comandare il tuo corpo, più esso ti si oppone. E nel resisterti più forza ti dà.



Incontro di Sabato 18 settembre 1943

Lettura: Introduzione alla ottava serie. Alcuni libri di Gurdjieff. Dopo cena, il Sig. Gurdjieff  chiede a quelli che sono tornati dalle vacanze di fargli un resoconto del loro lavoro.

Mme Franc: Durante le vacanze ho fatto i due esercizi che mi hai dato, l'esercizio sulla divisione in due e sulle sensazioni di caldo, freddo, e lacrime (n.d.t. la parola tears tradotta "lacrime" potrebbe anche essere "strappo"). Non posso dire di aver avuto molti risultati da questi esercizi, ma ho avuto risultati nel comprendere. La divisione in due, non posso dire di essere riuscita a farla, ma il lavoro mi ha dato un centro di gravità nella mia testa. Questo ha cambiato molte cose per me e mi ha permesso di deidentificarmi un po' dal mio corpo e posso vedere più chiaramente nel mio lavoro. So meglio cosa sto facendo e cosa devo fare. Questo ha cambiato i valori.

Gurdjieff: Avevo già capito che avevi una personalità. Ora senti in te qualcosa, una separazione. Il corpo è una cosa e tu sei un'altra cosa.

Mme Franc: È quello che sento, ed è una cosa che giudica.

Gurdjieff Devi congratularti con te stessa. Sono contento con tutto il mio essere. È la prima cosa. Senza questo non puoi mai continuare. Senza questo per 10 anni, 100 anni, il tuo lavoro sarebbe soltanto titillazione.

Mme Franc: Mi sembra che ora qualcosa sia stato oltrepassato.

Gurdjieff: Ora devi renderlo fisso. Si deve nutrire il bambino che potrebbe crescere. Dargli buon latte, delle uova, ogni cosa necessaria a un bambino. Quando sarà un ragazzo, sarà capace di parlare e io sarò capace di capirlo. Per me il tuo cliente è lungo abbastanza.

Mme Franc: Volevo anche dirti che l'esercizio delle sensazioni mi ha mostrato che vivevo nell'immaginazione, Poiché noto che è soltanto quando esperisco qualcosa organicamente che è reale; ma non sono capace di concentrarmi abbastanza sulla figura dell'immagine.

Gurdjieff: In generale questa è la tua debolezza. Non è necessario parlarne. È ancora una cosa soggettiva. Ora se ti spiego qualcosa, puoi capire. Prima non avresti potuto capire niente. La prima volta ti sei sentita offesa. E se dico la stessa cosa ora tu puoi comprendere.

Mechin: Ho provato a continuare l'esercizio della divisione in due e, vedendo che non ci riuscivo, ho pensato che era perché l' "io" in me non era abbastanza forte. Tutta la mia attenzione era spostata a "io sono" e, in effetti, questo ha sviluppato a poco a poco una sensazione molto più forte, che non avevo mai avuto, di "io". Ho accertato in effetti che questo ha cambiato tutti i valori in me, che quello che avevo capito teoricamente fino ad ora, ora lo capisco in un modo diverso e questo mi ha fatto capire anche molti problemi, che fissati in me specialmente la necessità per me, ha smesso da questo momento di recitare una parte. Ma, come durante le vacanze, ero abbastanza solo nella parte che dovevo recitare, dovevo recitarla con i miei genitori e sopratutto con mia madre, che era il momento dove arrivava la difficoltà.
--------------------------- 9
Ho accertato che ero completamente incapace di recitare una parte, che era impossibile.

Gurdjieff: Tu hai capito che cos'è recitare una parte; hai capito che valore ha per te, hai assaggiato? Bravò!

Mechin: Poi, mi sono sforzato ulteriormente con l'esercizio di divisione. Ho provato a capirlo e un giorno, passando davanti a uno specchio, sono rimasto molto sorpreso che vedevo me stesso come un estraneo. Ho pensato che avrei dovuto usare questa prova per fare questo esercizio; dopo, facendo l'esercizio, ho visto me stesso come mi sono visto allo specchio; ne ho avuto solo una fredda figura, senza vita. Ho visto un corpo senza vita e ho provato a stabilire relazioni con il mio vero corpo. Nel provare a farlo mi è  sembrato che questo mi desse, in più, un gusto di cosa potrebbe essere la divisione. Ho sentito che si deve fare questo.

Gurdjieff: È abbastanza, sei nato. La tua individualità è nata. Prima eri come un animale senza "io". Ora hai un “io" e le proprietà di un uomo. Te le ha date questo esercizio. Prima non avevi individualità, eri il risultato del tuo corpo, come un cane, un gatto o un cammello. Ora se hai delle corna, puoi vederle e stupirtene. Prima non potevi vedere niente. Ora hai un'individualità che non avevi. (Rivolgendosi agli altri) Lui ha acquisito un'individualità. Prima non l'aveva. Era un pezzo di carne. Avrebbe potuto lavorare mille anni, non avrebbe mai avuto alcun risultato. Sei un camerata di Mme Franc. Entrambi potete diventare iniziati alla prima iniziazione. È una cosa piccola ma è una cosa grande, una garanzia del futuro. Mi congratulo anche con voi. Per la prima volta in tre anni sono felice internamente. Sono felice dei miei sforzi. Poiché questo non è per caso,  che ce ne sono altri due. Tu non sei più fidanzato, non più Mechin, tu sei mio fratello più giovane (a Mme Franc) tu sei mia sorella. Dopo parleremo separatamente.

Gurdjieff a Yvette: Non sei felice?

Yvette: Sì, e posso dire che quel che Mme Franc ha detto mi sembra che ero io che lo dicevo perché per qualche tempo c'è qualcosa di completamente nuovo in me e c'è anche il timore di vederlo sparire. Poiché, in generale, tranne che in momenti molto rari, c'era in me qualcosa che prima non c'era ed essenzialmente qualcosa nella mia testa, qualcosa che sentivo nella mia testa, sulla quale mi appoggio e che mi separava dal resto, distinta dal mio corpo, da tutto quel che sono, dal mio sentimento.

Gurdjieff: Puoi forse dire che tu sei una cosa e il tuo corpo un'altra cosa. Prima non potevi dirlo sinceramente.

Yvette: È una cosa che si può mantenere?

Gurdjieff: Abbiamo trentatré qualità di liquido che posso darti. Non è necessario capire; mi hai chiesto se è possibile e io ho detto sì. Ho detto anche che ci sono trentatré qualità di fluido.
--------------------------- 10


Tracol: Mi hai fatto accuratamente sentire, per un momento, la mia attitudine di oggi di fronte al lavoro. È stato quando hai ricordato durante la cena l'aneddoto del Curdo. L'esercizio che mi hai dato diciotto giorni fa e che consiste in un continuo richiamo: a ogni inalazione e a ogni espirazione io devo pensare "io sono” e devo depositare l'elemento attivo dell'aria nelle mie gambe mentre sono reclinato o seduto, e nel plesso solare quando sono in piedi. Ho provato a fare questo esercizio, provo a farlo sempre e, più lo faccio, più mi diventa quasi impossibile farlo, tranne nei momenti in cui posso riunire le condizioni più favorevoli. Ma meno le riunisco, più desidero riunirle e non potrei veramente abbandonare questo esercizio prima di avere, alla fine, un gusto un po' migliore di quello che ho fatto. Nei migliori momenti di questo esercizio, non nei momenti più favorevoli ma nei momenti in cui lavoro con maggiore intensità, che sarebbero nella vita, quando riesco a eseguire l'esercizio continuando le mie occupazioni ordinarie, provo un gusto che è interamente ingannevole; ho l'impressione di vivere in un doppio sogno. Da un lato faccio la mia vita esteriore come in un sogno e provo a recitare una parte in esso; e dall'altra parte, faccio il mio lavoro come in un sogno, e ho l'impressione di una parte che sto per recitare interiormente. In compenso, quando faccio questo esercizio solo in condizioni favorevoli, succede che bruscamente ho una sensazione di "io" che è più forte ancora che nell'esercizio di divisione; e mi piacerebbe conservare, nella mia vita ordinaria, il gusto che ho avuto in quel momento.

Gurdjieff: Continua questo. Devi esercitarti a poco a poco. Fare di questo sentimento la tua proprietà. Si deve avere prima il sentimento. Che è come dire, non avere le tue associazioni. Il sentimento viene in te, è tua proprietà ma in uno stato speciale. Cioè, non può venire nella vita. In uno stato speciale quando ti rilassi un po', puoi ricordare questo sentimento e devi afferrarlo.

Tracol: E, allo stesso tempo sento che il vero lavoro è nella vita ordinaria.

Mme de S: Ma si deve fare prima questo, in uno stato speciale, e a poco a poco arriverai ad esso nella vita ordinaria.

Tracol: Il sentimento più forte di divisione è quando la faccio in condizioni confortevoli.

Mme de S: Per questo è necessario accrescerlo in te in questi momenti. Dopo, a poco a poco, sarai capace di far durare questo stato.

Kahn: Parecchi mesi fa ho posto questa domanda: "Quando ho un impulso di vero amore verso qualcuno, mi sembra che, non solo questo stabilisce una relazione tra me e quella persona ma che questo da prova di una forza superiore in me.” Al tempo mi hai risposto che non dovevo pensare a tali cose al momento, che questa era psicopatia, che dovevo fare il mio lavoro come un servizio. Ti ho ascoltato e cominciai a essere capace di distaccarmi dal mio corpo, ora specialmente che ho visto la profondità della mia passività e che ho capito che devo concentrare tutte la mia forza, tirar fuori tutti i miei sforzi per oppormi a qualcosa in me che è la mia abituale nullità, ora ho l'impulso di diventare indipendente. Per esempio, ho come un impulso a riuscire a recitare la mia vera parte rispetto a mio figlio o a mio padre; ho come se ci fosse un impulso nel l'avere successo nel diventare un uomo nei confronti del gruppo, ma mi sembra che ognuno di questi impulsi non sia abbastanza potente perché il distacco sia completo. In uno dei miei migliori momenti di lavoro, ho visto recentemente tutto il mio corpo, tutte le mie emozioni, tutti i miei sentimenti e i miei desideri abituali come quello che ho dovuto riuscire ad uccidere in me per nascere, e ho capito che sarei riuscito nell'essere quel che volevo essere se fossi riuscito a fare quel che io muoio. Quindi, ora ti chiedo, mi chiedo e chiedo anche a te, se non potrei essere aiutato nei miei sforzi da una relazione se non potrei essere aiutato nei miei sforzi  by a relationship of what there is of an "I" in me with a superior form - se questo non è l'impulso che manca in me?
--------------------------- 11

Gurdjieff: No; continua. Perché usi la parola "vero"? Non puoi ancora avere un "vero amore". Un aspetto del "vero amore" deve essere l'odiare giustamente, odiare oggettivamente, non l'oggetto ma le sue manifestazioni. Tu non puoi ancora usare la parola "vero". Nel frattempo continua ad ammassare materiale. Ma smetti di usare la parola "vero". Non si dovrebbe dare questo valore alle cose. Non puoi ancora amare, non puoi fare niente. Non hai ancora il sentimento e io ho bisogno che tu ce l'abbia. Quando sarai capace di avere un impulso, sarò capace di darti soddisfazioni. Come usarlo, come dirigerlo, come realizzarlo. Vedo che la forma di lavoro che ti ho dato ti ha aiutato; e se questo ti ha aiutato, non è necessario cambiare.

Kahn: Questo lavoro mi ha dato quello che nessun'altra cosa ha fatto.

Gurdjieff: Il resto non conta niente. Anche se potesse esserci in noi, non ce n'è abbastanza in te per un "vero impulso".

Gurdjieff: (a Simone) Hai capito? Anche per te qualcosa è aperto?

Simone: Infatti, mentre ascoltavo Mechin, Gabrielle e Yvette parlare, ero con loro.

Gurdjieff: Tu hai sentito con la tua testa, con la tua intelligenza. Per esempio, rispetto a Mechin, tu hai capito prima di lui; lui capisce meno di te, ma comprende col suo intero essere. Capisce con la sua individualità, tu col tuo corpo. Per me, questo ha più valore del tuo.

Simone: Ora sento qualcosa nella mia testa che rimane quasi sempre; non è molto forte ma è molto costante, qualcosa che mi fa vedere esseri e cose in un modo diverso.

Gurdjieff: È normale. A poco a poco deve essere diverso. Stai cominciando ad avere una vera vista. Tu avevi, fino ad ora, un punto di vista di fantasia.


Giovedì 30 settembre 1943

Ja: (Comincia a leggere le domande che ha scritto): Sempre di più sento quanto il mio lavoro sia mentale, quanto poco mi rallegra. E ho capito che non posso approcciare il mio lavoro con fuoco vero (elan).

Gurdjieff: Scusami, ma quello che hai appena detto non è logico. Uno distrugge l'altro. Non ho capito cosa vuoi dire. Non leggere, metti via il foglio.

Ja: Mi manca una spinta per il mio lavoro. Non riesco ad approcciare il mio lavoro in maniera soddisfacente a meno che non senta un certo sprone il quale solo venga a me da una chiara realizzazione della mia situazione presente e della mia presente nullità. L'ho capito molto chiaramente. E questo mi ha fatto capire che dovrei avere un rimorso di coscienza per questa nullità. Ma non riesco ad andare oltre questo stato. Cosa posso fare per avere rimorso di coscienza?

Gurdjieff: Questa domanda porta con sé sette aspetti; non uno, ma sette. Uno te lo dirò: ogni uomo, quando viene al mondo, ci viene per certe ragioni. Ci sono cause, che è come dire, forze esterne l'hanno creato. Queste forze forse non erano obbligate a darti la vita. Sei felice di essere vivo? La vita significa qualcosa per te? Bene poi, se tu sei vivo e sei contento di esserlo, dovresti pagare qualcosa in cambio. Per esempio, io vedo qui tua madre. ma per lei, avresti potuto non venire mai al mondo. E' a lei che devi la tua vita. Se sei contento di vivere la devi ripagare. Tu ora sei grande, è ora di saldare il tuo debito. Una delle cause principali per cui sei in vita è tua madre. E' grazie a lei che hai i tuoi piaceri e che hai la possibilità di svilupparti. Una delle ragioni, uno degli aspetti della tua venuta in questo mondo,è, quindi, tua madre. E io ti domando, hai cominciato a pagare il tuo debito con lei?

Ja: No.

Gurdjieff: Ci sono ancora altri sei aspetti. ma io ti parlo di un aspetto. Comincia, quindi, da questo primo aspetto: tua madre. Ripagala.

PAGINA 23
Anche se fosse oggettivamente cattiva, lei è tua madre. E come puoi ripagarla? Dovresti uniformare la sua vita. Ma, invece, tu che fai? Rendi la sua vita molto difficile. La fai snervare, la irriti. Inconsciamente, il rimorso di coscienza potrebbe venire da quello. Prendi gli anni appena passati, ricorda: spesso sei stato molto cattivo. Tu sei una merde. Non hai eseguito i tuoi obblighi. Se hai capito questo, il rimorso in te può cominciare. Questo è solo un aspetto. Potrei spiegartene altri sei, ma dimenticateli. Prima di conoscerli, comincia da questo. Per gli scorsi due anni, quante volte sei stato cattivo, molto cattivo, verso di lei? Ricorda questo e prova a riparare il passato con il tuo futuro nel presente. E' una cosa molto difficile. Se dimentichi, non lo fai, è il tuo difetto e raddoppi il tuo difetto (colpa); primo sei da biasimare per il passato, e sei una seconda volta da biasimare per non riparare oggi. Una buona risposta, no? Ognuno qui è contento. Tranne una persona - sai chi è? Tua madre. Madame, è per il bene di suo figlio che dico questo. (Parla in russo con Mme. de Salzmann)

Mme. de Salzmann (A Mme. E.): Potrebbe pensare che se il signor Gurdjieff parla così, è perché è (our kind host) il nostro gentile padrone di casa e perché Lei è qui. Ma non è per quello.

Jac: Ho pensato a quel che mi hai detto l'altro giorno, che devo scegliere "tutto o niente". Ho deciso di prendere il compito e attenermi ad esso qualsiasi cosa succeda. Questo compito era di riservare un certo tempo della giornata per fare un esercizio, l'esercizio delle braccia allargate. E, provando a fare questo esercizio, ho capito per la prima volta cos'è una non-entità. Fino ad ora pensavo di aver capito, ma era solo per motivi esteriori. Ho visto che ero incapace di qualunque cosa perché qualcosa in me si rifiutava di fare lo sforzo.

Gurdjieff: (Prima parla in russo a Mme. de Salzmann) Scusami. Forse hai creduto che ti avevo dimenticato. Ho chiesto a Mme. de Salzmann: "Quando tutti sono partiti per le vacanze, ho dato a ognuno una bottiglia di medicina da prendere durante il lavoro.

PAGINA 24

E' possibile che a te non l'abbia data?" Lei mi ha detto che a te non l'ho data. Ora capisco perché mi hai fatto quella domanda. Se tu avessi avuto quella bottiglia non avresti pensato in quel modo riguardo la tua nullità. (Parla a tutti) Lui si è sentito in generale una nullità. Ma oggi non possiede niente; non ha accumulato niente durante le vacanze. Voi al contrario state a poco a poco mietendo i risultati del vostro lavoro. Ora avete una base per misurare come può essere fatto. (A Ab.) Capisci ora la forza della chimica?

Ab: Io ne ho presa circa un terzo.

Gurdjieff: Quelli sono affari tuoi. Avresti solo un terzo della forza. Non è colpa mia; se l'avessi presa tutta avresti tre volte più forza. E' per quello che l'ho detto. Forse non hai dato abbastanza importanza a questa medicina. Forse questo ti darà un rimorso di coscienza in futuro al fine di ottenere un'altra qualità di attenzione. Come a lui (as to him) (Jac) posso dire che mi dispiace di non avergli adato la bottiglia che ho dato a tutti per le vacanze. Mme. de Salzmann dice che non gliene ho data una. capisco la ragione di questa domanda. Se avesse avuto la bottiglia avrebbe fatto qualcos'altro del suo tempo durante le vacanze - non avrebbe posto la domanda. Capisci, Tracol? Mi dispiace che non sia nel gruppo del sabato. Lui non c'è ed è per questo che ha fatto la domanda. Se ha fatto quella domanda da idiota è perché non ha avuto la sua bottiglia di medicina. E' colpa tua, è colpa di Mme. la Presidente e la colpa di tutti i suoi amici. Lui è stato qui molto tempo; è stato vostro amico per molto tempo; e per molto tempo è stato deprivato. E' colpa di Mme de Salzmann, del Presidente, di ogni persona qui. (Offre una sigaretta a Mme. Et.) Madre, tu meriti di avere tutto. Dovresti avere tutto. I tuoi figli dovrebbero darti tutto, e anche gli amici dei tuoi figli. Hai cresciuto i tuoi figli fino a un'età responsabile. dovrebbero darti quello che ti piace. Se ti piacciono le sigarette, dovresti avere le sigarette. Se non hai niente, è colpa dei tuoi due risultati; devono essere annientati.

Jac: Posso finire la domanda?

Gurdjieff: Finisci.

Jac: Ho notato nel fare questo esercizio che per la prima volta e per un momento molto breve, che ho avuto il sentimento di essere libero, libero da quest'inerzia contro cui lotto sempre, e che mi ha dato il gusto esatto di cosa potrebbe essere la libertà. (Gurdjieff interrompe Mme. de Salzmann che traduce, ma Gurdjieff la ferma.)

Gurdjieff: Ho già capito. E' per lo stesso motivo. tu hai capito con la tua testa., ma il tuo organismo non ha la possibilità di essere quello che la tua testa desidera.. Bene quindi, la materia chimica che dicevo di poterti dare i quali risultati si accumulano in te e ti danno il fuoco per rivitalizzare le tue funzioni. E' lo stesso motivo. Di chi è colpa io non so, ma in futuro dovresti prendere ogni misura, - chiedi, elemosina, supplica Mme. de Salzmann di aiutarti. Mme. President ha anche la possibilità di introdurti nel gruppo del sabato. (A Mme. Er.): You oght to see to it that your title has a meaning. All'inizio pensavi che fosse uno scherzo, ma ha preso una brutta piega. Tracol, come sta il tuo allievo (Gerb.)? Dovresti aiutare il tuo allievo, illuminandolo perché possa capire. Ha un aspetto molto simpatico. Lo conosco esteriormente ma non interiormente. Per cui, si deve manifestare con la sua lingua. Dovresti aiutarlo affinché io possa capire la sua interiorità. Nello stesso modo in cui il Procuratore Distrettuale è governatore per lei (Mlle. Dol). Hai notato che quando conosco bene qualcuno sono capace di dare buoni consigli? Ora non posso. Devo sapere di che cosa è imbottito. Come per lui (Mlle. Dol), io so di che spezie è ripiena. (Scherza con Mlle. Dol e Sunn sul risparmiare sigarette, invita alcune persone per domenica, regala caramelle e le congeda).


Incontro di giovedì 21 ottobre 1943

Gurdjieff: Madre, posso fumare? (a Jac) Nota questo esempio - lei è madre, la madre della casa; tu ricordi che l'ultima volta ho detto che nessuno può far niente senza il permesso della madre. La madre è la testa (della casa).

PAGINA 26

(Gurdjieff scherza su Jac., dice che Jac. è geloso perché sua mamma non appartiene più solo a lui ma a ognuno presente, e quando gli mancherà realizzerà il valore di quello che possedeva).

Gurdjieff: Ehi, dopo quello che abbiamo appena letto della cerimonia di Cristo, penso che sia difficile per chiunque porre una domanda. Comunque sia, bisogna provarci. Anche se fosse una domanda egoistica.

Hig: Signore, vorrei fare una domanda. Avendo finito parecchie settimane fa i compiti che mi ero preso, mi trovo da allora in un felice equilibrio senza uno iato e senza un desiderio. Voglio andare avanti col lavoro perché sento che c'è un universo sopra quello in cui sono ora, ma non posso fare alcun progresso da allora e sento che da solo non posso fare niente.

Gurdjieff: E' un brutto segno. Devi cercare uno shock dall'esterno. Ti accontenti di poco. Ora, durante questo periodo, dovresti fare uno sforzo. Dovresti avere un lotta interiore tra la tua individualità e le tue funzioni. Non devi tranquillizzarti. Il fatto che non puoi lavorare è un segno molto buono. Devi forzare te stesso. Se superi questa crisi, questa piccola crisi, in seguito potrai ricominciare.

Hig: Non vedo esattamente quale percorso seguire e che scopo avere in vista.

Gurdjieff: Non è necessario un percorso. E' necessario soltanto che tu ottenga i risultati in te stesso. Raccogli, accumula i risultati della lotta. Ne avrai bisogno per continuare. Devi accumulare; hai delle batterie in te nelle quali devi accumulare questa sostanza, come per l'elettricità. Questa sostanza può essere accumulata soltanto lottando. Perciò crea una lotta tra la tua testa e il tuo animale. L'ho già spiegato l'altra volta. Scusami. E' sabato che l'ho detto. La mia memoria sta invecchiando. Non sono solito fare errori e ora sto cominciando.

PAGINA 27

Ti consiglio - ora che ti conosco mille volte meglio - di non fermarti. Continua la tua lotta, ma senza l'aspettativa di risultati. Accumula i risultati del processo di lotta. Quando lottiamo interiormente con il pensiero, il sentimento e il corpo, questo produce una sostanza nel posto a cui appartiene. Accumula. E' questo che sta mancando in te. Tu sei giovane. Non hai esperienza. Sei vuoto. Continua la lotta iniziata accidentalmente. Così che se tu dici di essere soddisfatto, questo prova che sei sulla strada giusta. Ma non ti devi fermare. Tu avevi come un piano per andare all'Etoile. Ora sei in Rue d'Armaillè. L'Etoile è ancora lontana: Boulevard Carnot, ci sono venti lampioni, venti stazioni. Quindi, ora, svolta a destra. Quella è la strada giusta. Questo c'è da dire, continua la tua lotta. Stai cercando dei mezzi? Cosa stai facendo non ha importanza. Quel che importa è che tu abbia in te il processo di lotta. Che mezzi impiegherai? Non importa. Lotta. Tu sai meglio di me cosa lotta. Per esempio, qualunque cosa piaccia al tuo corpo, qualunque cosa sei abituato a dargli, non darglielo più. La cosa importante è avere un continuo processo di lotta, perché hai bisogno la sostanza che la lotta ti dà.

Jac: Signor Gurdjieff, mi ha dato un compito allo scopo di ricordarmi di me, di lavorare con qualcuno che mi è vicino. E ho notato, e così mia moglie, che questo scopo ha cambiato la nostra relazione, ma solo a un certo punto, e quello era un ostacolo a cui né lei né io potremmo passare sopra. E Lei le disse che avrebbe detto cosa fare per superare questo ostacolo.

Gurdjieff: Primo, per ogni genitore, si deve cominciare ponendo una domanda; tu e tua mogli avete dei bambini. Bene, se avete dei bambini, essi creano per voi doveri speciali. Vivere solo per voi stessi è finito. Saresti obbligato a sacrificare ogni cosa per i tuoi bambini, nella vita ordinaria. In questo momento tu e tua moglie dovete progettare come scopo, di vivere per i vostri bambini; è lo scopo tuo e di tua moglie.

PAGINA 28

Niente dovrebbe interferire con il vostro mutuo rapporto. Dovreste avere questo scopo comune tra voi. Dovreste avere uno scopo, uno scopo comune, tra di voi, e questo scopo comune tra voi darà un contatto con il lavoro, perché è uno scopo oggettivo e anche il lavoro è oggettivo. Cominciate da questo. Discutilo con tua moglie. Con lei, progetta di sacrificare ogni cosa ai tuoi bambini. Non per sempre, ma per un periodo di tempo particolare. tutto per i tuoi bambini. Il vostro sarà uno scopo comune. E nelle vostre relazioni personali ci sarà una lotta, per il motivo che entrambi programmate questo scopo con la vostra mente, dato che i vostri caratteri sono diversi, ognuno avrà - poiché ognuno avrà scelto il suo scopo - in sé stesso una lotta da sostenere. E chi si atterrà a questo scopo avrà passato l'esame per avere un altro mezzo oggettivo che verrà in seguito. intanto, parla tranquillamente e francamente con tua moglie e programmate lo scopo. Se lo fai per una o due settimane, meriterai di conoscere il modo oggettivo.

Pomereu: Posso fare una domanda?

Gurdjieff: Se ti va. Questa è la prima volta che parli, vero?

Pomereu: Mi piacerebbe sapere come fare a evitare, al di fuori del lavoro che dura un certo periodo di tempo, che la mia immaginazione scappi con me.

Gurdjieff: Bene, per quello ti darò un consiglio molto semplice e molto ordinario. Anche tu sei sulla strada giusta. Ora quello che ti consiglio è una cosa molto semplice. Capire logicamente non ti porta assolutamente nulla. Capirai in seguito che il solo consiglio buono è quello che sto per darti. Durante tutto il tuo tempo libero, conta: 1, 2, 3, 4, 5, 6, fino a 50. Dopodiché: 50, 49, 48, 47, 46, eccetera fino a tornare all'inizio. Per tutto il tempo. E se lo fai sette volte, cinque o dieci minuti, siediti, rilassati e dì a te stesso: "Io sono", "Io voglio essere", "Io posso essere", "Non per usarlo per fare il male, ma il bene", "Io aiuterò il mio prossimo quando Io sarò. Io sono".

PAGINA 29

Dopodiché, conta ancora. Ma consciamente, non automaticamente. Fai questo tutto il tempo libero. La prima volta ti sembrerà assurdo. Ma quando lo avrai fatto per due o tre settimane, mi ringrazierai di tutto cuore. Mi hai capito?

Pemereu: Molto bene.

Gurdjieff: Non ti do nient'altro. ne so un altro migliaio. Ma ti do questa cosa semplice. (Agli altri) E quello lo salverà. La sua intera vita cambierà e fino all'ora della sua morte mi ringrazierà, non mi dimenticherà mai. fai quello, e quello è tutto.

Mme. Et.: Posso chiederle qualche consiglio? Volevo chiederle: quando faccio il mio lavoro di ricordo di me, sono sempre intralciata dalla stessa idea: come posso fare il mio lavoro, come organizzare la giornata, per far felici tutti in casa? E durante il giorno, è proprio il contrario. Sono intralciata dalle idee che hanno a che fare con il lavoro. Penso a quello che ho sentito qui e da Mme. de Salzmann, e questo mi intralcia continuamente.

Gurdjieff: Questo è l'effetto delle esigenze del vivere ogni giorno. Succede a tutti. L'ho detto spesso. Devi riservare ogni giorno un tempo particolare per il lavoro. Non tutto il tempo, il lavoro è una cosa molto seria. Non puoi lavorare interiormente tutto il giorno. Devi dedicare un tempo particolare e aumentarlo a poco a poco. A questo lavoro dedica mezz'ora delle ventiquattro ore. Durante questa mezz'ora dimentica tutto il resto, metti da parte tutto il resto. E' una piccola cosa. Sacrifica ogni cosa per il tuo lavoro interiore e in seguito lo puoi mettere da parte per le cose della vita ordinaria. Non puoi fare questo lavoro per tutto il giorno.

Mme. Et.: Penso anch'io. Diviene meccanico: io sono, io voglio essere.

Gurdjieff: Tu mischi, non devi. Non mischiare questo lavoro col lavoro ordinario. Abbiamo due stati di veglia. Per questo lavoro, dovresti avere uno sto di veglia attivo. Ma mezz'ora di questo stato di veglia è abbastanza per tutto il resto del giorno, nel quale vivi come sei abituata a fare.

PAGINA 30

Puoi fare questo? E se non riesci a farlo per mezz'ora, anche dieci minuti sono ricchezza per chi può lavorare dieci minuti. Devi dare e sacrificare a questo lavoro un tempo particolare. Non puoi dare tutto il tempo. La vita è una cosa, il lavoro un'altra. La sostanzialità di ognuna è diversa: per questo lavoro devi essere più attiva. Ho detto questo molte volte. Quando cominci il tuo lavoro, il tuo compito, esso è il tuo lavoro. Dovresti, sempre prima di cominciare, rilassarti, prepararti, raccoglierti. Poi, con tutto il tuo essere, esegui il tuo compito. E' una cosa molto complicata. Non puoi farla per molto il tempo. Ti stancherai presto. Prende tutta la tua forza; se lo fai per cinque minuti di troppo, sarai scaricata di tutta la forza. E' per questo che ho detto che si deve aumentare a poco a poco, fino a quando ti ci abitui: cinque minuti, sei minuti, dieci minuti. Solo questo sistema ti darà sempre un buon inizio per prepararti a raggiungere lo stato che appartiene a un uomo vero. E se tu lavori a lungo, questo prova che non lavori con tutto il tuo essere - stai lavorando solo con la mente. Ma così, puoi farlo per un migliaio di anni senza guadagnarci niente; non vale niente. Lavora per breve tempo, ma lavora bene. Non mischiarlo con altre cose. Cinque minuti di buon lavoro valgono più di ventiquattro ore di altro tipo. Se non hai molto tempo, lavora cinque minuti. Lascia che la vita ordinaria continui secondo le abitudini, il resto del tempo. Quel che dici non riguarda il lavoro. La nostra vita è una cosa, il lavoro un'altra cosa. Altrimenti diventerai una psicopatica. Tu ricordi te stessa con la tua mente - non serve; ricorda te stessa con tutto il tuo essere. Non puoi farlo a lungo, ti scarichi. Fallo per cinque minuti, ma dimentica ogni altra cosa. Sii un'egoista assoluta, dimentica ogni cosa, il tuo dio, tuo marito, i tuoi bambini, i soldi - ricorda solo il lavoro. Breve, ma di sostanza. (Parla in russo con Mme. de Salzmann).

PAGINA 31

Bar: Posso fare una domanda? Come faccio a distinguere tra il mio centro mentale e il mio centro fisico?

Gurdjieff: Prendi un compito semplice. Quando pensi, pensa. Le associazioni vanno avanti automaticamente; quella è la tua mente. Quando senti caldo o freddo, quando sei nervoso, arrabbiato, quando ti piace, quando non ti piace - quello è il tuo sentimento.

Bar: Ma nelle proprie azioni, come si può evitare che i centri si invadano l'un l'altro: pensare col sentimento, avere un sentimento mentale, e confondere uno con l'altro.

Gurdjieff: Vuoi dire che non puoi pensare perché sei emotivo?

Bar: Voglio dire che ho un pensiero emozionale.

Gurdjieff: Tu hai una debolezza, una malattia; tu non devi pensare con il tuo sentimento; devi pensare con la tua testa. Pensare col sentimento è una debolezza, una malattia. L'inizio viene dal sentimento e il centro del pensiero è solo una funzione. Ma il centro di gravità deve essere il pensiero. E ora puoi sapere cos'è l'individualità. E' quando il tuo centro di gravità è nel pensiero.
Così, se il tuo centro di gravità non è nel pensiero, tu non sei un individuo, tu sei un automa. E' una spiegazione semplice. Ogni uomo dovrebbe provare ad abituarsi ad essere un individuo, una persona indipendente, qualcosa, non merde (scusa la parola), non un animale, cane, gatto. E' un sintomo molto semplice. Se concentri il tuo essere nel tuo pensiero, sei un individuo; ci sono molti gradi tra gli individui, ma al momento non è importante. tu sei un individuo quando hai il tuo centro di gravità nel tuo centro pensante. E se è in un altro centro, sei un automa. Può essere nel corpo o nel sentimento, ma quando lavori dovresti avere come scopo di essere nel pensiero. E fare questo consciamente. Se non lo fai, ogni cosa si fa in te inconsciamente. Il tuo lavoro dovrebbe essere di concentrarti esclusivamente nel tuo pensiero. E' una spiegazione semplice, Philip? Anche a te questo spiegherà molte cose.

PAGINA 32

Philip: Teoricamente lo so.

Gurdjieff: Ma per la tua comprensione questo dovrebbe averti dato qualcosa di nuovo, qualche conclusione interessante?

Zuber: Signore, le ho chiesto giovedì scorso, se c'era un modo per sviluppare l'attenzione; ha detto che l'attenzione si misura nel grado in cui uno si ricorda di sé. Mi ha detto di guardare specialmente dentro me stesso. Gliel'ho chiesto in particolare poiché non ero capace di porre la mia attenzione alla lettura di Belzebù. In questa settimana ho capito che l'attenzione era quello che io ero. Più "io" c'erano, più attenzioni differenti. Volevo chiederle se c'era, per sviluppare l'attenzione, solo il metodo del "Io sono" o ci sono altri metodi speciali?

Gurdjieff: Ti posso dire una cosa. i metodi non esistono. io non ne conosco. Ma ora posso spiegarti tutto semplicemente. Per esempio, in Belzebù, io so, c'è ogni cosa che si dovrebbe sapere. E' un libro molto interessante. Ogni cosa è lì. Tutto quello che esiste, tutto quello che è esistito, tutto quello che può esistere. L'inizio, la fine, tutti i segreti della creazione del mondo; tutto e lì. Ma si deve comprendere, e comprendere dipende dalla propria individualità. Più un uomo è stato istruito in un certo modo, più può vedere. Soggettivamente, ognuno è capace di comprendere in base al livello che occupa, per quello è un libro oggettivo, e ognuno potrebbe capirci qualcosa. Una persona capisce una parte, un'altra mille volte di più. Ora, trova il modo di porre la tua attenzione al comprendere tutto di Belzebù. Questo sarà il tuo compito, ed è un buon modo di fissare una reale attenzione. Se no puoi porre reale attenzione su Belzebù, non puoi avere una reale attenzione nella vita. Tu non conoscevi questo segreto. In Belzebù c'è ogni cosa, io l'ho detto, perfino come fare una omelette. tra le altre cose, è spiegato; e allo stesso tempo non c'è in Belzebù una sola parola sulla cucina. Allora, poni la tua attenzione su Belzebù, un'altra attenzione rispetto a quella a cui sei abituato, e sarai capace di avere la stessa attenzione nella vita.

PAGINA 33

(Scherza con Pomereu sul tabacco e di come asciugarlo, e poi sulla polvere di riso e la polvere da sparo; e sulla lingua francese che è ricca solo di insulti tra tassisti).

Mme. de Salzmann: Adesso, qualcuno ha nient'altro da dire?
Jacques: Signor Gurdjieff, poco fa ero molto interessato alla domanda di Pomereu e dalla sua risposta. nella mia vita, che è abitudinariamente molto confusionaria e molto banale, noto quante poche stanze ci sono per il lavoro. Il più delle volte mi sento smarrito. Il che è normale. Ma quel che è meno normale è che io ci sono attaccato a questa confusione, a questa banalità che mi calza a pennello, il me ordinario, l'individuo che è più forte in me. E le chiedo se non potrei applicare al mio proprio caso il consiglio che ha dato a Pomereu, poiché io credo che contenga qualcosa di semplice e chiaro che mi spingerà fuori dalla gabbia per scoiattoli nella quale giro sempre.

Gurdjieff: Non farebbe per te, per niente. E' difficile contare così: 1, 2, 3, fino a 50. Ti do qualcosa di ancora più facile. Tu hai una famiglia. Un padre? Una madre? Un fratello?

Jacques: E una sorella.

Gurdjieff: Anche una sorella: cinque persone. Cominciando domani mattina, prendi come compito: ogni dieci minuti, più o meno, circa dieci minuti  - per me è lo stesso se otto o diciotto - ricorda tuo padre, dieci minuti dopo tua madre, eccetera. Ricordali e rappresentali a te stesso. E quando hai finito con il quattro, dieci minuti dopo "io sono", "io voglio essere", con il sentire di tutta la tua presenza; e dieci minuti dopo cominci di nuovo - tuo padre, tua madre, eccetera. E fai così tutto il tempo. E' più semplice dell'altro. Hai capito? Comunque sia, devi avere una idee fixe. Quando pensi a tua madre ogni cinque volte, pensa che lei è qui e ha degli orecchini d'argento, cose economiche; e tu dai la tua parola a te stesso che quando sarai cresciuto e guadagnerai dei soldi, ti prenderai come compito di regalarglieli d'oro. (A Mme. Et.): Il dieci per cento a me. (A Jacques): Mi hai capito?

PAGINA 34

Bar: Signor Gurdjieff, quando uno si trova con un sentimento di profonda tristezza dal quale non riesce a uscire, con quali mezzi meccanici può farcela?

Gurdjieff: Se uno non ne conosce la causa?

Bar: No, non la conosce.

Gurdjieff: Non esiste una tale tristezza; è un'idiozia. Fatti vedere da uno specialista. Io posso raccomandarti un neuropatologo. Lo conosco molto bene, mi da il dieci percento.

Bar: Qualche volta la avverto dopo il pranzo.

Gurdjieff: Oh, oh: è un sintomo; mangi di più di quel che dovresti. Mangia di meno. Non mangiare l'ultimo pezzo, è tutto. Hai capito che cos'è? L'ultimo pezzo. Capito? Poi bravo. Prova e la prossima volta ne parleremo. E' possibile che la causa sia lì. Se non lo è troveremo un altro modo. (Scherza col dottor Ab. sulla Medicina).

Hig: Signore, mi piacerebbe fare un'altra domanda. Non capisco cosa possa essere l'amore conscio. Non capisco perché la lucidità con la quale si esamina la propria passione e che dischiude la sua causa non debba, a sua volta, ucciderla.

Gurdjieff: Bene, poi dico che l'amore interessa solo le funzioni. E' solo la polarità fisica che sta lavorando. Quando hai pensato a quello, l'amore ti diventerà ripugnante. L'amore che tutti hanno, che hai tu. Ma l'amore conscio, quello è vero amore. Tu hai solo amore basato sul sesso; è una malattia, una debolezza. Non puoi avere amore. Quello che forse aveva tuo nonno. Oggi, per ognuno, l'amore è basato sul sesso, e il sesso sulla polarità. Così, se una persona ha un naso come questo, tu l'ami; se non ce l'ha come quello, tu non l'ami. L'amore reale è oggettivo; ma a Parigi l'amore oggettivo non esiste. Tu hai detto la parola sentimento per sesso, per cose sporche; hai dimenticato l'amore reale.

Hig: Ma si dovrebbe cercare di reprimerlo nell'interesse di un altro?

Gurdjieff: Guardalo come una debolezza e mettilo da parte. E, allo stesso tempo, usalo per osservare te stessa. Approfitta di ogni cosa. E dall'istinto forse sarai capace di sentire l'amore reale.

PAGINA 35

Il gusto forse verrà a te. Quando avrai pietà per una persona col naso che non ti piace, o per un'altra che sembra malata, per un bambino senza madre, per un affamato, per un uomo senza una moglie - allora, per ogni persona, sarai capace di entrare nella sua situazione. Abbi contatto con i tuoi diversi impulsi; e se rimani imparziale, vedrai che ogni cosa che ogni cosa che hai avuto in te fino ad ora è merde, è allo stesso tempo sarai capace di provare ad avere il gusto di un'altra qualità di amore. E se il gusto di esso viene a te, io posso spiegartene i dettagli.

Ab: Signore, per provare questo amore conscio, la polarità può essere un aiuto o un intralcio?

Gurdjieff: Un ostacolo, naturalmente. Ma non ci puoi fare nulla. Sei schiavo di questa legge. Che tu voglia o no. E' il tuo corpo che ti fa amare o non amare. Consciamente, puoi non essere più schiavo della tua polarità. Ma prima devi averne il gusto. Tutto quello che posso dire al momento è che quell'amore esiste, l'amore oggettivo. Ma devi averne il gusto. Dopodiché ne parleremo. tutto quello che diremo prima rimarrà teorico. Su questo, Belzebù spiega molte cose. Riguardo ai comandamenti di Ashyata Sheymash c'è questo:

L’Amore della coscienza richiama lo stesso in risposta
L’Amore del sentimento richiama l’opposto
L’Amore del corpo dipende solo dal tipo e dalla polarità.
E c'è anche questo sulla speranza:
La Speranza della coscienza è forza
La Speranza del sentimento è schiavitù
La Speranza del corpo è malattia.
E sulla fede:
La Fede della coscienza è libertà
La Fede del sentimento è debolezza
La Fede del corpo è stupidità.
E ora, District Attorney, prova prima a guadagnare un mucchio; e tu, madre, vieni a vedermi. Io conosco un posto dove ci sono cose d'oro. Io ho un amico al banco dei pegni.
Incontro di giovedì 9 dicembre 1943

Lettura: I Santi lavori del Santo Ashiata Shiemash.

Cena.

(Scherza con Miss Gordon e Boussik sullo sbucciare uva secca.)

Hignette: Signor Gurdjieff, mi piacerebbe farti una domanda.

Gurdjieff: Scusami, puoi aspettare? Vorrei dire qualcosa a quel signore (Indica Jacques Baratier). Oggi posso verificare qualcosa. Io lo conosco, l'ho visto più di una volta e allostesso tempo non sono sicuro che sia lui. Non mi è mai successo. Io fotografo le persone. Ma nella mia testa questa foto di lui era solo trasparente e per parecchi giorni mi sono detto: “Perché questo". Oggi ho capito.

Baratier: Perché, signor Gurdjieff?

Gurdjieff: Ho visto là tuo fratello; non sapevo che fosse qui. Ho creduto che tuo fratello fossi tu e tu fossi lui. Non ho fissato tuo fratello. Ma oggi vi vedo indipendentemente, uno a sinistra, l'altro a destra: non avete niente in comune esteriormente, ma nell'essenza siete simili. Si può scommettere che è lo stesso padre. Perché ridete tutti? Quel che ho detto è molto normale. Ha! È abbastanza. Oggi è giovedì e allo stesso tempo, un giovedì che comincia in modo nuovo. È il giovedì di una sequenza di giovedì che saranno di nuova qualità. I giovedì di prima sono morti. Non potremo più ricominciare. È una qualità diversa di giovedì, con più dettagli. Tra gli altri, per questo giovedì, parecchie persone mi hanno detto: "Non posso rispettare la condizione, che era stata stabilita, di interessare e portare sette persone al lavoro". Ho posto come condizione che sarebbero venuti di giovedì solo quelli che speravano di essere capaci di portare e interessare sette nuove persone, senza spiegare loro niente di strano riguardo le idee, interessandole solo con le idee, le mie idee, con quello che ha studiato qui, fatto qui, gli strumenti che gli abbiamo dato e nient'altro. Sette persone in sei mesi. Questa era la prima condizione. E certuni mi hanno fatto questa domanda: e io rispondo che è un idiota chi mi chiede questo. Non è questione di portare sette persone in sei mesi;se veramente uno interessa una singola persona a venire, questa persona può aiutarti a portarne quattordici. Non è difficile. Non è una questione di sette. Basta una per cominciare. Solo che deve essere una persona che sarà stata veramente avviata, ben iniziata, che si può interessare alle nostre idee. E automaticamente sarà capace di assisterti, poi tu sarai, tu, come un presidente francese - che è come dire, non avrai niente da fare. Non farà niente. (a Hignette) Ora, mia cara, cosa desideri?

--------------------------- 13

Hignette: Mi sento troppo calma e troppo felice; senza il desiderio di continuare, come acqua stagnante. E ancora, ho sentito che devo fare qualcosa. Ho scelto un compito intellettuale e primitivo, e specialmente in condizioni spiacevoli. Ora mi sento estremamente stanca. In più, non si accorda col mio lavoro. Vorrei dormire venti ore al giorno se potessi. Vorrei sapere, ora come diminuire il mio compito, non ne ho più la possibilità e non lo voglio, ma come sopportarlo meglio e riposarsi meglio?

Gurdjieff: In generale il tuo lavoro procede bene?

Hignette: Intellettualmente, sì.
Gurdjieff: Allora, se sì, fai una cosa sola. Il riposo te lo sto per dare. Sto per darti delle pillole da prendere due volte al giorno, al mattino appena sveglia, e la sera quando vai a letto. Ma tu, da parte tua, ogni mattina quando ti alzi, lavati con acqua fredda, poi ti riscaldi facendo ginnastica. Fai solo questo. Questo cambierà ogni cosa in tre giorni. E vedrai che la tua fatica era immaginaria. Come puoi essere stanca? Sei ancora giovane; non hai consumato le riserve degli accumulatori. È psichico. Fa questo: lavati, asciugati bene e prendi le tue pillole. Se non senti niente in tre giorni (niente il primo giorno ma già meglio il secondo, e il terzo, bene) puoi venire a casa mia e sputarmi in faccia. Una cosa somma a questo la fatica; un'ossessione intermittente. È o speranza o rammarico di una persona della quale posso solo pensare, e che occasionalmente durante qualche ora. Non c'è quindi niente da spiegare; devi fare quello che ti ho detto. Ma allo stesso tempo, giustamente, queste cose richiedono una spiegazione che può servire al mondo intero; quindi la spiego per te e allo stesso tempo per tutti. Tu ricordi che dico spesso che devi essere interiormente libera. Tu capisci cos'è essere liberi. Non identificarsi con niente. La parte più importante della nostra schiavitù dipende da fattori cristallizzati in noi e che sono relativi agli estranei, alle relazioni con persone non familiari a noi. E, per essere capaci di essere liberi,  il primo lavoro nelle scuole esoteriche di tutti i tempi comincia esattamente con questa questione: "Decristallizzare tutti i fattori che sono consentiti dalle relazioni con altri" (eccezion fatta dei fattori cristallizzati che sono concernenti con persone dello stesso sangue, padre, madre, sorella, fratello, eccetera… è lo stesso sangue, la stessa famiglia, i fattori devono continuare). Ma tutti gli altri fattori devono essere decristallizzati; devi essere un assoluto egotista. Tutto l'amore, tutto il rispetto per chiunque possa essere devi liquidarlo; è necessario che l'amore sia trasformato in odio. Devi influenzarti particolarmente e lavorare al fine di non avere mai un'intima unione con alcuno. Non devi né amare né stimare interiormente, né avere alcuna simpatia o antipatia. Dico interiormente, non esteriormente. Esteriormente devi recitare una parte. ma non interiormente. Chiunque sia estraneo a te, devi rifiutarlo, tranne le persone dello stesso sangue. Lotta in tutti i modi. Conosci te stesso meglio di me; sai come influenzarti e quali pensieri e sentimenti sono necessari per resistere al fine di decristallizzare questi fattori. --------------------------- 14
Quindi comincia e, se vedi che non puoi, ti aiuterò e ti dirò cosa devi fare. La vertà rimane la verità. Tutti quelli che sono coinvolti nel lavoro interiore non devono mantenere fattori di contatto, buoni o cattivi, con chiunque sia; si deve essere liberi, completamente liberi da contatti con estranei. Ripeto, eccetto le persone dello stesso sangue. Per loro, non si devono prendere misure per cambiare queste qualità di relazione. Non dobbiamo cambiare i nostri contatti con i nostri padri, madri, eccetera. Si cambierà solo la forma di contatto con i nostri padri, madri, zii eccetera. È lo stesso sangue. Gli estranei sono di un altro sangue; un'altra sorgente; interiormente ci devono essere completamente indifferenti. Si deve essere liberi da essi. Senza alcuna schiavitù. Esteriormente, puoi recitare una parte e fare quel che è necessario fare. Quello è affare tuo. L'uomo deve sforzarsi di non identificarsi interiormente e recitare una parte interiormente.

Luc: Ma se ci si proibisce la simpatia verso tutti, non ci mancherà un sentimento, in particolare l'impulso di rimorso, che potrebbe riparare il nostro passato e che è un fattore molto importante del lavoro?

Gurdjieff: Per questo, le persone dello stesso sangue ti basteranno. Hai commesso molti errori verso di loro; è a loro che deve andare il tuo rimorso di coscienza.

Luc: Ma io non ho famiglia.

Gurdjieff: Anche una persona è sufficiente. Nella tua vita passata, puoi usare molto materiale per il rimorso di coscienza, verso questa persona. (A Hignette) In quel caso, ora, se analizziamo, che motivi avevi per fare la tua domanda? La ragione è che hai avuto un contatto con qualcuno, un contatto di tipo di polarità. Si deve lottare tanto di più, devi usare questa lotta per il tuo lavoro. Uccidi in te stessa i fattori che hanno permesso questo contatto con una persona estranea, se è estranea. Se è del tuo sangue non si tocca, è un'altra cosa. Se non mi avete capito, parlate con Mme. De S. Le ho spiegato tutto quello che era necessario.

Hignette: Vorrei soprattutto avere qualche cosa di concreto e come liberarsi di un'immagine ricorrente.

Gurdjieff: Fa quello che fai per molte altre cose. Siediti, sii tranquilla, rilassati con cura. Poi comincia a suggerire a te stessa come a una persona estranea. Con la tua coscienza, tu spieghi al tuo subcosciente che tutto quello è schiavitù e che è idiota avere contatto con chiunque possa essere. Lo spieghi come a un estraneo. Poi lo spieghi a te stessa. Una volta, te lo spieghi dieci volte. E, sarai capace, in fatti, di ricevere come un estraneo queste cose che sto per dirti, e che dirai a te stessa. Come a un estraneo a cui si spiega dieci volte la stessa cosa. Poiché, la tua individualità e il tuo corpo sono esattamente come te e un'altra persona, un estraneo. Per te, il tuo corpo è una persona estranea, la differenza è che è più facile pungere qualcuno vicino che uno lontano. Ora, il tuo corpo è il più vicino; è quindi più facile. Non una, ma dieci volte al giorno, puoi parlare a te stessa. Si deve fare tutto diversamente in questo lavoro; da voi devono essere uccisi perfino gli obblighi sacri. Chi vuole avere la libertà, deve uccidere ogni cosa in sé stesso. Anche se ami Dio o la Madonna, devi ucciderli in te stesso. Anche l'idea da fusi (sic) di credere a un Santo, devi mandarlo al diavolo e il Santo non avrà niente contro di te per questo.
--------------------------- 15
Luc: Sono molto sorpreso da quello che dici. Poiché io, che vanto di avere molti contatti nella mia vita, ho percepito quindici giorni fa, e sono preoccupato, che non sento più niente per nessuno nelle relazioni con la gente. Sono assolutamente secco e indifferente, continuando sempre a fare le cose che devo fare e continuando a dare il massimo di me stesso nei miei rapporti umani.

Gurdjieff: E pensi di esserci arrivato da solo?

Luc: È il risultato del lavoro.

Gurdjieff: Tranne forse che io ho fatto qualcosa di speciale per te, per farti arrivare a questo? (crede di essere diventato così in modo completamente naturale). Io ho fatto di te un candidato speciale per il lavoro. L'ho fatto di proposito. Come se ti avessi dato una pillola. Tu sei cambiato e io sono contento.

Luc: Ho parlato con qualcuno che mi ha detto che non ha mai provato amore per nessuno. Lo comandava la sua testa. Poi non ho saputo come rispondere, poiché sono colpito dalla stessa incapacità. Qualcosa in me è debole.

Gurdjieff: Perché ricordi questa persona?

Luc: In relazione al lavoro.

Gurdjieff: Il consiglio non ti aiuterà. La tua volontà non basta per cambiarti, devi avere un aiuto esterno.

Luc: Ne sono sicuro.

Gurdjieff: Ho detto a questo giovane uomo che è metà e metà, da una parte l'aiuto esterno: sto per darti qualche pillola, dall'altra parte, lui, da solo, deve lavarsi con l'acqua fredda e fare ginnastica. Le pillole da sole non possono aiutarti. L'esercizio da solo non può aiutarti senza le pillole. Le due cose insieme possono cambiarti in una o due settimane.

Alain: C'è un impulso che sto provando a coltivare per il mio lavoro e che credevo buono. Era il cercare una chiara intelligenza logica, con la logica, che il mio corpo obbedisse. Avevo un modo speciale. Il mio pensiero distaccato dal mio lavoro personale. Ed ho trovato al momento un'inclinazione o piuttosto una sorpresa di esistere, che credevo essere capace di intensificare, che potesse aiutarmi, a richiamare uno sforzo più potente. ma ho capito che è esterno, che il lavoro è diviso in due; che la prima parte del lavoro ha più forza in proporzione a quanto lo si fa, e mi chiedo se è buono continuare.

--------------------------- 16

Gurdjieff: Posso dirti una cosa. Abbiamo una proprietà. Se sei su un buon percorso, la natura ti mette dentro immediatamente un'idea; essa cristallizza in te l'esatto fattore per calmarti e impedirti dal continuare sulla buona strada. Più sei sulla buona strada, più la natura usa queste cose. Nella vita succede così. Quindi dovrai fare questo: diventerai calmo in un buono stato; ti sederai, molto tranquillamente (lo farai per una o due settimane in un mese). E non crederai più a niente e nessuno. Fai un programma. Quando non hai un programma, qualsiasi cosa, anche idiota, priva di valore, marcia, ti può comandare. Fidati solo del programma che avrai fatto in uno stato speciale. La cosa principale e fare questo programma: come vuoi comportarti, cosa vuoi fare, i rapporti che vuoi avere con ogni persona; questo è un programma. E credi solo a questo. E anche se viene Dio a disturbarti e dirti di fare qualcos'altro, non Gli credere. Forse è venuto giusto per farti uno scherzaccio. Fai solo quello che hai deciso nel tuo stato speciale.

Alain: Ma è difficile credere che lo spostamento del pensiero basterà ........ , l'impulso. (But it is difficult to believe that the movement of thought will suffice to bring about the much sought after fire, the impulsion.)

Gurdjieff: Allora ti perderai sempre; sarai sempre come sei. È il cane, il diavolo che la natura mette in te. A causa di questo, non credete niente. Manda al diavolo anche Dio. Non credere in Dio. Ma solo nel programma che hai fatto. Tu hai capito che sto dicendo una cosa importante. Questo stato non può venire spesso. Ma si può avere una o due volte al mese; seduto, calmo, accorgiti dei tuoi tre tipi di muscoli e poi pensa in maniera assoluta e imparziale. Consiedera il tuo stato, la tua classe, il tuo carattere, e come fare tutto quello che devi fare nei mesi a venire. Che rapporti, per esempio, vuoi avere con questo uomo o quella donna. Il programma stilato, lo metti nella vita e fai solo quello che corrisponde al tuo programma. Nella vita ci sono migliaia di persone che vogliono comandarti. Manda al diavolo il mondo intero; credi solo al tuo programma e alle tue decisioni. È la sola strada esatta per te; le altre non esistono, non esiste nessun altro modo; ci sono molti cani che la natura mette in noi espressamente per indebolirci. Alla natura forse interessa che ci siano meno persone sulla strada giusta.

Lanctin: Signore,

Monsieur, until several months ago, I tried to free myself from external influences and in particular in my relation with others. But I have run up against a rather grave obstacle, the difficulty of establishing a relationship with people. I see well what I ought to ask them, but when I am in contact with them, I do not see what they can ask me and I can never make other than a superficial contact.

Gurdjieff: Then, hurry up and expect nothing of the work. It is only after that you will be able to have results. Do everything without identifying yourself internally and, externally, play a role. This role is to be exactly as you were before. Act around each as you have done until now, without letting him know externally that you are
working. No one must notice that you do something. Expect nothing. Do only
your task. Do not identify internally with anyone or anything. This is your task.
Be exactly as before, it is the role that you must play. Automatically you have
changed and you cannot be as you were before; this will make you understand
--------------------------- 17
what this is and understand why I call this "to play a role". Do not let him see
that you are doing something exceptional. Search not to enlighten, to send rays
outside, you are not strong enough; you have not the possibility of doing it. One
must never expect; leave things to be done as before. Your friend was idiotic?
Let him be idiotic, and keep the same relationship. He was intelligent? Let him
be intelligent. Show him that nothing has changed. This is called playing a role.

Lanctin: To tell the truth, I had understood this for the old relations that I knew. But for the new, I did not know them before and I do not know how to establish my role.

Gurdjieff: It is yet easier. You remember how you were six months previously and you do
as you would have done six months earlier. Not more, not less. You remember
how you would have been with her six months ago; and what you have gained,
you hide it from her. When everything shall have been decrystallized you will be
able to be a new person. I have said a million times not to use that which you
have gained; today, be content to work and expect nothing. And if you have
gained something, do not use it in life. It is a serious task that you must
accomplish; that no one notices that you are something. Not only must one do it,
but even as a task, as a special work, without erring. You must do it like a task, to
continue to do that which you did before.

Phillippe: Just now, in speaking of the family, you enumerated the father, mother, uncle, but
not the, wife and the children; are they of the same blood? The children are the
same blood, but the wife?

Gurdjieff: It is the same blood if you have children because the blood is then mixed with that of the wife. But if you marry and you do not have children, it is not your blood, and you can send your wife to the devil. If you have children, she is of your family. With children the relations must be completely different; the whole world knows that. The bloods are mixed when there are children. In that which concerns children, it seems better to decrystallize certain factors, certain weaknesses, about a child. If you work you must work on your weakness: your weakness consists in thousands of things. For example, your child draws always on your love - proper; automatically, you do not love it. This must not exist. If you work, all your work must have the same value for you. These little things prove to me that you work not on yourself; you make differences between your children. One of your children, for example, touches unconsciously one of your weaknesses. Because of this you can arrive at detesting it; this child, little by little, begins to offend you; in continuing, if this repeats itself, it can crystallize in you some factors of hatred; and if these factors continue to crystallize, it can happen that a father kills his son. His worst enemy can be his son. You must do your work. Your children must have the same value for you. All are your blood. Through them you can have a contact with your wife. There exists, pertinent to this, in Asia an original thing. Over there one calls the Fatma. But when she has
--------------------------- 18
a child, her husband calls her Padgi, that is to say "sister", and the wife calls her husband Kardavate, that is to say, "brother". They are named brother and sister, they are not longer husband and wife. It is absurd and at the same time it teaches. And this comes to us from very remote times.

Phillippe: If a child has horror that the father embrace the mother or touches her arm in front of him, one must avoid it and not touch his mother in front of him?

Gurdjieff: Sì.

Phillipe: And it is right that this be very strong in the child?

Gurdjieff: I am going again to explain to you among other things, something oriental. When a child arrives, after this moment the father and mother must figure that life is finished for them; their life, their satisfactions, all is sacrificed for their children. They do everything for their children and refuse themselves everything. They are . father and mother, their life is finished. Their aim is their child, they must do all for him, even kill, even steal, some bad actions - for their children.

Le Prudhomme: There is a question on the same subject that I want to ask you. Our attitude towards one another. We have to act among ourselves in the teaching as with the people outside?

Gurdjieff: Here, it is not the same thing. Here there are comrades. You can make a
compromise with your conscience. You know that the first commandment is that
the hand wash the hand. Do you understand? If the right hand does not wash the
left, the left does not wash the right. If the right doesn't do this (Gurdjieff makes a
gesture of washing his hands), the left hand does not do that. If you don't do
good to your comrades, your comrades will not do good to you. If you do good,
they are obliged to help you.

Le Prudhomme: Because for me my comrades have become kindred and more dear than my family.

Gurdjieff: It is because you need them, but you must not be a slave.

Le Prudhomme: It is a privilege that I have never felt.

Gurdjieff: But without sentiment, without identification; it is the thought that must be like that.

Le Prudhomme: I cannot distinguish it.

Gurdjieff But with your consciousness, you must not be slavish; that which is good today, can tomorrow be bad. Tomorrow a comrade can behave toward you as to a stranger. And that your sister cannot do. Doctor, I shall talk with you in a week. I am sure that you will agree with; and you, Mme Dubeau, you can do some good work for me if you follow the advice of the mirror.


Incontro del 16 gennaio 1944
(Viene descritta a qualche allievo la seconda parte dell'esercizio 1, e qualche persona nuova è interrogata e consigliata.)

Gurdjieff: Piccolino, qual è la tua domanda?

Luc (ndT, probabilmente Luc Dietrich lo scrittore, piccolino si riferisce alla sua corporatura. Morirà nell'agosto del 1944 a seguito di un'infezione causata da un bombardamento americano. Celebre l'episodio di Gurdjieff che gli porta le arance all'ospedale, sul letto di morte): L'esercizio che consiste nel richiedere al corpo la sostanza necessaria a portare sul viso espressioni di bontà, giustizia, onestà, imparzialità e intelligenza, mi ha portato a riconsiderare ognuno di questi termini e particolarmente l'onestà. Qual è la relazione dell'onestà, l'equilibrio tra quello che si prende e quello che si dà in cambio? Ho avuto molta soddisfazione quando guadagnavo poco e sono imbarazzato ora in una situazione più comoda e facile.

Gurdjieff: Ho già capito la tua domanda. vai avanti.

Luc: Mi sento in dubbio sulla mia onestà, anche se dessi via tre quarti dei miei soldi. Io voglio che la mia vita sia fondata su princìpi tali che i miei mezzi di sostentamento siano purificati.

Gurdjieff: E ora, vuoi formulare la domanda?

Luc: Da cosa si può sentire di essere onesti?

Gurdjieff: C'è un principio, un criterio: Quando hai dato a te steso la parola di fare qualcosa e l'hai fatto, hai un certo sentimento di soddisfazione. E' questo sentimento di soddisfazione in te stesso che ti mostra che sei onesto. tu capisci questo sentimento?

Luc: Sì. Ma ora nella mia vita di ogni giorno devo usare trucchi uno dopo l'altro e questo mi fa rivoltare.

Gurdjieff: Quella è la vita esteriore. Tu fai questo per loro. Ho già detto che adesso devi essere un egoista assoluto, un buon egoista. Per il bene del tuo futuro altruismo. Oggi non puoi dare molto agli altri, e se provi a farlo, non sarai capace di cambiare te stesso, rimarrai quello che sei. Devi fare il sacrificio di dare a un altro. Ma devi dare a te stesso la tua parola che in futuro la ricompenserai dieci volte. Così puoi promettere. Ho due indizi, due princìpi; soddisfazione in te stesso e promettere di ripagare molto di più in futuro. Esteriormente, si recita la propria parte, secondo quello che richiede la situazione, e interiormente non ci si identifica. Se stai lavorando interiormente la natura ti aiuterà. Per l'uomo che sta lavorando, la natura è una sorella di carità; gli procura quello che gli serve per il suo lavoro.

PAGINA 52

Se hai bisogno soldi per il tuo lavoro, anche se non fai niente per procurarteli, i soldi ti arriveranno da tutte le parti. In un altro caso, la natura taglierà tutte le risorse di un uomo se è necessario al suo lavoro. (A Simone) Capisci? Per esempio, dovevi avere dei soldi una certa sera, avresti voluto andare al caffè ma non ne avevi, sei rimasta a casa e hai lavorato. La natura è più intelligente di te; conosce meglio di te quali sono le condizioni migliori per il tuo lavoro; e se tu lavori, la natura richiama spiriti consci che prepareranno per te le condizioni di cui hai bisogno. Per l'uomo ordinario, per l'uomo che non lavora, non c'è altro tranne il destino. Ma per l'uomo che lavora, la natura gli dà attraverso spiriti consci tutto quello di cui ha bisogno.

Philippe: Quello che ha appena detto mi ha dato di più di tutti gli esercizi. Sento in me in questo momento che spirito è. Sento una vita in me. Come se capissi quel che devo fare. Devo salire la mia "scala". Devo intraprendere gli obblighi, dare la parola a me stesso su piccole cose, non quelle grandi che sono troppo lontane per me.

Gurdjieff: C'è una legge che è formulata molto semplicemente. Un uomo deve mantenere la parola data; in ogni caso, qualunque cosa succeda. E' un comando assoluto. Se hai dato la tua parola di venire a trovarmi a una certa ora, anche se ti tagliano a pezzi, ti uccidono, tu devi venire. una cosa piccola ma forse è collegata con molte altre cose che non conosci. Se tu non vieni, ti potrebbe costare un milione di franchi. Sposterò l'appuntamento che ho dopo il tuo e questo renderà necessario cambiare qualcos'altro e così di seguito in una catena di eventi che non puoi prevedere. Se non si trasportano piccole cose, poi non si potranno portare grandi cose. Con le grandi cose è facile; esse sono lontane e ti riguardano solo di tanto in tanto, quando ti va. Ma le piccole cose sono vicine a te tutto il tempo, che tu lo voglia o no. Prova una volta a darti la parola su una piccola cosa. Non su tutto, perché una promessa deve essere mantenuta e devi sapere che sei capace di mantenerla. prendi una piccola cosa che puoi fare.

PAGINA 53

(Dopo aver pranzato Gurdjieff: rimprovera "T" per non aver adempiuto bene i suoi doveri, i suoi obblighi come direttore del pranzo.)

Gurdjieff: E' una piccola cosa, ma se si capisce come si devono dirigere i propri affari nella vita, è una grande cosa. Non c'è un aspetto solo, ce ne sono sette. Se hai sette affari e ne fai uno bene, gli altri sei possono andare bene automaticamente. Ne trascuri uno, anche se per la prima volta in vita tua, il risultato è cattivo. Per esempio, se tu intraprendi l'obbligo di dirigere il servizio, devi dirigere tutti i dettagli. Dimentica ogni cosa, perfino il tuo dio, per controllare tutti i dettagli con esattezza. Se tu sei il direttore, non esiste niente tranne quello, anche se hai affari da milioni. Li devi dimenticare. Fai al meglio quel che hai da fare. Quando i tuoi affari varranno milioni, li tratterai allo stesso modo. Non guardare solo un aspetto, ma sette, e tutto andrà bene. Se un aspetto non è buono, niente è buono. Abituati a fare bene tutte le cose contemporaneamente, e in parallelo con questo, imparerai a fare bene ogni cosa. Tu sei qui, tu sacrifichi ogni altra cosa. Tutta la tua presenza, tutto il tuo pensiero, tutte le tue associazioni devono essere indirizzate alle faccende che costituiscono il tuo lavoro. Se fai bene quel che devi fare nel wc, farai bene anche quel che devi fare in chiesa. Se non fai bene quel che devi fare nel wc, non farai niente di buono neanche in chiesa. Nelle cose ordinarie della vita devi compiere tutti i tuoi obblighi, pensa ad essi perfino due o tre settimane prima e non sbagli mai. tu hai il tempo. Pensa ogni cosa. Prepara ogni cosa; stai sempre perdendo tempo. Con una tale organizzazione interiore, un uomo non andrà lontano.

Domanda: Posso fare una domanda?

Gurdjieff: Perché fai di una mosca un elefante? Se hai una domanda, falla. E' la mia specialità parlare, parlare, parlare. Aiutatemi a fermare la mia macchina del parlare. Fai la tua domanda.

Domanda: (Chiede a proposito della sua ricerca di Dio, i suoi dubbi e le lotte.)

PAGINA 54

Gurdjieff: Ho già risposto a questa domanda quando qualcuno mi ha chiesto la stessa cosa. Ho detto: se non hai un ideale, se non credi in Dio, allora tuo padre, tua madre, il tuo maestro possono servirti come ideale.

Domanda: Io ho un ideale, sono sempre stato cattolico. Ma non vedo più Gesù Cristo nello stesso modo.

Gurdjieff: All'inizio il cattolicesimo era molto buono, ma non più tardi. Hanno cercato mezzogiorno alle due; hanno diluito ogni cosa. All'inizio era superiore alla religione Ortodossa e a tutte le altre.

Domanda: Non posso riconquistare la fede della mia infanzia.

Gurdjieff: Non è necessario. Hai perso quella possibilità. Non sei più un bambino, sei grande ora. Devi avere logica e non cercare automaticamente. Avere contatto diretto con Dio è impossibile. milioni e milioni di non-entità vogliono avere relazione diretta con Mister Dio. Questo è impossibile. ma puoi avere una relazione diretta in questa linea. Quel che fai qui, per esempio, ha cambiato il tuo ideale interiore - da quando hai preso parte alle nostre conversazioni? (Sì) Quindi forse tu hai fiducia nella persona che dirige qui? (Sì) Quindi lui può servire da maestro momentaneamente.

Domanda: Questo non mi soddisfa appieno. Io voglio qualcos'altro.

Gurdjieff: Allora fai un programma. Tu non hai quel che vuoi. Voglio che tu capisca che il tuo prossimo - padre, madre, maestro - può servire come tuo ideale al posto di Dio. Il vero dio, dimenticalo. Così come sei, non potrai mai avere rapporti con Dio. Crescendo, potrebbe essere, ma tu sei uno tra milioni di non-entità. Nel mentre, prendi un ideale che è sempre il più vicino e poi tu puoi pregare Dio, perché anche questa persona ha un ideale, questo ideale ha a sua volta un ideale, e così via. Dio è così lontano, ci sono molti stadi prima che tu lo raggiunga, non pensare a lui. Il tuo ideale sarà il tuo dio. Dopo puoi avere un altro ideale.

Mme de Salzmann. Dio è troppo lontano. Tu sei troppo piccolo per avere diretto contatto con lui. Solo chi è immediatamente sopra di te può essere dio per te. E' un dio chi a sua volta ha un dio. E' una scala, c'è sempre qualcosa al di sopra. Ogni grado (scalino) ti porta ad un altro e tu ottieni la tua risposta dalla stessa catena.

PAGINA 55

Gurdjieff: Non puoi pregare direttamente Dio. Tu lo immagini, ma sprechi il tuo tempo. E' da questo che proviene la psicopatia. Come un monaco. Egli dice direttamente, "Dio". Lui manipola così (gesticola) e sessant'anni dopo muore come un cane senza aver mai ricevuto niente. Voleva Dio direttamente. Nessuno Lo ha visto, per la legge dei contatti è rigoroso. Questa legge esiste ovunque. Cercherai il tuo dio quando ti sentirai guidato nella giusta direzione, su una buona strada, per esempio da Mme de Salzmann. Quindi lei sarà il tuo dio. Lei non è Dio, ma sarà il tuo primo grado; puoi avere contatto con Dio tramite lei; fai che tutte le tue preghire e buone manifestazioni passino da lei e questo farà contatto con il grado successivo. Poi un terzo grado e finalmente è possibile che la tua preghiera raggiunga il vero Dio. Esattamente come il telegrafo; un messaggio a un parente nella campagna vicino a Lione. Prima da Parigi a Lione; poi a un'altra città, poi al villaggio, poi alla casa del parente. Da regolamento, è per questo che ci vuole tempo.

Domanda: (Questa domanda chiede delle "ingiustizie")

Gurdjieff: Tu sai che la "Giustizia" è una grossa parola - è una cosa grossa nel mondo. Le cose oggettive non sono piccole come microbi, esse vanno in accordo alla legge, come la legge le ha abituate ad andare. Ricorda: come semini, raccogli. Non solo le persone raccolgono, ma anche famiglie e nazioni. E' spesso accaduto quello che accade sulla Terra venga da qualcosa che fu fatto da un padre o un nonno. I risultati convergono in te, il figlio o nonno, sei tu che devi regolarli. Questa non è ingiustizia, è un grande onore per te; sarà un mezzo che permetterà di regolare il passato di tuo padre, nonno, bisnonno. Se ti accadono disgrazie in giovinezza, significa che qualcuno le ha portate - per questo devi raccoglierle. Lui è morto, è un altro sulla Terra che raccoglie. Non devi guardare a te stesso egoisticamente. tu sei un collegamento nella sedia del tuo sangue. Sii fiero di questo, è un onore essere questo collegamento.

PAGINA 56

Più sei obbligato a riparare il passato, più avrai rimorso di coscienza. Avrai successo nel ricordare tutto quello che non hai fatto come avresti dovuto nel tuo passato. Quelle cose che hai fatto contrarie alla GIUSTIZIA hanno mortificato tuo nonno. Quindi puoi avere dieci volte più rimorso di coscienza e il tuo valore aumenterà in proporzione. Tu non sei una coda d'asino. tu hai responsabilità, una famiglia. tutta la tua famiglia, passata e futura, dipende da te. La tua intera famiglia dipende dal modo in cui tu ripari il passato. Se tu ripari per tutti, è buono. Se non ripari per nessuno, è cattivo. Tu vedi la tua situazione. Logicamente, vedi cos'è la Giustizia? La Giustizia non si occupa dei tuoi piccoli affari, debiti non pagati, è occupata con grandi cose. E' idiota pensare che Dio pensi a piccole cose. E' lo stesso con la giustizia. La Giustizia non si occupa di quelle, allo stesso tempo, sulla Terra nulla è fatto senza di essa. Cerca i motivi. Tu sei obbligato ad avere una posizione di responsabilità nella linea del tuo sangue; devi lavorare molto per riparare il passato. E' difficile comprendere tutto in una volta.

Domanda: (Un uomo dice di non poter lavorare bene, non poter fare niente di sua soddisfazione, è disturbato dalla coscienza.)

Gurdjieff: E' impossibile far questo tutto in una volta, si deve cercare. Comincia con cose piccole. Quando ti svegli, ricorda coscientemente di mettere prima il calzino sinistro, al posto di quello destro, ricordando te stesso. Lava prima l'orecchio sinistro, non quello che sei abituato a lavare per primo. Fai un programma, sempre che qualche mosca o qualcosa del genere appaia a impedirti di attuare questo programma. Ma anche se fosse è un fuoco, fai quel che ti dico. Poi quando uscirai in strada, invece di guardare alla finestra a sinistra la bionda che ti interessa, guarda verso la finestra a destra la brunetta. E così via. Se non riesci a fare questo, non parlarne più. Se lo fai, puoi fare ancora domande, e io risponderò e spiegherò un migliaio di dettagli in più.

PAGINA 57

Domanda: Alla base delle mie emozioni negative ci sono due cose: da una parte, l'opinione che ho di me stesso, e dall'altra una certa paura. Se ho successo nel ricordare la mia nullità, l'opinione di me cambia e non mi ostacola più, ma cresce la paura e cresce l'emozione negativa e mi impedisce di resistere. Non ho trovato un mezzo per lottare contro la paura.

Gurdjieff: Si deve decidere. "Tutto o niente". E' semplice, tutto o niente. Se tu comprendi la tua passata nullità, poi decidi; o vuoi trasferire questa nullità dentro qualcosa, o morirai. Se tu decidi, tutto o niente, dopo di questo la tua paura sarà meno importante. Se decidi di morire, allora è un'altra questione. Non sei spaventato? (No) Allora la paura è nulla. Questo è il mezzo per liquidare la tua paura. Quello che hai detto prima riguardo la tua opinione di te stesso è fou-four. Già tuo padre era fou-four. Allora che opinione vuoi avere? Tu sei una non-entità, merde. Devi capirlo. Oggettivamente che opinione puoi avere? Tu non puoi fare nulla. E' tutta immaginazione. Non puoi neppure fare una sigaretta. Devi decidere nel campo della tua nullità. Il tutto o niente può finire la tua paura. O qualcosa succederà o morirai come un cane. Non dovresti esistere come sei. Sei una sorgente di male nel mondo, per il tuo prossimo e per tutti. O cesserai di essere una tale sorgente per acquisire una vera individualità, reale non di fantasia, o morirai. Hai capito? E' una nuova "Giustizia", ha un altro abito. Una cintura e anche un cappello - un cappello alto.



Incontro del 18 gennaio 1944

Mme Dubeau. E' difficile per me separare quello chge sento, cosa è vero, da quello che è immaginario; difficile vedere se quel che percepisco ha una base reale. Per esempio, sembra impossibile nell'esercizio del riempire le mie braccia...

Gurdjieff: Ti ho detto di non aspettarti niente da questo esercizio. E' l'esercizio che ti darà comprensione. Altro verrà dopo. Poi forse troverai possibile capire cos'è la fantasia e cos'è reale. Per capire, è necessario FARE, fare esperienza. L'esercizio ti darà l'esperienza. Questo esercizio fu stabilto secoli fa, prima che esistesse l'Europa.

PAGINA 48

Pomereu: Vorrei sapere se il lavoro è compatibile o no con l'ambizione - un desiderio di potere -  nel mondo esteriore.

Gurdjieff: Se ti aiuta con il tuo esercizio, puoi farlo. Per esempio, puoi sempre ammazzare qualcuno. Io ti ho dato questo esercizio categorico: Sii un egoista. Non puoi fare niente al presente. Prima reggiti in piedi solidamente. Dopodiché, puoi fare qualcosa. La tua domanda è astratta.

Pomereu: Si può avere ambizione fuori del lavoro?.

Gurdjieff: Puoi darla a te stesso come compito ma non puoi contare sul successo - potresti o non potresti. Forse può essere compatibile con il lavoro.

Pomereu: Quindi non è necessario provare a distruggerla subito?

Gurdjieff: No. Ma se sorpassa il tuo lavoro vero, se è una debolezza, devi ucciderla. Se lo fai consciamente, puoi tenerla.

Pomereu: Ma se è una cosa fisica...

Gurdjieff: Può essere una cosa fisica, ma non automatica. Datti un compito conscio e portalo avanti, even by inertia.

Pomereu: Come posso sapere se la mia decisione è conscia? Se voglio i soldi, per esempio, è sicuramente per stupidità.

Gurdjieff: Un'altra questione. Quello che hai acquisito con il lavoro non deve essere usato nella vita ordinaria. So long as you have to do with me, tu devi esteriormente recitare una parte, ma interiormente devi imparare a non identificarti mai. Durante il lavoro avvengono tali cose - possibilità straordinarie - non devi usarle mai per la vita ordinaria.

Mme Dollinger: Nel lavoro si può essere aiutati dalla preghiera e come si dovrebbe fare?

Gurdjieff: Puoi pregare solo con i tuoi tre centri, e allo stesso tempo è un esercizio. Quello che mi interessa non è la tua preghiera, è la tua concentrazione con i tuoi tre centri. La tua preghiera non va più lontano della tua atmosfera. (aura) Quando la tua preghiera può andare più lontano dell'America, sarai capace di pregare il Presidente.

PAGINA 49

Mme Dollinger: Come si può pregare con i tre centri?

Gurdjieff: Ora devi fare una cosa seria. Impara, per il bene futuro, a concentrarti non solo con un centro ma con tre. Devi pensare, sentire e percepire. Questo è importante. Per questo ci sono diversi esercizi. Puoi pregare, cantare - quello che ti va - ma con tre centri.

Hignette: La regola formulata ora mi lascia stupita. Mi sembra che qualche volta uno non possa aiutare usando certi risultati del lavoro. Sto pensando alla mia classe e come riesco a gestirla adesso rispetto a prima.

Gurdjieff: Quel che voglio dirti è qualcosa di diverso. Non parliamo di quello. Questa è una cosa naturale. Avresti potuto farlo anche senza di me. Ogni anno sei più grande, più pratica. Acquisti esperienza e cambi il tuo modo di fare le cose.

Alain: Qualche volta riesco ad arrivare ad una specie di pensiero che è più chiaro e più grande, nel quale capisco molte più cose. Posso usarlo?

Gurdjieff: Fa il tuo esercizio... Esattamente come si impara a suonare il piano. Prima di tutto, fai molto esercizio prima di suonare un accordo. Ora tu devi fare il tuo esercizio e vivere come prima. Nessuno si deve accorgere del tuo lavoro interiore. Questo è il tuo scopo - non identificarti interiormente. Recitare una parte non è uno scopo ma un mezzo.

Alain: Volevo indicazioni più dettagliate su come non identificarsi.

Gurdjieff: Ogni cosa arriva al suo tempo, è solo necessario praticare. Stai filosofando. Ora il tuo scopo e di non identificarti. Considera le tue azioni passate. Cosa puoi dire di esse imparzialmente? Questo servirà da inizio per il tuo lavoro e riconoscerai che tu eri sempre identificato. Per noi è necessario essere interiormente imparziali. Questo al momento è impossibile. Guardiamo ogni cosa, animata o inanimata, parzialmente. Qui è dove giace la nostra debolezza.

Horande. Signore, mi sento male al momento e sono molto stanco.

Gurdjieff: Te l'ho detto all'inizio, dottore, questo lavoro brucia molta elettricità.

PAGINA 50

Horande: Per una settimana non sono stato capace di fare l'esercizio, anche il più piccolo sforzo di ricordare per un quarto o un'ora, perché sono stato intossicato dai risultati che ho avuto. Io penso al lavoro ma non riesco a fare niente di preciso.

Gurdjieff: Non puoi ancora aspettarti risultati. Puoi solo fare gli esercizi.Per essere capaci di suonare accordi occorre molto tempo. Forse ti sei illuso, poi una disillusione. Succede così. Pensa solo al futuro, quando il tuo suonare potrà acquisire diverse qualità e potrai diventare un pianista.

Mme Dollinger: Il mio modo di ragionare qualche volta mi fa pensare che tutto questo è un sogno. Quando non mi sento di lavorare, mi dico che tutto questo non è vero.

Gurdjieff: Hai molti cani in te. Come "Mr. Gurdjieff" non ti posso aiutare, ma solo come dottore. Ma io non ho l'abilitazione in Francia. Accetto solo pazienti inglesi e americani.

Mme Dollinger: Allora potrei proprio arrendermi.

Gurdjieff: Devi superare questa crisi. Ora se hai riconosciuto la tua nullità, puoi prendere una vera decisione per cambiare qualcosa. Se io avessi una pillola per calmarti, non te la darei. Devi ringraziare la natura per l'inizio di questa crisi, e che sia cominciata così presto. Philippe ha una crisi come quella due volte l'anno.

Denise: La sincerità è compatibile con la spontaneità?

Gurdjieff: Possono andare insieme, ma è desiderabile che non lo facciano. La spontaneità non è controllata. Non devi essere sincera con gli altri, ma con te stessa. Non devi fidarti di nessuno, nè sorella nè fratello. Devi essere sincera con te stessa. Se sei sincera con un altro, metti in tavola tutte le tue carte. Lui si siederà sulla tua testa. Questa sincerità è una malattia. Forse non hai dentro niente, ma gli altri si immaginano che tu abbia qualcosa. Lasciaglielo immaginare.



Incontro del 28 gennaio 1944

Dr. Aboulker: Mi hai consigliato di fare una pausa nel mio lavoro questa settimana. Questa pausa mi ha mostrato che stavo lavorando quel giusto per sentirmi soddisfatto e sottomettere le emozioni negative. Quando non lavoro, ho un sentimento di rimorso; le emozioni negative mi prendono per intero. Per esempio, sono preso costantemente dall'invidia per altri.

Gurdjieff: Non è colpa tua. E' colpa di tua madre e tuo padre. Distruggeremo i risultati di questa educazione.

Lanctin: Ho notato che quando lavoro, allo stesso tempo certe rozze tendenze e desideri, certi appetiti di bassa lega diventano più forti e prendono un posto più importante di prima.

Gurdjieff: In questa stanza ci sono dodici persone. Se volessi far entrare due persone in più, sarebbe necessario per due persone che sono già qui, uscire. E' lo stesso per te. Lo spazio è stato fatto per fare spazio, qualsiasi cosa occupi questa stanza deve uscirne. Se una persona vuole uscire mentre un'altra vuole entrare, si bloccano una con l'altra.

PAGINA 63

Essi hanno gli occhi alla porta. Forse tu sei in quella situazione. In questo lavoro non ci devono essere compromessi. A poco a poco, fai spazio. Una persona esce, un'altra entra.

Lecaze: Monsieur Gurdjieff -
Gurdjieff: E' già da molto tempo che sono Gurdjieff.

Lecaze: Questa settimana mi è venuto, molto dagli esercizi e dal lavoro, un certo gusto di me stesso che non avevo mai sentito prima e che mi obbliga ad essere in una parte di me stesso nella quale di solito non sono mai. Questo è stato dissipato perché non so cosa fare con esso; non voglio che si perda ma che mi aiuti ad andare avanti.

Gurdjieff: Devi fermare tutto e fare interiormente quel che si deve fare per il tuo lavoro e che può aiutarti per il tuo futuro.

Lecaze: Ma questo sentimento viene nel momento in cui sto facendo qualcosa di completamente diverso, quando sono impegnato con persone e non posso smettere quel che sto facendo.

Gurdjieff: Non stiamo parlando delle stesse cose della vita. Questo è qualcosa di completamente diverso. Tu devi recitare una parte. Per esempio, tu stringi la mano (saluti) con la mano destra. Non hai bisogno di pensarci.

Zuber:  Questa settimana mi sono trovato in una situazione in cui avrei dovuto sentire rimorso ma di fatto ho sentito solo una leggera fitta che non si potrebbe paragonare al vero sentimento. Vorrei sapere se ci sono mezzi speciali per provare il rimorso.

Gurdjieff: Pensa a tutto quel che hai fatto nella tua vita, tutti i momenti in cui non sei stato come avresti dovuto. Ricorda e allo stesso tempo abbi un sentimento di rimorso.

Solange: Ho notato che ero solita avere un sentimento di rimorso più forte rispetto ad ora che sto lavorando. Avevo sentimenti violenti; Ora essi sono intellettuali. Io giudico le mie azioni ma non sento come ero abituata a sentire.

Gurdjieff: E' una cosa molto semplice. Prima eri abituata a fare un elefante da una mosca e una mosca da un elefante. Questo è come sei di natura. Ora vedi la mosca come mosca e l'elefante come elefante.

PAGINA 64

Solange: Mi stupirei se continuassi con il lavoro che sto facendo o prendo qualcos'altro di più adatto alle mie capacità. Mi piacerebbe avere uno scopo nella vita.

Gurdjieff: Il mio consiglio è di fare qualcosa di completamente nuovo, senza alcun collegamento con quello che stai facendo adesso. Meno sei soddisfatta del tuo lavoro, più grande è la possibilità di fare di più. Ricomincia a imparare per il futuro. Una nuova carriera è la cosa migliore per te. Nella vita uno può fare ogni sorta di compromessi, ma con questo lavoro non ce ne sono. Tu devi cambiare la tua intera vita esteriore e ricominciare ancora una volta.



Incontro del 20 aprile 1944

Dr. Aboulker: Ho provato a sentire rimorso di coscienza, ma il rimorso mi sopraffà. Non posso dimenticare che fu per rimorso che Giuda si impiccò.

Gurdjieff: Perché parli di Giuda in questo caso? Cosa sai di Giuda? Egli fu un grande iniziato. Egli fu il secondo discepolo dopo San Giovanni il Battista. Tutto quello che è detto su di lui è falso. Se vuoi sapere, era persino il maestro di Cristo.

PAGINA 58

Dr. Aboulker: La ricerca del rimorso mi porta alla depressione. Devo aver fatto l'esercizio in modo sbagliato. Come posso trovare il rimorso?

Gurdjieff: Per esperire il rimorso è necessario svegliare la vera volontà, ricordare il vero scopo. Devi distruggere la tranquillità.

Dr. Aboulker: Ho sentito a sprazzi il rimorso due o tre volte. Ma non so come farlo venire. Quando lo cerco intenzionalmente, non riconquisto questa qualità ma trovo il tipo che mi deprime.

Gurdjieff: Quando il rimorso arriva senza amor proprio, ci dà il desiderio per qualcosa di migliore. Ma quando è mischiato con l'amor proprio, ti butta giù. L'effetto del vero rimorso è odio di te stesso, ripugnanza di fronte a sé. Queste due cose fanno il vero rimorso di coscienza.

Dr. Aboulker: Una volta, quando l'ho provato, fui nauseato, letteralmente.

Gurdjieff: Devi sentirne molto di quello per uccidere il tuo nemico. Quando senti questa depressione, dovresti fare il "Io sono", poi non dovresti spaventarti di diventare più depresso. Solo attraverso questo impulso puoi trascendere la tua nullità. Dovresti gioire che un impulso abbia svegliato in te  una vera volontà di cambiare. Non devi fare cerimonie con l'amor proprio. L'amor proprio è il tuo più grande nemico. Si dovrebbe punire impietosamente questa peccaminosa creatura. Non solo tu - ma tutti. Il sentimento di rimorso può fare da riparazione per tutte le cose, tutti gli sbagli dei tuoi genitori, dei tuoi educatori, dei tuoi compagni d'infanzia. Devi acquisire la libertà interiore che ti renderà degno di diventare un candidato uomo futuro. Mio caro dottore, questo è quel che consiglio ed è una cosa molto difficile. Non è piacevole, ma non è colpa mia. Se vuoi avere un futuro, prova questo nel presente. Più esperisci questo, più possibilità hai per il futuro. Devi riuscire a portare il rimorso di coscienza a un punto dove esso diventa odio di sé e odio del tuo passato, dei tuoi genitori, dell'educazione che hai avuto. Condanna (tormenta) ogni cosa. Chiama il tuo ideale ad aiutarti a sopportare le difficoltà e divenire degno di esso. Da una parte maledici il tuo passato; dall'altra, nel nome del tuo futuro, dai la tua parola - nei confronti di questa condanna - di aiutarli più che puoi. (i genitori?)

PAGINA 59

Devi raggiungere il punto dove la coscienza parla impietosamente in te.

Mme. Etievan: Ho provato la stessa depressione del dottore, ma non l'ho più. Mi sento come ero prima.

Gurdjieff: Sospetto qualcosa; forse ti sei abituata automaticamente. Il che è pure sbagliato - una idee fixe. Non ci si può abituare al rimorso; esso deve penetrare al Sé interiore. Se ti abitui, lo rendi automatico; diventa esteriore, senza peso, lo fai solo con la testa. Stai sprecando il tuo tempo. Per essere ancora più impietoso, devi farlo con i tre centri, non solo con la testa.

Kahne: Quando esamino i pochi anni che sono stata nel lavoro, noto che non scarseggiavo mai nella forza (?) guida, ma quella parte di me è sempre scappata dal lavoro. Ho visto questo quando mi ha detto che scarseggiavo di volontà fisica. dove posso trovare la forza che mi darà volontà fisica?

Gurdjieff: Solo una cosa ti può aiutare. Devi soffrire fisicamente. Per esempio, non mangiare abbastanza, sii affamata. oppure, se al tuo organismo non piace l'acqua fredda, renditi sopportabile l'acqua fredda. Lo stesso con l'acqua calda. Fai l'opposto di quello che il tuo corpo è abituato a fare. Fallo soffrire. E' il solo e unico modo di fare la forza che ti manca. Non sofferenza mentale. Abbiamo sette tipi di sofferenza. Per te è necessaria la sofferenza corporea. Con la tua mente puoi governare il tuo corpo spietatamente, farlo soffrire. In te lavorano due parti, ma il corpo no. Hai capito la tua emozione? Se l'hai osservata, se mi credi, fallo, lotta, soffri. Dopodiché sarai capace di lavorare su te stessa. Sono contento che sei arrivata da sola a questa domanda.

Mme. D.: Non riesco a dominare l'esercizio. Divento identificata. Quando sono tranquilla ci riesco meglio.

Gurdjieff: allora è meno utile.

Mme. D.: Un'altra difficoltà. Quando visualizzo una persona che è morta, non ho contatto con essa. ho l'impresione di non averla mai vista. (viste)

Pagina 60

Gurdjieff: Un esempio molto buono per te. Forse conosci quelle persone solo con una parte di te stessa - la parte intellettuale, per esempio - e ora vuoi cambiare e raffigurartele col sentimento. Avrai contatto con tutti i tuoi centri, ma uno per volta.

Mme. D.: Devo trovare qualcuno che soddisfi le condizioni.

Gurdjieff: Forse non troverai mai una tale persona. Forse tu sei monolaterale (un lato). Se non puoi trovare una persona, prendine due o tre. Con una sarai nella parte del sentimento, con un'altra nel pensante, e così via.

Pomereu: Ho notato che quando guardo il mio respiro sono meglio capace di ricordare me stesso. Dovrei fa questo?

Gurdjieff: Non se pensi che ci sia il rischio che diventi un'idea fissa (una fissazione). Se ti aiuta, continua. Solo tu puoi giudicare?

Pomereu: Come faccio a sapere che è un'idea fissa?

Gurdjieff: Ora ho capito. Dalla tua domanda. Ho capito il tuo stato interiore. Qual è il centro di gravità del tuo lavoro?

Pomereu: L'esercizio consiste nel nutrire l' "Io" e i sette respiri.

Gurdjieff: Qual è quello che ti interessa di più, che ti dà più fiducia?

Pomereu: Non li faccio nelle stesse condizioni. Sono entrambi importanti per me.

Gurdjieff: Cambia le condizioni in cui fai gli esercizi. Fai quello che hai fatto nel tempo riservato al lavoro, nella vita e viceversa. Cambia il tempo (l'ora) per superare l'automatismo. Sospetto qualcosa e questo me lo chiarirà.

Mme. Vera Daumal: (Fa una domanda sull'esercizio dei sette respiri) E' il modo giusto per continuare o devo pulire di più?

Gurdjieff: Continua. Forse lo stai facendo solo con parte di te. Ora cominci a svegliarti, questo produce incomprensione. Vai avanti fin quando non hai un contatto oggettivo con i tuoi tre centri. Il contatto con uno solo è isteria.

PAGINA 61

Una persona reale è sé stessa. Io sono me; se io amo, è con l'interezza del mio essere; se odio anche.

Mme. Vera Daumal: Di quello non ne voglio più.

Gurdjieff: Allora fallo sempre, fissa una nuova abitudine. Dopodiché ti aiuterò.

Mme. Vera Daumal: Ho fatto un grande sforzo tutta la settimana. Ho sentito qualcosa di nuovo.

Gurdjieff: Per la prima volta si è svegliato in te qualcosa di nuovo. Ma non sei ancora abituata a questo, non hai ancora abbastanza materiale. Sei sulla buona strada. Se sei capace di condannare un errore ed essere disgustata dal tuo passato, questo ti aiuterà. Realizza quanto tempo hai perso. Quello è rimorso di coscienza. In questo modo prepari un buon futuro. Senza brutte cose, le cose buone non vengono mai.

Wack: C'è una parte di me che non sono mai riuscito ad educare intenzionalmente quando cerco di ricordare me stesso. Questa parte si sveglia soltanto come risultato di uno shock esterno. Come posso farlo apparire?

Gurdjieff: Devi uccidere qualcosa in te. Devi fare spazio per questo nuovo sentimento. Noi abbiamo nel nostro sistema (organismo?) un numero di fattori definito. In te tutti i fattori sono già stati incisi, come dischi del grammofono, e queste incisioni sono già false. Devi distruggere una di queste incisioni, mettine un'altra al suo posto.

Wack: Come si può distruggere?

Gurdjieff: Tramite una forza definita. Scegli un ideale esterno. Fede religiosa, per esempio. Qualcosa di cui sei sicuro che sia esterna a te. Quindi liquida questa credenza, distruggila. Non perderai niente, per questo è falsa. Prima o poi ogni cosa deve essere nuova in te. Per il momento ogni cosa è merde. Fai spazio, così da cristallizzare un nuovo fattore per una nuova vita. A te consiglio di prendere la fede; forse tu hai un altro sentimento di cui sei sicuro. In ogni caso, ce n'è uno in cui devi avere successo nel distruggerlo e sostituirlo, cosicché avrai un reale contatto col sentimento.

PAGINA 62

Wack: Cosa sarà il nuovo fattore?

Gurdjieff: La coscienza. Fino ad ora tu hai cristallizzato solo abnormalità provenienti dall'esterno.

Mme. DaviDomanda: Cosa si deve fare per seguire il consiglio che hai dato nel tuo libro; convincere tutte le cose, tutte le parti inconscie della propria presenza a lavorare come se fossero conscie, e così via?

Gurdjieff: Non è il mio libro, è del signor Belzebù, ed è il consiglio che sta dando a suo nipote.

Mme. DaviDomanda: Quindi è solo per suo nipote?

Gurdjieff: Te lo spiegherà Belzebù. In quanto a me, ti do un altro pezzo di consiglio: abìtuati a chiamare Belzebù "mio caro nonno". Questo ti aiuterà. La condizione è che tu ti rivolgi a lui rispettosamente, "mio caro nonno, con tutti i dettagli". Poi forse risponderà.



Meeting of May 25, 1944

Not many people today.
Mechin: I did rather regularly the exercise of "filling up". It fatigued me. I had headaches
during the day. Must I continue?
Gurdjieff: Continue. You shall pass this crisis, your salvation is within. You must succeed
in breaking down something. Do not be sparing; this fatigue can give you
subtlety. You are strong like a pig. But for our work one must be a goat, a young
goat is very good, an old goat, a bad odor. (To the doctor) I am sorry that you
arrived late; I spoke concerning a medical question. I do the contrary of the usual
doctor; he is not nervous; I make him nervous; the doctor nurses this; I aggravate
it. He has everything except this thing. He is a bull, but not a purebred bull. It is
necessary to change into a purebred bull. If you do not change, you will remain
like an old goat. A moveable source of horrible emanations. Often you see,
doctor, among your patients ….
Pomereu: I have the impression of having more and more difficulty in the exercise of
Sunday. I do not succeed in giving a shock to the chest and the vertebrae column.
Gurdjieff: You know why it is difficult?
Pomereu: I don't know; probably because I work too much with my head.
Gurdjieff: You have not interest; you do not work with your being. You want to do it only
theoretically.. not you. You have decided by chance with your head, but it is not
you who desires. It is necessary now for you to have one aim with all your being;
if you walk like this, then you shall wake this function up a little; you do not feel
because you have not sentiment.
Among others, I say a thing that is not for you and at the same time is for you. I
have ascertained this afternoon a thing which can render great service to all of you.
It is an instinct which is not decayed. They are of good breeding. You are of a
degenerate class. When you say "simple persons", it is that they are not yet
degenerated. You do not have that normal thing that all the animals have. You
notice it is simple people; for this I say, they are purebred, not degenerate; it is
badly educated, it is simple. This thing that we have begun with you, it would be
well to return to something ancient or it would be well for something new to be
born in you. You can already begin to see on the 7th time that you come to me.
You do not have contact or you do not poison yourself, one or the other, in order
to go toward your aspirations. It is possible to have a common contact through the
aim. It is possible with practice. For example, when you are seated together do not
spend your time internally like in life. Use this occasion to do an exercise; suggest
to yourself that this atmosphere about you, wakes up the desire to go toward the
aim ...everybody here. This atmosphere is warming for an aspiring
--------------------------- 24
with all your being toward a common aim. When you find yourselves
together, suddenly, automatically it produces this heating. You can have a
reciprocal action on a whole city. Paris is big; but if you begin it will
become, little by little, possible that, if one movement is produced in a
corner of this atmosphere, it will start an unrest which will spread over all.
You have knowledge of different telepathic acts. It is as if the atmosphere
became large; a material is formed like in the web of a spider. If, in one of
the meshes, a new force enters, this can correspond in the whole network,
like in a electric conduit. It is necessary, when you are accidentally
together, that you do an exercise. You create a factor of inclination for
succeeding in your aim with all your mass. For this it is necessary that two
things happen, auto-suggestion and representation by forms, but subjective
forms. In the beginning you will understand what is happening; it is not
important to picture it to oneself exactly. Imagine that in you there is a
network. If one current comes in one point, it shall arrive everywhere, if
one sensation of warmth is in one point, all the points shall feel the heat,
the cold. Picture how what happens in one place happens everywhere.
Lanctin: In the weeks that just slipped away, I tried to make two parts well-carved in my
life. I tried to arrange my external life as a function of the internal work that I had
decided on, and to no longer do this work in the moments, left free by life. The
center of this work is the exercise of "filling up" which allows me to reach a form
in which I can always find myself. But I encounter, as soon as I have life, two
obstacles. My body and my head. My body is an obstacle that I know. I know
how to conquer it. But what I cannot conquer is my head, my attention. I do not
see how to destroy this obstacle. In forcing, I succeed always in a result, but I
feel that I force wrong.
Gurdjieff: You know that with your body you could sooner or later succeed. The head does
not exist; it is the result of the body.
Lanctin: But when the body is completely passive
Gurdjieff: With your head you can; with your head you cannot.... but head is body.
Lanctin: With the body I see what to do; not with the head.
Gurdjieff: Work with the body; for your body.
Lanctin You forget the head.
Gurdjieff: If the body changes, the head will change ....with another body, another head. If
you feel already something with your body, continue. The head shall follow the
body.
Mme de S: The head must do nothing; it must be there as a witness. It shall train
itself to remember.
--------------------------- 25
Gurdjieff: It will serve you as an aid to recall. The role of your head is to be present. The
service of your head is to be a constant witness. Bit by bit, it will no longer be
away. With this you can change. It is very good advice.
Kahn: I have the feeling of this exercise. I feel things, I filled. But I lose the inspiration;
I have nervous contractions which I cannot conquer.
Gurdjieff: You do not have the rhythm. It is necessary to do different things. (1) Inhale
normally; (2) Retain the air while becoming discontracted; (3) Exhale without
becoming contracted. It is not necessary to relax when you retain.
Kahn: I always have contracted exhalations.
Gurdjieff: You do not have rhythm, perhaps you have other disharmonies.
Kahn: You had told me to breathe some water; I have always one nostril that stops up.
Gurdjieff: You must continue. If you have been ill all your life, it is not possible to recover
in one week. You have already change; before, it was always the same nostril
that stopped up. Doctor, it is an original thing that this organic thing disappears.
It goes to another place, thus there is no illness; and nevertheless illness. All
doctors that here, there is sickness; I say that this thing can disappear and go
elsewhere, here or here... If not illness, then what is it? It is an absurd original
thing, but the patient understand it.
Kahn: Already before, I had the impression that if I was guided I would succeed in
making this contraction disappear.
Gurdjieff: Continue that and do the new special exercise. To begin you take your watch and
you divide your time exactly into three parts, not more than 10 seconds each
between 5 and 10 seconds; and not often, 2 or 3 times in 24 hours.
Kahn: Not in life?
Gurdjieff: With the exercise it is best. You put half the attention.
Paquer: How can I know and determine if I am identified with the work?
Gurdjieff: You must never work more than one third of your state of awakeness; if during
the other two-thirds you think about it, then you are identified. It is easy to
recollect.
Aboulker: You told me that there are some times to detest my parents .......now I can do it.
Now I understand that I must detest the idea that I have of them and that I ought
to live as if I had always been an orphan.
Gurdjieff Do you pity yourself in these moments?
Aboulker: On the contrary, I receive some force from them.
--------------------------- 26
Gurdjieff What force?
Aboulker: The force of having to rely only on myself
Gurdjieff: You have heard my explanation? You have felt that I was content or not content?
Aboulker: Since you spoke to me of it a long time ago, you must know what must happen.
Gurdjieff: Remember to ask Mme de S.
What time is it?
Try now to do this exercise of forming a web.
The whole brotherhood also did the same thing. You know the proverb: "one for
all, all for one". In ordinary life, this is a lie, because it is not realizable. But here
is a brotherhood. They all have one common aim. One of them is there; but he
must desire that all attain it, and inversely, the others are also obliged to help him.
This example approaches that which one must do. This shall assist you in
receiving a contact. Even egotistically one must desire it, because, in every feeble
state, one shall be aided. One could say that, word for word, it is like in a
cobweb.
Mme
Thezenas: Can the weakest be aided thus?
Gurdjieff: This is not the subject. One is only excited. There exist two things; matter and
force. This exercise is to urge, to excite, to animate.
AFTER DINNER
Gurdjieff: Blond #2, is there something new with your health?
Gurdjieff: Good or bad, this does not exist. Only change exists.
Mme Vie: I have more headaches.
Gurdjieff: One sometimes calls bad that which is good. Before, you never had headaches;
thus, it is very good. Perhaps what I have has produced an awakening. Your
brain had not blood. The blood never passed through there; now the blood passes
through, and so you have pain.
Mme Vie: I await …
Gurdjieff: It interests me to know this. You must not wait; sometimes the unhappiness of
others makes me happy.
Mechin: I forgot to ask you something. In the exercise of "filling" , I have difficulty in
filling up the thighs.
--------------------------- 27
Gurdjieff: What did you call it? Oh, the legs. We are going to speak about the legs. Change
nothing in what I have explained. You have only to conquer the pig more and it
must become a goat. Perhaps now the pig is in a very good path. Perhaps it only
remains for the leg to change. Do not put special attention on that which concerns
your leg. Sooner or later it shall be done. You have another quality now; do not
separate the thighs from the head. All that shall be done.
Mme T: I succeed in doing the "filling" with a very very strong acuteness.
Gurdjieff: It is perhaps the first time that you have put all your conscience there. But first,
what exercise are you doing?
Mme T: The "filling".
Gurdjieff: You were there when I explained it? .
Mme T: No, Mme de S explained it to me.
Gurdjieff: Oh, Mme de S. The whole process happens without me. I am as if I fell from the
moon.
Mme T: I feel the exercise very well, but I have the impression that it is a drudgery. In the
beginning it interested me because it was new.
Gurdjieff: Do you have an aim for which you are doing, in general, all these things?
Mme T: Yes, I have an aim.
Gurdjieff: I have always regarded you as a visitor. It is now necessary to have a little
knowledge. What is your aim?
Mme T: To succeed in being oneself.
Gurdjieff: You are not? You have a suspicion that you can succeed in being? So ............It is
still too soon for you to do an exercise. You can receive much from them but you
do not have sufficient preparation to do them. You shall do only one exercise - 2 or 3
times in 24 hours: Relax consciously. You allow your thought, like a policeman, to
verify everywhere that your muscles are not contracted. There exist three qualities
of muscles: large, medium, small. You shall spend a week in relaxing each
category of muscle. When you are sure that you can really relax completely, then
you shall return to me and you shall re-ask your question. Not "Lay down", ask
.....Can you explain to me in French; "lay down" and ask? To "lay down" is already
for definite internal things. You can never "lay down" a question. A cigarette alone
can "lay down"; never "lay down" a question. We are speaking of what concerns
bread "lay down"; but a question is of different quality; ask a question, not "lay
down". Definite things you can "lay down".
If you are a French language professor, Mme, I am ..



Incontro del 13 luglio 1944


Mme de S: Ci sono delle domande?

Dr. Blano: Mentre lavoro ho l'impressione della completa sparizione del mio corpo fisico. Sento due cose distinte; una di proporzioni più grandi del mio solito e della quale non conosco i limiti. L'alta più interna, più limitata capace di dirigermi e che non ha una forma precisa, anche se è comparabile al mio corpo.

Gurdjieff: Quello che spieghi ora, non sembra il nostro lavoro. Se continui, hai una buona possibilità di diventare una candidato per il manicomio. È lo stato che conoscono gli spiritualisti e i teosofi. Fermati immediatamente. Non devi dimenticare che tu sei un corpo. Devi sempre ricordare il tuo corpo. Non hai ancora un "io", nessun "me". Non dimenticarlo. Soltanto così puoi avere un futuro. Più avanti il tuo corpo avrà un vero "io", un vero "me" come dovrebbe averli ogni persona normale. Ora tu senti l'assenza del corpo, no?

Blano: Sì

Gurdjieff: Bene, devi sentire il tuo corpo dieci volte tanto. Non è necessario lasciare il tuo corpo. È necessario rinforzarlo. C'è tanta gente come te; sono degli psicopatici.

Blano: Come posso intensificare la sensazione del mio corpo quando sento che se ne sta andando?

Gurdjieff: Lavati la testa con acqua fredda. Fai una ginnastica difficile. Per esempio, tieni le braccia a croce per quindici, venti minuti, mezz'ora, mentre pensi "io sono", "io voglio essere". Pensa come con il corpo. Senti il tuo corpo. Caccia via tutte le associazioni psicopatiche; queste sono malattia, debolezza.

Yahne: A me sembra di essere sempre più fisico. La mia sola coscienza è quella delle sensazioni. Nella mia vita ordinaria e nei miei esercizi, provo la scomodità di essere incollato alle mie funzioni e di non essere capace di staccarmene. Come posso raggiungere una vita più spirituale?

Gurdjieff: Yahne, quello che chiedi, che vuoi, lo capisco. Non hai lo psichismo interno del sentimento. Lo vuoi rafforzare. Sto per darti due esercizi che sono solo per te, per nessun altro. È necessario separare le tue funzioni organiche dalla tua individualità. Al momento, quando stai lavorando, quando ricordi te stesso, hai un altro stato rispetto al solito. È necessario separare questi due stati. Per questo c'è un esercizio, una serie intera di esercitazioni persino.

Here is the first: you do it, for example, seated, leaning comfortably
installed in an arm-chair or on a couch. There is a spot where the arms are
attached to the body, (region of the shoulders) and a spot where the legs are
attached to the body, (hip-joint); feel and control these four spots all the time. All
--------------------------- 29
your attention must be concentrated there. Send everything else to the devil.
When you say "I am" imagine that these four spots are like four pillars on which
is supported your "I am". Focus your attention; not on the extremities nor to the
interior of the body. All your concentration is fixed on these four places. Do this
for your future real "me". To begin, learn to know this state; it is like a measure,
a clue. You will self-remember when you can feel well these four places. Leave
all the rest. Live life as before. This is your only exercise, but do it very seriously
so that all of the most concentrated moments of your work be based on those
spots. After, you shall have title to a real individuality. These things could only
serve as a barrier between your individuality and your ex-functions. I say "ex"
because you must have a new quality of functions. The whole world must have a
new quality of functions - because of an abnormal life in the past. It is necessary
to create a barrier. For you, it shall be the result of this exercise. When you feel
and are conscious of this definite barrier, your ground shall be prepared for a
new exercise; then you will be able to have a new interior, independent, and a
new exterior, independent. You shall have a normal body and a normal
psychism, without the abnormal ex-functions. This is solely for her and for no
one else. Do not try to do it out of curiosity. It is a very dangerous thing.

Hignette: I would like to ask how I could be sure that I am self-remembering and that I am
working with my three centers. I have understood, theoretically, the necessity for
this operation, but I would like to know if there exists a criterion for it. (Later) It
was less a question than a doubt; I do not know if it is worth asking.

Gurdjieff: You have understood that it was a naive thing which you asked? Never read
spiritualistic books. This leads to psychopathy, to insane asylums. Who has a
question to ask?

Mme Dubeau: After each time that I work, I have a big revolt and at the same time I am very
. tired in my body. The physical carries along the psychical, and I do not succeed
in emerging from it.

Gurdjieff: It is the scarcity of cold water. You do not like to do this. It is important reason
for bringing up a conflict. The organism does not like it. The head alone,
perhaps, asks it. It is the real reason for your revolt. It does not know it perhaps,
but this is so. The head looks for explanations, for reasons.. The body is very
spoiled, very indolent. Each day now you have a different psychic
state. Continue a week, and now with the coldest water.
Mme Dubeau: I gave up everything two days ago.

Gurdjieff: Forget now that you have not done it for two days. Your body must ask excuses
from your spirit. If it pardons, I shall pardon also. Act as if you had been sick
during these two days. Now I advise a new thing: each day buy, for five francs,
some "flace" and put it in water.

Mme Dubeau: But, Gurdjieff, it seems to me that all this that I am doing, the whole instruction
depends on the will of the head. This grows weaker, and in a moment all
snaps.
--------------------------- 30

Gurdjieff: Your head cannot will for a long time. When the accumulator is discharged, stop.
Only, you decide; I do not want this animal to dominate me. Pardon, it is your
indolent animal: it is like a cat, a dog, a mouse. Now you know that you cannot
be in yourself along time. All that is dignified in man is submissive to this
animal.

Mme Dubeau: Yet, I find good reasons for being in revolt against the work. I lose all
my illusions and I have nothing tangible in exchange.

Gurdjieff: The whole world submits to it. You are part of your stool, and you are not still
seated on another. We regret it. It is a very bad state to be between two stools.
Believe me. Buy a mirror; after that, another life shall begin and another illusion.

Mme Dubeau: In life, when people do you harm, must one say to oneself, "I don't care; it is
not harmful", or defend oneself against them?

Gurdjieff: A bit of good advice: look at each of these occasions as a way of working in order
to enlarge your will. It is very easy. You know what relations you used to have
earlier, automatically. Today reply consciously, make yourself known
consciously.

Mme Dubeau: But in the same way?

Gurdjieff: As you wish. Bad, Good. This does not exist. The result of this shall be to
charge your accumulator for the next demonstration. The more consciously you
do this, the more energy you shall have; and that which appeared impossible to
you will appear better than expected.

Boussik: Indeed, these last times, I have tried that. I ascertained that at that time I had no
more identifications or negative emotions, that I had closed off impressions of the
other kind and that I was accusing myself.

Gurdjieff: First you must feel clearer and stop your "idiocy". Then you will increase the
energy in your accumulator.

Mme Dupre: Can everybody do this exercise?

Gurdjieff: That is a good object. I am happy that you perceive it. Control each act. If you
remember to do it consciously and not automatically, you shall have a result quite
different.

Aboulker: I would like to ask you a question on remorse. It is very difficult for me to feel
remorse. Example: one imagines that he loves his parents. The work shows you
your egotism and this assists you in stirring up remorse; but for me, I have not
had any illusions about myself for a long time, since the age of 14 or 15 perhaps.
The work has showed me that there were in some things that I believed entirely
egotistical, something other than egotism.

--------------------------- 31

Gurdjieff: You cannot have the future that you want without retrieving the past. If you
remain as you are, you can have no future. For example, you say that the work
has showed you a part in you that is not absolutely egotistical.

Aboulker: I don't feel, today, a grain of love for my neighbor.

Gurdjieff: Ah, that is another question. Take something other than egotism.

Aboulker: (asks in answer to his question) Having never had illusions about the value of my
sentiments as a son, as a brother, these ascertainings do not give me impulse to
stir up remorse.

Gurdjieff: You have looked here only at big things. It is necessary to look now at the small.
Your worthlessness is related to small things. Certain, positive little things, by
degrees. One must make a beginning; egotism is a big thing.

Aboulker: I do not want to venture out in a hackneyed way. This is why I ask assistance.

Gurdjieff: I understood, doctor, I sincerely understood your need. When you change, when
you become different, you cannot see it. When you say I could not see it; who
cannot, which one? You are many; in you, there are not one but many people.
Try to make some statistics. You are four people. Which can see, which cannot?
When?

Aboulker: In the biggest majority of cases, it is the habitual me that sees the habitual me.

Gurdjieff: The "habitual me" is not always the same; for example, when you have eaten
well .... Usually we speak of the three functions. Today I tell you that you are
four. There are even seven of them in all. In you, there is a function: that of sex.
Take these four functions; thoughts, emotions, instinct, sex. When the one is
boss, when it directs and governs all, how does it see, or does it not see?

Aboulker: I do not understand well

Gurdjieff: Reflect for two days. It is not necessary to reply immediately. Until the present I
had spoken of your three functions, today I speak of the fourth which influences
you even more than your food. Food has less influence for the individual than
this fourth, than sex. Today, your power is below its subordination. You are a
function of this thing.

Aboulker: How does one overcome this thing? Isn't that "to see oneself'?

Gurdjieff: I have given you this principle. Perhaps you have chosen, in order look at your
past life, a line in which this quality of yourself or ego was absent. Now I advise
you to usher it in, to take it into account; also in your observations of your past.
Even in your relations with your father.

Aboulker: Madame, I do not completely understand what is this fourth factor?

--------------------------- 32

Mme de S: Sex.

Aboulker: My attitude with my patients; absence of love, professional sentiment. One time
last year I felt something else. I would like to discover it.

Gurdjieff: I have given you a key to search your past. You have a sexual state always
different. What result do you have in one state? What results in another?
Observe from this point of view. These results will give you a different value.
Now do you understand?
Aboulker: Yes, Monsieur.
Gurdjieff: He who had initiative in the past was this Monsieur. The observations will unfold
for you a secret and this secret will open up a hole from which will depart the
remorse of conscience.
Aboulker: I apologize but I am always afraid of not being understood.
Gurdjieff: Sometimes I have the appearance of not having understood. It is because I want
to bring you to understand something else.
Aboulker: I fear that I am being laughed at:
Gurdjieff: I haven't dealt a single blow to your body with my feet. Doctor, I want to make
you see in your life two sides; one side, filthy, and one side, filthier. What
interests me is that you see yourself. I would not even desire to give you the
impulsion for that. That must come from you, from you alone. Until the next
time, you shall think about this new idea which I give you. You shall put your
question to me again, later; perhaps I shall reply to you aside.
Mlle de I would like to know from where comes this internal voice which dictates to us
Gaigneron our acts and which is more sure and steady than instinct.
Gurdjieff: Philip, how are you? You have grown again a little bit. Three months of
absence; now you are already all changed. When one does not see children for a
certain time, one notices that they grow. I know many children that have become
young women, men. There are even some who have aged.




Incontro di giovedì 10 maggio 1945
Mme Dub.: Non posso venire di sabato, come da Lei permesso, per motivi di lavoro. Ho trovato un impulso per lavorare di giorno, ma mi confondo con l'esercizio del ricordarmi di me, ho la stessa difficoltà che all'inizio. Cado addormentata quando faccio l'esercizio del rilassamento.
(Gurdjieff dice a Mme. de Salzmann di andare avanti con la lettura)

Mlle Tal: L'insegnamento ha causato in me la nascita di una specie di testimone che mi osserva spietatamente e che mi ostacola grandemente. Devo lottare contro questo testimone. Non posso più fare l'auto-ricordo. Non mi posso più rilassare. Sono in uno stato di rivolta assoluta.

Gurdjieff: Along with this witness, perhaps something else has closed up in you? (traduzione incerta: E con questo testimone, forse qualcosa in te appare più grande)

Mlle Tal: Sì, c'è una lotta tra due cose. Il testimone mi fa vedere come sono a tal punto da disgustarmi. Ma io non ho nessuna forza.

Gurdjieff: Il desiderio di cambiare a qualsiasi prezzo è cristallizzato in te?

Mlle Tal: Sì, ma non abbastanza fortemente. Prima, avrei potuto. Ora non posso.

Gurdjieff: Devi lavorare duro. Ancora più duramente. Così da vedere quale non-entità tu sei. Tu senti che esiste una possibilità di cambiare. tu forse ne hai il gusto. Cambiare è possibile solo grazie a un duro lavoro interiore. Se tu non hai desiderio di esso, stai sprecando tempo. Non devi andare oltre.

Mlle Tal: Ma quello è proprio ciò che voglio fare.

Gurdjieff: Allora lavora. Lotta, lotta.

Mlle Tal: Il mio lavoro è teorico, al momento.

Gurdjieff: Allora, lotta. Hai capito che sei due persone. Il risultato della tua lotta sarà una sostanza che cristallizza in te diversi fattori per una reale funzione di associazione. (In russo)

Mme de Salzmann: Associazioni conscie.

Gurdjieff: Tu hai fattori meccanici. Tu sei una macchina. Ora puoi cristallizzare fattori per associazioni conscie. (In russo)

PAGINA 37

Mme de Salzmann: La coscienza è una proprietà di un uomo senza virgolette.

Mlle Dol: Lei mi ha consigliato, per fare meglio l'esercizio del ricordo, di allargare le braccia e vigilare contro il rilassamento, principalmente nella nuca (nape of the neck). Nella mia nuca ci sono molte "crepe". (Gurdjieff è stupito dalla parola "crepe" e dice a Mlle Dol. che sta usando espressioni in "slang"). E ogni volta scendo in un livello di associazioni, più profondo di prima. Ora io arrivo sempre allo stesso livello che non riesco a rompere.

Gurdjieff: Perché romperlo?

Mlle Dol: Voglio andare più in profondità.

Gurdjieff: Questo non è il nostro scopo. Le associazioni non possono cambiare. Possono fermarsi solo alla nostra morte. Quando la tua attenzione è consciamente occupata con qualcosa, essa non le vede. Questo è un buon esempio. Le tue associazioni scorrono più liberamente. Ma in questo caso, la tua coscienza è assolutamente a un punto morto. Non nota nulla. Durante il giorno, è la stessa cosa. La tua attenzione è occupata con un lavoro di cui hai bisogno per il tuo scopo. Se tu fai il lavoro consciamente, se non masturbi, allora le associazioni non ti disturberanno. Esse esistono per sé stesse. Puoi sempre formularlo così: l'ostacolo portato dalle associazioni è proporzionale al grado di concentrazione conscia. (In russo)

Mme de Salzmann: Esse ti intralciano tanto più quanto sei poco concentrata.

Mlle Dol: Tuttavia sogno sempre.

Gurdjieff: Lo fai troppo.

Mlle Dol: Sì, sono stremata.

Gurdjieff: Ho detto all'inizio; fai un programma. Lavora non più di undici, diciotto minuti. Qualche volta, accidentalmente, mangi qualcosa che ti permette di lavorare per un'ora. Non farlo, potresti rompere qualcosa. Non usare le possibilità quando si presentano.

PAGINA 38

Per esempio, delle possibilità di prendere un caffè con me. Questo caffè ti agita. Non puoi lavorare un'ora. Non dovresti farlo. Non dovresti usare questa forza. Il tuo progresso è solo undici minuti.

Hor: Signor Gurdjieff, nello svolgere il mio compito ci sono dei momenti in cui non riesco, e poi soffro del fallimento.

Gurdjieff: E' una cosa normale. Ma dovresti avere speranza, a poco a poco, fai crescere la sostanza che ho io. Servirà a far cristallizzare in te i fattori per essere un uomo reale. Lotta. Lotta senza accettare niente. fallo come se fosse un servizio per qualcuno.

Hor: Sì, ma anche quando lotto così, io lo faccio per uno scopo predeterminato; io eseguo un compito. E sono sicuro che se facessi uno sforzo in più non morirei.

Gurdjieff: Non è così, puoi rilassarti. Devi lottare consciamente solo in proporzione all'energia che possiedi. Tu hai delle batterie. Se sono vuote, non poui fare niente.

Hor: Quindi non si deve lottare?

Gurdjieff: Undici minuti, non di più. La prossima settimana, dodici minuti. Abbiamo bisogno del risultato, questa sostanza. In seguito saremo capaci di usarla. Ora tu sei vuoto. Quando ce l'avrai, ti darò un'iniezione ed essa sarà cristallizzata. Devi avere un vero desiderio, un desiderio di tutti i centri. Non solo con la mente. E' necessario desiderare il lavoro reale con tutto il tuo essere. Tu sei giovane. Devi abituarti ad esso poco per volta. Chi va piano, va sano (viene detto in italiano, n.d.t.). Queste domande non sono molto desiderabili. Mi riempiono la testa. La mia testa è già piena di preoccupazioni. La vita è difficile in questo periodo, e se la mia attenzione se ne va a queste difficoltà, non posso rispondere a queste domande.




Giovedì, 16 settembre 1945.

Gurdjieff: (Guarda verso Mme. V. seduta al lato opposto e dice a Mme. F.): Ora, dopo le vacanze, tua sorella ti assomiglia di più. Al primo sguardo, ho visto che la sua espressione è cambiata. Ho pensato che eri tu seduta laggiù. (Agli altri): Ero sicuro che fosse Blonde, ma è sua sorella. (A Mme. V.): Di solito ti siedi sempre al lato. Ora sei all'opposto. Sei in buona posizione per beneficiare. Ora, Mr. District Attorney, se nessuno fa una domanda, chiedi a uno il quale domanda una risposta facile da formulare, una risposta buona per ognuno. (Mentre J. sta scrivendo la domanda, Gurdjieff chiede a L. di prendere il posto di B. che è in cucina. B. ritorna, si siede dietro Gurdjieff che chiede a K. di cambiare posto con lui). Tu capisci, io non lo conosco ancora. Se lui pone una domanda e non è di fronte a me, io non vedo la sua faccia e non posso formulare una risposta che sarà soggettivamente buona per lui.

PAGINA 11

E' una regola che non è ancora stata formulata. Eccola: la gente nuova si dovrebbe sedere qui. Per esempio, lui non ha ancora bevuto alcun alcolico. L'alcol apre, mostra aspetti molti del tuo interiore; è molto importante per conoscere qualcuno. Non è colpa mia, l'alcol costa troppo, ormai 1.800 franchi la bottiglia. Hai scritto la tua domanda Mr. Specialist?

Ja: Signore, Lei mi ha grandemente illuminato sul modo in cui si dovrebbe compiere il proprio compito. Fino a un certo punto, ci riesco. Ma durante la giornata, le proprie attività qualche volta assorbono molto. Uno non vede la persona che ha scelto per il proprio compito e poi vede che la giornata è stata vuota. Come si può mantenere, in assenza della persona, il fuoco necessario per il proprio compito? Come si può mettere qualcosa al suo posto?

Gurdjieff: In generale, è una cosa molto importante. Tu hai scelto un compito verso qualcuno. Ma non sei sempre con quella persona. Ci deve essere una pausa. E' impossibile lavorare sempre, su un soggetto; non hai abbastanza energia. Per questo motivo, metà del tuo tempo andrebbe al tuo compito e metà alla preparazione al compito. E' una combinazione molto buona. Devi usare il tempo in cui non vedi la persona, a prepararti. Come prepararsi? Puoi fare solo una cosa - puoi consciamente aumentare il desiderio di vedere quella persona.  Puoi aumentarlo dicendo a te stesso: "Io sono". Respiri consciamente. Dici "Io sono". Quando dici "io", respiri nell'aria tutti i suoi elementi attivi consciamente. Quando dici "sono", accumuli dell'energia nella batteria e pensi a come usarla. Rappresentati la persona con cui stai lavorando e pensa che quando la vedrai sarai molto concentrato, avrai molto più contatto con essa. Così, quello che dovresti aver fatto in sette volte, l'avrai fatto in una. E ora, dottore, spiegagli in buon francese cosa ho appena detto.

Ab: Il compito è composto di due parti; nella prima, svolgi il compito verso la persona che hai scelto, e nell'altra ti prepari ad avere una relazione più diretta con lei.

PAGINA 12

Gurdjieff: No, dottore. Non spiegare così. Quella non è una parte. Non ci sono parti. La persona è assente. Tutto il suo tempo è libero. Se tu dici "una parte", è come se dicessi, per esempio, una parte tu pensi, una parte tu fai. Non usare questa parola (non dirlo così (?)). Lui come ha posto la domanda? Ha detto che a volte la persona è via e ha chiesto come impiegare il suo tempo. Tutto il suo tempo per quello; non una parte.
(Dialogo in russo)
Mme. de Salzmann: Il signor Gurdjieff dice, why did he hook unto that?
(Silenzio)

Ja: Ho notato - è una constatazione - che, oltre al fatto che sto lavorando meglio, nella realtà ci sono un migliaio di motivi che non ho mai visto e che ora mi appaiono, ragioni per l'interesse a quel ragazzo. Primo, facilita il mio lavoro esteriore e mi dà una migliore relazione con lui.

Gurdjieff: Comunque sia, hai notato qualcosa (di particolare) dall'ultima volta che ti ho assegnato un compito? Questo tempo trascorso è stato produttivo?

Ja: Certamente sì.

Gurdjieff: Ma non teoricamente - seriamente, solidamente.

Ja: Sì.

Gurdjieff: Se ti dico che se lavori sempre così, farai in un anno quello che avresti forse fatto in cinquanta, mi credi?

Ja: Posso sempre dire che l'ho visto come una nuova porta.

Gurdjieff: Fratello, ascolta quel che dice. Se continua a lavorare bene, quello potrebbe anche aiutarlo a continuare bene. Ora, prendilo come un compito, l'aiutarlo; e comprendi bene che lo stai aiutando egoisticamente, che lo stai aiutando per te stesso, cosicché dopo lui può aiutare te. E per quello, perché tu possa ricordarlo, ti darò un mezzo molto buono. Vado a ripeterti qualcosa che Blonde mi ha ricordato per associazione. Ogni giorno tu e tuo fratello vi vedete. Prendi come compito di non incontrare mai tuo fratello senza fare quello che ti sto per dire.

PAGINA 13

Gli dirai: "Ricorda te stesso". E quando lo hai detto, pensa interiormente, "io sono te, tu sei me" con tutto il tuo essere. E continuerai questo processo il più a lungo di cui sarai capace.

Al: Per tutto il tempo che lui e lì?

Gurdjieff: Sì. E con queste parole, è necessario che le tue emanazioni escano anche verso di lui. Fai un contatto con tuo fratello. Ha il tuo stesso sangue; attraverso il sangue tuo fratello riceverà questo contatto. Il tuo aiuto può consistere in quello. Dopodiché, se esce per affari o per qualcos'altro, dal momento in cui rientra, fallo di nuovo. Ogni volta che lo rivedi dopo che è stato assente, anche se fosse per cinque minuti, comincia di nuovo. Se è presente un estraneo, diglielo piano; ma se siete soli diglielo forte. Se c'è qualcuno, puoi sempre fargli un segno. Puoi pestargli il piede, agitare le mani. Ti puoi mettere d'accordo in anticipo con lui. Puoi sempre dargli una pacca… dopodiché cominci il compito. E non dimenticartelo mai: quello che stai aiutando non è lui, ma te stesso. Se lui potrà stare solidamente in piedi da solo, ti potrà aiutare dopo. Lui è l'unica persona che puoi aiutare. Dottore, ha qualcosa da dire?

Ab: Signore, la preparazione di cui parlava poco fa, uno deve provare a farla per tutto il resto del tempo, quando non si è con la persona?

Gurdjieff: Dipende dall'individuo, quanto è occupato nella vita, che tipo d'affari uno ha. Tu hai forse cento cose (da fare); dividile in cento parti, dividi il tuo tempo. Una parte del tempo fai quello; un'altra parte, un'altra cosa. All'inizio, dovresti preparare te stesso. Ma lui ha un compito, tu ne hai un altro. Tu sei un dottore, hai qualcosa da fare, hai molte attività; lui è solo un parassita di suo padre, non fa niente. Tu, tu non sei un parassita. Lui ha forse più di altre cose. Ma tu, tu hai un'occupazione. (A Ja) Se formuli bene quel che ho appena detto, c'è in essa una buona filosofia che può servire per comprendere molte cose. Colui che può afferrarlo comprenderà molte cose riguardo l'educazione.

PAGINA 14

Qualche volta ti spiegherò perché sei, tu, un parassita. Qualcun altro un semi-parassita. Un altro ancora un quarto di parassita. L'unica persona che non lo è; il vostro stimato Mullah Nassr Eddin. Lui è imparziale.

Ba: Chi è?

Mme. de Salzmann: Un uomo saggio dell'Oriente che tu non conosci ancora, di cui si parla nel libro. Ha sempre una frase appropriata per ogni cosa.

Gurdjieff: E' un uomo saggio, unico sulla Terra.

Mme. de Salzmann: Ha una massima per tutte le circostanze della vita. Per esempio, dice che se al padre piace ballare al suono del violino, il figlio finirà sempre battendo il (gran) tamburo.

Gurdjieff: (A Zuber) Bene, cara nuova persona, non ti sei ancora seduto sulle galosce.

Zuber: Sì, con un poggiapiedi.

Gurdjieff: Non ricordo che...
E' candidato per essere messo in galosce. Le galosce di un vecchio ebreo. Forse hai qualcosa da chiedere.

Zuber: Quando uno comincia a lavorare qui (qui o fuori) la relazione che uno può avere con diverse persone sembra essere cambiata rispetto a prima, incerta. Si dovrebbe mantenere la stessa impressione come in passato (è imbarazzante, per uno che si sente cambiato), o si dovrebbe fingere e mettere sé stessi in una confusione e in una prova che non sarebbe capace di portare avanti?

Gurdjieff: Bene, non hai capito il compito che ti ho dato. Io ti ho detto di imparare, di prepararti a recitare esteriormente una parte e interiormente di non identificarti, Interiormente, fai il lavoro dato qui. Esteriormente non devi cambiare niente, dovresti essere come prima. Prima facevi cosà, ora fai lo stesso. Recita una parte senza che nessuno si accorga di cosa sta avvenendo in te.

PAGINA 15

Non cambiare niente. Rimani come prima, ma reciti una parte. Bene, poi capirai cosa significa recitare una parte. Farai le stesse cose che facevi sei mesi fa. Cambi solo interiormente.

Zuber: Mi ha dato un consiglio per una persona, ma vale anche in generale?

Gurdjieff: Per quelle persone che potrebbero essere come quella. Fino a quando sarai interiormente cambiato. Poi, in quel momento, se altri notano che sei cambiato, ti possono soltanto rispettare. Altrimenti, se si nota oggi che sei cambiato, ti prenderà per un idiota; crederà che tu hai una nuova fissazione. Gli darai l'impressione di allegria, tristezza, o idiozia, o che ti sei innamorato, o che hai perso a carte. La gente non deve accorgersi che sei cambiato. Per loro, prima e dopo lo stesso. Dottore, tu che hai capito. Lui no. Le due cose devono essere ponderate, interiore e esteriore.

Ab: La difficoltà sta nel fatto che uno non sa che persona era prima. Si era inconsci. Non si sapeva chi si era. Finché non si è osservato sé stesso. Come può uno imitare il sé stesso di prima?

Gurdjieff: Se tu avessi un gusto oggettivo, sapresti cosa sei. Puoi ricordare guardando all'indietro.

Ab: Ma la personalità aveva qualcosa di spontaneo che è inimitabile. Forse col tempo riusciremo a imitarla. Ma è difficile. L'imitazione è (wretahed, wretabed, wretched?) pessima.

Gurdjieff: C'è una sola cosa che ti può aiutare. Ogni giorno prima di andare al lavoro siediti per quindici minuti sul bidet. (A Denise, che sta ridendo): e tu, suora della carità, tu capisci bene le faccende mediche. Il tuo dottore deve consultarti spesso. (A Jacques): Hai scritto? Anche quel che ho detto del bidet? Bravò! Una parola contiene molte spiegazioni per chi è intelligente. Una parola può spiegare più di mille parole. Una sola figura. (A Mme. Vis): Comunque, ho appena notato qualcosa. E' passata mezz'ora: io ricordo che un momento fa avevi lo stesso colore di tua sorella.

PAGINA 16

Da mezz'ora sei diventata pallida. Blonde, tu sei rimasta come prima. Tua sorella è impallidita. E' molto possibile che alla sua destra o alla sua sinistra sia seduto un vampiro che la sta dissanguando. Può essere trovato a cinquantaquattro centimetri a destra o sinistra.

Ab: Io non credo che Luoise sia una vampira. Sono proprio sicura che non lo è.

Gurdjieff: Non devi mai essere sicura. Questo prova che tu non sai cosa sia un vampiro. Il vampirismo è una scienza. Può essere praticata inconsciamente. La scienza medica non sa niente al riguardo. Per esempio, voi siete marito e moglie. Lei è magra così e tu anche. Tre mesi dopo, lui è magro come questo, lei è grassa come quella. O al contrario. O tra fratello e sorella. O due amici. Sei mesi dopo tutto è cambiato. Inconsciamente. Il vampirismo esiste conscio e inconscio. Qui dove siamo noi succedono certi vampirismi... E' una legge molto spiegabile. Noi siamo tutti attorno al tavolo. C'è una catena che collega ognuno. Se io prendo la mano al mio vicino e ci stringiamo tutti le mani, io posso dissanguare il dottore (Andree) fino a morirne. Forse è lei quella che, senza somigliare a un vampiro, lo è. Non lo so. Sarebbe necessario esaminare la questione dans l'ordre. Io vedo il fatto. Se succede che noto qualcosa di più, lo noto. Se due volte, commento. Se tre volte, per me è un fatto. Poi io studio seriamente e specificamente. La prima volta può essere un caso; lo percepisco, ma è unico, non dico niente. Lo vedo una seconda volta. Così faccio attenzione, cerco una ragione, e se succede una terza volta lo studio specificatamente. (A Jacques): Il tuo lavoro è molto difficile, nostro stimato capo segretario. Mi metto nei tuoi panni. Ho pena per te per il presente. ma sono felice per te per il futuro. Il tuo conto in banca sta crescendo senza che tu abbia depositato alcun denaro reale.

Ba: Mi piacerebbe fare una domanda. Mi piacerebbe sapere... io ricordo me stesso molte volte al giorno, ma credo che il mio ricordare non sia volontario. E' solo il risultato di un'associazione che mi porta a lavorare.

PAGINA 17

Come posso avere un ricordo che dipenda dalla mia volontà e non dalle mie associazioni?

Gurdjieff: Esiste un modo molto buono. Tua madre e tuo padre sono vivi?

Ba: Entrambi

Gurdjieff: Buono, puoi essere felice. Ti darò un esercizio. Impara a farlo, Poi ti spiegherò i dettagli. Prima di tutto fissa un contatto con tuo padre e tua madre

Ba: E quando sono con loro?

Gurdjieff: Con o senza di loro. Lo fai interiormente. Per esempio, "io sono". Quando loro ci sono, tu li osservi. Quando non ci sono, tu li rappresenti a te stesso. Tu dici a te stesso: per ognuno di loro, "io sono te, tu sei io". Tu sei il risultato dei tuoi genitori. tu sei lo steso sangue. Ricordalo. Più tardi ti spiegherò. Nel frattempo, fai questo. Abitua te stesso interiormente a essere molto calmo e vedere sinceramente e con affetto tuo padre, tua madre. Oggettivamente, essi sono più di Dio. Dio stesso disse: finché tua padre e tua madre sono vivi, io non esisto per te.

Ba: Perché ci si dovrebbe rappresentare i propri padre e madre?

Gurdjieff: Tu devi la vita a loro. Ma quella è un'altra faccenda; la vedremo in seguito. E' la legge. Nel frattempo, prendila oggettivamente. Tuo padre e tua madre sono più che Dio. Se tu preghi Dio, Dio stesso può mandarti al diavolo: "dopo la loro morte tu verrai a me" (chez moi). E' un modo di dire. Io ti dò questo esercizio che consiste in questo contatto al fine di prepararti per un altro esercizio. Questo ti aiuterà. E' difficile ricordare sé stessi. Non puoi farlo teoricamente, renderlo automatico. Le associazioni non ti aiuteranno, per ricordare te stesso, dovresti fare uno sforzo di volontà. Hai capito cosa voglio dire. Niente può nascere spontaneamente. Le tue associazioni non sono te, sono automatiche.

PAGINA 18

In seguito (quando avrai lavorato) le tue associazioni rimarranno sempre automatiche, ma il tuo lavoro avrà una relazione, non più con le tue associazioni, ma con te.

Dalle Letture (Domande e risposte del gruppo francese) 9 settembre 1943

Domanda: Vorrei chiedere riguardo lavoro e fatica. mi sembra che sia una differenza tra sforzi di lavoro e sforzi automatici. Il lavoro esteriore si prende la nostra energia; l'altro lavoro, al contrario, accumulerebbe energia. Ma è il contrario. Uno è molto stanco, perde energia.

Gurdjieff: E, nel mentre, la conservi. Consciamente, mangi l'elettricità che hai nel corpo e la trasformi. Questo costituisce la tua forza. Non lo stesso tipo di fatica. La ftica da lavoro reale ha un futuro; tu sei stanco, questo ti darà un solido risultato, ri-carica il tuo accumulatore. E se continui, accumuli una sostanza consistente che riempie il tuo accumulatore (batteria). Più ti stanchi, più il tuo organismo elabora questa sostanza.

Domanda: Quella fatica (stanchezza) è favorevole o no agli sforzi di concentrazione?

Gurdjieff: Se è fatica (stanchezza) ordinaria, non ha valore per lo sforzo. Dipende dagli altri accumulatori. Non sarai capace di fare cose ordinarie. Perderai le tue ultime forze. MA per altri tipi di fatica c'è un'altra legge: più dai, più riceverai.

Gurdjieff: Ho notato che al mattino, quando sono riposato, non posso lavorare. La sera, al contrario, dopo tutta la fatica della giornata, ci riesco di più.

Gurdjieff: Perché una parte di te è stanca e perché lavori senza quella parte. Tu lavori con uno o due centri. Se un centro è stanco, non partecipa al lavoro e non ottieni risultati. Se pensi di poter lavorare meglio di sera, è soggettivo; non ha importanza, è di poco conto.

PAGINA 19

Domanda: Si può dormire consciamente - rimanendo consci durante il sonno?

Gurdjieff: E' possibile, ma non per te ora. Uno può ricordare qualcosa così che entra dentro di te automaticamente. Autosuggestione. Uno può suggerire a sé stesso durante il sonno. Prima di essere capaci di dormire consciamente si deve avere una diversa qualità di sonno. Ci sono dei gradi. Ci sono quattro tipi di sonno; uno può dormire un sesto, un quarto, metà o completamente. Dipende da quale stato di risveglio si ha. Se tu sogni mentre dormi, dormi solo a metà. Poi hai bisogno di un sonno di sette ore e mezzo. Se non sogni, quattro ore e mezza bastano. E' la qualità che è importante. tu dormi sette ore e mezzo. Impieghi due ore a rilassarti di sera, due ore a contrarti di nuovo al mattino. Questo ti lascia tre ore e mezza di sonno. Non ti rilassi consciamente ma automaticamente, e questo richiede tempo. Puoi rilassarti consciamente fino ad addormentarti mentre, d'altra parte, stabilisci la relazione necessaria tra il tuo corpo e la tua coscienza. Al mattino, quando ti svegli, fai la stessa cosa. Fai un programma immediatamente, riflettendo, suggerendo a te stesso in che modo sei determinato a trascorrere la giornata. Fai lo stesso lavoro al quale hai pensato. La tua attività si raddoppierà. Fai un programma reale, non di fantasia. Devi creare l'abitudine. Puoi farlo solo poco a poco. Niente accade tutto in un a volta. Cambia la qualità del tuo sonno. Fatti una bella strofinata prima di dormire. Quando vai a dormire, prega per i tuoi che sono morti. Queste cose sono una buona preparazione al sonno. Altrimenti, proseguirai i tuoi sogni e fantasie della sera.

Due dei presenti dicono di non riuscire a dormire di giovedì, il giorno delle riunioni per domande e risposte. Gurdjieff rivolto a un terzo:

Gurdjieff: Succede a te, dottore?

R: No, appena chiudo gli occhi mi addormento.

Gurdjieff: Bene, non tutti sono un cugino come te. Sai io cosa chiamo un cugino dell'uomo. (la mucca).

PAGINA 20

Domanda: Come possiamo acquisire il distacco?

Gurdjieff: Si deve avere un ideale. Crea un ideale per te stesso. Questo ti preserverà dagli attaccamenti automatici. Pensa a questo consciamente e questo crescerà automaticamente e formerà un centro di gravità.

Domanda: E' più facile distaccarsi dalle cose materiali o dai sentimenti?

Gurdjieff: Tutto ha lo stesso valore. Tu hai attaccamento con un centro o l'altro. Devi vedere l'argomento in questo modo, senza filosofare. Tu non hai né un ideale né uno scopo serio. Così ogni cosa ti tocca (ha contatto con te) - tu sei uno schiavo. Devi abituarti a prepararti per il lavoro. Una certa parte del giorno deve essere consacrata al lavoro; non fare altro. Sacrifica questa. PENSA al lavoro. Leggi qualche cosa di collegato al lavoro. E permetti a tutte le associazioni connesse al lavoro di scorrere. Non è ancora lavoro. Ma fissa una data in cui il futuro sarà riservato al lavoro. Prepara il terreno. Consacra questo tempo al lavoro. Accetta l'idea che un certo tempo deve essere consacrato al lavoro. E se ti è dato un compito, o se ne fai uno per te stesso, lo farai durante il tempo che hai stabilito per esso. Il posto sarà fatto. E' FACENDO che l'uomo comprende. Vedrai il risultato che ti porterà. Dì a te stesso di lavorare. Pensa così. Ma qui nessuno lavora ancora. Tutto questo è solo un gioco da bambini. E' un po' meglio della titillazione. Nel lavoro vero il sudore cola sulla fronte, arriva perfino ai tacchi.

Domanda: Quando incontro delle persone che sono un pochino interessate a queste questioni, oppure inquietati da questo soggetto, non appena accenno a qualche piccola esperienza, tutto quello che ho imparato qui diminuisce e dopo mi sento più piccolo.

Gurdjieff: Qui c'è una regola; qui la nostra vita è eccezionale. Quello che diciamo qui, quello che facciamo, nessuno deve saperlo.

Domanda: Ma non dico niente di quello che facciamo.

PAGINA 21

Gurdjieff: Ma questa regola concerne anche le idee. Quel che ti interessa diminuisce se lo dai alla mamma, e ti senti vuoto. Tieni per te le nuove idee. Nella vita puoi usare le idee come strumenti. Ma senza identificartici. Ogni cosa esce da te con le tue parole.

Domanda: Penso che io sia spinto dal mio sentimento di superiorità, è per questo che lo faccio.

Gurdjieff: Ti dirò anche un'altra cosa. Tu hai una debolezza che chi lavora con me deve distruggere. Tu credi. Tu non devi mai credere. Devi criticare ogni cosa, non accettare nulla che non puoi provare come che due più due fa quattro. Il credere non conta niente, non vale niente. Tu credi, tu ti identifichi e desideri passare sul tuo credere, con le tue emozioni. Ti identifichi, dai tutte le tue energie. Se tu non credi, se rimani del tutto imparziale, nel desiderare di trasmettere qualcosa a qualcuno, fallo come se stessi rendendo loro un servizio (a qualcun altro). Have you experienced this? Lo hai provato?

Domanda: Ho notato che si perde quel che si ha se lo si dà agli altri.
Domanda: Ho l'impressione di non potermi impedire di usare le forze datemi dal lavoro al fine di essere superiore alle persone che frequento.

Gurdjieff: Sei una piccola persona. E' cresciuto in te un aspetto. Ne devono crescere altri sei. Dopo questo, puoi immaginarti di non essere come gli altri. Non devi dimenticarti che la prima cosa da ricordare è la tua nullità. Tu hai molta immaginazione. Se tu avessi la comprensione della tua nullità, questa idea di te stesso ti mostrerebbe meglio che gli altri ti hanno superato.

Domanda: Quando sono da solo, o con persone notevoli, vedo la mia nullità. La dimentico quando sono con persone mediocri.

Gurdjieff: Ti darò un compito. Lavora su questo. Riconosci la tua debolezza e lavora. Se incontri ostacoli sul cammino, ti aiuterò correggendoti.



--------------------------- 33
Meeting of Monday, December 9, 1946
G.: Who wants to say something. How is the exercise going? It interests me to know
what you have ascertained.
Mme de S: Who has ascertained something that might be interesting to the others, concerning
the exercise?
G.: That can show who works, what? Horande?
Mme de S: Then, do you want to say if you have something to ask? One at a time.
G.: Then, if you have ascertained nothing, it is because you have not worked. If you
have not worked, what have you done? (Mme de S repeats) Masturbated. (To
Mme de S) Can one say it? Even over against good taste?
Mme de S: Yes, why not, in this case?
G.: (To Sheaffer) You have just arrived, perhaps you have something to say? Have
you ascertained something?
Shaeffer: I ascertain a result in the first part of the exercise. Something turns up in each
limb. What I don't know how to acquire is the inclination. When I feel
something, it is imaginary. I have renounced all voluntary action. Before, I made
effort with my head. I do it no longer.
G.: Your head must be like a policeman. That is all. It must repeat to you all the time
that you are occupied by this work. It must not go away.
Shaeffer: Then I wait for something to happen.
G.: By means of sensation?
Shaeffer: Yes, rather than to manufacture artificially. Then, for me, "to exhaust", I do not
see very well what that can be. I feel sometimes something which stirs. I feel it
in the place where one pulls something. The second phase is more difficult.
After, I know nothing to do about it.
G.: The importance, at the beginning, is the sensation. Then, if you have contact with
the sensation, if you verify how you feel, then, a second thing is important; it is
the way by which you pour out. Up till now no one has spoken of this important
question this way.
Edith: I have ascertained a greater need to relax in life.
G.: If it is thus, you have the inclination. It is only when you relax consciously, and
when your head retains its role of policeman, that the relaxation has value. If you
relax generally, it is weakness.
--------------------------- 34
Edith: I am conscious of being rather tense in general.
G.: You must not relax unconsciously. Yet when you are in your state of awakening,
you must relax consciously. When you sleep, everything relaxes without you;
that has no value. It is your bondage.
Zuber: Sir, in this exercise, the difficulty for me is always the turning of the limbs. On
the contrary the (sucage) and the flowing out are easy. I am happy to do it. The
great effort is the beginning of the exercise. In life, I flow out generally much
more vitality and force and I have something of a bent for the exercise and that I
have very often, or else all is, on the contrary, mad, cacophonous, much madder
than before. I made an ascertaining. It is the need, if I am in bed, of closing a
circuit, by putting the right leg against the left, the right arm against the left.
G.: How to close a circuit, how to understand? I tell you the same thing; do not give
your head permission to wander.
Zuber: This is done without any will.
G.: Then, why verify it? Why speak of it? It is an obsession. This can only give you
many chances of entering an insane asylum. You must never do unconsciously.
Even half consciously, I advise you. All or nothing. Between the two is only
psychopathy, obsession. Never believe. Do not have confidence. You are a very
weak person. If, during one moment, your center of gravity is in your head, then
if it moves to you plexus etc., it is masturbation. The conscious effort consists in
giving the initiative to all your centers. That is activity. All the rest, it is material
for being a candidate for insane asylums.
Zuber: In spite of what you have just said, I think that it is bound up with work.
G.: I know not. But I know that that must not happen. Not yet. Expect nothing.
Send the rest to the devil. For you, there exists only your exercise. Do it until
you are entirely content. All these combinations and manipulations can come
after, but not yet.
One must not let himself be carried away. It is a very dangerous moment. On
one side you have the strength to fix and something can enter forever into you.
Then, you would be obliged to become my client and I can never do for less than
three English zeros and there exists only one remedy to rule these things;
hypnotism. And I advise it not.
Godet speaks.
G interrupts Your question costs nothing. Wait. You do not come enough. You come here
once in three months. Collect some material. For you this work is one thing
among others. You disturb with your question. Here there is another degree of
comprehension. What you say interests no one. These people make efforts for
years and work seriously. With your question, you only cause disturbance.
--------------------------- 35
In this exercise, it is very important to understand the way by which can be made
the inclination. This thing that you suck in with the air that you breathe. How?
What is it? It is not your business. From the lungs you cause to flow this result. It
must go from each side of the navel, without touching it. Then, below, these two
lines unite and from there, that spreads itself throughout all the sphere of the
sexual organs. You must feel the whole sphere.
With your thought, you must journey everywhere as if you were painting quickly.
You circulate everywhere. From there, you go to the solar plexus in exactly the
same way. You go up again from the two sides of the navel to a little forward of
the sternum. (G. Indicates the periphery of the solar plexus.) Like this, under the
skin. Through the back, one cannot transmit to the solar plexus. Then, always in
front, from each side.
Now, in order to nourish the head. You start from the coccyx in leaving the bone
sideways. To the left and to the right of the vertebra column, from two sides, the
path. goes up again to each side of the cerebellum to the brain. (G. Indicates on
Tchekovich the path to travel over (en partant), from each side of the vertebra
column, to mid-buttock).
To cause to flow in the vertebra column, you must first do an exercise in order to
get accustomed to having the sensations of the Kundalini. You know what that
is? We used to have there a tail, formerly. It is necessary to do this only as an
exercise, to have the sensation of this spot.
Do the exercise from two sides, alongside of the vertebra column to the root of
the head (the cervical vertebras). The vertebra column must be felt in the center,
the sensation must be equal from two sides. The density must be equal also.
These things are very important. It is necessary now to train oneself especially to
feel and to establish a contact with this path. After, it will be easy for you to send
something by these paths.
Parallel with this exercise, one thing is necessary. It is possible that someone
obtains a result. But then this result is going to disappear. In order that it may
continue to exist, one must do a special thing with the voluntary thought. At the
beginning and at the end of each exercise, you must pretend, be compelled, to
close again. Think that what you have done stays with you until the next time and
that the next time you will obtain more. You must be certain, that what you have is
not sufficient. Then, consciously, you close again. Instinctively, you can feel it and
already that will help you.
And it is desirable that you would remember to do nothing which might cause you
to emanate a great deal. If you really want to accumulate this thing, you must have
all the time a concentrated state, consciously, unconsciously, instinctively.
--------------------------- 36
Something can be obtained then disappear. It never accumulates nor settles down.
On the one hand, this comes and on the other this evaporates to the devil. Like the
smoke of a cigarette.
It will even be very useful, in finishing the exercise, for each to pronounce his
subjective prayer and ask his ideal to help him to guard this thing until the
following exercise.
If by chance you remember, between two exercises, you can repeat your prayer.
Then you will be inured. You shall be able to always remember. You shall even be
able to succeed in making appear a factor of recall.
In general, it is necessary to create some automatic factors of recall. It is necessary
for you. to undertake this quality of work. It is very easy. For example, how do
you sit down to the table? You have never ascertained with which foot you sit
down. You observe, that there also, you have automatism. You will connect
something with this automatism, for a reminder of your work. With each time that
you sit down to the table, this thing will be able to act as a factor of recall. Another
example, when you wash, you take a towel. Look to see with which hand. See
how you automatize. You will see that each time, you do the something. Do it
consciously, take it with the left hand, instead of the right. In this manner you
make a contact with your work, in order to self-remember.
Another example: you dress in the morning. Which sock do you put on first? The
right or the left? You have not noticed? Observe now. You find out that you begin
with the left, always. Set a task: begin with the right. And connect this new way of
doing with the recall of your work. Whether you wanted it or not, you are obliged
to put on your socks. If you change the way of doing it, you self remember. Then
you find something else etc ....
Then, you will be able, perhaps, to self-remember five minutes. Now, you can only
do it one second. We try to arrive at five minutes. When you can do it, perhaps
you, will be capable of sending back this instrument.
- Silence -
Speak. Talk about something. Speak of it. Fasten there. With Tchekhovitch, I have
something to do.
Shaeffer: I understand well everything that concerns the conservation of concentrated state.
-- But Mr. G. would he want to explain more than that which is fixed in a limb?
Mme de S: For the moment the necessary thing is to feel the path along which something
must move and that you grow familiar with the sensation of this path.
Lemaitre: There is no flowing in the different centers? Only the leg and the sexual organ?
--------------------------- 37
Gurdjieff: It is the same thing. Tomorrow you shall do this exercise to the end. Gradually
as you have need of it, you shall use this path.
Mme de S: It is for training, for exercising in feeling these passages. You must know how
you can flow.
Gurdjieff: It is important to know these paths. Later we shall speak of stations and of forks.
From here to there, there are three stations. From each station, one must go in one
direction and not in another. If you go to the left, instead of going to the right,
you can crush a dog or breathe the stink of a sewer.
Godet: Does the way of the solar plexus compromise the lungs and the interior of the
chest? Or must one feel this passage?
Gurdjieff: The plexus is a sphere. We do not meddle with the organs. In the plexus there
are many nerves of which the total constitutes a brain. Previously, all the
collection was here. (G. shows the approximate height of the diaphragm.) But we
have degenerated. It is not quite dispersed. This is distributed in different places.
(G. shows the circumference of the chest from the beginning of the neck, in back
of the clavicle to a little above the sternum.) Then we shall be able to study
details. For example, one point is your appetite, another your love, another still,
all your impulses. Like in an electric station. The commanding post of your
internal life is there. It is like machinery.
Shaeffer: Gurdjieff speaks of ways for flowing. And in order to suck in, how does one do it?
G.: Imagine that you take in air. Consciously, if you do it consciously, you feel that
you suck in. It is the same occasion. Good breathing leads to better sucking in.
Good sucking in leads to better breathing.
Mme de S: This is done all alone.
Shaeffer: All that one sucks in is concentrated in the lungs?
Mme de S: That mingles.
G.: It is transformed at the same time. There are millions of thins. Many details. It
is much more complicated than your car. Feel the sphere only. Do not
manipulate. Do nothing in the sphere. Concern yourself only with the way of one
sphere in the other.
Plaidge: (Asks for details on breathing)
Gurdjieff: You take in air. In expiring, pay attention only to the process of flowing
Respiration becomes automatic. Only the inhaling is conscious. I repeat again:
get used to this; when I say consciously, this means that all initiative comes from
the three centers. In the beginning, in order to do it better, feel the site of the
three spheres and mobilize, feel that everything comes from there. Train yourself.
--------------------------- 38
Then, if you ascertain that you work only with one or two centers, know that this
is not consciousness. There is only real consciousness with the same intensity in
three places.
Per esempio, ecco un esercizio: io sono - Quando dici "io" senti i tre centri. Quando dici "sono", senti anche i tre centri ma diversamente. "Io", è come se qualcosa stood up. "Sono", è come se, nei tre centri (posti) qualcosa si fosse seduto. Questa è una spiegazione originale. Hai capito?

Horande: (Chiede spiegazioni sulla circonferenza della sfera del plesso solare)

Gurdjieff: È come in chirurgia. (Gurdjieff mostra la circonferenza dei lati. All'altezza del diaframma, la linea discende sullo stomaco e rimonta loro per ricongiungere i lati)

Horande: Le due linee rimangono nella sfera?

Gurdjieff: No. Solo la sfera. Ho mostrato la circonferenza della sfera. Quando è inserita non importa molto.

Lebeau: I due tracciati si uniscono l'un l'altro prima di entrare nel plesso solare?

Gurdjieff: No. Entrano indipendentemente. Poi se ne vanno altrettanto separatamente. Come in una città. Due vie per entrare, due vie per andarsene.

Zuber: Se c'è qualcosa come una brutta contrazione su uno dei due percorsi, ci si deve astenere di dominare la contrazione?

Gurdjieff: Non fare a caso a questo. Fa l'esercizio. Non fare niente di particolare per questo.

Mechin: Le spalle devono essere lasciate all'esterno?

Gurdjieff: Passa solo da qui (Mostra il tracciato situato vicino al collo, un poco sopra la clavicola.) Per le spalle, è la colonna vertebrale. C'è il posto di comando.

Tracol: Posso avere la sensazione del plesso solare e sentire che il mio sentimento non è lì. A quel momento mi piacerebbe capire cosa dice Gurdjieff.

Gurdjieff: È normale. Se tu hai la sensazione del tuo plesso solare, hai già mobilitato il posto del sentimento. È occupato. Non puoi sentirlo. Non devi sentirlo tranne che per avere la sensazione. Se, da questo posto, vuoi sentire la tua colonna vertebrale, puoi ri-esperire l'iniziativa da lì, ma non puoi esperirla. Per esperirla, è necessario che la cosa sentita sia calma e non funzioni.

Tracol: Quindi, non è possibile che i tre centri possano essere presenti quando ho la sensazione delle tre localizzazioni?

Gurdjieff: No.
--------------------------- 39

Tracol: Allora come posso essere attento?

Gurdjieff: Si deve avere la sensazione di tre cose. O li vedi o li senti. La cosa importante è un contatto. In ogni momento. Tu osservi diverse forme di contatto. Una volta, tu senti. Un'altra volta hai la sensazione.
O puoi vederli, or you might guess at them. È necessario che tu sia occupato tutto il tempo, che ti occupi con questa obbligazione. Se tu lo vuoi, se lo decidi, la parte di te che stimi è obbligata a farlo. Altrimenti, punisci te stesso. Se non lo fai, è colpa della tua individualità. Devi educare la tua individualità. Rifiutale quel che le piace. Non darle nulla. Opponiti in tutte le cose. Per esempio, quel che fai alla destra, fai alla sinistra. Ogni cosa per opporlo. E la tua individualità può trovarsi in una situazione molto brutta. Peggio che in prigione.
Mme de S: Non c'è peggior sofferenza.
Gurdjieff: È difficile ma utile.





20-ALCUNE DOMANDE E RISPOSTE DAL GRUPPO FRANCESE

PAGINA 39

ALCUNE DOMANDE E RISPOSTE DAL GRUPPO FRANCESE

Domanda: Non ho mai fatto un compito per intero. Ci penso, lo faccio, ma solo per un secondo. Non riesco a mantenere un pensiero o un sentimento. ("un compito", evidentemente significa uno degli esercizi del signor Gurdjieff.)

Gurdjieff: Tu dimentichi, non hai memoria, dimentichi. Devi ripetere, ripetere, ripetere. Tu vuoi dire che non hai potere di concentrazione. E' lo stesso per tutti. Questo è lo scopo del lavoro. Se un uomo potesse concentrarsi soltanto per un quarto o per un'ora, sarebbe grande come la vostra Notre Dame, come Cristo. Gli chiederei di essere il mio maestro. Se tutti potessero farlo, sarebbero tutti santi. In tre secoli ci sono stati forse tre santi e mezzo. Devi provare a raggiungere forse un secondo al mese ripetendo, ripetendo, ripetendo.

Domanda: Quando vedo un'emozione negativa, vedo molto chiaramente che non è l'oggetto che conta. Esso non esiste, è la copertura. Appena lo vedo, esso scompare, ma l'emozione negativa rimane e va ad occuparsi di un altro oggetto, non importa quale, poi di qualcos'altro ancora. Ho notato che la stessa emozione negativa ritorna più volte tramite associazione e queste sembrano corrispondere a una tendenza. Vedendole, posso pensarle come se fossero degli "io"?

Gurdjieff: Non ci sono tutte queste complicazioni. (Per esempio) sei affamato. Ci sono diversi tipi di fame;  la fame del mattino, di mezzogiorno, della sera. Non sono tutte uguali. L'Inglese mangia molto al mattino, il Francese alla sera. Tu hai l'opportunità di avere questo materiale. E' già pronto per te. Altrimenti avresti dovuto farlo. (Mme de Salzmannn) Dalle emozioni negative si comprende qualcosa che non si potrebbe comprendere senza averle. Invidia, paura, rabbia, eccetera. Si deve separare questo da sé stessi cosicché non rimanga nell'essenza e possa essere usata quando necessaria rimanendo distaccati.

Domanda: Io vedo quanto sono vuoto, pieno di piccoli desideri mondani, contraddizioni, come un mulino dove tutti vanno e vengono. Non ho volontà e non ho rimedi per questo. mi manca la forza.

PAGINA 40

Gurdjieff: Il compito è stato dato per quello. Se non fai il compito, che ti faccia partire, apra una vena (venatura?), sarà più facile. Posso darti una pillola che ti tenga sveglio per sempre. Una pillola costa poco per dormire bene da soli. Una notte costa molto di più. Se uno dorme bene per una notte, uno può avere poi un buono stato di veglia.

Domanda: Quando vedo la mia nullità, sono completamente scoraggiato. Poi, il vedere che ho visto questo, mi ridà speranza e grande soddisfazione di me stesso. Me lo dovrei permettere?

Gurdjieff: No. Osserva, impara a vedere sempre di più. Ricerca il tuo passato. Nella tua intera vita. Soffri per tutti i tuoi fallimenti. Dì a te stesso che hai già venticinque anni, che è troppo tardi per fare qualcosa; che il tempo è contato. Ogni volta che si è un anno più vecchi, è già tardi. Guarda sempre di più i tuoi sbagli e ripara.

Domanda: io vedo me stesso nei miei sogni con tale chiarezza, con tale forza e disgusto, che questo mi sveglia.

Gurdjieff: Io ho impiegato quindici anni per imparare a non sognare. Non si dovrebbe sognare, si deve fare. Ci sono due stati: Sonno e stato di veglia. Quando uno dorme, deve dormire. Fai una doccia fredda, datti una strofinata vigorosa, stai per dieci minuti con le braccia allargate e tu dormirai. Se si dorme bene, si vede bene. Se si sogna, ogni cosa è fatta a metà. Le associazioni non si fermano mai fino alla fine. Questa è la vita. Ma si può smettere di prestare attenzione alle associazioni. I sogni o associazioni che continuano sono quelle che sono le più abituali e (di conseguenza) che ricorrono. C'è anche (il libro) la Chiave dei Sogni e i Modelli per Lettere d'Amore. Puoi scegliere.

Domanda: Solo la mia testa partecipa (agli esercizi). Posso evitarlo?

Gurdjieff: La testa è solo il regista. E' il poliziotto col suo manganello che indica la strada. Uno deve percepire e provare (One must sense and feel, forse è la distinzione tra l'atto del pensiero e l'atto del sentimento). Lavora sul sentimento, sul percepire-sentire te stesso.

PAGINA 41

"Io-sono", "me-sono". Non solo la tua testa - l'intero uomo. Ripeti, ripeti, ripeti. Esercitati, esercitati, esercitati, migliaia e migliaia di volte. Solo questo porterà dei risultati.

Domanda: Come si deve capire "riparare il passato"? E' con il rimorso?

Gurdjieff: Sei troppo complicato. E' molto semplice. Il presente è il risultato del passato. Se hai acquistato una cattiva abitudine in passato, devi fermarla. Vedo che ho l'abitudine di girarmi i pollici nella stessa direzione. La fermo. Questo è riparare. Non fare ancora lo stesso errore e prepararsi per il futuro, preparare il futuro. Pratica, pratica come se volessi suonare il piano. Devi sviluppare la forza delle tue dita. Ripeti, ripeti.

Domanda: Vedo come trascorro ore intere al giorno con sentimenti molto piccoli e insignificanti, molto disgustoso. Potrei cominciare un compito per rimediare a questo, o non c'è nient'altro da fare?

Gurdjieff: E' la stessa cosa per tutti. E' sempre stato così. Per te adesso è solo che tu lo vedi. Questo è quello che vogliamo cambiare. Fai qualcosa che tu sai fare bene, anche fosse mangiare. Se mangi bene, preghi bene. Sii appassionato in ogni cosa che fai. Si deve lavorare precisamente su qualcosa di preciso. Il lavoro non dovrebbe essere un desiderio, ma un bisogno, una necessità. Quando diventerà un bisogno avrai una risposta. Non hai il diritto di avere solo desiderio. Non è abbastanza. Non ti darà niente. Crea un bisogno in te. Ripeti, ripeti, ripeti. Non si ripete mai abbastanza. Ogni cosa che ti viene facile, fai "tchick". (Distruggila). Scegli qualcosa che ti costa qualcosa, che sia uno sforzo. Quello che è facile è cattivo per la tua vita interiore.
LO SCOPO. Avere sempre uno scopo immediato. Questo è il tuo obiettivo. Devi raggiungere questo. Ci sono molti zig-zag sulla strada. Non indugiare. guarda sempre lo scopo. Sappi dove stai andando e troverai i mezzi per andarci. Prima devi raggiungere il primo; lo scopo dovrebbe essere chiaro e sempre di fronte a te.

Domanda: Quando provo a lavorare sul rimorso, c'è sempre qualche parte di me che si rifiuta, che mi dice che è inutile, che non mi porterà da nessuna parte o a nulla. Vorrei comprendere meglio l'uso del rimorso, la sua necessità, per rendermi capace di convincermi e lottare contro questo rifiuto.

PAGINA 42

Gurdjieff: E' molto semplice: Guarda. (Prende uno spicchio di mandarino dal suo piatto). Questo è destinato a diventare marmellata, deve diventare marmellata, è stato fatto per quello. Ma è pieno di sale. Che fare? Dovrebbe essere lavato, messo a mollo, pulito per rimuovere il sale. Dopodiché può diventare marmellata. Con il sale è impossibile. Il rimorso è quello che toglie il sale. E' quello che purifica. Capito?

Domanda: Quando tengo lezione devo fermarmi per un momento a raccogliermi. Mi sembra vuoto, inutile, vano. Come posso prevenire questo?

Gurdjieff: Devi fare in modo che i tuoi obblighi entrino nel tuo lavoro. Questo deve essere il tuo compito. La tua classe deve essere parte del tuo compito. Il tuo compito è di aiutare. Non devi vedere i bambini nelle loro manifestazioni, ma nel loro futuro. Devi desiderare di aiutare quel futuro. Devi metterti al loro posto. Ricordati come eri alla loro età. Poi farai in modo che vedano diversamente.. Quando pensi "io sono" allo stesso tempo desidera aiutare. Dopo vedrai come i bambini ti ameranno. Sarai capace di andare a dire loro di andare a uccidere i loro padri e madri e loro lo faranno. Non sarà niente per loro. Ho visto questo laggiù con i veri Maestri. (Magi) Questo è il lievito del lavoro, i bambini. E' un'opportunità per te. Devi diventare una buona lavoratrice.

Domanda: Quando provo a mettermi al posto di qualcuno, c'è sempre una parte di me che si rifiuta, che non partecipa, che nasconde, che è occupata con sé stessa e che gode di sé stessa. E' qualcosa che scivola via e che non posso afferrare. D'altra parte, non appena ho un piccolo risultato nel mio lavoro, la vanità prende il suo posto. "Sono io che ho fatto questo" - e questo sciupa tutto.

Gurdjieff: Ti darò un sacro segreto. Ricordi Belzebù - ci sono due correnti, due fiumi. Tu devi attraversare da uno all'altro; sei come il pesce il cui elemento naturale è l'acqua e che è costretto a vivere nell'aria.

PAGINA 43

Devi imparare a vivere in entrambe le correnti contemporaneamente. C'è la corrente abituale che è la vita ordinaria nella quale vivi, e poi in te deve esistere l'altra corrente, che è la tua vita interiore. Finora hai avuto contatto con te stesso solo quando eri da solo, va bene, ora devi imparare con gli altri. Quando sei con una persona, rimani nella tua propria corrente, la tua corrente interiore.

Domanda: Nel sistema, sembra che la soddisfazione, i piaceri, siano rigettati. Tutti quanti? Ho capito correttamente?

Gurdjieff: Tutti i piacere sono merda. Tutti i piaceri fanno di te uno schiavo. La tua soddisfazione. Ci sono due qualità di piaceri, due qualità di sensazioni piacevoli. Da un parte il piacere oggettivo; se lavori bene e ottieni un risultato, puoi avere soddisfazione di te stesso. Questa è buona soddisfazione che corona lo sforzo. Gli altri, i piaceri meccanici, ti distruggono. Sei perso in loro. Sono tutti dannosi, eccetto che per dare a sé stessi rilassamento volontario, necessario per uno scopo.

Domanda: Noto (in me stesso) una aridità, una assenza di emozioni. Vivo o nell'indifferenza o nell'ostilità. Che si deve fare?

Gurdjieff: Tu mi interessi. Voglio aiutarti. I tuoi genitori sono ancora vivi? Noi non li abbiamo conosciuti, ma forse avevano un'anima. Forse hanno sofferto. Loro non possono fare più niente dove sono, non hanno corpi. Tu devi fare qualcosa per loro. Devi pensarli. Devi raffigurarteli in te stesso, rivederli, avere le loro facce davanti ai tuoi occhi, devi pensare che tutto quello che sei lo devi al oro. Tu sei un piccolo pezzo di loro, della loro vita. Li devi amare, esprimere loro la tua gratitudine. Ripensa a tutto quello che hanno fatto per te. Devi vedere tutti i tuoi sbagli nei loro confronti. Persisti in questo, ricostruisci la scena di quando li hai fatti soffrire, forse piangere. Rivivi i tempi in cui fosti un bambino cattivo. Devi avere rimorso di coscienza. Rimorso. Si deve soffrire volontariamente per riparare. Si deve pagare per il passato. Il passato deve essere riparato. Cerca nel tuo passato. Crea il rimorso. Dottore, fai anche tu questo esercizio.

PAGINA 44

Per il momento, i tuoi genitori sono il tuo dio. Non puoi conoscere Dio. E' troppo lontano. Non c'è posto per lui in te. I tuoi genitori sono Dio, essi sono il posto futuro per Dio in te. Tu devi loro ogni cosa, la vita, tutto. Lavora prima con loro; dopodiché ci saranno altri esercizi.

Domanda: Ho fatto il lavoro che ci ha detto. Io amo i miei genitori veramente molto e ho scoperto un'emozione di una qualità veramente speciale; per un secondo, forse, una particella di amore reale, anche grande sofferenza, una vera sofferenza per i miei peccati verso di loro. Di rimorso. C'erano le due emozioni allo stesso tempo, sofferenza molto viva e felicità data dal sentimento d'amore. E? stato il rimorso che ha portato la felicità, per sparire quando è sparita anche la felicità. Qualche volta quando aspetto i miei pazienti ho scoperto in me stesso per un secondo emozioni d'amore della stessa qualità. E in quel momento potevo avvertire la loro sofferenza fisica e portare loro un sentimento di felicità. C'è un nesso.

Gurdjieff: L'amore reale è la base di tutto, il fondamento, la Sorgente. Le religioni hanno pervertito e deformato (l'amore). Fu con l'amore che Gesù fece i miracoli. Amore reale unito al magnetismo. Tutte le vibrazioni accumulate creano una corrente. Questa corrente porta la forza dell'amore. L'amore reale è una forza cosmica che ci attraversa. Se noi la cristallizziamo, diventa un potere - il più grande potere del mondo. Più tardi studierai il magnetismo sui libri, non importa quali, vi darà materiale. E con l'amore come base, sarai capace di curare i paralitici e far vedere i ciechi.

Domanda: Sono rimasto sorpreso dell'acutezza delle sensazioni osservate a lungo, così intense, così vivide, con tutte le impressioni che avevo in me e che ritornavano.

Gurdjieff: Questo è normale. I nostri centri registrano ogni cosa, dall'ora della nascita. Se ti metto in un sonno ipnotico, tu puoi dirmi cosa accadde intorno a te una settimana dopo la nascita. Ogni cosa è scritta, ogni cosa è lì. Un soggetto, messo a dormire da me, mi ha detto le pulsazioni della persona che era vicino a lui al momento che io gli ho fatto rivivere.

PAGINA 45

Ogni cosa è scritta, come su una fotografia, ma un migliaio di volte più sensibile. Questo è il motivo per cui devi stare attento alle iscrizioni. Sceglile. (Belzebù: "Guarda la purezza dei tuoi rulli".)

Domanda: Il fare questo lavoro porterà qualcosa ai miei genitori? Li riguarda, dà loro qualcosa?

Gurdjieff: Tu devi farlo per te stesso, per riparare. Avere rimorso. Lascia che il tuo rimorso sia il più forte possibile. E' il rimorso che conta; è la sofferenza che conta; la sofferenza volontaria che paga il passato, che ripara gli errori.

Domanda: Ho scoperto la stessa qualità di emozioni delle quali stiamo parlando, ma questo mi dà un tale pienezza interiore, un tale sentimento di felicità che non sento più il rimorso; mi risento di me stesso per questa felicità, per non averla meritata.

Gurdjieff: Tu hai immaginazione e fantasia. io ho sempre detto così. Tu sei un rappresentante dell'arte. Foufou. Non c'è peso. E' leggero. Filosofia, immaginazione. Uno stato è un risultato. E' questo che dà peso. Questo è il contrappeso di una felicità reale che va al passo con esso. Allo stesso tempo, al fine che sia genuino, non si dovrebbe avere l'uno senza l'altro. La tua natura ha una tendenza (il risultato dell'inerzia); tu ti lasci andare di fronte a queste tendenze di avere stati straordinari senza una base reale, senza peso. Devi eliminare questo, caccialo. Non appena appare uno stato di soddisfazione, fai"tchick". Schiaccialo, eliminalo. Lavora sul rimorso, ricorda te stesso, rivivi la scena di quando eri un bambino cattivo, quando hai fatto piangere i tuoi genitori, forse. Senti ancora tutti i dettagli, ritrova le tue colpe.. Cerca nel tuo passato. Soffri. In quella sofferenza puoi avere vera felicità data dal vero amore.
Ci sono due cose diverse sotto leggi diverse: 1) Il corpo organico; 2) il corpo psichico. Il corpo organico obbedisce alle sue leggi. Desidera soltanto soddisfare i suoi bisogni - mangiare, dormire, sesso. Non conosce altro. Non desidera altro. E' un vero animale. Dovremmo sentirlo come un animale. Si dovrebbe sentire come un estraneo. Lo si deve assoggettare, allenarlo e farlo obbedire, al posto di obbedirgli.

PAGINA 46

Il corpo psichico conosce qualcos'altro rispetto al corpo organico. Ha altri bisogni, altre aspirazioni, altri desideri. Appartiene a un mondo diverso. E' una lotta che si dovrebbe volontariamente rinforzare. Con il nostro lavoro; con la nostra volontà. E' questa lotta che esiste naturalmente, che è uno stato specifico dell'uomo, che dobbiamo usare per creare una terza cosa, un terzo stato diverso dagli altri due, che è il Padrone (Master, maestro), che è unito con qualcos'altro.
Il compito è quindi qualcosa di preciso che rinforza questa lotta, perché dalla lotta e SOLO dalla lotta può nascere una nuova possibilità di essere. Per esempio, il mio organismo ha il vizio del fumo. Quello è il suo bisogno. Io non voglio fumare - elimino questo vizio. Il bisogno è sempre lì, ma io mi rifiuto di soddisfarlo. Questa è una lotta, una volontaria lotta conscia che richiama la terza forza. E' la terza forza che sarà il fattore - "io" - che concilierà e equilibrerà.
Il corpo è un animale. La psiche è un bambino. Uno deve educare sia uno che l'altro. Prendi il corpo, fagli capire che deve obbedire, non comandare. Metti ognuno al suo posto. Uno dovrebbe conoscersi. Uno dovrebbe vedere cosa va. Prendi un compito che è nelle tue possibilità, molto piccolo per cominciare. Sul mangiare. Su un vizio. Ognuno conosce sé stesso e può trovare un compito; è la sua cosa interiore, una volontà che opposta a un bisogno crea lotta.
La sola possibilità di creare un secondo corpo è tramite l'accumulazione di una sostanza diversa. Il solo scopo è che ogni cosa dovrebbe servire a questo scopo.

Domanda: Ho accuratamente capito tutto durante la settimana in cui ha parlato sul corpo fisico e il corpo psichico e per tutta la settimana ho lavorato in questa direzione; ho lottato. Una notte ero sveglio.

PAGINA 47

Ero stato svegliato da mio figlio - ho un figlio di quattro anni - che era stato punto dalle zanzare e sentiva male, ha cominciato a piangere e chiamarmi. Stava soffrendo e piangendo. Sono andato da lui perché piangeva e soffriva, prima di rendermene conto, l'ho picchiato. Non mi sono permesso di andare di nuovo a letto. Come posso annientare questa violenza in me stesso? Ho visto quel che è il mio corpo, di cosa è capace e la sua reazione dopo una settimana di lavoro su di esso.

Gurdjieff: Ci sono forze intorno a te, estranee a te. E' possibile che quando un uomo lavora veramente, desidera realmente lottare, esse producano un evento come quello. Possono anche creare le zanzare. In ogni caso, che sia stato questo o altro, niente poteva andare meglio. Lì hai sentito, hai capito, non solo con la tua testa. Sono molto contento e ora ti chiedo di prendere nota di tutto quello che succede nel tuo lavoro per una settimana, due settimane, tre settimane, e ne parlerai qui, perché questo sarà utile ai tuoi compagni. E non dimenticare che ora tuo figlio è il tuo maestro. Ringrazialo. Per me, lui è mio amico. E ti incarico di una commissione per lui; cinque caramelle al giorno per un anno.
----------
Altre info da Wikipedia, l'enciclopedia libera:

Georges Ivanovič Gurdjieff (Alexandropol, 14 gennaio 1872Neuilly, 29 ottobre 1949) è stato un filosofo, scrittore, mistico e "maestro di danze" armeno.
Il suo insegnamento combina sufismo e altre tradizioni religiose in un sistema di tecniche psicofisiche che cerca di favorire il superamento degli automatismi psicologici ed esistenziali che condizionano l'essere umano.
L’insegnamento fondamentale di Gurdjieff è che la vita umana è vissuta in uno stato di veglia apparente prossimo al sogno. Per trascendere lo stato di sonno (o di sogno) elaborò uno specifico lavoro su sé stessi al fine di ottenere un livello superiore di vitalità e consapevolezza. La sua tecnica prevede il raggiungimento di uno stato di calma e isolamento, a cui segue il confronto con altre persone.
Dopo aver attratto a sé un consistente numero di allievi e discepoli tra i quali vi erano persone di una certa rilevanza, fondò una scuola per lo sviluppo spirituale, chiamata Istituto per lo Sviluppo Armonico dell'Uomo. Gurdjieff fu noto anche come insegnante di danze sacre.
Negli anni, l'insegnamento di Gurdjieff ha influenzato diversi personaggi noti della cultura e della letteratura: fra questi, il più grande architetto statunitense del XX secolo, Frank Lloyd Wright, che sposò in seconde nozze Olgivanna Hinzenberg, allieva di Gurdjieff e che gli tributò un pubblico riconoscimento durante un congresso svoltosi dopo la morte del maestro. Suoi allievi furono anche la scrittrice Pamela Lyndon Travers, nota per avere creato il personaggio di Mary Poppins e René Daumal, scrittore francese che entrò in contatto con le sue idee attraverso Alexandre Gustav Salzmann, oltre alla celebre poetessa e scrittrice Katherine Mansfield che, affetta da tubercolosi, volle passare l'ultimo periodo della sua vita accanto al Maestro, vivendo quasi come un'eremita in una casetta che Gurdjieff le aveva offerto nella sua tenuta.
Fra i discepoli attuali più noti, il regista teatrale inglese Peter Brook, il cui film Incontri con uomini straordinari e la sua autobiografia "I fili del tempo" riportano ampie testimonianze della sua vicinanza all'insegnamento di Gurdjieff, e il cantante e regista Franco Battiato.
L'influenza gurdjieffiana, inoltre, è presente anche nella pedagogia grazie al "Modello educativo Etievan", creato da Nathalie de Salzmann de Etievan (figlia di Alexandre e Jeanne de Salzmann) e applicato in diversi collegi del Sudamerica, diffusi tra Venezuela, Cile e Bolivia.


Gli inizi

Gurdjieff nasce in una data imprecisata (egli avrebbe indicato la mezzanotte all'inizio del giorno del nuovo anno, cioè del 14 gennaio) tra il 1866 e il 1877 nella città di Alexandropol nell'Armenia russa (oggi Gyumri, Repubblica di Armenia) da padre greco (che insieme ad altre professioni è anche “ashok”, cantastorie) e madre armena. Dopo che la famiglia si trasferisce nella città turca di Kars, Gurdjieff riceve un'educazione religiosa dal suo tutore, il decano Borsh, con cui studia medicina e ingegneria, e prende in considerazione il sacerdozio nella chiesa ortodossa.
Dall'estate del 1885 comincia un lungo percorso in diverse tradizioni spirituali, in particolare quella sufi. Il suo viaggio di ricerca inizia a Costantinopoli (oggi Istanbul) per studiare i dervisci Mevlevi e Bektaschi.
Tra il 1887 e il 1907 forma un gruppo chiamato dei "Cercatori della verità", compie numerosi viaggi in Medio Oriente, in India, che lo portano dall'Asia Centrale fino al Tibet (dove assiste al massacro dei tibetani da parte dei britannici a Guru e alla successiva conquista di Lhasa). Il motivo (o la suggestione) che lo spinge a continuare il suo pellegrinaggio per vent'anni è la ricerca di una misteriosa "Confraternita di Sarmoung", ipoteticamente sviluppatesi nel 2500 a.C. in Babilonia, di cui aveva trovato un riferimento nel 1886.
Gurdjieff racconta (in modo romanzato e metaforico) questo periodo della sua vita nel romanzo autobiografico Incontri con uomini straordinari da cui, nel 1978, il regista Peter Brook ricaverà l'omonimo film.
Nel 1907, a Tashkent, inizia a insegnare "scienze Soprannaturali". Nel 1912 forma un primo gruppo a Mosca, e nel 1913 un altro a San Pietroburgo. Nel 1915, Gurdjieff accetta Piotr Demianovič Ouspensky (autore del Tertium Organum, un trattato sulla natura dell'universo) come allievo a Mosca. Ouspensky, uomo di cultura e scrittore, fu il tramite per il pensiero di Gurdjieff in occidente e avrebbe in seguito testimoniato nel libro Frammenti di un insegnamento sconosciuto (tradotto in Italiano da Henri Thomasson) l'esperienza dell’insegnamento di Gurdjieff.
Nel 1916 e 1917 entrano nel gruppo anche il compositore Thomas de Hartmann e sua moglie Olga Arkadievna de Hartmann.
Dopo la rivoluzione russa Gurdjieff si rifugia a Essentuki vicino al Mar Nero, dove inizia a sperimentare con alcuni allievi il suo "Laboratorio di Consapevolezza", spostandosi poi in altre località fra cui Tiflis (oggi Tbilisi), in Georgia. Qui nel 1919 Gurdjieff incontra l’artista Alexandre Gustav Salzmann e la moglie Jeanne Matignon de Salzmann, che aveva studiato danza sotto la guida di Émile Jacques-Dalcroze. In collaborazione con Jeanne, Gurdjieff elabora i suoi “movimenti”, o danze sacre, che presenta per la prima volta a Tiflis nel giugno 1919. Nello stesso anno costituisce l’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo.
Nel 1920 Gurdjieff e l'Istituto per sfuggire alla guerra civile si trasferiscono a Costantinopoli (oggi Istanbul).

 

L'arrivo nell'Europa occidentale

Il 24 novembre 1921 Gurdjieff tiene a Berlino la sua prima conferenza europea. Nel frattempo Ouspensky in Inghilterra aveva divulgato il lavoro di Gurdjieff raccogliendo attorno a sé molti allievi. Gurdjieff acquistò la tenuta di le Prieuré des Basses Loges a Fontainbleu-Avon, alle porte di Parigi, dove si stabilisce nel 1922. Al Prieuré fonda una grande Casa di Studi in cui vissero e lavorarono accanto a lui artisti, scrittori, pittori, matematici, filosofi, architetti, musicisti, e ogni genere di individui, impegnati in una seria e profonda ricerca interiore. Qui organizzò una vera e propria comunità indipendente con pascoli, coltivazioni, diverse attività lavorative orientate ad un "intenso lavoro su di se". I "movimenti" o "danze sacre" erano il coronamento del suo insegnamento.
Le serate di musica e danze sacre organizzate da Gurdjieff riscuotono interesse tra numerosi intellettuali anche oltre i confini europei, tanto da organizzare nel 1924, e negli anni successivi, diverse tournée negli Stati Uniti.
Gurdjieff deve lasciare il Prieuré nel 1932, e lo perde definitivamente a causa di difficoltà economiche nel 1933. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Gurdjieff abita in un piccolo appartamento in Rue des Colonels-Renard al numero 6, e si rifiuta di abbandonare Parigi quando le truppe tedesche la occupano. Pare che sia riuscito a intessere rapporti anche con gli occupanti.
Gurdjieff continua tuttavia a insegnare le sue idee e le sue tecniche nella Parigi occupata e nei frequenti viaggi negli Stati Uniti. Nel 1924 fondò dei gruppi negli Stati Uniti diretti da A.R. Orage. Quello stesso anno ebbe un grave incidente automobilistico che cambiò l'orientamento del suo lavoro. Iniziò a scrivere una serie di opere con lo scopo di trasmettere i fondamenti del suo insegnamento per le generazioni a venire.
Negli anni 1936-1937 anima il gruppo "La Corda" (The Rope), costituito da scrittrici americane lesbiche, fra cui Margaret Anderson e Jane Heap, che erano state le fondatrici della Little Review a New York.
Dopo la fine della Guerra, dal 1945 l'opera di Gurdjieff è volta a riunire tutti i propri allievi sparsi per il mondo (Parigi, Londra, New York), dando vita a un intenso periodo di lavoro nell'appartamento parigino di Rue des Colonels-Renard.
Nel 1948 le sue condizioni di salute si aggravano. Muore il 29 ottobre 1949 all’Ospedale Americano di Neuilly, dopo avere trasmesso le sue ultime istruzioni a Jeanne de Salzmann. È lei, a partire dal 1950, a organizzare i tanti gruppi di allievi nella scuola diffusa in tutto il mondo e nota ancora oggi sotto il nome Gurdjieff Foundation, i cui centri principali sono Parigi ("Institut Gurdjieff"), New York ("Gurdjieff Foundation"), Londra ("The Gurdjieff Society") e Caracas ("Fundaciòn Gurdjieff Caracas"), e che è presente anche in Italia con il nome di "Associazione o Centro Italiano Studi sull'Uomo G.I. Gurdjieff".
L’organizzazione denominata The Gurdjieff Foundation è dunque l’espressione delle Scuole di Parigi, New York, Londra e Caracas, che vennero create seguendo le dirette istruzioni di Georges Ivanovitch Gurdjieff. Scopo dell’Associazione Internazionale delle Fondazioni Gurdjieff, definita a volte semplicemente come "la Scuola di Gurdjieff", è di preservare l’essenza, la specificità e l’integrità dell’insegnamento del maestro.
Sono numerosi gli allievi anziani di Gurdjieff ad aver continuato il proprio lavoro all’interno della Fondazione dopo la sua morte. Fra questi, si ricordano Olga Arkadievna de Hartmann, Henri Tracol, Henriette Lannes, William Segal, John Pentland, Michel De Salzmann, William Welch, Louise Welch e molti altri. In Italia, l’organizzazione è stata costituita a partire dai primi anni settanta da Henri Thomasson.


La "Quarta Via"

Gurdjeff propose una sua personale classificazione delle tradizioni spirituali esistenti[1]:
  • La prima via, la "Via del Fachiro", basata principalmente su un lavoro sul corpo.
  • La seconda, la "Via del Monaco", basata principalmente su un lavoro sul sentimento.
  • La terza, la "Via dello Yogi", basata principalmente su un lavoro sulla mente.
Secondo Gurdjieff[1], le "vie" tradizionali per lo sviluppo interiore dell'uomo risultano inadatte alla vita dell'uomo occidentale, in quanto richiedono l'abbandono della vita ordinaria per dedicarsi interamente ad esse.
La Quarta Via, la "Via dell'uomo astuto", pone l'accento sulla armonizzazione dell'uomo in tutte le sue parti costituenti, permettendogli di poter continuare la propria vita quotidiana normalmente. La sua particolarità consiste nell'essere attiva nella vita di tutti i giorni, perché propone l'apprendimento di un "Sapere" antichissimo, tramandato esclusivamente oralmente e per pratica diretta, con il quale l'uomo addormentato può risvegliarsi dal suo torpore profondo, iniziare a conoscere se stesso, ed "aprirsi" a quelle zone luminose interiori, inesplorate e Sacre, attraverso il primo raggiungimento di una nuova qualità di Essere.

 

 

Il lavoro di gruppo

Piotr Demianovitch Ouspensky lo descriveva così:

« Esercizi ritmici accompagnati da musica, danze dervisce, esercizi mentali, studio dei diversi modi di respirare e via di seguito. Tra i più impegnativi erano gli esercizi di imitazione di fenomeni (para)psichici: lettura del pensiero, chiaroveggenza, manifestazioni medianiche etc. Prima di iniziare questi ultimi, Gurdjieff ci aveva spiegato che lo studio di questi "trucchi" come li chiamava, era obbligatorio in tutte le scuole orientali, perché era inutile iniziare lo studio dei fenomeni di carattere paranormale senza aver prima studiato tutte le imitazioni e tutte le contraffazioni possibili... Tuttavia il nostro sforzo era indirizzato soprattutto al ritmo, e su strane danze destinate a prepararci ad eseguire in seguito gli esercizi dei dervisci. Gurdjieff non ci diceva né i suoi scopi né le sue intenzioni, ma da quello che aveva detto all'inizio, si poteva pensare che tutto questo mirasse a condurci verso un miglior controllo del corpo fisico.[1] »
Katherine Mansfield (era stata accettata nel "lavoro" dopo molte insistenze, quando si trovava ormai in fase terminale da tubercolosi) scriveva:

« Certamente non c'è, sulla faccia della terra, un posto dove si possa ricevere l'insegnamento che si riceve qui. Ma la vita non è facile. Abbiamo grandi difficoltà, e dei momenti dolorosi. Teoricamente è meraviglioso, ma in pratica comporta sofferenze.[1] »
Boris Mouravieff (amico di Ouspensky, ebbe dei contatti con Gurdjieff senza mai far parte dei suoi "Istituti") scriveva:

« Su quelli che ricadevano nella sua orbita, Gurdjieff esecitava la sua influenza in modo molto semplice, direi brutale. A parte il contenuto del messaggio - lui lo chiamava "lavoro". Questo "lavoro" - a parte le "conversazioni" e gli "esercizi" - consisteva nel persuadere i suoi discepoli di essere letteralmente delle nullità. Diceva in faccia e senza remore, a ciascuno di loro, che erano né più né meno che delle "merde". (...) E l'influenza ipnotica – il lettore deve saperlo – come ogni influenza naturale è inversamente proporzionale al quadrato della distanza. Distanza fisica e/o psichica. Gli effetti dell'influenza di Gurdjieff sul suo entourage più prossimo erano visibili. Poteva proporre ai suoi discepoli qualunque assurdità, o anche mostruosità, e sarebbe stata accettata entusiasticamente come una rivelazione. Nello stato psicologico così creato, le persone non ragionano più. Andava tutto bene perché "così parlò Zarathustra" (...)[1].  »

Voci correlate

-   -
Las mejores frases de Georges Ivanovich Gurdjieff--
 
"Recuerde que usted vino aquí porque entendemos la necesidad de luchar contra ti mismo y sólo a ti mismo. Tanto estar agradecidos a todos los que le ofrecerá la oportunidad"
----
La ilusión suprema del hombre es su creencia de que él pudiera hacer. todos piensan que pueden hacer, ... , Pero nadie hace nada. Todo lo que sucede.
-----
"Te dejo en un lío!" (Últimas palabras de Gurdjieff en su lecho de muerte)
-
"Había una vez un. Hechicero / Pastor que era dueño de un rebaño de ovejas Le gustaba el cordero sacrificado y de vez en cuando a. Para evitar fugas, decidieron hipnotizar a la manada y sumergirlos en el sueño hipnótico inculcado tres condenas :1 - que las ovejas eran inmortales, así que no tenía que temer la masacre, que en realidad es una manera de ir eternidad hilo;2 - que era un buen pastor, que por encima de todo amaba a su oveja;3 - también de que no eran ovejas, pero los leones, águilas, hombres, magos, MASTERS DiscePolli el camino del despertar.A partir de entonces, el rebaño esperó masacre tranquila junto al Pastor "
-
"Un porcentaje importante de las personas que encontramos en la calle está vacía por dentro, es decir, que es en realidad ya está muerto. Es una suerte para nosotros que no vemos y no lo saben. Si supiéramos cómo muchas de estas personas se han muerto y cuántos muertos gobiernan nuestras vidas, se vuelven locos con horror "
-
... el sexo es nuestra principal fuente de la esclavitud, sino también nuestra principal posibilidad de la liberación ...
-
hombre, como todos los demás seres vivos, es básicamente un transformador de energía que será absorbida en el sustrato en el momento cósmico ecología indiferenciado .... Sin embargo, a diferencia de otras criaturas, puede elegir si participar o no en todo en un pasivo o activo
-
Básicamente, la magia es la tendencia a utilizar a las personas para ciertos fines (bueno o malo es relativo), está produciendo en su "fe" o enamoramiento, ya sea actuando sobre ellos a través del miedo.En cualquier caso, funciona sin esa persona entiende completamente o son conscientes de este tipo de acciones y propósitos.
Y 'talk simplista de la magia negro, blanco, rojo, etc ...Hay, de hecho, ni magia rojo, verde ni ni amarillo.Allí está "haciendo".Sólo "se" es mágico ".... Y sólo uno que puede "ser" también puede "hacer"... Sin embargo, la ilusión suprema del hombre es su creencia de que él pudiera hacer. todos piensan que pueden hacer, ... , Pero nadie hace nada. Todo lo que le sucede.
-
Nuestros llamados pensamientos son pensamientos que las formaciones fijas extraídas de archivadores o subjetivos.
Lo que llamamos pensamientos no son los pensamientos.
No tenemos pensamientos que tenemos varias etiquetas, algunas más corto, más conciso, más largo, pero nada de etiquetas.
Estas etiquetas se transfieren desde un lugar a otro.
Las solicitudes de que son lo que reciben en forma de impresiones. Pero las demandas no son sólo desde el exterior, llegado desde varios puntos dentro. Y todo lo que hay que poner en el código.
Este caos es lo que llamamos pensamientos y asociaciones.
Nadie te creerá si le dijo que no se puede hacer nada. Este es el más ofensivo y desagradable que podemos decirle a la gente. Y es particularmente desagradable y ofensivo porque es la verdad y nadie quiere saber la verdad.
------
Dios es uno para todos,Pero es tres.Los hombres se equivocan, porque es siete veces.En su totalidad, es al unísono.En su división es contradictoria.Él está en todas partes, en todas sus formas.Cuando los hombres ven que depende de su calidadComo parte que tocan.Pero, ¿quién lo toca, si es ignorante,Véase la parte que toca a todos de sí mismo
------------
Cada momento, tomada en sí misma, es una partícula de la creación eterna.
CONSIDERA por hora como unidad de vida con posesión
en cualquier momento, podemos extraer las sustancias más sutiles que se pueden llamar "la esencia de la vida"
los momentos que constituyen el tiempo son sustancias.
Para extraer de la vida lo que está en él más valioso que debe ser capaz de realizar una cirugía en sus emociones.
Por lo general el hombre vive simplemente siguiendo la corriente.No se trata simplemente dormido: es completamente muerto.

Ver los resultados de todos tus esfuerzos pasados ​​y pensar en lo que significa que ahora tienen en la última hora de su vida.
El trabajo en sí mismo ... algo extraño, sutil, pero muchos no pueden vivir sin él.
vive cada hora con beneficios cada vez más alto ... Haga un plan detallado de la última hora de su vida.
Trate de imaginar de una manera bastante clara en la última hora de su vida en la tierra ...Escribir una especie de guión para la última hora
-------
-------

 
La última hora de su vida-ejercicio de Gurdjieff
===========
Imagínese que usted ha descubierto, de alguna manera, exactamente cuando se muere ... Imagine tener sólo unos pocos minutos, tal vez una hora de vida, ¿qué haría usted con esta hora de su valioso tiempo en la Tierra?
¿Serías capaz de completar algo en esta última hora, tienes una idea consciente de cómo hacerlo?
Para dejar de lado su último aliento se siente completamente satisfecho con la conciencia de haber hecho todo lo posible en esta vida para cumplir con su misión?
Probablemente sería siempre presente, siempre vibrante, esperando, como el hijo está esperando a su padre marinero ...
Si usted no está satisfecho con la última hora de su vida, no ser toda tu vida. Morir significa cruzar algo único.
Dedique su tiempo precioso en nada significa privarte de la oportunidad de sacar de la vida lo más preciado.
A través de este mundo con su propia vida, de principio a fin, es otro aspecto de lo Absoluto.
Todos los grandes filósofos han preparado cuidadosamente para la última hora de su vida.
En el mundo manifestado todo tiene su principio y su fin.
En el mundo real todo está siempre presente, y un día se le permitirá olvidarse de todo y dejar el mundo "para siempre".
Y ahora te daré el ejercicio para prepararse para sus últimas horas en la tierra. Trate de no entienden ni una palabra de todo el año.
===========
Ejercer
Reconsiderado el tiempo como si se tratara de la última hora sobre la tierra para usted: usted ha dado cuenta de que estás muerto.
Pregúntese: ¿está usted satisfecho ahora?
Y ahora volver a la vida y poner en el primer plano de su aspiración. Durante la hora siguiente (si tienes la suerte de vivir para otro) tratan de extraer de la vida más de lo que has hecho en la hora pasó. Definir dónde y cuándo deberían ser más conscientes y donde debería haber puesto más fuego interno.
Y ahora vuelve a abrir, y los ojos bien abiertos y con esto quiero decir: abrirte más posibilidades, ser un poco "más valiente de lo que eras una hora pasó. Porque usted sabe que esta es su última vez y no tienes nada que perder, trate de obtener algo audaz - al menos ahora. Por supuesto que no hace falta ser tonto que esto. Aprenda algo mejor, mira a tu máquina biológica en el exterior. Ahora, como te estás muriendo, no tiene sentido mantener la reputación y prestigio.
Y ahora en su última hora real, crecido constantemente aspirando a obtener lo más que pueda de la vida de lo que es valioso, desarrollar su intuición.
Tómese unos minutos cada hora para ver el tiempo transcurrido, sin juzgar, y luego regolatevi para extraer Dall'Ora algo más tarde.
Si se considera por hora como unidad de vida a la propiedad, usted puede tratar de hacer lo mejor para usar cada unidad completamente.
Esfuérzate y encontrar una manera de hacer algo más cada hora que la anterior.
Pero, al mismo tiempo, ser conscientes del hecho de que usted se hizo cargo de las deudas recogidos hasta ahora. Aumentar la escucha y el conocimiento de sí mismo y también aumentó la capacidad de ser dueño de ti mismo, esto va a cambiar el trabajo de su equipo que siempre está fuera de tu control.
Estas habilidades pueden ser un indicio de un cambio real. Es absolutamente indiferente a lo que el equipo piensa en todo.
-------
Los humanos creen todo lo que escuchan en vez de creer sólo lo que podía reconocer directamente a través de una reflexión juiciosa, desarrollado por un "debate comparativo» entre todos los datos ya almacenados en su ...
Os pido que no creer nada de lo que no se puede verificar por sí mismo. "


"El rasgo característico del hombre perfeccionado su habilidad para recitar perfectamente quiero ser parte de su vida exterior, mientras que el interior permanece libre."
Sé consciente en todo momento de lo que piensa, siente, quiere y hace.
Nunca hables de ti sin darte la oportunidad de cambiar.
Darse cuenta de que nada es tuyo.
La moral subjetiva y "un concepto relativo, si eres conceptos relacionados empapados, cuando seas grande te va a actuar y juzgar a los demás siempre y en todo de acuerdo con los modos de ver y nociones convencionales que han adquirido. Usted debe aprender a no seguir a lo que la gente alrededor de usted considera bueno o malo, sino de actuar en la vida de acuerdo a lo que usted llama su conciencia. He desarrollado una conciencia libremente saber "más y más" de todos los libros y todos los maestros en su conjunto.
el profesor no hace más que allanar el camino, pero entonces debe abandonarse
el punto de partida de la investigación es el conocimiento de nosotros mismos, o "El estudio de nosotros mismos", "el recuerdo de nosotros mismos."
Este es el primer paso importante.
En cualquier momento del día tenemos que dirigir nuestra atención a lo que pensamos, decimos, imaginar, sentir, etc, tenemos que vernos a nosotros mismos por lo que somos, como si nos miró hacia fuera.
Ama lo que no les gusta
No es responsable ante nadie: ser su propio juez.
Recuerde que usted siempre y en todas partes
"La vida nos es dada para un propósito elevado y juntos estamos obligados a servirle en esta es nuestra razón de ser. Todos los hombres, sin excepción, son esclavos de esta magnitud ".
"... Si nos centramos demasiado exclusivamente en nuestra sombra nos infectarse e inconscientemente me gusta"
No mirar con un solo ojo, mirando.
Will cierto cuando sólo hay un único reglamento IO, cuando hay un "maestro" en la casa. Un hombre común no tiene "Master". Él está ahora gobernado por la mente, ahora con los sentimientos y ahora del cuerpo. A menudo, la orden viene del aparato formativo y con más frecuencia a este hombre recibe órdenes del centro sexual. El libre albedrío es la función del maestro en nosotros. Nos volveremos a es la supremacía de un deseo de otro.
Si todos los hombres tenía un almaDE VEZ EN GRAN HABÍA LUGAR EN LA TIERRANE 'DE PLANTAS VENENOSAS O' FEROZ PARA ANIMALESEL HOMBRE MISMO FUE DEJADO DE EXISTIR.Para el alma ociosa es una ilusiónEs un lujo para quien se deleita en el sufrimientoEs el sello de la personalidadEs el Camino, que es el vínculo con el Autor y Creador.RESIDUOS DE LA EDUCACIÓNPRIMERA FUENTE DE PACIENCIAIT incluso "EL TESTIMONIO DE LA SUSTANCIA DEESENCIA DE SER SIEMPRE.GuiaránSu presencia es YO SOYSe trata de un total de partículas SerAsí ha sido, y siempre será así.
Si quieres aprender a amar, comienza con los animales, porque soy más "sensible
El único límite NUESTRO NO NUNCA SUBIR AL FINAL DE LO QUE QUIERE HACER EN GRANDE COMO EN LAS COSAS PEQUEÑAS
"La gente siempre parece que los demás lo que no haría nada, a otros a hacer todo mal. Invariablemente, todo el mundo piensa que él podría hacerlo mejor. Nadie entiende ni quiere entender que lo que se hace actualmente de cierta manera - y sobre lo que ya se ha hecho - que no se podía hacer otra cosa.
.... todo depende de todo, todas las cosas están conectadas, no hay nada que separar. Todos los acontecimientos siguen la única forma que pueden tomar. Si la gente pudiera cambiar, todo podría cambiar. Pero son los que son, y en consecuencia las cosas, también son los que son. '
Antes de realizar cualquier cambio hágase estas preguntas simples:1) ¿Por qué estoy aquí?2) Vale la pena reservar?
Continuamente consumen más energía de la necesaria, utilizando los músculos que no necesitamos, dejando que los pensamientos corren libremente y reaccionar emocionalmente
Un hombre que no ha logrado ciertos resultados, no se puede pedir nada.
No podemos esperar más de lo que tiene.
Desde un punto de vista muy práctico, un hombre no puede ser considerado responsable de su propia situación. No es su culpa que se ha convertido así. Luego hay que tener esto en cuenta, a sabiendas de que no se puede esperar de un hombre de lo débil que requieren mucha fuerza. Lo que se les pide que estar en relación con la fuerza con la que puede responder.
El hombre es una máquina. todo lo que hace, todas sus acciones, todas sus palabras, pensamientos, sentimientos, creencias, opiniones, hábitos, son el resultado de las influencias y las impresiones externas. Para "hacer" lo que tienes que ser ...
(... Esto es lo máximo "gran logro para un hombre y" ser capaz de hacer)
No decorarti ideas con otros.
Ebook con consejos y Compedio on Fourth Street
Las personas pretenden saber nada acerca de Dios, acerca de la vida futura, el universo, los orígenes del hombre, la evolución, pero, en realidad, no sabe nada, ni siquiera a sí misma en. Y cada vez que se habla de algo que no sé si él sabía, la mente.
... Relaje los músculos, utilizando sólo lo necesario, tener en pensamientos serbias, y expresar sus sentimientos si lo desea
No ser tocado por las apariencias: como tales, son inofensivos. ¿Vamos a dejar que nos hacen daño
El tiempo es subjetivo y depende de las asociaciones. Al cruzarse de brazos sin concentración, el tiempo no pasa. Externamente, no hay tiempo, sólo existe dentro de nosotros
Por desgracia, siempre se olvidan de todo.
Nos acordamos de las cosas cuando ya es demasiado tarde.
En el momento adecuado, nuestra atención está ocupada, por ejemplo., Por el hecho de que el hombre al que no le gusta, y no se puede detener que te disgusta. Este sentimiento no se debe olvidar, debe ser registrado en la memoria. El sabor de una experiencia que no dura mucho tiempo. Sin atención, los acontecimientos se han perdido. Debemos anotar todo en la memoria, de lo contrario terminará por olvidar ...
Hay cosas que no ocurren a menudo. Si accidentalmente mirar una cosa, y no confiado a la memoria, lo pierdes para siempre.
Sólo podemos dar la dirección y crear algunas condiciones, pero no ayuda a
El alma es como una semilla que debe germinar y crecer ... sólo pueden ser adquiridos en el curso de la vida, no sólo eso, sino que es un lujo reservado a muy pocos hombres. La mayoría de la gente pasa su vida sin alma, sin un maestro interior. En la vida ordinaria, el alma no es en absoluto necesario.
La mejor manera de ser feliz en esta vida consiste en la capacidad de "pensar siempre hacia el exterior, pero por dentro nunca
Cuando usted está enfermo, en vez de odiar el mal, considere su maestro.
Una de las mejores maneras de despertar el deseo de trabajar en si "y" darse cuenta de que "puede morir en cualquier momento ... Pero tienes que aprender a no olvidar
Divida a sí mismo en dos partes.No se identifican internamente, externamente debe jugar un papel. Toma todo como una guía. Su tarea ahora es ganar libertad interior. Este es el punto de partida para ir más allá.
Si usted decide trabajar para otros, hazlo con placer.
El amor consciente despierta amor consciente. El amor emocional evoca lo opuesto. El amor físico depende del tipo y la polaridad.
La fe consciente y "libertad". La fe emocional y 'esclavitud'. Fe Mecánica y «estupidez»
La esperanza inquebrantable y la fuerza ". La esperanza que llena de dudas y la cobardía ". La esperanza debilidad lleno de miedo y '
Recuerde que usted vino aquí porque usted entiende la necesidad de "luchar contra ti, sólo a ti mismo contra ... Sé agradecido, por lo tanto, ya todos los que te brindará la oportunidad
Tomar conciencia de nosotros mismos, aunque sólo sea por unos momentos, es la técnica que puede ayudarnos a salir de la alienación en la que estamos por lo general ... debe ir acompañada de un esfuerzo por reducir habla demasiado de mentirnos a nosotros mismos y expresar las emociones negativas.
T'incatenare no es por nada que a la larga te destruya.
Pare usted de auto-definir ...
No contradice nada, cállate.
Cuando te pregunten tu opinión sobre algo o alguien, sólo su calidad.
Sepan que esta casa puede "ser útil sólo para aquellos que han reconocido su nulidad" y creer en la posibilidad del cambio
Por lo general, el hombre sólo tiene deseos, y lo que llamamos una voluntad fuerte o débil, no es más que una forma más o menos fuerte que nuestros deseos. La auténtica voluntad es una facultad derivada no tanto de los diversos deseos contradictorios, por lo general, pertenecen a diferentes "yo", sino que deriva de la conciencia y gobernado por un ser único y permanente. Sólo así se actúa y transforma ... se puede definir libre, ya que es independiente de la caja y no puede ser modoficata o directo desde el exterior.
El hombre puede nacer, pero para nacer primero debe morir, y morir debe primero despertarse.
El desconocimiento de las leyes que se aplican a su trabajo, el hombre se engaña al pensar que iba a actuar, de hacer, de construir, de decidir, no es consciente de ser dominado, en sus decisiones, por fuerzas superiores, no ve lo que hace que se mueva en una manera y no de otra, para repetir las mismas operaciones, no reconoce el grado de naturaleza mecánica, su estado de letargo, la auto-hipnosis, a la auto-mistificación.
No juzgues a un hombre por las palabras de otros
Si no estás con un espíritu crítico, su presencia aquí e inútil '
La energía gastada en el trabajo interior activo se transforma inmediatamente en una fuente fresca, pero eso pasó en trabajo pasivo "perdido para siempre
¿Es lo que está haciendo de la mejor manera posible.
No te quejes.
Nadie entiende que el grado de conocimiento de un hombre está en función del grado de su ser. Cuando el conocimiento se ha impulsado sobre el ser, se vuelve teórico, abstracto ... puede llegar a ser incluso perjudicial, ya que en lugar de servir a la vida y ayudar a la gente en la lucha contra las dificultades, el conocimiento de este tipo empieza a explicar todo lo que sólo puede provocar nuevas dificultades, problemas nuevos y desastres de todo tipo que antes no existía.
Los que "libre de la enfermedad de la" mañana "tiene alguna posibilidad de encontrar lo" y que "vino a buscar aquí
No se deje impresionar por personalidades fuertes.
El resto no depende de la cantidad "sino la calidad" de sueño
Enseñar a los demás, usted aprenderá acerca de ti
Aprende a recibir, gracias por todos los dones.
No alabe o insulten.
Tenga en cuenta que el trabajo aquí no es "un fin en sí mismo, sino que 's sólo la mitad
No intente destacan por su apariencia.
Aquí no hay ni "rusos, 'los judíos, ni los cristianos, pero sólo los hombres que persiguen un único objetivo: ser capaz de ser
No te definas por lo que cada vez que usted tiene.
No juzgar ni discriminar cuando no se sabe la mayor parte de los hechos.
El desarrollo humano tiene lugar a lo largo de dos líneas: el saber y el ser. ¿Por qué la evolución se cumple correctamente, las dos líneas deben trabajar juntos, paralelos entre sí, apoyándose unos a otros ...
Sólo aquellos que pueden "cuidar el bien de los demás merecen" su propio bien
Ayuda a tu prójimo sin hacer empleado ... Ayuda a otros a ayudarse a sí mismo.
"Toda la gente que ves, ya sabes, que te puede suceder a conocer, son máquinas, máquinas reales que trabajan sólo bajo la presión de las influencias externas, como usted mismo ha dicho. Las máquinas son máquinas de nacer y morir. ¿Qué han estado salvaje y los intelectuales? Incluso ahora, en este mismo momento, mientras hablamos, varios millones de autos tratando de aniquilar uno al otro. ¿Cuál es la diferencia entonces? ¿Dónde están la naturaleza y donde los intelectuales? Son todos iguales ... '
No hables de tus problemas personales ... Habla sólo de lo que es necesario.
Tener en cuenta de lo que la gente piensa de ti, y no de lo que dice
No almacene artículos innecesarios.
En una disputa, ponerse en los zapatos del otro.
Si usted ya sabe "y que" el mal y hacerlo de todos modos, usted comete un pecado y que difícil "para remediar
No establecer amistades inútiles.
No seguir las tendencias.
No venda.
No pienses en los beneficios que adquieren su trabajo.
Sólo el sufrimiento consciente tiene significado
Gana tus miedos.
Convierte tu ira en creatividad .... Transforma tu avaricia en respeto por la belleza ... Convierte tu envidia en admiración por los valores de la ... Convierta su odio en la caridad.
No para defender las viejas ideas, sólo porque fuiste tú quien la enuncia.
Si ofendes a alguien, pedir perdón ... Si usted esta ofendido públicamente pidió disculpas en público.
(Si te das cuenta de que dijiste algo mal, no cometer el mismo error en el orgullo y desista inmediatamente de sus resoluciones.)
El hombre se identifica con el papel que se ve obligado a vivir: padre, hijo, jefe, trabajador, empleado, ejecutivo, profesional, intelectual, gurú, inteligente, tonto, fuerte, gerente débil, sin trabajo,, ministro, etc.
... Para cada uno de estos roles, hay comportamientos sociales, símbolos de estatus, la ropa, las formas de pensar y de expresarse que cada uno se adapta inconscientemente. Y por lo que nunca son personas reales, sino imitadores reales imitar los modelos y estereotipos producidos por la sociedad en que vivimos.
.... Incluso en el comportamiento más íntimo recitar en realidad preestablecidos funciones, que no se limitan a los comportamientos y las actitudes convencionales, sino también penetrar en nuestras creencias, nuestros juicios, nuestra conciencia.
... Así que sigan a recitar la contaminación de nuestra mente es demasiado largo.
Tenemos que aprender a decir la verdad. A decir verdad, te has vuelto capaz de saber qué es verdad y qué es mentira ... sobre todo en sí mismo ...
Esto es lo que no te pertenece, como si le pertenecía.
El error más grande, dijo, es creer que el hombre tiene un permanente. Un hombre no es nunca una. Él cambia constantemente. Rara vez sigue siendo el mismo incluso durante una hora.
El hombre no tiene I. individual ... En su lugar hay cientos y miles de pequeños separado que más a menudo se ignoran entre sí, no tienen ninguna relación con, o, por el contrario, son hostiles entre sí, exclusivos e incompatibles.
El hombre es una pluralidad. El nombre del hombre es legión ... La alternancia de estas I, manifiesta su lucha, cada momento, por la supremacía, están controlados por las influencias externas accidentales ...
Un pequeño accidente se me permite, en algún momento, hacer una promesa, no a sí mismo, sino a otra persona, sólo por vanidad o por diversión ... Pasa toda su vida para ajustar las deudas de pequeña me accidental.
el hombre es comparado a una casa con ningún Maestro o el Superintendente, ocupado por una multitud de siervos que han olvidado por completo sus funciones: nadie quiere hacer lo que hay, todo el mundo trata de ser el jefe, aunque sólo sea por un momento, y, en este tipo de anarquía, la casa está amenazado por peligros graves
Pero incluso si el hombre entendió tan claramente como sus posibilidades, esto no haría avanzar un solo paso hacia su realización. Para poder realizar este potencial, debe tener un fuerte deseo por la liberación, debe estar dispuesto a sacrificarlo todo, a arriesgarlo todo por su propia liberación ".
No debemos engañarnos a nosotros mismos que podemos ofrecer con nuestra propia fuerza: todos nuestros esfuerzos, cada esfuerzo, cada pensamiento o acción, ya están fuertemente influenciados, no sabemos en qué dirección es la libertad, lo que significa estar despierto .... El primer paso consiste, pues, en la conciencia de que somos como en una prisión, y no sabemos cómo salir. Por mucho que lo intentemos, no podemos escapar por su propia cuenta, los obstáculos son muchos. Será prudente para encontrar un grupo de personas como nosotros que tienen el deseo de despertar y tomar ventaja de la experiencia de alguien que ya ha hecho.
El Absoluto, es decir, el estado de cosas en el que el conjunto es un todo, es el estado primordial, de los cuales, por la división y la diferenciación, surgió la diversidad de los fenómenos que observamos ... El hombre vive en todos los mundos, pero de maneras diferentes. Esto significa que él es, ante todo influenciado por el mundo más cercano, con quien vive en contacto inmediato, ya que es parte ... Los mundos de distancia, también afecta a los humanos, ya sea directamente oa través de los mundos intermedios, pero su acción disminuye en proporción directa a su lejanía o el aumento de la diferencia entre ellas y los hombres.
La humanidad, como el resto de la vida orgánica en la tierra para las necesidades y propósitos dueños de la tierra. Y es exactamente lo que hay que responder a las necesidades de la tierra en el momento presente ... Sólo un pensamiento tan teórico y tan separado de los hechos que el pensamiento europeo moderno, era inconcebible que la evolución humana era posible, independientemente de la naturaleza que lo rodea, o considerar la evolución del hombre como una conquista gradual de la naturaleza.
Déjale vivir, morir, evolucionar o degenerar, el hombre también sirve al propósito de la naturaleza o, más bien, la naturaleza es la misma forma, aunque tal vez con diferentes propósitos, los productos de la evolución es que la degeneración.
La humanidad, considerada en su conjunto, no puede escapar a la naturaleza, porque el hombre actúa de acuerdo con los fines de la naturaleza, aun cuando la lucha contra ella.
Como veremos más adelante, la influencia directa del Absoluto no llega al hombre. Pero la influencia del mundo inmediatamente después, la del mundo de las estrellas, ya es bastante evidente en la vida del hombre, a pesar de que la ciencia "desde luego no sé nada ...
More 'son condiciones de vida difíciles, más "buenos son los resultados de los trabajos, en el supuesto de que se acuerde la obra
Desarrolla tu imaginación.
No pidas sólo por el placer de ser obedecido.
Si estás meditando y obtener un diablo, el diablo te vayas a meditar.
¿Puede 'ser justo sólo aquel que sabe ponerse en el otro
Tome la comprensión del Oriente y de la ciencia de Occidente y luego trata de
No visite a nadie solo para llenar su tiempo.
Si dudas entre hacer y no hacer, y podría hacer ".
Lo que es posible para el individuo que es imposible para las masas.
El que quiera saber que se realicen los esfuerzos iniciales para encontrar la fuente, para llevar, siguiendo las instrucciones dadas en absoluto, pero en general la gente no quiere ver o reconocer. El conocimiento no puede haber hombres sin hacer esfuerzos.
Usted está en la cárcel y todo lo que quieras, si tienes sentido común, es escapar ...
nadie puede escapar de la prisión sin la ayuda de aquellos que ya han huido. Sólo ellos pueden decir la manera en la que es posible fraude y llevar a los prisioneros herramientas y todo lo que sea necesario. Pero un prisionero aislado no puede encontrar estos hombres libres o entrar en contacto con ellos. Usted necesita una organización. Nada se puede lograr sin una organización.
La evolución puede ser necesaria único que es consciente de su situación y la posibilidad de cambio, y darse cuenta de que él no utiliza los poderes y riquezas no pueden ver. Y es en el sentido de tomar posesión de estos poderes y riquezas estos que la evolución es posible
Lo que un hombre así tiene que entender: su evolución no es necesario que lo haga.
Nadie más está interesado, y usted no debe contar con nadie, de hecho, nadie está obligado a ayudar, ni lo pretende. Por el contrario, las fuerzas que se oponen a la evolución de las grandes masas humanas, también se opone a la evolución del individuo. Nos corresponde a cada uno de evadir EE.UU.. Y si el hombre no puede escapar de ellos, la humanidad no puede. Entender más adelante cómo estas barreras son útiles, si no existieran usted debe crear intencionalmente, porque sólo ganar los obstáculos que el hombre puede desarrollar en sí mismos las cualidades que necesitan ... Estas son las bases para una correcta comprensión de la evolución humana. No hay evolución obligatorio, mecánico.
La evolución es el resultado de una lucha consciente.
La evolución del hombre es la evolución de su conciencia, y la conciencia no puede evolucionar inconscientemente.
La evolución del hombre es la evolución de su voluntad, y la voluntad no puede evolucionar involuntariamente.
La evolución del hombre es la evolución de su poder para hacer, y no ser el resultado de lo que sucede.
imaginar la relación entre una célula microscópica y nuestro cuerpo. La presencia o ausencia de una célula no cambia nada en la vida del cuerpo. No podemos ser consciente de ello, y esto puede tener una influencia en la vida y las funciones corporales. Exactamente de la misma manera un individuo distinto es demasiado pequeña para afectar la vida del organismo cósmico, con el que se encuentra (en cuanto al tamaño) en la misma relación que tiene una celda con nuestro organismo entero
¿Por qué podemos hablar de la vida futura de cualquier tipo, debe haber una cierta cristalización, cierta fusión de las cualidades internas del hombre: un cierto grado de independencia de las influencias externas. Si hay algo en un hombre capaz de resistir a las influencias externas, entonces es algo que puede soportar incluso la muerte del cuerpo físico
Los hombres son máquinas. Las máquinas son necesariamente ciego, inconsciente, no puede ser de otra manera, y todas sus acciones deben corresponder a su naturaleza.
... Obstante, el progreso y la civilización en el verdadero sentido de estas palabras, sólo puede aparecer al final de los esfuerzos conscientes. No puede aparecer como resultado de las acciones mecánicas e inconsciente.
¿Qué podría hacer un esfuerzo consciente de un coche?
...
las actividades inconscientes de millones de máquinas necesariamente debe terminar en la destrucción y la ruina. Es precisamente en las manifestaciones inconscientes e involuntarios que todo mal se encuentra. Usted todavía no entienden y no puedo imaginar todas las consecuencias de este flagelo. Pero el día en que usted entienda.
....
HUBO UN MAGO ricos y AVARO QUE TENÍA
RAW MUCHOS. Él estaba usando PASTORES
TAMBIÉN SE BUSCA A LOS LUGARES DONDE pastoreo valla
Sus ovejas. SO 'SUCEDIÓ QUE SMARRISSERO
PERO SOBRE POR QUÉ huyó "SABÍA QUE EL
NEWT BUSCA SU CARNE. ENCONTRAR REMEDIO EL MAGO ':
Hypnotized 'OVEJAS. LA convencido de que era un buen
Pastor, que amaba a los niños y cómo se
INMORTAL DE QUE NO DEBE TENER MIEDO DE QUE ALGUIEN
LA SCUOIASSE. TAMBIÉN QUE NO ERA EL convencido
OVEJAS PERO LOS LEONES, AUN EAGLES y otros hombres.
SO 'en lugar de' escapar hacia la libertad "se mantuvo
Obediente, ESPERANDO EL MAGO DEL SCANNASSE!
- -
The best phrases of Georges Ivanovich GURDJIEFF--
 
"Remember that you came here because you understand the need to fight against yourself and only yourself. Therefore Be Grateful to all those who will provide you the opportunity"
----
The supreme illusion of man is his belief that he could do. everyone thinks they can do, ... , But nobody does anything. Everything happens.
-----
"I leave you in a mess!" (Gurdjieff's last words on his deathbed)
-
"There was once a sorcerer / Shepherd who owned a flock of sheep. He liked the lamb and slaughtered every now and then a. To prevent leaks, decided to hypnotize the herd and immersing them in the hypnotic sleep instilled three convictions :1 - that the sheep were immortal, so did not have to fear the slaughter, which is indeed a way to go yarn eternity;2 - that he was a good shepherd, who above all loved his sheep;3 - also that they were not sheep, but lions, eagles, men, wizards, MASTERS DiscePolli the path of awakening.From then on, the flock waited quiet slaughter by the Shepherd "
-
"A significant percentage of the people we meet on the street is empty inside, that is, it is actually already dead. It is fortunate for us that we do not see and do not know. If we knew how many of these people have actually died and how many dead people govern our lives, go mad with horror '
-
... sex is our main source of slavery but also our main possibility of liberation ...
-
man, like all other living creatures, is basically a transformer of energy that will be absorbed in the substrate at the time undifferentiated cosmic ecology .... However, unlike other creatures, he can choose whether to participate in everything in a passive or ACTIVE
-
Basically, the Magic is the tendency to use people for some purposes (good or bad is relative), is producing in their "faith" or infatuation, either acting on them through fear.In any case, it works without that person fully understand or are aware of such actions and purposes.
And 'simplistic talk of black magic, white, red, etc ...There is, in fact, neither magic red, neither green nor yellow.There is "doing."Only "do" is magical. "... And only one who can "be" can also "do"... However, the supreme illusion of man is his belief that he could do. everyone thinks they can do, ... , But nobody does anything. Everything happens to him.
-
Our so-called thoughts are just thoughts that fixed formations extracted from filing cabinets or subjective.
What we call thoughts are not thoughts.
We have no thoughts we have several labels, some shorter, more concise, more long, but nothing more than labels.
These labels are transferred from one place to another.
Requests for it are what we receive in the form of impressions. But the demands are not only from the outside, come from various points inside. And everything must be put in code.
This chaos is what we call thoughts and associations.
No one will believe you if you told him he can not do anything. This is the most offensive and unpleasant that we can tell people. And is particularly unpleasant and offensive because it is the truth and no one wants to know the truth.
------
God is one for all,But it is three.The men are wrong, because it is sevenfold.In its entirety is unison.In his division is contradictory.He is everywhere in all forms.When men see it depends on their qualityAs part they touch.But who touches it, if he is ignorant,See the part that touches all of himself
------------
Each moment, taken by itself, is a particle of eternal creation.
CONSIDERED per hour as a unit 'of LIFE to OWN
at any moment, we can extract the most subtle substances that can be called "the essence of life"
the moments that constitute the time are substances.
To extract from life what's in it more valuable you must be able to do surgery on your emotions.
Ordinarily man lives by simply following the flow.It is not simply asleep: it is completely dead.

See the results of all your past efforts and think about what meaning they now have in the last hour of your life.
Work on yourself ... something strange, subtle, but many can not live without.
live every hour with increasingly higher profit ... Make a detailed plan of the last hour of your life.
Try to imagine yourself in a fairly clear in the last hour of your life on earth ...Write a kind of script for the last hour
-------
-------

 
THE LAST HOUR OF HIS LIFE-Exercise of Gurdjieff
===========
Imagine that you have discovered, in some way, exactly when you die ... Imagine having only a few minutes, maybe an hour to live, what would you do with this hour of your precious time on Earth?
Would you be able to complete something in this last hour, you have a conscious idea of ​​how to do it?
To let go of your last breath you feel fully satisfied with the awareness of having done everything possible in this life to fulfill your mission?
Would probably be constantly present, always vibrant, waiting, as the son is waiting for his father's sailor ...
If you are not satisfied with the last hour of your life, not be your whole life. Dying means crossing something unique.
Spend your precious time in nothing means deprive you of the opportunity to draw from life what was most precious.
Through this world with his own life, from beginning to end, is another aspect of the Absolute.
All of the major philosophers have carefully prepared for the last hour of their lives.
In the manifest world everything has its beginning and its end.
In the real world everything is always present, and one day you will be allowed to forget everything and leave the world "forever."
And now I will give you the exercise to prepare for your last hours on earth. Try not to misunderstand no word of the year.
===========
Exercise
Reconsidered the time spent just as if it were the last hour on earth for you: you have just realized that you're dead.
Ask yourself: are you satisfied now?
And now resume life and put in the foreground your aspiration. For the next hour (if you are lucky enough to live for another) try to extract from life more than what you have done in the hour passed. Define where and when you should be more aware and where you should have put more inner fire.
And now reopen, and your eyes wide open and by this I mean: open yourself more chances, be a little 'more courageous than you were an hour passed. Because you know this is your last time and you have nothing to lose, try to obtain something bold - at least now. Of course you do not have to be foolish than this. Learn something better, look to your biological machine as outside. Now, as you're dying, it makes no sense to maintain reputation and prestige.
And now on to your real last hour, grown constantly aspiring to get as much as you can from the life of what is valuable, develop your intuition.
Take a few moments every hour to look at the time just passed, without judging, and then regolatevi to extract something more Dall'Ora later.
If CONSIDERED per hour as a unit 'of LIFE to OWN, you can try to do your best to use each unit completely.
Strive and find a way to make something more every hour than the previous one.
But at the same time be aware of the fact that you took care of debts collected so far. Increase listening and knowledge of yourself and also increased the ability to be master of yourself, this will change the work of your machine that is always out of your control.
These skills can be an indication of real change. It 'absolutely indifferent to what the machine thinks of everything.
-------
Humans believe everything they hear instead of believing only what they could recognize directly through a judicious reflection, developed by a 'comparative debate' between all the data already stored in their ...
I ask you not to believe anything that you can not verify it for yourself. "


"The characteristic feature of man refined his ability to recite perfectly want any part in his life outside, while inside remains free."
Be aware at all times of what you think, feel, want and do.
Never speak of yourself without give you the opportunity to change.
Realize that nothing is yours.
The subjective moral and 'a relative concept, if you're soaked concepts related, when you grow up you will act and judge others always and everywhere according to the ways of seeing and conventional notions you have acquired. You must learn to follow not to what 'people around you consider good or bad, but to act in life according to what' you called your conscience. I developed a conscience freely know 'more and more' of all the books and all the teachers put together.
the teacher only serves to pave the way, but then must be abandoned
the starting point of the research is the knowledge of ourselves or "The study of ourselves," "the remembrance of ourselves."
This is the first important step.
At any time of the day we have to turn our attention to what we think, say, imagine, feel, etc., we have to see ourselves for what we are, as if we looked outside.
Love what you do not like
Not accountable to anyone: be your own judge.
Remember yourself always and everywhere
"Life is given to us for a high purpose and together we are required to serve Him in this is our raison d'etre. All men without exception are slaves of this magnitude. "
"... If we focus too exclusively on our Shadow we will become infected and unconsciously like it"
Do not look with one eye, staring.
Will true when there is only a single IO rules, when there is a "master" in the house. A common man does not have "Master". He is ruled now by the mind, now with the feelings and now from the body. Often the order comes from the apparatus formatory and more often this man receives orders from the sex center. Free will is the function of the MASTER in us. We WILL is the SUPREMACY of a DESIRE ANOTHER.
IF ALL THE MEN HAD A SOULFROM GREAT TIME THERE WAS PLACE ON EARTHNE 'FOR PLANTS POISONOUS OR' FIERCE FOR ANIMALSTHE SAME MALE WAS CEASED TO EXIST.For the idle soul is an illusionIt is a luxury for one who delights in the sufferingIt is the seal of personalityIt is the Way, it is the link with the Author and Creator.RESIDUE OF EDUCATIONFIRST SOURCE OF PATIENCEIT 'EVEN THE WITNESS OF THE SUBSTANCE OFESSENCE OF BEING EVER.Will guideIts presence is I AMIt is a particle-Being TotalSo it has been, and always will.
If you want to learn to love, begins with the animals, 'cause I'm more' sensitive
THE ONLY LIMIT OUR is NOT EVER GO UP AT THE END OF WHAT YOU WANT TO DO IN BIG AS IN THE SMALL THINGS
"People always seem to others as you would do nothing, others to do everything wrong. Invariably, everyone thinks that he could do better. No one understands or wishes to understand that what is currently done in a certain way - and above what has already been done - it could not be done otherwise.
.... everything depends on everything, all things are connected, there is nothing to separate. All events follow so the only way they can take. If people could change, everything could change. But they are those that are, and accordingly things, they are also those that are. '
Before any change ask yourself these simple questions:1) Why am I here?2) It is worth to stay?
We continuously consume more energy than necessary, using muscles we do not need, letting the thoughts run freely and reacting too emotionally
A man who has not achieved certain results, you can not ask for anything.
We can not wait any longer than it has.
From a very practical point of view, a man can not be held responsible for his own situation. It's not his fault he's become so. Then you need to take this into account, knowing that you can not expect from a man of weak things that require a lot of strength. What they are asked to be in relation to the force with which it can respond.
The man is a machine. everything he does, all his actions, all his words, thoughts, feelings, beliefs, opinions, habits, are the result of influences and external impressions. To "do" you have to be ...
(... This is the most 'great achievement for a man and' to be able to do)
Not decorarti ideas with others.
Ebook with Tips and Compedio on Fourth Street
The people pretend to know anything about God, about the future life, the universe, human origins, evolution, but, in reality, does not know anything, not even on herself. And every time one speaks of something that does not know if he knew how, mind.
... Relax the muscles, using only the necessary, keep in Serbian thoughts, and express your feelings if you want it
Do not be touched by appearances: as such, they are harmless. Are we to let us hurt
Time is subjective and depends on the associations. When you sit idle without concentration, time does not pass. Externally, there is no time, only exists within us
Unfortunately we always forget everything.
We remember things when it is too late.
At the appropriate time, our attention is occupied, eg., By the fact that the man you do not like, and you can not stop you dislike. This feeling should not be forgotten, must be recorded in the memory. The taste of an experience does not last long. Without attention, the events are lost. We should write down everything in memory, otherwise we end up forgetting ...
There are things that do not occur often. If you accidentally look at a thing, and not entrusted to the memory, you lose it forever.
We can only give direction and create some conditions, but not to help
The soul is like a seed that must germinate and grow ... can be acquired only in the course of life, not only that, but it's a luxury, reserved for very few men. Most people spend a lifetime without a soul, without a master within. In ordinary life, the soul is not at all necessary.
The best way to be happy in this life consists in the ability 'to think always outwardly, but never inwardly
When you are sick, instead of hating the evil, consider your master.
One of the best ways to awaken the desire to work on if 'and' to realize that you can 'die at any moment ... But you have to learn not to forget it
Divide yourself into two parts.Not identify inwardly, outwardly must play a part. Take everything as a guide. Your task now is to gain inner freedom. This is the starting point to go further.
If you decide to work for others, do it with pleasure.
Conscious love awakens love conscious. The emotional love evokes the opposite. Physical love depends on type and polarity.
Conscious faith and 'freedom'. Faith emotional and 'slavery'. Mechanical faith and 'stupidity'
The steadfast hope and 'strength. The hope full of doubts and 'cowardice. The hope full of fear and 'weakness
Remember that you came here 'cause you understand the need' to fight against yourself, only against yourself ... Be grateful, therefore, and all those that you will provide the opportunity
Become aware of ourselves, even if only for a few moments, it is the technique that can help us get out of alienation in which we are usually ... must be accompanied by an effort to reduce too much talk of lying to ourselves and to express negative emotions.
T'incatenare not for nothing that in the long run destroy you.
Stop self-define yourself ...
Not contradict anything, just shut up.
When they ask you your opinion about someone or something, only its quality.
Know that this house can 'be useful only to those who have recognized its nullity' and believe in the possibility of change
Typically, the man has only desires, and what we call a will strong or weak is nothing but a more or less strong than our desires. The authentic will is a power derived not so much from the various desires, usually contradictory, belong to different "me", but derived from the consciousness and governed by a self unique and permanent. Only this will acts and transforms ... can be defined free, because it is independent of the case and can not be modoficata or direct from the outside.
The man may be born, but to be born must first die, and to die must first wake up.
Not knowing the laws as apply to his work, the man deludes himself that he was to act, to do, to build, to decide, is not aware of being dominated, in his choices, by superior forces, does not see what causes it to move in one way rather than another, to repeat those same operations, does not recognize the degree of mechanical nature, its state of lethargy, self-hypnosis, to self-mystification.
Do not judge a man by the words of others
If you're not with a critical mind, your presence here and 'useless
The energy expended in the active inner work is immediately transformed into a fresh supply, but that spent in labor passive 'lost forever
Do what you're doing in the best way possible.
Do not complain.
No one understands that the degree of knowledge of a man is a function of the degree of his being. When knowledge has driven over being, becomes theoretical, abstract ... can become even harmful, because instead of serving life and to help people in the fight against the difficulties, a knowledge of this kind begins to explain everything so it can only cause new difficulties, new troubles and disasters of all kinds that before did not exist.
Those who 'freed from the disease of "tomorrow" has any chance to find what' and that 'come to seek here
Do not be impressed by strong personalities.
The rest does not depend on the quantity 'but the quality' of sleep
Teaching others, you will learn about yourself
Learn to receive, thank you for every gift.
Do not praise or insult you.
Keep in mind that the work here is not 'an end in itself, but it' s only half
Do not try to stand out for your appearance.
Here there are neither 'Russians, it' Jews, nor Christians', but only men who pursue only one goal: to become capable of being
Do not define yourself for what ever you have.
Do not judge or discriminate when you do not know most of the facts.
Human development takes place along two lines: knowing and being. Why evolution is fulfilled properly, the two lines must work together, parallel to each other, supporting each other ...
Only those who can 'keep watch over the good of others deserve' their own good
Help your neighbor without making employee ... Helps another to help himself.
"All the people that you see, you know, that you may happen to know, are machines, actual machines that work only under the pressure of external influences, as you yourself have said. Machines are born and die machines. What have the wild and intellectuals? Even now, at this very moment, as we speak, several million cars trying to annihilate each other. What is the difference then? Where are the wild and where intellectuals? They're all alike ... '
Do not talk about your personal problems ... Speaks only of that which is necessary.
Take into account of what 'people think of you, and not of what' says
Do not store unnecessary items.
In a dispute, put yourself in the shoes of the other.
If you already know 'and that' evil and do it anyway, you commit a sin and that 'difficult to remedy
Not establish useless friendships.
Do not follow trends.
Do not sell.
Do not think about the benefits that you procure your work.
Only conscious suffering has meaning
Win your fears.
Turn your anger into creativity .... Transform your greed in respect for the beauty ... Turn your envy into admiration for the values ​​of the ... Turn your hate into charity.
Not to defend the old ideas, just because it was you who the enunciated.
If you offend someone, ask sorry ... If you are offended publicly apologized in public.
(If you realize you said something wrong, do not make that mistake in pride and desist immediately from your resolutions.)
The man is identified with the role that is forced to live: father, son, boss, worker, employee, executive, professional, intellectual, guru, smart, dumb, strong, weak, jobless, manager, minister, etc..
... For each of these roles, there are social behaviors, status symbols, clothing, ways of thinking and expressing that each adapts unconsciously. And so we are never real people, but real imitators imitate models and stereotypes produced by the society in which we live.
.... Even in the most intimate behavior recite actually pre-established roles, which are not limited to conventional behaviors and attitudes, but also penetrate into our beliefs, our judgments, our consciousness.
... So continue to recite the pollution of our mind is too long.
We must learn to tell the truth. To tell the truth, you have become able to know what is truth and what is lie ... especially in yourself ...
This is what does not belong to you, as if you belonged.
The biggest mistake, he said, is to believe that man has a permanent. A man is never one. He constantly changes. Seldom remains the same even for one hour.
Man has no individual I. ... In its place there are hundreds and thousands of separate small I most often ignore each other, have no relation to, or, on the contrary, they are hostile to each other, exclusive and incompatible.
The man is a plurality. The man's name is legion ... The alternation of these I, their struggles manifest, every moment, for supremacy, are controlled by accidental external influences ...
A small accidental I may, at some time, make a promise, not to himself, but to someone else, just for vanity or for fun ... Spend their whole lives so to adjust the debts of small I accidental.
man is compared to a house with no Master or Superintendent, occupied by a multitude of servants who have entirely forgotten their duties: nobody wants to do what needs; everyone tries to be the boss, if only for a moment, and, in this kind of anarchy, the house is threatened by serious dangers
But even if the man understood as clearly as its possibilities, this would not advance a single step towards their realization. To be able to realize this potential, must have a very strong desire for liberation, must be ready to sacrifice everything, to risk everything for their own liberation. "
We must not delude ourselves that we can deliver with our own strength: our every effort, every effort, every thought or act, are already heavily influenced, we do not know which way is freedom, what it means to be awake .... The first step therefore consists in the awareness that we are like in a prison, and we do not know how to get out. For how hard we try, we can not escape on their own, the obstacles are many. It will be wise to find a group of people like us who have the desire to wake up and taking advantage of the experience of someone who has already done.
The Absolute, namely the state of affairs in which the set is a Whole, is the primordial state, out of which, by division and differentiation, arose the diversity of the phenomena that we observe ... The man lives in all the worlds, but in different ways. This means that he is first of all influenced by the world closer, with whom he lives in immediate contact, since it is part ... The worlds away, also affect humans, either directly or through intermediate worlds, but their action diminishes in direct proportion to their remoteness or increasing the difference between them and men.
Humanity, like the rest of organic life on earth for the needs and purposes own the land. And it is exactly what needs to be to meet the needs of the earth at the present time ... Just a thought so theoretical and so separated from the facts which the modern European thought, was inconceivable that human evolution was possible regardless of the nature that surrounds it, or consider the evolution of man as a gradual conquest of nature.
Let him live, die, evolve or degenerate, the man also serves the purpose of nature or, rather, nature is the same way, though perhaps for different purposes, the products of evolution is that of degeneration.
Mankind, considered as a whole, can never escape to nature, because man acts in accordance with the purposes of nature, even when the struggle against it.
As we shall see later, the direct influence of the Absolute does not reach the man. But the influence of the world immediately following, that of the world of stars, is already quite evident in the life of man, even though the science 'certainly do not know anything ...
More 'are difficult living conditions, more' good are the results of the work, assuming that you remember the work
Develop your imagination.
Do not order just for the pleasure of being obeyed.
If you are meditating and get a devil, the devil do go to meditate.
Can 'be just only one who knows how to put yourself in the other
Take the understanding of the East and the science of the West and then tries
Do not visit anyone alone to fill your time.
If you doubt between doing and not doing, and could do '.
What is possible for the individual it is impossible for the masses.
He who wants knowledge must make himself the initial efforts to find the source, to bring it, using the instructions given at all, but generally people do not want to see or recognize. Knowledge can not be men without doing efforts.
You are in prison and everything you want, if you have common sense, is to escape ...
no one can escape from the prison without the help of those who have already fled. Only they can tell the way in which it is possible evasion and to bring the prisoners tools and everything that may be necessary. But a prisoner isolated can not find these free men or come into contact with them. You need an organization. Nothing can be accomplished without an organization.
Evolution may be needed only one who is aware of his situation and the possibility of change, and realize that he does not use the powers and wealth can not see. And it is in the sense of taking possession of these powers and these riches that evolution is possible
What a man must well understand: its evolution is not necessary that to him.
Nobody else is interested, and you should not count on anyone, in fact, no one is obliged to help, nor did it intend. On the contrary, the forces which oppose the evolution of large human masses, are also opposed to the evolution of the individual. It is up to each of evading U.S.. And if a man can not escape them, humanity can not. Understand later how these barriers are useful, if they did not exist you should create them intentionally, because only winning the obstacles that man can develop in themselves the qualities they need ... These are the foundations for a correct understanding of human evolution. There is no evolution obligatory, mechanical.
Evolution is the result of conscious struggle.
The evolution of man is the evolution of his consciousness, and consciousness can not evolve unconsciously.
The evolution of man is the evolution of his will, and the will can not evolve involuntarily.
The evolution of man is the evolution of his power to do, and do not be the result of what happens.
imagine the relationship between a microscopic cell and our entire body. The presence or absence of a cell does not change anything in the life of the body. We can not be conscious of it and this can have an influence on the life and bodily functions. Exactly in the same way a distinct individual is too small to affect the life of the organism cosmic, with which he is located (as regards the size) in the same ratio that has a cell with our whole organism
Why we can talk about the future life of any kind, there must be a certain crystallization, a certain fusion of the inner qualities of man: a degree of independence from external influences. If there is something in a man capable of resisting external influences, then its something that can withstand even the death of the physical body
Men are machines. The machines are necessarily blind, unconscious, can not be otherwise, and all their actions must correspond to their nature.
... HOWEVER, Progress and civilization in the true sense of these words, can appear only at the end of conscious efforts. Can not appear as a result of mechanical and unconscious actions.
What conscious efforts could make a car?
...
the unconscious activities of millions of machines must necessarily end in destruction and ruin. It is precisely in unconscious and involuntary manifestations that all evil lies. You do not yet understand and can not imagine all the consequences of this scourge. But the day will come when you understand.
....
THERE WAS A MAGICIAN wealthy and AVARO THAT HAD
MANY RAW. HE was using PASTORS
EVEN WANTED TO PLACES WHERE fence grazing
HIS SHEEP. SO 'HAPPENED THAT THEY SMARRISSERO
BUT ABOVE fled WHY 'KNEW THAT THE
NEWT WANTED THEIR MEAT. I FIND THE WIZARD 'REMEDY:
Hypnotized 'SHEEP. THE convinced that he WAS A GOOD
SHEPHERD, WHO LOVED CHILDREN AND HOW THEY WERE
IMMORTAL FOR WHICH SHOULD NOT BE AFRAID THAT SOMEONE
THE SCUOIASSE. ALSO THAT THEY WERE NOT THE convinced
SHEEP BUT LIONS, EVEN EAGLES AND OTHER MEN.
SO 'INSTEAD OF' ESCAPE TO FREEDOM 'remained
Obediently WAITING FOR THE MAGICIAN THE SCANNASSE!
- -
Лучшие фразы Жорж Иванович Гурджиев--
 
"Помните, что вы пришли сюда, потому что вы понимаете необходимость борьбы против себя и только себя. Поэтому будьте благодарны всем тем, кто предоставит вам возможность"
----
Иллюзия высшей человека является его убеждение, что он мог сделать. все думают, что они могут сделать, ... , Но никто ничего не делает. Все происходит.
-----
"Я оставляю вас в беспорядок!" (Гурджиев последние слова на смертном одре)
-
"Был один колдун / Пастырь, который владел стадом овец. Ему нравилось баранины и убили, то и дело. Чтобы предотвратить утечку, решил загипнотизировать стада и погружая их в гипнотический сон привил три судимости :1 - что овцы были бессмертны, так что не надо бояться бойни, которая действительно путь нити вечности;2 - что он был добрый пастырь, который прежде всего любит своих овец;3 - Кроме того, что они не овцы, но львы, орлы, люди, мастера, мастера DiscePolli путь пробуждения.С тех пор, стадо ждал тихий убой Shepherd "
-
"Значительная часть людей мы встречаем на улице пусто внутри, то есть, на самом деле уже мертв. К счастью для нас, что мы не видим и не знаем. Если бы мы знали, сколько из этих людей на самом деле погибло и сколько мертвых людей управляют нашей жизнью, сходят с ума от ужаса '
-
... секс является нашим основным источником рабства, но и наши основные возможности освобождения ...
-
Человек, как и все другие живые существа, в основном трансформаторе энергии, которые будут поглощены в субстрате во время недифференцированной космической экологии .... Однако, в отличие от других существ, он может выбрать, будет ли участвовать во всем, в пассивной или активной
-
В основном, магия является тенденция использовать людей для каких-то целей (хорошо это или плохо относительное), производит в их «веру» или увлечение, либо воздействуя на них через страх.В любом случае, он работает без этого человека полностью понять или знают о таких действиях и целях.
И "упрощенно говорить о черной магии, белый, красный, и т.д. ...Существует, по сути, ни магией красного, ни зеленого, ни желтого.Там "делает".Только "делать" магических ".... И единственный, кто может "быть" также может "делать"... Тем не менее, иллюзия высшей человека является его убеждение, что он мог сделать. все думают, что они могут сделать, ... , Но никто ничего не делает. Все, что с ним происходит.
-
Наши так называемые мысли только мысли, что фиксированная образований, извлеченные из шкафов или субъективным.
То, что мы называем мысли не мысли.
У нас нет никаких мыслей у нас есть несколько ярлыков, некоторые более короткие, более кратким, более длинный, но не более чем этикетки.
Эти метки переносятся с одного места на другое.
Запросы на это есть то, что мы получаем в виде впечатлений. Но требования не только извне, из различных точек внутри. И все должны быть поставлены в коде.
Это хаос, это то, что мы называем мыслями и ассоциациями.
Никто не поверит вам, если вы сказали ему, что он ничего не может сделать. Это самое обидное и неприятное, что мы можем сказать людям. И особенно неприятно и оскорбительным, потому что это истина, и никто не хочет знать правду.
------
Бог один для всех,Но это три.Люди не правы, потому что это в семь раз.В целом это унисон.В свою дивизию противоречивы.Он везде во всех формах.Когда люди видят это зависит от их качестваВ рамках они касаются.Но кто прикоснется к ней, если он не знает,См. той части, которая касается всего себя
------------
Каждый момент, взятый сам по себе, является частицей вечного творения.
РАССМОТРЕНЫ в час как единица »жизни, чтобы иметь
в любой момент можно извлечь самые тонкие вещества, которые можно назвать "сущность жизни"
моменты, которые представляют собой время являются веществами.
Чтобы извлечь из жизни, что в нем более ценным вы должны быть в состоянии сделать операцию на ваши эмоции.
Обычно человек живет, просто следуя по течению.Это не просто спит: он полностью разрядился.

Смотрите результаты всех ваших прошлых усилий и думать о том, какой смысл у них теперь есть в последний час своей жизни.
Работа по себе ... что-то странное, тонкое, но многие не могут жить без них.
жить каждым часом все более высокую прибыль ... Сделайте подробный план на последний час жизни.
Попробуйте представить себя в довольно ясно в последний час своей жизни на земле ...Написать рода сценарий за последний час
-------
-------

 
Последний час его жизни, упражнения Гурджиева
===========
Представьте, что вы открыли, в некотором роде, именно тогда, когда ты умрешь ... Представьте себе, что всего лишь несколько минут, может быть, час, чтобы жить, что бы вы сделали с этой час своего драгоценного времени на Земле?
Вы сможете завершить что-то в этот последний час, у вас есть сознательное представление о том, как это сделать?
Чтобы отпустить свой последний вздох вы чувствуете себя полностью удовлетворены осознание сделали все возможное в этой жизни, чтобы выполнить свою миссию?
, Вероятно, будет постоянно присутствовать, всегда яркие, ожидая, как сын ждет моряка отца ...
Если вы не удовлетворены последний час своей жизни, а не быть всю жизнь. Смерть означает пересечение что-то уникальное.
Потратьте свое драгоценное время на ничего не значит лишить вас возможности рисовать с натуры, что было самое ценное.
Благодаря этому мир со своей собственной жизнью, от начала до конца, является еще одним аспектом Абсолюта.
Все основные философы тщательно подготовлены в течение последнего часа своей жизни.
В проявленном мире все имеет свое начало и свой конец.
В реальном мире все всегда присутствует, и в один прекрасный день вам будет позволено все забыть и оставить мир «навсегда».
А теперь я дам вам упражнения для подготовки к последние часы на земле. Старайтесь не понял ни слова года.
===========
Осуществлять
Пересмотр время, затрачиваемое так же, как если бы это было в последний час на земле для вас: вы только что понял, что ты мертв.
Задайте себе вопрос: довольны ли вы сейчас?
И теперь возобновить жизнь и разместить на переднем плане вашего стремления. В течение следующего часа (если вам повезло жить для другого) пытаются извлечь из жизни больше, чем то, что вы сделали в час прошел. Определите, где и когда вы должны быть более осведомлены и где вы должны прикладывать больше внутреннего огня.
А теперь открыть, и ваши глаза широко открыты, и под этим я подразумеваю: открыть себя больше шансов, быть немного «более мужественным, чем вы были Прошел час. Потому что вы знаете, это ваш последний раз, и вам нечего терять, постарайтесь получить что-то смелое - по крайней мере сейчас. Конечно, вы не должны быть глупыми, чем эта. Узнать что-то лучше, посмотрите на ваши биологические машины и за ее пределами. Теперь, как ты умираешь, нет смысла поддерживать репутацию и престиж.
А теперь на вашей реальной последний час, выращенных постоянно стремясь получить как можно больше, как вы можете от жизни, что является ценным, развивать свою интуицию.
Потратьте несколько минут, каждый час, чтобы взглянуть на только что прошли времена, не осуждая, а затем regolatevi извлечь нечто большее, Далль'Ора позже.
Если рассматривать в час как единица "из жизни самостоятельно, вы можете попытаться сделать все возможное, чтобы использовать каждую единицу полностью.
Стремитесь и найти способ, чтобы сделать что-то более каждый час, чем предыдущий.
Но в то же время быть в курсе того, что вы позаботились о собранных долгов до сих пор. Увеличение прослушивания и знания о себе, а также повышает способность быть хозяином себе, это позволит изменить работу вашей машины, которая всегда вне вашего контроля.
Эти навыки могут быть признаком реальных перемен. Это абсолютно равнодушны к тому, что машина думает обо всем.
-------
Люди верят всему, что слышишь, а не только верить, что они могут признать непосредственно через разумное отражение, разработанный сравнительных дебаты »между все данные уже хранятся в их ...
Я прошу вас не верить всему, что вы не можете проверить это сами ".


"Характерной особенностью человек усовершенствовал свою способность читать совершенно хотят никакого участия в его жизни за пределами, а внутри остается свободной".
Имейте в виду, во все времена, что вы думаете, чувствуете, хотят и делают.
Никогда не говорите о себе, не дать вам возможность измениться.
Поймите, что ничего не твое.
Субъективные моральные и "понятие относительное, если вы пропитанной понятия, связанные, когда вырастешь вы будете действовать и судить других, всегда и везде, в соответствии с способы видения и обычных понятиях вы приобрели. Вы должны научиться следовать не к тому, что "люди вокруг вас считают хорошим или плохим, но и действовать в жизнь в соответствии с тем, что" вы назвали вашу совесть. Я разработал совести свободно владеют "все больше и больше« все книги и все учителя вместе взятые.
Учитель служит только, чтобы проложить путь, но тогда должны быть оставлены
Отправной точкой исследования является познание себя и "Исследование о себе", "память о себе".
Это первый важный шаг.
В любое время суток мы должны обратить наше внимание на то, что мы думаем, говорим, представьте себе, чувствовать и т. д., мы должны видеть себя за то, что мы, как если бы мы смотрели на улицу.
Любовь, что вам не нравится
Не подотчетны никому: быть своим собственным судьей.
Помните себя всегда и везде
"Жизнь дана нам для высокой цели, и мы вместе должны служить Ему в этом наша суть и смысл. Все люди без исключения рабов такого масштаба ".
"... Если мы сосредоточимся исключительно на слишком наших тени мы заразиться и бессознательно нравится"
Не смотрите одним глазом, смотрел.
Будет справедливо, когда есть только одна правила IO, когда есть "хозяин" в доме. Обычный человек не имеет "Мастер". Он правит сейчас, ума, теперь с чувствами, и теперь из организма. Часто заказ поступает из аппарата формирующим и чаще всего этот человек получает заказы от сексуального центра. Свободная воля является функцией MASTER в нас. Мы НЕ является верховенство желание ДРУГОЙ.
Если бы все люди имели SOULОт великого время не было места на землеNE 'ДЛЯ РАСТЕНИЙ ядовитых или "FIERCE ДЛЯ ЖИВОТНЫХSAME мужчина был перестала существовать.Для простой души иллюзияЭто роскошь для тех, кто наслаждается страданиемЭто уплотнение личностиЭто путь, это связь с автором и создателем.ОСТАТКИ ОБРАЗОВАНИЯПервый источник ТЕРПЕНИЕЭто ДАЖЕ удостоверение по существуСущности бытия EVER.Будет вестиЕго присутствие Я ЕСМЬЭто частицы Существо ВсегоТак было, и так будет всегда.
Если вы хотите, чтобы научиться любить, начинается с животными, потому что я более "чувствительной
Единственное ограничение наша не идти в конце, что вы хотите сделать в большие, как в мелочах
"Люди всегда кажется, что другие, как если бы ничего не делать, другие делают все неправильно. Неизменно, каждый думает, что он мог бы сделать лучше. Никто не понимает или хочет понять, что то, что делается в настоящее время в определенном смысле - и сверх того, что уже было сделано - она ​​не может быть сделано иначе.
.... все зависит от всего, все вещи связаны, нет ничего, чтобы разделить. Все события следуют так что единственным способом они могут принять. Если бы люди могли измениться, все может измениться. Но они являются те, которые есть, и, соответственно, вещи, они являются также и те, что есть. "
Перед любым изменением задать себе эти простые вопросы:1) Почему я здесь?2) Стоит остановиться?
Мы постоянно потребляют больше энергии, чем необходимо, используя мышцы нам не нужны, позволяя мыслям течь свободно и реагировать слишком эмоционально
Человек, который не добился определенных результатов, вы не можете попросить что-нибудь.
Мы не можем ждать дольше, чем он имеет.
С самого практической точки зрения, человек не может нести ответственность за свою ситуацию. Это не его вина, что он стал таким. Тогда вы должны принять это во внимание, зная, что вы не можете ожидать от человека, слабых вещей, которые требуют много сил. То, что они просят, чтобы быть в зависимости от силы, с которой он может ответить.
Человек машину. все, что он делает, все его действия, все его слова, мысли, чувства, убеждения, мнения, привычки, являются результатом влияния и внешних впечатлений. «Делать», вы должны быть ...
(... Это самое «большое достижение для человека, и« быть в состоянии сделать)
Не decorarti идеями с другими.
Электронная книга с советами и Compedio на четвертой улице
Люди притворяются ничего знать о Боге, о будущей жизни, вселенной, происхождение человека, эволюция, но, в действительности, ничего не знает, даже не на себя. И каждый раз, когда говорят о чем-то, что не знает, если бы он знал, как, ум.
... Расслабьте мышцы, используя только необходимые, держать в мыслях, сербский, и выразить свои чувства, если вы хотите,
Не тронут матчей: как таковые, они безвредны. Должны ли мы будем болеть
Время является субъективным и зависит от ассоциаций. Когда вы сидеть сложа руки, без концентрации, времени не проходит. Внешне нет времени, существует только внутри нас
К сожалению, мы всегда забываем все.
Мы помним вещи, когда уже слишком поздно.
В соответствующее время, наше внимание занимали, например., Тот факт, что человек вам не нравится, и вы не можете остановиться вы не любите. Это чувство не должно быть забыто, должны быть записаны в память. Вкус опыт не продлится долго. Без внимания, события будут потеряны. Мы должны записать все в памяти, в противном случае мы в конечном итоге забывая ...
Есть вещи, которые не происходят часто. Если вы случайно смотрю на вещи, а не возложено на память, вы потеряете его навсегда.
Мы можем лишь дать направление и создать некоторые условия, но не помогать
Душа как семя, которое должно прорасти и вырасти ... могут быть приобретены только в течение жизни, не только это, но это роскошь, зарезервированы для очень немногих мужчин. Большинство людей проводят жизнь без души, без хозяина изнутри. В обычной жизни, душа вовсе не обязательно.
Самый лучший способ быть счастливым в этой жизни состоит в способности "думать всегда внешне, но внутренне никогда не
Когда вы больны, вместо того, чтобы ненавидеть зло, рассмотреть ваши мастера.
Один из лучших способов, чтобы пробудить желание работать на, если 'и' понял, что можно "умереть в любой момент ... Но вы должны научиться не забыть
Разделить себя на две части.Не выявления внутренне, внешне должна сыграть свою роль. Возьмите все в качестве ориентира. Ваша задача сейчас, чтобы получить внутреннюю свободу. Это отправная точка, чтобы идти дальше.
Если вы решили работать на других, делают это с удовольствием.
Сознательная любовь пробуждает любовь сознание. Эмоциональную любовь вызывает противоположный. Физическая любовь зависит от типа и полярности.
Сознательная вера и «свобода». Вера эмоциональные и «рабство». Механическая вера и "глупость"
Стойкой надеждой и «сила. Надеюсь, полный сомнений и "трусости. Надеюсь, полные страха и слабость
Помните, что вы пришли сюда, потому что вы понимаете необходимость «бороться против самого себя, только против себя ... Будьте благодарны, следовательно, и все те, которые вы будете предоставлять возможность
Осознайте себя, даже если только на несколько мгновений, это техника, которая может помочь нам выйти из отчуждения, в которой мы, как правило, ... должны сопровождаться усилиями по снижению слишком много разговоров о лежащих к себе и выразить негативные эмоции.
T'incatenare не зря, что в долгосрочной перспективе уничтожить вас.
Остановить самостоятельно определять сами ...
Не противоречит ничего, просто заткнись.
Когда они спрашивают вас, ваше мнение о ком-то или о чем-то, только его качество.
Знайте, что этот дом может «быть полезны только для тех, кто признал его недействительным и верят в возможность изменения
Как правило, человек имеет только желания, и то, что мы называем волей сильной или слабой является ничем иным, более или менее сильные, чем наши желания. Подлинным воли власти проистекает не столько из различных желаний, как правило, противоречивы, принадлежат к разным "я", но происходит от сознания и регулируются себя уникальным и постоянным. Только это действует и преображает ... может быть определен свободным, потому что это зависит от случая и не может быть modoficata или прямой извне.
Человек может родиться, но родиться должны сначала умереть, и умереть должны сначала проснуться.
Не зная законов, которые применяются к его работе, человек обманывает себя, что он должен был действовать, действовать, строить, решать, не осведомлены о доминирования в своем выборе, превосходящими силами, не видит , что заставляет его двигаться в одну сторону, а не другой, повторить те же операции, что не признают степень механической природы, ее состояние летаргии, самогипноз, самостоятельно мистификации.
Не суди о человеке по словам других
Если вы не с критическим умом, ваше присутствие здесь и «бесполезный
Энергия, затрачиваемая на активную внутреннюю работу сразу же превращается в новую поставку, но провел в труде пассивных "потеряны навсегда
Делайте то, что вы делаете в лучшем из возможных способов.
Не жалуйтесь.
Никто не понимает, что степень знания о человеке является функцией от степени его существо. При знаний привела над бытием, становится теоретическим, абстрактным ... может стать даже вредно, потому что вместо того чтобы служить жизни и помогать людям в борьбе с трудностями, знание такого рода начинает объяснять все, поэтому он может только вызвать новые трудности, новые неприятности и бедствия всех видов, что до не существует.
Те, кто "освободил от болезни« завтра »имеет все шансы найти то, что" и что "пришел взыскать здесь
Не впечатление сильных личностей.
Остальное не зависит от количества ", но качество» сна
Преподавание других, вы узнаете о себе
Учитесь получать, благодарю вас за каждый подарок.
Не хвалите или оскорбить вас.
Имейте в виду, что работа здесь не является "самоцелью, но это только половина
Не пытайтесь выделиться для вашей внешности.
Здесь нет ни "русских, это евреи, ни христиане, но только люди, которые преследуют только одну цель: стать способен быть
Не определяйте себя за то, что вы есть.
Не судите или дискриминации, когда вы не знаете, большинство фактов.
Развитие человека происходит по двум направлениям: знания и бытия. Почему эволюция выполняется должным образом, две линии должны работать вместе, параллельно друг другу, поддерживая друг друга ...
Только те, кто может «следить за благо других заслуживают» их же собственного блага
Помогите своему соседу, не делая сотрудника ... Помогает другим, чтобы помочь себе.
"Все люди, что вы видите, вы знаете, что вы можете случайно не знаете, являются машины, фактические машины, которые работают только под давлением внешних воздействий, как вы сами сказали. Машины рождаются и умирают машины. Что у диких и интеллектуалов? Даже сейчас, в этот самый момент, как мы говорим, несколько миллионов машин пытаются уничтожить друг друга. В чем разница тогда? Где дикие и где интеллектуалы? Они все одинаковые ... "
Не говорите о ваших личных проблем ... Говорит только то, что нужно.
Примите во внимание, что "люди думают о вас, а не то, что говорит
Не храните ненужные вещи.
В споре, поставить себя на место другого.
Если вы уже знаете »и что« зло и делать это в любом случае, вы совершаете грех и что «трудно исправить
Не создавать бесполезные дружеские отношения.
Не следуйте тенденциям.
Не продавать.
Не думайте о преимуществах, которые вы обеспечить вашу работу.
Только сознательное страдание имеет смысл
Выиграй свой страх.
Превратите свой гнев в творчество .... Превратите свой жадность в отношении к красоте ... Превратите свою зависть в восхищении значения ... Превратите свою ненависть на благотворительность.
Не защищать старые идеи, только потому, что именно вы провозглашенный.
Если у вас обидеть кого-то, попросите прощения ... Если вы оскорбили публично извинился публично.
(Если вы понимаете, что сказал что-то не то, не делайте этой ошибки в гордости и незамедлительно отказаться от вашей резолюции.)
Человек отождествляется с ролью, которая вынуждена жить: отец, сын, начальник, работник, сотрудник, исполнительной власти, профессиональных, интеллектуальных, гуру, умным, глупым, сильным, слабым, безработные, менеджер, министр и т.д..
... Для каждой из этих ролей, есть социальное поведение, символы статуса, одежды, способов мышления и выражения, что каждый приспосабливается бессознательно. И поэтому мы никогда не реальных людей, а реальные подражатели подражают модели и стереотипы производится в обществе, в котором мы живем.
.... Даже в самые интимные поведения читать на самом деле заранее установленных ролей, которые не ограничиваются обычными поведения и отношения, но и проникают в наши убеждения, наши суждения, наше сознание.
... Так что продолжаем читать загрязнение наш ум слишком долго.
Мы должны научиться говорить правду. По правде говоря, вы стали в состоянии знать, что есть истина, а что ложь ... Особенно в себя ...
Это то, что не принадлежит тебе, как если бы вы принадлежали.
Самая большая ошибка, сказал он, является верим, что человек имеет постоянный. Человек никогда не бывает один. Он постоянно меняется. Редко остается неизменным, даже в течение одного часа.
Человек не имеет отдельного I. ... На его место есть сотни и тысячи отдельных небольших я чаще всего игнорируют друг друга, не имеют никакого отношения, или, наоборот, они враждебны друг другу, эксклюзивные и несовместимые.
Человек множество. Имя человека легион ... Чередование этих I, их борьба проявляется, в любой момент, за превосходство, находятся под контролем случайных внешних воздействий ...
Небольшое случайное я, может на некоторое время, дать обещание, не себя, а на кого-то другого, только для тщеславия или для развлечения ... Проводят всю свою жизнь так, чтобы отрегулировать долги маленькой, я случайно.
Человек по сравнению с домом, не мастер или управляющего, занимают множество слуг, которые полностью забыли свои обязанности: никто не хочет делать то, что нужно; каждый старается быть боссом, если только на мгновение, и, В такой анархии, дом находится под угрозой серьезной опасности
Но даже если человек понимал так ясно, как его возможности, это не будет перехода на один шаг на пути к их реализации. Для того, чтобы реализовать этот потенциал, необходимо иметь очень сильное стремление к освобождению, должен быть готов пожертвовать всем, чтобы рисковать всем ради своего освобождения ".
Мы не должны обманывать себя, что мы можем поставить нашу собственную силу: наши все усилия, все усилия, каждая мысль или действие, которые уже в значительной степени зависит, мы не знаем, какой путь является свобода, что значит находиться в сознании .... Поэтому первый шаг состоит в осознании того, что мы, как в тюрьме, и мы не знаем, как выбраться. О том, как сильно мы стараемся, мы не можем избежать сами по себе, препятствий много. Это будет мудр, чтобы найти группу людей, как мы, у кого есть желание, чтобы проснуться и воспользоваться опытом тех, кто уже сделал.
Абсолютные, а именно состояние дел, в которых множество в целом, является изначальное состояние, из которого, путем деления и дифференцировки, возникло разнообразие явлений, которые мы наблюдаем ... Человек живет во всех мирах, но по-разному. Это означает, что он, прежде всего, под влиянием мир ближе, с которыми он живет в непосредственном контакте, так как она является частью ... Очень далеко, также влияют на человека, либо непосредственно, либо через промежуточные миры, но их действие уменьшается в прямой зависимости от их удаленности или увеличения разницы между ними и мужчинами.
Человечество, как и все остальные органической жизни на Земле для нужд и целей владеть землей. И это именно то, что необходимо для удовлетворения потребностей земли в настоящее время ... Просто так думал теоретические и так отделены от фактов, которые современная европейская мысль, было немыслимо, что эволюция человека была возможной, независимо от характера, что его окружает, или рассмотреть эволюцию человека как постепенное покорение природы.
Пусть живет, умирает, развиваться или вырождаться, человек также служит цели природу или, скорее, природа таким же образом, хотя, возможно, для разных целей, продукты эволюции является то, что вырождения.
Человечество, рассматриваются как единое целое, не может вырваться на природу, потому что человек действует в соответствии с целями природы, даже когда борьба с ним.
Как мы увидим позже, непосредственное влияние Абсолютного не доходит до человека. Но влияние мирового сразу после, что из мира звезд, уже совершенно очевидно, в жизни человека, хотя наука », конечно, ничего не знаю ...
Более являются тяжелые условия жизни, более «хорошие результаты работы, предполагая, что вы помните работе
Развивайте свою фантазию.
Не заказывайте только за удовольствие быть повиновался.
Если вы медитируете и получить дьявол, черт возьми, идти медитировать.
Может 'быть только единственной, кто знает, как поставить себя на место другого
Возьми понимание Востока и науки Запада, а затем пытается
Не посещайте любой покое, чтобы заполнить свое время.
Если вы сомневаетесь между делать и не делать, и мог сделать.
То, что возможно для человека это невозможно для масс.
Тот, кто хочет знания должны сделать себя первоначальные усилия, чтобы найти источник, чтобы привести его, используя указания на всех, но в целом люди не хотят видеть и признавать. Знания не могут быть люди, не делая усилий.
Вы находитесь в тюрьме, и все, что вы хотите, если у вас есть здравый смысл, это попытка уйти ...
никто не может бежать из тюрьмы без помощи тех, кто уже бежал. Только они могут сказать, каким образом это возможно уклонение и довести заключенных инструменты и все, что может быть необходимым. Но заключенный изолированы не может найти эти свободные люди или вступают в контакт с ними. Вы должны организацию. Ничто не может быть достигнуто без организации.
Эволюция может быть необходима только тот, кто осознает свое положение и возможности изменения, и понимать, что он не использует полномочия и богатство не может видеть. И это в смысле овладения этими силами, и эти богатства, что эволюция возможна
Что человек должен хорошо понимать: его эволюция не обязательно, чтобы к нему.
Никто не заинтересован, и вы не должны рассчитывать ни на кого, на самом деле, никто не обязан помогать, равно как и не намерены. Напротив, те силы, которые выступают против эволюции больших человеческих масс, также в отличие от эволюции человека. Это зависит от каждого из уклонении от США. И если человек не может избежать их, человечество не может. Поймите, позже, как эти барьеры являются полезными, если они не существовало вы должны создать их намеренно, потому что только победа препятствия, которые человек может развить в себе качества, они нужны ... Это основы для правильного понимания эволюции человека. Существует никакой эволюции не обязательно, механические.
Эволюция является результатом сознательной борьбы.
Эволюция человека это эволюция его сознания, а сознание не может эволюционировать бессознательно.
Эволюция человека это эволюция его воля, а воля не может развиваться непроизвольно.
Эволюция человека это эволюция его силах, а не быть результатом того, что происходит.
представить отношения между микроскопическими клеток и наше тело. Наличие или отсутствие ячейке ничего не меняет в жизни организма. Мы не можем осознать это, и это может иметь влияние на жизнь и телесных функций. Точно так же различны отдельные слишком мала, чтобы влиять на жизнь организма космические, с которой он находится (в смысле размера) в той же пропорции, что имеет ячейки с нашими весь организм
Почему мы можем говорить о будущей жизни любого рода, должна быть определенная кристаллизация, определенных слияния внутренние качества человека: степень независимости от внешних воздействий. Если есть что-то в человеке, способной противостоять внешним воздействиям, то его что-то, что может выдержать даже смертью физического тела
Мужчины машин. Машины обязательно слепой, бессознательной, иначе быть не может, и все их действия должны соответствовать их природе.
... Однако, прогресс и цивилизацию в истинном смысле этих слов, может появиться только в конце сознательных усилий. Не может появиться в результате механических и бессознательные действия.
Что сознательные усилия могли бы сделать машину?
...
бессознательной деятельности миллионы машин обязательно должно закончиться к разрушению и гибели. Именно в бессознательном состоянии и непроизвольные проявления, что все зло лежит. Вы еще не понимаете и не можете представить себе все последствия этого бедствия. Но придет день, когда вы понимаете.
....
ТАМ был магом богатых и Avaro, которые
Многие сырые. Он использовал пасторы
Хотел даже в местах, где забор выпаса
Его овец. SO 'случилось, что они SMARRISSERO
Но прежде бежали, почему "знал, что
NEWT хотели, чтобы их мясо. НАЙТИ РЕШЕНИЕ WIZARD »:
Hypnotized "овец. Убежден, что он был хорошим
Пастуха, который любил детей и как они были
IMMORTAL, ДЛЯ КОТОРЫХ не должны бояться, что кто-то
SCUOIASSE. Кроме того, что они не были убежденными
Овец, но ЛЬВЫ, даже орлов и других мужчин.
SO »вместо« вырваться на свободу »остался
Послушно В ОЖИДАНИИ маг SCANNASSE!

- - -
Die besten Sätze von Georges Ivanovich Gurdjieff--
 
"Denken Sie daran, dass Sie hierher gekommen, weil Sie die Notwendigkeit, gegen sich selbst zu kämpfen verstehen und nur sich selbst. Daher dankbar für alle diejenigen, die Ihnen die Chance"
----
Das höchste Illusion des Menschen ist seine Überzeugung, dass er tun konnte. jeder denkt, was sie tun können, ... , Aber keiner tut etwas. Alles geschieht.
-----
"Ich überlasse es Ihnen in ein Chaos!" (Gurdjieff letzte Worte auf dem Sterbebett)
-
"Es war einmal ein Zauberer / Hirte, eine Herde von Schafen gehört. Er mochte das Lamm und geschlachtet hie und da ein. Um Undichtheiten zu vermeiden, entschied sich die Herde hypnotisieren und Eintauchen in den hypnotischen Schlaf eingeflößt drei Verurteilungen :1 -, dass die Schafe unsterblich waren, tat dies nicht auf die Schlachtung, die in der Tat ist ein Weg, um Garn Ewigkeit gehen zu fürchten;2 -, dass er ein guter Hirte, der über alle liebten seine Schafe war;3 - auch, dass sie nicht Schafe, aber Löwen, Adler, Männer, Assistenten MASTERS DiscePolli der Weg des Erwachens.Von da an wartete die Herde ruhig Schlachtung von der Shepherd "
-
"Ein erheblicher Prozentsatz der Menschen, die wir auf der Straße begegnen innerlich leer ist, das heißt, es ist eigentlich schon tot ist. Es ist ein Glück für uns, dass wir nicht sehen und nicht wissen. Wenn wir wüssten, wie viele dieser Menschen tatsächlich starben und wie viele Tote regeln unser Leben, verrückt mit Schrecken "
-
... Sex ist unsere wichtigste Quelle der Sklaverei, sondern auch unsere Möglichkeit der Befreiung ...
-
Mann, wie alle anderen Lebewesen, ist im Grunde ein Transformator der Energie, die in dem Substrat an der Zeit undifferenzierten kosmischen Ökologie absorbiert werden .... Im Gegensatz zu anderen Lebewesen, so kann er wählen, ob er in allem, was in einer passiven oder aktiven Teilnahme
-
Grundsätzlich ist die Magie die Tendenz, Menschen für bestimmte Zwecke (gut oder schlecht ist relativ) verwenden, wird in ihrem "Glauben" oder Verliebtheit sein, entweder auf sie einwirkenden durch Angst.Auf jeden Fall arbeitet er ohne diese Person verstehen oder bewusst sind derartige Maßnahmen und Zwecke.
Und 'vereinfachende Diskussion der schwarzen Magie, weiß, rot, etc ...Es ist in der Tat, weder magic rot, weder grün noch gelb.Es ist "zu tun."Nur "do" ist magisch. "... Und nur derjenige, der "sein" kann, kann auch "do"... Allerdings ist das oberste Illusion des Menschen seine Überzeugung, dass er tun konnte. jeder denkt, was sie tun können, ... , Aber keiner tut etwas. Alles mit ihm geschieht.
-
Unsere sogenannten Gedanken sind nur Gedanken, die festen Formationen aus Aktenschränken oder subjektive extrahiert.
Was wir als Gedanken sind nicht Gedanken.
Wir haben keine Gedanken, die wir haben mehrere Etiketten, einige kürzer, prägnanter, mehr lang, aber nichts anderes als Etiketten.
Diese Etiketten werden von einem Ort zu einem anderen übertragen.
Anfragen für sie sind, was wir in der Form von Eindrücken zu erhalten. Aber die Anforderungen sind nicht nur von außen, kommen von verschiedenen Punkten im Inneren. Und alles muss im Code gesetzt werden.
Dieses Chaos ist, was wir Gedanken und Assoziationen nennen.
Niemand wird glauben, dass Sie, wenn Sie ihm gesagt, er kann nichts tun. Dies ist die offensive und unangenehm, dass wir Menschen zu erzählen. Und ist besonders unangenehm und beleidigend, weil es die Wahrheit ist, und niemand will die Wahrheit wissen.
------
Gott ist Einer für alle,Es ist aber drei.Die Männer sind falsch, weil es das Siebenfache ist.In seiner Gesamtheit ist unisono.In seiner Abteilung ist widersprüchlich.Er ist überall in allen Formen.Wenn Männer zu sehen, es hängt von ihrer QualitätIm Rahmen sie sich berühren.Aber wer sie berührt, wenn er unwissend ist,Siehe den Teil, der alle von sich selbst berührt
------------
Jeder Augenblick, für sich genommen, ist ein Teilchen der ewigen Schöpfung.
ALS pro Stunde als Einheit "LIFE OWN
jeden Moment können wir extrahieren die feinsten Stoffe, die als "die Essenz des Lebens" werden kann
die Momente, die die Zeit bilden, sind Substanzen.
Um aus dem Leben zu extrahieren, was in ihm mehr wert, müssen Sie in der Lage sein eine Operation auf Ihre Emotionen zu tun.
Normalerweise lebt der Mensch, indem Sie einfach nach den Durchfluss.Es ist nicht einfach einschlafen: es ist völlig tot ist.

Siehe die Ergebnisse der alle Ihre bisherigen Bemühungen und darüber nachdenken, was bedeutet, dass sie jetzt in der letzten Stunde Ihres Lebens.
Die Arbeit an sich selbst ... etwas seltsam, subtil, aber viele können nicht ohne leben.
leben stündlich mit immer höheren Gewinn ... Machen Sie einen detaillierten Plan der letzten Stunde Ihres Lebens.
Versuchen Sie, sich in einem ziemlich klar vorstellen, in der letzten Stunde des Lebens auf der Erde ...Schreiben Sie eine Art von Skript für die letzte Stunde
-------
-------

 
Die letzte Stunde seines Lebens Ausübung von Gurdjieff
===========
Stellen Sie sich vor, dass Sie entdeckt haben, in irgendeiner Weise, wann genau Sie sterben ... Stellen Sie sich nur ein paar Minuten, vielleicht eine Stunde zu leben, was würden Sie zu dieser Stunde von Ihrer kostbaren Zeit auf der Erde zu tun?
Möchten Sie in der Lage, etwas in dieser letzten Stunde abzuschließen, müssen Sie eine bewusste Vorstellung davon, wie es zu tun?
Gehen zu lassen deinen letzten Atemzug fühlen Sie sich voll und ganz mit dem Bewusstsein getan alles in diesem Leben, um Ihre Mission zu erfüllen zufrieden?
Wäre wahrscheinlich ständig präsent, immer lebendige, warten, als der Sohn seines Vaters sailor wartet ...
Wenn Sie nicht mit der letzten Stunde Ihres Lebens zufrieden sind, nicht dein ganzes Leben sein. Sterben bedeutet, überqueren etwas Einzigartiges.
Verbringen Sie Ihre kostbare Zeit in nichts bedeutet berauben Sie die Gelegenheit, um aus dem Leben, was die meisten kostbar war zu ziehen.
Durch diese Welt mit seinem eigenen Leben, von Anfang bis Ende, ist ein weiterer Aspekt des Absoluten.
Alle großen Philosophen haben sorgfältig auf die letzten Stunden ihres Lebens vorbereitet.
In der manifesten Welt hat alles seinen Anfang und sein Ende.
In der realen Welt ist alles immer vorhanden, und eines Tages wirst du erlaubt, alles zu vergessen und die Welt werden "ewig".
Und jetzt werde ich Ihnen die Übung für die letzten Stunden auf Erden vorzubereiten. Versuchen Sie nicht, kein Wort des Jahres missverstehen.
===========
Ausüben
Reconsidered die Zeit verbracht, als ob es die letzte Stunde auf Erden warst du: Sie haben gerade festgestellt, dass du tot bist.
Fragen Sie sich: Sind Sie jetzt zufrieden?
Und nun wieder Leben und in den Vordergrund zu Ihrem Aspiration. Für die nächste Stunde (wenn Sie Glück haben, zum anderen leben) versuchen, aus dem Leben mehr als das, was Sie in der Stunde verging getan zu extrahieren. Definieren Sie, wann und wo Sie sein sollte stärker bewusst und wo Sie mehr innere Feuer gelegt zu haben.
Und nun wieder zu öffnen, und deine Augen weit offen, und damit meine ich: Öffnen Sie sich mehr Chancen, ein wenig "mehr Mut, als Sie eine Stunde vergangen waren. Weil du dies Ihr letztes Mal und wissen, haben Sie nichts zu verlieren, versuchen, etwas zu fett zu erhalten - zumindest jetzt. Natürlich müssen Sie nicht töricht sein als diese. Erfahren Sie etwas Besseres, um Ihre biologische Maschine außen zu betrachten. Nun, wie Sie sterben wollen, macht es keinen Sinn, Ruf und Ansehen zu halten.
Und jetzt auf Ihrer wirklichen letzten Stunde, stetig gewachsen streben, um so viel wie möglich aus dem Leben, was wertvoll ist erhalten, entwickeln Sie Ihre Intuition.
Nehmen Sie sich ein paar Augenblicke jede Stunde, die zum Zeitpunkt gerade passiert schauen, ohne zu urteilen, und dann regolatevi etwas mehr Dall'Ora später extrahieren.
Wenn pro Stunde als Einheit "LIFE allein betrachtet, können Sie versuchen Sie Ihr Bestes tun, um jede Einheit vollständig zu verwenden.
Bemühen und einen Weg finden, um etwas mehr jede Stunde als die vorherige zu machen.
Aber zur gleichen Zeit sich der Tatsache bewusst, dass Sie kümmern Schulden bisher gesammelten nahm. Erhöhen Zuhören und das Wissen über sich selbst und erhöhte auch die Möglichkeit, Meister selbst zu sein, wird sich dies ändern, die Arbeit Ihrer Maschine, die immer außerhalb Ihrer Kontrolle.
Diese Fähigkeiten können ein Indiz für einen tatsächlichen Wandel sein. Es ist absolut gleichgültig, was die Maschine denkt an alles.
-------
Die Menschen glauben, alles, was sie hören, anstatt zu glauben nur, was sie konnte direkt erkennen durch eine vernünftige Reflexion, durch eine "vergleichende Diskussion" zwischen all den Daten, die bereits in ihre gespeicherten entwickelt ...
Ich frage Sie nicht alles, was Sie nicht überprüfen kann es für sich selbst zu glauben. "


"Das charakteristische Merkmal des Menschen seine Fähigkeit, perfekt zu rezitieren wollen keine Rolle in seinem Leben draußen, während im Inneren bleibt frei verfeinert."
Seien Sie sich bewusst zu allen Zeiten, was Sie denken, fühlen, wollen und tun.
Nie von sich selbst zu sprechen, ohne Ihnen die Gelegenheit geben zu ändern.
Erkenne, dass nichts ist dein.
Die subjektive moralische und "ein relativer Begriff, wenn Sie getränkte Konzepten verbundenen sind, wenn du groß bist du handeln und urteilen andere immer und überall nach den Möglichkeiten des Sehens und konventionellen Vorstellungen Sie erworben haben. Sie müssen lernen, folge nicht, was "Menschen um Sie herum für gut oder schlecht, aber im Leben nach dem, was zu handeln" Sie angerufen dein Gewissen. Ich entwickelte ein Gewissen frei wissen "mehr und mehr" all die Bücher und alle Lehrer zusammen.
der Lehrer nur dazu dient, den Weg zu ebnen, aber dann muss aufgegeben werden
Ausgangspunkt der Forschung ist das Wissen von uns selbst oder "Die Studie von uns", "die Erinnerung an uns."
Dies ist der erste wichtige Schritt.
Zu jeder Zeit des Tages haben wir unsere Aufmerksamkeit auf das, was wir denken, drehen, sagen, denken, fühlen, etc. haben, haben wir uns für das, was wir zu sehen, als ob wir draußen sah.
Liebe, was Ihnen nicht gefällt
Niemandem Rechenschaft schuldig: Ihr eigener Richter.
Angemeldet sich immer und überall
"Das Leben ist für uns eine hohe Zweck gegeben und zusammen sind wir verpflichtet, ihn in diesem zu dienen ist unsere Daseinsberechtigung. Alle Menschen ohne Ausnahme sind Sklaven in dieser Größenordnung. "
"... Wenn wir zu konzentrieren sich ausschließlich auf unsere Schatten werden wir infiziert und unbewusst like it"
Nicht mit einem Auge schauen, starren.
Will der Fall, wenn es nur eine einzige IO Regeln, wenn es einen "Master" im Haus. Ein gewöhnlicher Mensch nicht "Master". Er wird nun durch den Geist regiert, jetzt mit den Gefühlen und nun aus dem Körper. Oft ist der Auftrag kommt aus dem Gerät formatory öfter dieser Mann erhält Aufträge aus der Sex-Zentrum. Der freie Wille ist die Funktion des MASTER in uns. Wir werden, ist die Vorherrschaft eines DESIRE ANDEREN.
Wenn alle Männer hatte eine SeeleVON GREAT ES WAR Ort auf der ErdeNE 'FÜR PFLANZEN giftigen oder' Fierce FÜR TIERETHE SAME Male wurde aufgehört zu existieren.Für den Leerlauf Seele ist eine IllusionEs ist ein Luxus für jemanden, der im Leiden FreudenEs ist die Versiegelung der PersönlichkeitEs ist der Weg, es ist die Verbindung mit dem Autor und Schöpfer.RÜCKSTÄNDE DER BILDUNGErste Quelle der GeduldIT ", auch das Zeugnis des HAUPTSACHEEssenz des Seins EVER.Leiten wirdSeine Anwesenheit ist ICH BINEs ist ein Partikel-Wesen insgesamtSo ist es gewesen, und immer.
Wenn Sie lieben zu lernen wollen, beginnt mit den Tieren, denn ich bin mehr "sensible
Die einzige Grenze OUR ist nicht immer GO am Ende dessen, was Sie tun möchten, IN BIG AS in den kleinen Dingen
"Die Leute scheinen immer andere, wie Sie nichts tun würde, andere alles falsch machen. Unweigerlich denkt jeder, dass er es besser machen könnte. Niemand versteht oder will, was derzeit in gewisser Weise getan zu verstehen - und über das, was bereits geschehen ist - es konnte nicht anders getan werden.
.... Alles hängt mit allem zusammen, alle Dinge miteinander verbunden sind, gibt es nichts zu trennen. Alle Veranstaltungen folgen, so der einzige Weg, sie zu nehmen. Wenn die Menschen ändern könnte, könnte alles verändern. Sie sind aber diejenigen sind und dementsprechend Dinge, sie sind auch solche, die sind. "
Vor jeder Änderung sollten Sie sich folgende Fragen stellen:1) Warum bin ich hier?2) Es lohnt sich, zu bleiben?
Wir sind ständig mehr Energie verbrauchen als nötig, mit Muskeln brauchen wir nicht, ließ die Gedanken frei laufen und reagieren emotional zu
Ein Mann, der nicht bestimmte Ergebnisse erreicht hat, kann man nicht um etwas bitten.
Wir können nicht länger warten, als es hat.
Von einem sehr praktischer Sicht kann ein Mann nicht verantwortlich für seine eigene Situation. Es ist nicht seine Schuld, dass er so geworden ist. Dann müssen Sie dies berücksichtigen, wohl wissend, dass man nicht von einem Mann der schwachen Dinge, die viel Kraft erfordern erwarten. Was sie sollten in Bezug auf die Kraft, mit der es zu reagieren.
Der Mann ist eine Maschine. alles, was er tut, alle seine Handlungen, alle seine Worte, Gedanken, Gefühle, Überzeugungen, Ansichten, Gewohnheiten, sind das Ergebnis von Einflüssen und äußeren Eindrücken. Zu "tun" muss man sein ...
(... Dies ist die "große Leistung für einen Mann, und" in der Lage sein zu tun)
Nicht decorarti Ideen mit anderen.
Ebook mit Tipps und Compedio am Fourth Street
Die Leute behaupten, etwas über Gott, über das zukünftige Leben kennen, das Universum, nicht menschlichen Ursprungs, der Evolution, aber in Wirklichkeit gar nichts, nicht einmal auf sich. Und jedes Mal, spricht man von etwas, das nicht weiß, ob er, wie, Geist kannte.
... Entspannen die Muskeln, indem nur die notwendige, halten in der serbischen Gedanken und Ihre Gefühle auszudrücken, wenn Sie es wollen
Sie sich nicht von Äußerlichkeiten berührt werden: als solche sind sie harmlos. Sind wir, um uns weh
Die Zeit ist subjektiv und hängt von den Verbänden. Wenn Sie im Leerlauf ohne Konzentration sitzen, die Zeit nicht passieren. Äußerlich gibt es keine Zeit, existiert nur in uns
Leider haben wir immer alles vergessen.
Wir erinnern uns an Dinge, wenn es zu spät ist.
Zu gegebener Zeit wird unsere Aufmerksamkeit besetzt, zB., Durch die Tatsache, dass der Mann, den Sie nicht mögen, und Sie können nicht aufhören, Sie zu mögen. Dieses Gefühl sollte nicht vergessen werden, müssen in den Speicher geschrieben werden. Der Geschmack einer Erfahrung nicht lange dauern. Ohne Aufmerksamkeit, werden die Ereignisse verloren. Wir sollten alles aufzuschreiben, was in Erinnerung, sonst landen wir vergessen ...
Es gibt Dinge, die nicht auftreten, oft. Wenn Sie an einer Sache versehentlich schauen, und nicht anvertraut Speicher, verlieren Sie sie für immer.
Man kann nur eine Richtung geben, und erstellen einige Bedingungen, aber nicht zu helfen
Die Seele ist wie ein Samenkorn, das keimen und wachsen müssen ... kann erst im Laufe des Lebens erworben werden, nicht nur das, aber es ist ein Luxus, für sehr wenige Männer vorbehalten. Die meisten Menschen verbringen ein ganzes Leben ohne Seele, ohne einen Master in. Im gewöhnlichen Leben, die Seele ist gar nicht nötig.
Der beste Weg, um in diesem Leben glücklich besteht in der Fähigkeit 'immer nach außen zu denken, aber nie nach innen
Wenn Sie krank sind, anstatt zu hassen das Böse, betrachten Sie Ihre Master.
Eine der besten Möglichkeiten, um den Wunsch zu arbeiten, wenn 'und' zu erkennen, dass man "jeden Moment sterben zu wecken ... Aber man muss lernen, nicht zu vergessen
Teilen Sie sich in zwei Teile.Nicht nach innen zu identifizieren, nach außen muss eine Rolle spielen. Nehmen Sie alles als Leitfaden. Ihre Aufgabe ist es nun, die innere Freiheit zu erlangen. Dies ist der Ausgangspunkt, um weiter zu gehen.
Wenn Sie für andere zu arbeiten, tun es mit Freude.
Bewusste Liebe weckt Liebe bewusst. Die emotionale Liebe weckt das Gegenteil. Körperliche Liebe hängt von der Art und Polarität.
Bewußten Glauben und "Freiheit". Glaube emotionalen und "Sklaverei". Mechanische Glauben und "Dummheit"
Die unerschütterlichen Hoffnung und 'Stärke. Die Hoffnung voller Zweifel und "Feigheit. Die Hoffnung voller Angst und "Schwäche
Bedenke, dass du hier, weil Sie verstehen die Notwendigkeit, "gegen sich selbst kämpfen, nur gegen sich selbst kam ... Sei dankbar, deshalb, und all jene, dass Sie die Möglichkeit zu geben,
Werden Sie sich bewusst von uns selbst, wenn auch nur für ein paar Momente, ist es die Technik, die uns helfen, aus der Entfremdung, in denen wir können in der Regel ist ... muss durch eine Anstrengung zu viel Gerede zu belügen uns zu reduzieren und negative Emotionen auszudrücken begleitet werden.
T'incatenare nicht umsonst, dass auf lange Sicht zerstören.
Stoppen Sie selbst definieren sich selbst ...
Nicht widersprechen nichts, nur den Mund halten.
Wenn sie dich fragen, Ihre Meinung über jemanden oder etwas, nur seine Qualität.
Wisse, dass dieses Haus kann "kann nur sinnvoll für diejenigen, die seiner Nichtigkeit erkannt haben" und glauben an die Möglichkeit der Veränderung
Typischerweise hat der Mann nur Wünsche, und das, was wir ein Wille stark oder schwach ist nichts anderes als eine mehr oder weniger starke als unsere Wünsche. Die authentische Wille ist eine Macht nicht so viel von den vielfältigen Wünschen, in der Regel widersprüchlich abgeleitet, zu verschiedenen "me" gehören, sondern abgeleitet aus dem Bewusstsein und regiert von einem Selbst einzigartig und dauerhaft. Nur auf diese Weise wirkt und verwandelt ... definiert befreit werden, weil es unabhängig von der Fall ist und kann nicht modoficata oder direkt von außen.
Der Mann kann geboren, aber geboren werden müssen sterben, und sterben müssen aufwachen.
Nicht zu wissen, die Gesetze gelten wie für seine Arbeit, die der Mensch selbst täuscht, dass er zu handeln, zu tun, zu bauen, zu entscheiden, ist nicht bekannt, beherrscht, in seinen Entscheidungen, durch überlegene Kräfte war, nicht sehen was bewirkt, dass es in einem so und nicht anders zu bewegen, die gleichen Operationen zu wiederholen, nicht erkennt den Grad der mechanischen Natur, seinen Zustand der Lethargie, Selbsthypnose und Selbständige Mystifizierung.
Nicht beurteilen einen Mann durch die Worte anderer
Wenn Sie nicht mit einem kritischen Geist sind, hier Ihre Anwesenheit und "nutzlos
Die Energie in der aktiven inneren Arbeit aufgewendet wird sofort in einer frischen Lieferung verwandelt, aber das verbrachten in der Arbeit passiv "für immer verloren
Tun Sie, was Sie in der besten möglichen Weise zu tun.
Nicht beschweren.
Niemand versteht, dass der Grad des Wissens von einem Mann abhängig von dem Grad seines Wesens ist. Wenn Wissen hat sich angetrieben wird, wird theoretisch, abstrakt ... kann sich sogar schädlich, weil anstelle von Leben dienen und die Menschen im Kampf gegen die Schwierigkeiten zu helfen, beginnt ein Wissen dieser Art, alles zu erklären, dass er nur kann neue Schwierigkeiten, neue Probleme und Katastrophen aller Art, die vor dem gab es nicht.
Diejenigen, die "von der Krankheit" morgen "befreit hat eine Chance zu finden, was" und dass "hier zu suchen,
Lassen Sie sich durch starke Persönlichkeiten beeindruckt sein.
Der Rest nicht von der Menge abhängen 'aber die Qualität "des Schlafes
Teaching anderen, werden Sie über sich selbst lernen
Erfahren Sie zu empfangen, ich danke Ihnen für jedes Geschenk.
Nicht loben oder beleidigen.
Beachten Sie, dass die Arbeit hier nicht "ein Ende in sich selbst, aber es ist nur die Hälfte
Versuchen Sie nicht, zeichnen sich durch Ihr Aussehen.
Hier gibt es weder "Russen, es Juden noch Christen, sondern nur Menschen, die nur ein Ziel verfolgen: zu werden in der Lage ist
Nicht selbst definieren für was auch immer Sie haben.
Nicht beurteilen oder zu diskriminieren, wenn Sie nicht wissen, die meisten der Tatsachen.
Menschliche Entwicklung erfolgt entlang zweier Linien: Erkennen und Sein. Evolution warum ordnungsgemäß erfüllt ist, müssen die beiden Leitungen zusammenzuarbeiten, die parallel zueinander, einander unterstützen ...
Nur wer "wachen über das Wohl der anderen verdienen" ihr eigenes Wohl
Helfen Sie Ihren Nachbarn, ohne dass Mitarbeiter ... Hilft dem anderen, um sich selbst zu helfen.
"All die Menschen, die Sie sehen, wissen Sie, dass Sie geschehen, zu wissen, sind Maschinen, aktuelle Maschinen, die nur unter dem Druck äußerer Einflüsse zu arbeiten, wie Sie selbst gesagt haben. Maschinen sind geboren und sterben Maschinen. Was haben die wilden und Intellektuellen? Selbst jetzt, in diesem Augenblick, wie wir sprechen, versuchen mehrere Millionen Autos sich gegenseitig zu vernichten. Was ist der Unterschied dann? Wo sind die wilden und wo Intellektuelle? Sie sind alle gleich ... "
Sie nicht über Ihre persönlichen Probleme zu sprechen ... Spricht nur von dem, was notwendig ist.
Berücksichtigen Sie, was "die Leute denken von dir, und nicht von dem, was", sagt
Bewahren Sie keine unnötigen Gegenstände.
In einem Streit, versetzen Sie sich in die Schuhe des anderen.
Wenn Sie bereits wissen "und dass" das Böse und tue es trotzdem, begehen Sie eine Sünde und das ist schwer zu beheben
Nicht zu etablieren nutzlos Freundschaften.
Folgen keinen Trends.
Nicht verkaufen.
Nicht über die Vorteile, die Sie beschaffen Ihre Arbeit denken.
Nur bewusste Leiden einen Sinn hat
Gewinnen Sie Ihre Ängste.
Verwandeln Sie Ihre Wut in Kreativität .... Verwandeln Sie Ihre Gier in Respekt vor der Schönheit ... Verwandeln Sie Ihren Neid in Bewunderung für die Werte der ... Verwandeln Sie Ihren Hass in Liebe.
Nicht zu verteidigen die alten Ideen, nur weil Sie es waren, der verkündet.
Wenn Sie jemanden zu beleidigen, fragen sorry ... Wenn Sie beleidigt werden öffentlich in der Öffentlichkeit entschuldigt.
(Wenn Sie merken, Sie etwas Falsches gesagt, machen Sie nicht diesen Fehler in Stolz und unterlassen sofort von Ihrem Auflösungen.)
Vater, Sohn, Boss, Arbeiter, Angestellter, Geschäftsführer, berufliche, intellektuelle, guru, smart, stumm, stark, schwach, arbeitslos, Manager, Minister, etc.: Der Mann mit der Rolle, die zu leben gezwungen ist identifiziert.
... Für jede dieser Rollen, gibt es soziale Verhaltensweisen, Statussymbole, Kleidung, Denk-und auszudrücken, dass jeder unbewusst anpasst. Und so sind wir nie wirklich Menschen, sondern echte Nachahmer Nachahmung Modelle und Stereotypen der Gesellschaft, in der wir leben, produziert.
.... Selbst in den intimsten Verhalten tatsächlich zu rezitieren prästabilierten Rollen, die nicht beschränkt auf konventionelle Verhaltensweisen und Einstellungen, sondern auch tief in unsere Überzeugungen, unsere Urteile, unser Bewusstsein.
... So weiter zu rezitieren die Verschmutzung unseres Geistes ist zu lang.
Wir müssen lernen, die Wahrheit zu sagen. Um die Wahrheit zu sagen, bist du in der Lage zu wissen, was Wahrheit und was Lüge ... vor allem in sich selbst ...
Dies ist, was nicht Ihnen gehören, als ob Sie gehörte.
Der größte Fehler, sagte er, ist zu glauben, dass der Mensch eine permanent. Ein Mann ist nie ein. Er ändert sich ständig. Selten bleibt gleich, auch für eine Stunde.
Der Mensch hat keine individuellen I. ... An seiner Stelle gibt es Hunderte und Tausende von kleinen, separaten ich meistens ignorieren einander, haben keine Beziehung zu oder, im Gegenteil, sie sind einander feindlich gesinnte, exklusiv und inkompatibel.
Der Mann ist eine Vielzahl. Der Name des Mannes ist Legion ... Der Wechsel dieser I, ihre Kämpfe manifest, jeden Moment, um die Vorherrschaft, werden durch zufällige äußere Einflüsse gesteuert ...
Eine kleine zufällige I kann nach einiger Zeit ein Versprechen, nicht sich selbst, sondern jemand anderes, nur für Eitelkeit oder for fun ... Verbringen ihr ganzes Leben damit, die Schulden der kleinen I zufälligen einzustellen.
Mann in einem Haus ohne Master oder Superintendent, durch eine Vielzahl von Dienern, die ausschließlich ihre Pflichten vergessen haben besetzt Vergleich: niemand will zu tun, was, jeder versucht, der Chef zu sein, wenn auch nur für einen Moment, und, in dieser Art von Anarchie, wird das Haus von ernsten Gefahren bedroht
Aber selbst wenn der Mann so klar wie seine Möglichkeiten verstanden werden, würde dies nicht vorher einen einzigen Schritt zu ihrer Verwirklichung. Um dieses Potenzial zu realisieren, muss eine sehr starke Sehnsucht nach Befreiung, müssen bereit sein, alles zu opfern, alles für ihre eigene Befreiung zu riskieren. "
Wir dürfen uns nicht vormachen, dass wir mit unserer eigenen Kraft zu liefern: Unser jede Anstrengung, jede Anstrengung, jeder Gedanke oder eine Handlung, sind bereits stark beeinflusst, wissen wir nicht, in welche Richtung ist die Freiheit, was es bedeutet, wach zu sein .... Der erste Schritt besteht also darin, das Bewusstsein, dass wir uns wie in einem Gefängnis sind, und wir wissen nicht, wie man aus. Denn wie sehr wir uns bemühen, wir sind nicht auf ihre eigenen entweichen kann, sind die Hindernisse viele. Es wird sinnvoll sein, eine Gruppe von Menschen wie uns, die den Wunsch zu wecken haben und unter Ausnutzung der Erfahrung von jemandem, bereits getan hat finden.
Das Absolute, nämlich der Stand der Dinge in dem der Satz ist ein Ganzes, ist die Urzustand, aus denen durch Teilung und Differenzierung, entstand die Vielfalt der Phänomene, die wir beobachten ... Der Mann lebt in allen Welten, aber auf unterschiedliche Weise. Dies bedeutet, dass er in erster Linie durch die Welt näher beeinflusst wird, mit denen er lebt in unmittelbare Berührung, da es ein Teil ist ... Die Welten entfernt, auch Menschen befallen, entweder direkt oder über zwischengeschaltete Welten, aber ihre Wirkung nimmt in direktem Verhältnis zu ihrer Abgelegenheit oder eine Erhöhung der Unterschied zwischen ihnen und Männer.
Die Menschheit, wie der Rest des organischen Lebens auf der Erde für die Bedürfnisse und Zwecke besitzen das Land. Und es ist genau sein muss, um die Bedürfnisse der Erde zum gegenwärtigen Zeitpunkt zu treffen ... Nur ein Gedanke so theoretische und so von den Tatsachen, die der modernen europäischen Denkens, war undenkbar, dass die menschliche Evolution möglich war, unabhängig von der Natur, die sie umgibt, oder zu prüfen, die Evolution des Menschen als eine allmähliche Eroberung der Natur getrennt.
Lassen Sie ihn leben, sterben, entwickeln oder degenerierte, der Mann dient auch dem Zweck der Natur, oder vielmehr ist die Natur die gleiche Weise, wenn auch vielleicht für andere Zwecke ist die Produkte der Evolution, dass der Degeneration.
Menschheit, als Ganzes betrachtet, kann niemals die Natur zu entkommen, weil der Mensch handelt im Einklang mit den Zielen der Natur, auch wenn der Kampf gegen sie.
Wie wir später sehen werden, ist der direkte Einfluss des Absoluten nicht erreichen die Menschen. Aber der Einfluss der Welt unmittelbar nach, dass der Welt der Stars, ist schon ziemlich offensichtlich, in das Leben des Menschen, obwohl die Wissenschaft "sicherlich nicht wissen, was ...
Mehr "sind schwierige Lebensbedingungen, mehr 'gut sind die Ergebnisse der Arbeit, vorausgesetzt, dass Sie die Arbeit erinnern
Entwickeln Sie Ihre Phantasie.
Nicht nur bestellen für das Vergnügen ist gehorchte.
Wenn Sie meditieren und sich einen Teufel, weiß der Teufel zu gehen, um zu meditieren.
Kann 'einfach nur ein, wie man sich in den anderen zu setzen weiß sein
Nehmen Sie das Verständnis des Ostens und der Wissenschaft des Westens und versucht dann,
Nicht besuchen jemand allein, um Ihre Zeit zu füllen.
Wenn Sie zweifeln zwischen Tun und nicht tun, und tun könnte. "
Was möglich ist für den Einzelnen ist es unmöglich für die Massen.
Wer will Wissen müssen sich die ersten Bemühungen um die Quelle zu finden, um es zu bringen, mithilfe der Anweisungen überhaupt gegeben, aber in der Regel Menschen wollen nicht zu sehen oder zu erkennen. Wissen kann nicht Menschen sein, ohne dabei die Bemühungen.
Sie sind im Gefängnis und alles, was Sie wollen, wenn Sie den gesunden Menschenverstand haben, ist es, zu entkommen ...
Niemand kann aus dem Gefängnis ohne die Hilfe von denjenigen, die bereits geflohen sind, zu entkommen. Nur sie können sagen, die Art und Weise, in der es möglich ist, Steuerhinterziehung und die Gefangenen Werkzeuge und alles, was notwendig sein kann bringen. Aber ein Gefangener isoliert nicht finden können, diese freie Männer oder kommen in Kontakt mit ihnen. Sie brauchen eine Organisation. Nichts kann ohne einer Organisation durchgeführt werden.
Evolution kann nur derjenige, der sich seiner Situation und der Möglichkeit der Veränderung ist, und erkennen, dass er nicht die Befugnisse und Reichtum nicht sehen können erforderlich sein. Und es ist im Sinne der Inbesitznahme dieser Befugnisse und diesen Reichtum, dass die Evolution möglich ist
Was für ein Mensch muss auch verstehen: seine Entwicklung ist nicht notwendig, dass für ihn.
Niemand sonst ist daran interessiert, und Sie sollten sich auf niemanden verlassen, in der Tat ist niemand verpflichtet, zu helfen, noch hat sie beabsichtigen. Im Gegenteil werden die Kräfte, die die Entwicklung von großen Massen menschlichen widersetzen, auch die Entwicklung der einzelnen entgegengesetzt. Es liegt an jedem umgehen USA. Und wenn ein Mann nicht entkommen können sie kann die Menschheit nicht. Verstehen Sie später, wie diese Barrieren nützlich sind, wenn sie nicht vorhanden sind, sollten Sie sie absichtlich zu schaffen, denn nur gewinnen die Hindernisse, die der Mensch in sich selbst entwickeln können die Qualitäten, die sie benötigen ... Dies sind die Grundlagen für ein richtiges Verständnis der menschlichen Evolution. Es gibt keine Evolution obligatorisch, mechanisch.
Evolution ist das Ergebnis einer bewussten Kampf.
Die Evolution des Menschen ist die Entwicklung seines Bewusstseins und Bewusstsein kann nicht unbewusst entwickeln.
Die Evolution des Menschen ist die Entwicklung der seinen Willen, und der Wille kann nicht unwillkürlich zu entwickeln.
Die Evolution des Menschen ist die Evolution seiner Macht zu tun, und nicht das Ergebnis von dem, was passiert.
vorstellen, dass die Beziehung zwischen einer mikroskopischen Zelle und den ganzen Körper. Die Anwesenheit oder Abwesenheit einer Zelle ändert nichts im Leben des Körpers. Wir können nicht bewußt ist, und dies kann einen Einfluss auf die Lebensdauer und die Körperfunktionen haben. Genau in der gleichen Weise eine deutliche einzelne zu klein ist, um die Lebensdauer des Organismus kosmischen beeinflussen, mit dem er angeordnet ist (in Bezug auf die Größe) in dem gleichen Verhältnis, das eine Zelle im gesamten Organismus hat
Ein gewisses Maß an Unabhängigkeit von äußeren Einflüssen: Warum können wir über das zukünftige Leben jeglicher Art zu sprechen, muss es eine gewisse Kristallisation, eine bestimmte Fusion der inneren Qualitäten des Menschen sein. Wenn es etwas in einem Menschen widerstehen kann äußere Einflüsse, dann seine etwas, das auch standhalten kann den Tod des physischen Körpers
Männer sind Maschinen. Die Maschinen sind zwangsläufig blind, bewusstlos, kann nicht anders sein, und alle ihre Handlungen müssen ihrer Natur entsprechen.
... JEDOCH, Fortschritt und Zivilisation im wahrsten Sinne des Wortes kann nur erscheinen am Ende der bewussten Bemühungen. Kann nicht als Ergebnis von mechanischen und unbewussten Handlungen erscheinen.
Was bewusste Anstrengungen machen könnte ein Auto?
...
die unbewussten Aktivitäten von Millionen von Maschinen müssen unbedingt in die Zerstörung zu beenden und zu ruinieren. Gerade in unbewusste und unwillkürliche Äußerungen, dass alles Böse liegt. Sie verstehen noch nicht, und kann mir nicht vorstellen, all die Folgen dieser Geißel. Aber der Tag wird kommen, wenn Sie verstehen.
....
ES war ein Zauberer Reichen und AVARO Das war
VIELE RAW. Er war mit PASTOREN
AUCH an Orte, wo Zaun grasen GESUCHT
Seine Schafe. SO 'geschehen, dass sie SMARRISSERO
ABER ÜBER geflohen WARUM "wusste, dass die
NEWT WANTED ihr Fleisch. Ich finde die WIZARD 'ABHILFE:
Hypnotized "SHEEP. THE davon überzeugt, dass er ein guter WAR
Hirte, der Kinder liebte und wie sie
IMMORTAL FÜR DIE sollten sich nicht scheuen, dass jemand
DIE SCUOIASSE. Auch, dass sie nicht der Überzeugung
Schafe, aber LIONS, sogar Adler und andere Männer.
SO 'anstelle von' DIE FREIHEIT 'blieb ESCAPE
Gehorsam WARTEN AUF DEN Magier die SCANNASSE!
- -
Les meilleures phrases de Georges Ivanovich Gurdjieff--
 
"Rappelez-vous que vous êtes venu ici parce que vous comprenez la nécessité de lutter contre soi-même et que vous-même. Par conséquent Soyez reconnaissant à tous ceux qui vous fournira l'occasion"
----
L'illusion suprême de l'homme est sa conviction qu'il pouvait faire. tout le monde pense qu'ils peuvent faire, ... , Mais personne ne fait rien. Tout se passe.
-----
"Je vous laisse dans un beau gâchis!" (Derniers mots de Gurdjieff sur son lit de mort)
-
"Il était une fois un. Ensorceleur / berger qui possédait un troupeau de moutons Il aimait l'agneau et abattus chaque maintenant et puis un. Pour éviter les fuites, a décidé d'hypnotiser le troupeau et les plongeant dans le sommeil hypnotique inculqué trois condamnations :1 - que les moutons étaient immortels, donc on n'a pas à craindre l'abattage, qui est en effet un moyen d'aller éternité fil;2 - qu'il était un bon berger, qui aimait par-dessus tout ses brebis;3 - également qu'ils ne sont pas des moutons, mais des lions, des aigles, des hommes, des assistants, maîtres DiscePolli le chemin de l'éveil.Dès lors, le troupeau attendu abattage calme près de la Shepherd "
-
«Un pourcentage important des personnes que nous rencontrons dans la rue est vide à l'intérieur, c'est à dire qu'il est en fait déjà mort. Il est heureux pour nous que nous ne voyons pas et ne savent pas. Si nous savions combien de ces personnes ont effectivement morts et combien morts gouvernent nos vies, fou d'horreur "
-
... le sexe est notre principale source de l'esclavage, mais aussi notre principale possibilité de libération ...
-
l'homme, comme tous les autres êtres vivants, est essentiellement un transformateur d'énergie qui sera absorbée dans le substrat au moment de l'écologie cosmique indifférenciée .... Cependant, contrairement à d'autres créatures, il peut choisir de participer à tout un passif ou actif
-
Fondamentalement, le Magic est la tendance à utiliser les gens à certaines fins (bonne ou mauvaise est relatif), produit dans leur «foi» ou engouement, soit en agissant sur eux par la peur.En tout cas, ça fonctionne sans que cette personne comprennent pas ou sont au courant de ces actions et objectifs.
Et «parler simpliste de la magie noire, blanche, rouge, etc ...Il est, en effet, ni la magie rouge, ni verte, ni jaune.Il est «faire».Seulement "ne" est magique. "... Et que celui qui peut «être» peut aussi «faire»... Cependant, l'illusion suprême de l'homme est sa conviction qu'il pouvait faire. tout le monde pense qu'ils peuvent faire, ... , Mais personne ne fait rien. Tout ce qui lui arrive.
-
Nos soi-disant pensées sont juste des pensées que les formations fixes extraites de classeurs ou subjectives.
Ce que nous appelons pensées ne sont pas pensées.
Nous n'avons pas de pensées que nous avons plusieurs labels, certains plus court, plus concis, plus long, mais rien de plus que des étiquettes.
Ces étiquettes sont transférés d'un endroit à un autre.
Les demandes d'il ya ce que nous recevons sous la forme d'impressions. Mais les exigences ne sont pas seulement de l'extérieur, viennent de divers points à l'intérieur. Et tout doit être mis dans le code.
Ce chaos est ce que nous appelons les pensées et les associations.
Personne ne vous croira si tu lui a dit qu'il ne peut rien faire. Il s'agit de la plus offensive et désagréables que nous pouvons dire aux gens. Et est particulièrement désagréable et offensive parce que c'est la vérité et personne ne veut connaître la vérité.
------
Dieu est un pour tous,Mais il est trois.Les hommes se trompent, car il est septuple.Dans sa totalité, est à l'unisson.Dans sa division est contradictoire.Il est partout sous toutes ses formes.Quand les hommes voient cela dépend de leur qualitéDans le cadre qu'ils touchent.Mais qui le touche, s'il est ignorant,Voir la partie qui touche l'ensemble de lui-même
------------
Chaque moment, pris en soi, est une particule de la création éternelle.
CONSIDÉRÉ par heure comme une unité de vie pour PROPRE
à tout moment, nous pouvons extraire les substances les plus subtiles qui peuvent être appelées "l'essence de la vie"
les moments qui constituent le temps sont des substances.
Pour extraire de la vie ce qu'il ya dedans plus précieux que vous devez être en mesure de faire de la chirurgie sur vos émotions.
Ordinairement, l'homme vit en suivant simplement l'écoulement.Il n'est pas simplement endormi: il est complètement mort.

Voir les résultats de tous vos efforts passés et réfléchir à ce sens qu'ils ont maintenant dans la dernière heure de votre vie.
Travaillez sur vous-même ... quelque chose d'étrange, subtile, mais beaucoup ne peuvent pas vivre sans.
vivre chaque heure avec un bénéfice de plus en plus haut ... Faites un plan détaillé de la dernière heure de votre vie.
Essayez de vous imaginer dans une assez clair dans la dernière heure de votre vie sur terre ...Ecrire une sorte de script pour la dernière heure
-------
-------

 
La dernière heure de sa vie, l'exercice de Gurdjieff
===========
Imaginez que vous avez découvert, en quelque sorte, exactement quand vous mourrez ... Imaginez que vous ayez seulement quelques minutes, peut-être qu'une heure à vivre, que feriez-vous avec cette heure de votre temps précieux sur Terre?
Souhaitez-vous être en mesure de terminer quelque chose dans cette dernière heure, vous avez une idée consciente de comment le faire?
De laisser aller votre dernier souffle vous sentir pleinement satisfait de la conscience d'avoir fait tout son possible dans cette vie pour accomplir votre mission?
Serait probablement toujours présente, toujours vivante, en attendant, que le fils est en attente de marin de son père ...
Si vous n'êtes pas satisfait de la dernière heure de sa vie, ne pas être toute votre vie. Mourir signifie traverser quelque chose d'unique.
Passez votre temps précieux en rien signifie que vous priver de la possibilité de puiser dans la vie ce qui était le plus précieux.
Grâce à ce monde avec sa propre vie, du début à la fin, est un autre aspect de l'Absolu.
Tous les grands philosophes ont soigneusement préparé pour la dernière heure de leur vie.
Dans le monde manifesté tout a son début et sa fin.
Dans le monde réel, tout est toujours présent, et un jour vous serez autorisé à tout oublier et laisser le monde «pour toujours».
Et maintenant, je vais vous donner l'exercice pour préparer vos dernières heures sur terre. Essayez de ne pas se méprendre sur aucun mot de l'année.
===========
Exercer
Reconsidéré le temps passé comme si c'était la dernière heure sur la terre pour vous: vous venez de réaliser que vous êtes mort.
Demandez-vous: êtes-vous satisfait maintenant?
Et maintenant reprendre vie et mettre au premier plan votre aspiration. Pour l'heure suivante (si vous avez la chance de vivre à une autre), essayez d'extraire de la vie plus que ce que vous avez fait à l'heure passé. Définir où et quand vous devriez être plus conscients et où tu aurais dû mettre le feu plus intérieure.
Et maintenant rouvrir, et les yeux grands ouverts et j'entends par là: ouvrez-vous plus de chances, être un peu plus courageux que vous étiez une heure passée. Parce que tu sais que c'est votre dernière fois et que vous n'avez rien à perdre, essayez d'obtenir quelque chose d'audacieux - au moins maintenant. Bien sûr, vous n'avez pas à être fou que cela. Apprendre quelque chose de mieux, regardez sur votre machine biologique à l'extérieur. Maintenant, comme vous êtes en train de mourir, il n'est pas logique de maintenir la réputation et le prestige.
Et maintenant, à votre dernière heure réelle, une croissance constante qui aspirent à obtenir autant que vous pouvez de la vie de ce qui est précieux, développer votre intuition.
Prenez quelques instants toutes les heures pour regarder l'heure vient de passer, sans juger, puis regolatevi pour extraire Dall'Ora quelque chose plus tard.
S'il est reconnu par heure comme une unité de vie à la vôtre, vous pouvez essayer de faire de votre mieux pour utiliser chaque unité complètement.
Efforcez-vous de trouver un moyen de faire quelque chose de plus toutes les heures que le précédent.
Mais dans le même temps être conscients du fait que vous avez pris soin de dettes collectées jusqu'à présent. Augmenter l'écoute et la connaissance de soi-même et a également augmenté la capacité d'être maître de vous-même, cela va changer le travail de votre machine qui est toujours hors de votre contrôle.
Ces compétences peuvent être une indication d'un changement réel. C 'est absolument indifférent à ce que la machine pense à tout.
-------
Les humains croient tout ce qu'ils entendent au lieu de croire que ce qu'ils pouvaient reconnaître directement par une réflexion judicieuse, développé par un "débat comparative» entre toutes les données déjà stockées dans leur ...
Je vous demande de ne pas croire tout ce que vous ne pouvez pas le vérifier par vous-même. "


"Le trait caractéristique de l'homme a affiné sa capacité à réciter parfaitement veux pas participer à sa vie à l'extérieur, tandis que l'intérieur reste libre."
Soyez conscient en tout temps de ce que vous penser, de sentir, de vouloir et le faire.
Ne parlez jamais de vous-même sans vous donner la possibilité de changer.
Sachez que rien ne vous appartient.
La morale subjective et «un concept relatif, si vous êtes trempés concepts connexes, quand tu grandis, tu va agir et juger les autres, toujours et partout, selon les façons de voir et les notions classiques que vous avez acquises. Vous devez apprendre à suivre pas à ce que «les gens autour de vous considérer bonne ou mauvaise, mais d'agir dans la vie selon ce qui vous appelé votre conscience. J'ai développé une conscience libre sais pas »de plus en plus« de tous les livres et tous les professeurs réunis.
l'enseignant ne sert qu'à ouvrir la voie, mais il doit être abandonné
le point de départ de la recherche est la connaissance de soi ou «L'étude de nous-mêmes», «le souvenir de nous-mêmes."
Il s'agit de la première étape importante.
A tout moment de la journée, nous devons tourner notre attention vers ce que nous pensons, par exemple, imaginer, sentir, etc, nous avons à nous voir tels que nous sommes, comme si on regardait à l'extérieur.
Aimez ce que vous n'aimez pas
Pas de comptes à personne: être votre propre juge.
Rappelez-vous toujours et partout
«La vie nous est donnée pour un but élevé et, ensemble, nous sommes tenus de le servir dans telle est notre raison d'être. Tous les hommes, sans exception, sont des esclaves de cette ampleur. "
«... Si nous nous concentrons trop exclusivement sur notre ombre, nous s'infecter et inconsciemment like it"
Ne pas regarder avec un oeil, regarder.
Will vrai quand il ya seulement quelques règles uniques en matière IO, quand il ya un «maître» dans la maison. Un homme ordinaire ne dispose pas de "Maître". Il est maintenant gouverné par l'esprit, maintenant avec les sentiments et maintenant de l'organisme. Souvent, l'ordre vient de l'appareil formateur et le plus souvent cet homme reçoit les ordres du centre sexuel. Le libre arbitre est la fonction du MASTER en nous. Nous allons la suprématie d'un DESIRE UN AUTRE.
Si tous les hommes avaient une âmeDE TEMPS EN GRANDE IL Y AVAIT LIEU SUR TERRENE 'POUR LES PLANTES TOXIQUES OU' FÉROCE POUR ANIMAUXLe même mâle FUT cessé d'exister.Car l'âme de ralenti est une illusionC'est un luxe pour celui qui se complaît dans la souffranceIl est le sceau de la personnalitéIl est le Chemin, c'est le lien avec l'auteur et le créateur.RÉSIDUS DE L'ÉDUCATIONSOURCE PREMIER DE LA PATIENCEIT «Même LE TÉMOIN DE LA SUBSTANCE DEEssence de l'être EVER.GuideraSa présence est JE SUISIl s'agit d'un total de particules ÊtreAinsi, il a été, et sera toujours ainsi.
Si vous voulez apprendre à aimer, commence avec les animaux, parce que je suis plus «sensibles
La seule limite notre N'EST PAS TOUJOURS REMONTER À LA FIN DE CE QUE VOUS VOULEZ FAIRE EN GROS COMME DANS LES PETITES CHOSES
«Les gens semblent toujours aux autres comme vous le feriez rien, les autres à faire tout de travers. Invariablement, tout le monde pense qu'il pourrait faire mieux. Personne ne comprend ou veut comprendre que ce qui se fait actuellement d'une certaine manière - et surtout ce qui a déjà été fait - on ne pouvait pas faire autrement.
.... tout dépend de tout, tout est lié, il n'y a rien à se séparer. Tous les événements suivent la seule façon qu'ils peuvent prendre. Si les gens pouvaient changer, tout pourrait changer. Mais ils sont ceux qui sont, en conséquence, des choses, ils sont aussi ceux qui le sont. »
Avant tout changement posez-vous ces questions simples:1) Pourquoi suis-je ici?2) Il convient de rester?
Nous ne cessons de consommer plus d'énergie que nécessaire, en utilisant les muscles nous n'avons pas besoin, laisser les pensées courir librement et de réagir trop émotionnellement
Un homme qui n'a pas atteint certains résultats, vous ne pouvez pas demander quoi que ce soit.
Nous ne pouvons pas attendre plus longtemps que ce qu'il a.
D'un point de vue très pratique, un homme ne peut pas être tenu pour responsable de sa propre situation. Ce n'est pas sa faute s'il est devenu si. Ensuite, vous devez prendre cela en compte, sachant que vous ne pouvez pas attendre d'un homme de choses faibles qui nécessitent beaucoup de force. Qu'est-ce qu'ils sont appelés à être en relation avec la force avec laquelle il peut répondre.
L'homme est une machine. tout ce qu'il fait, toutes ses actions, toutes ses paroles, les pensées, les sentiments, les croyances, les opinions, les habitudes, sont le résultat d'influences et impressions externes. Pour "faire", il faut être ...
(... Il est le plus «grande réussite pour un homme et pour être capable de le faire)
Pas des idées decorarti avec les autres.
Ebook avec Conseils et Compedio sur Fourth Street
Les gens font semblant de savoir quelque chose sur Dieu, sur la vie future, l'univers, les origines de l'homme, l'évolution, mais, en réalité, ne sait rien, même pas sur elle-même. Et chaque fois que l'on parle de quelque chose qui ne sait pas s'il savait comment, de l'esprit.
... Détendre les muscles, en utilisant uniquement le nécessaire, rester en pensées serbes, et d'exprimer vos sentiments, si vous le voulez
Ne pas être touché par les apparences: en tant que tels, ils sont inoffensifs. Sommes-nous à nous faire du mal
Il est subjective et dépend des associations. Lorsque vous rester les bras croisés, sans concentration, le temps ne passe pas. Extérieurement, il n'ya pas de temps, n'existe que dans notre
Malheureusement, on oublie toujours tout.
Nous nous souvenons de choses quand il est trop tard.
Au moment opportun, notre attention est occupée, par ex., Par le fait que l'homme que vous n'aimez pas, et vous ne pouvez pas arrêter vous n'aimez pas. Ce sentiment ne doit pas être oublié, doivent être enregistrées dans la mémoire. Le goût d'une expérience ne dure pas longtemps. Sans attention, les événements sont perdus. Nous devrions écrire tout en mémoire, sinon on finit par oublier ...
Il ya des choses qui ne se produisent pas souvent. Si vous avez accidentellement regarder une chose, et non confiée à la mémoire, vous le perdez jamais.
Nous ne pouvons donner sens et de créer certaines conditions, mais pas pour aider
L'âme est comme une semence qui doit germer et de grandir ... peut être acquise que dans le cours de la vie, et non seulement cela, mais c'est un luxe réservé à très peu d'hommes. La plupart des gens passent une vie sans âme, sans maître intérieur. Dans la vie ordinaire, l'âme n'est pas du tout nécessaire.
La meilleure façon d'être heureux dans cette vie consiste dans la capacité «de penser toujours à l'extérieur, mais jamais vers l'intérieur,
Quand vous êtes malade, au lieu de haïr le mal, pensez à votre maître.
Une des meilleures façons d'éveiller le désir de travailler sur le cas »et« se rendre compte que vous pouvez «mourir à tout moment ... Mais vous devez apprendre à ne pas oublier
Répartissez-vous en deux parties.Pas d'identifier l'intérieur, à l'extérieur doivent jouer un rôle. Prenez tout comme un guide. Votre tâche consiste maintenant à obtenir la liberté intérieure. C'est le point de départ pour aller plus loin.
Si vous décidez de travailler pour les autres, le font avec plaisir.
L'amour conscient éveille l'amour conscient. L'amour émotionnel évoque le contraire. L'amour physique dépend du type et de la polarité.
Foi consciente et «liberté». Foi émotionnel et «esclavage». Mécanique et la foi "stupidité"
L'espérance inébranlable et la force ». L'espoir plein de doutes et de «lâcheté. L'espoir que la faiblesse rempli de crainte et '
Rappelez-vous que vous êtes venu ici parce que vous comprenez la nécessité de «se battre contre soi-même, seule contre vous-même ... Soyez reconnaissants, donc, et tous ceux que vous aurez l'occasion
Prendre conscience de nous-mêmes, même si c'est seulement pour quelques instants, c'est la technique qui peut nous aider à sortir de l'aliénation dans laquelle nous sommes habituellement ... doivent être accompagnées d'un effort pour réduire trop parler de mentir à nous-mêmes et d'exprimer des émotions négatives.
T'incatenare pas pour rien que dans le long terme, vous détruire.
Arrêtez de vous définir eux-mêmes ...
Pas en contradiction avec quoi que ce soit, taisez-vous.
Lorsque l'on vous demande votre opinion sur quelqu'un ou quelque chose, que sa qualité.
Sachez que cette maison peut «être utile seulement à ceux qui ont reconnu sa nullité» et de croire en la possibilité d'un changement
En règle générale, l'homme ne dispose que de désirs, et ce que nous appelons une volonté forte ou faible n'est rien mais un. Plus ou moins forte que nos désirs Le testament authentique est un pouvoir dérivé non pas tant par les désirs divers, souvent contradictoires, appartiennent à différents «moi», mais dérivée de la conscience et régie par une auto unique et permanent. Seule cette volonté agit et transforme ... peuvent être définis librement, car il est indépendant de l'affaire et ne peut pas être modoficata ou directement de l'extérieur.
L'homme peut être né, mais à naître doit d'abord mourir, et à mourir devez d'abord réveiller.
Ne connaissant pas les lois qui s'appliquent à son travail, l'homme se trompe qu'il devait agir, de faire, de construire, de décider, n'est pas conscient d'être dominé, dans ses choix, par des forces supérieures, ne voit pas ce qui l'amène à se déplacer dans un sens plutôt qu'un autre, de répéter ces mêmes opérations, ne reconnaît pas le degré de nature mécanique, son état de léthargie, l'auto-hypnose, à l'auto-mystification.
Ne pas juger un homme par les mots des autres
Si vous n'êtes pas avec un esprit critique, votre présence ici et «inutile
L'énergie dépensée dans le travail interne active est immédiatement transformé en une nouvelle offre, mais qui a passé dans le travail passif »perdue à jamais
Faites ce que vous faites de la meilleure façon possible.
Ne vous plaignez pas.
Personne ne comprend que le degré de connaissance d'un homme est une fonction du degré de son être. Lorsque la connaissance a conduit sur l'être, devient théorique, abstraite ... peut devenir encore nuisible, car au lieu de servir la vie et à aider les gens dans la lutte contre les difficultés, la connaissance de ce genre commence à tout expliquer de sorte qu'il ne peut que provoquer de nouvelles difficultés, de nouveaux troubles et de catastrophes de toutes sortes qui, avant n'existait pas.
Ceux qui «libéré de la maladie de« demain »a des chances de trouver ce que» et que «venu chercher ici
Ne soyez pas impressionné par de fortes personnalités.
Le reste ne dépend pas de la quantité », mais la« qualité du sommeil
Enseigner aux autres, vous apprendrez sur vous-même
Apprendre à recevoir, je vous remercie pour tous les cadeaux.
Ne loue pas ou vous insulter.
Gardez à l'esprit que le travail ici n'est pas «une fin en soi, mais c'est seulement la moitié
Ne pas essayer de se démarquer par votre apparence.
Ici, il n'y a ni «Russes, c'est les juifs, ni chrétiens, mais seulement des hommes qui poursuivent qu'un seul but: devenir capable d'être
Ne pas définir vous-même pour ce que jamais vous avez.
Ne pas juger ou de discrimination lorsque vous ne connaissez pas la plupart des faits.
Le développement humain se déroule selon deux axes: la connaissance et l'être. Pourquoi l'évolution est accomplie correctement, les deux lignes doivent travailler ensemble, parallèles les uns aux autres, se soutenant mutuellement ...
Seuls ceux qui peuvent «veiller sur le bien d'autrui méritent» leur propre bien
Aide ton prochain sans salarié ... Aide une autre à s'aider lui-même.
"Tous les gens que vous voyez, vous le savez, que vous connaissez peut, sont des machines, des machines réelles qui ne fonctionnent que sous la pression des influences extérieures, comme vous l'avez dit. Les machines sont des machines naissent et meurent. Qu'est-ce que la nature et les intellectuels? Même maintenant, en ce moment même où nous parlons, plusieurs millions de voitures en essayant de détruire l'autre. Quelle est la différence alors? Où sont la nature et où les intellectuels? Ils sont tous pareils ... »
Ne parlez pas de vos problèmes personnels ... Ne parle que de ce qui est nécessaire.
Tenir compte de ce que «les gens pensent de vous, et non de ce qui se dit
Ne rangez pas d'objets inutiles.
Dans un litige, vous mettre dans la peau de l'autre.
Si vous connaissez déjà »et que« le mal et de le faire de toute façon, vous commettez un péché et c'est difficile d'y remédier
Pas de nouer des amitiés inutiles.
Ne suivez pas les tendances.
Ne vendez pas.
Ne pas penser aux avantages que vous procurent votre travail.
Seule la souffrance a un sens conscient
Gagnez vos craintes.
Transformez votre colère en créativité .... Transformez votre cupidité dans le respect de la beauté ... Transformez votre envie en admiration pour les valeurs de la ... Transformez votre haine en charité.
Non pas pour défendre les vieilles idées, juste parce que c'est vous qui l'énonce.
Si vous offenser quelqu'un, demander pardon ... Si vous êtes offensé publiquement ses excuses en public.
(Si vous vous rendez compte que vous avez dit quelque chose de mal, ne faites pas cette erreur dans la fierté et de s'abstenir immédiatement de vos résolutions.)
L'homme est identifié avec le rôle qui est forcé de vivre: père, fils, patron, ouvrier, employé, cadre, professionnel, intellectuel, gourou, intelligent, stupide, fort, faible, sans emploi, gestionnaire, ministre, etc.
... Pour chacun de ces rôles, il ya des comportements sociaux, symboles de statut, des vêtements, des modes de pensée et d'expression que chaque s'adapte inconsciemment. Et si nous ne sommes jamais de vraies personnes, mais imitateurs de véritables imiter les modèles et les stéréotypes fabriqués par la société dans laquelle nous vivons.
.... Même dans les comportements les plus intimes réciter fait rôles préétablis, qui ne sont pas limités à des comportements et des attitudes conventionnelles, mais aussi pénétrer dans nos croyances, nos jugements, notre conscience.
... Donc continuer à réciter la pollution de notre esprit est trop long.
Nous devons apprendre à dire la vérité. Pour dire la vérité, vous êtes devenu capable de savoir ce qui est vrai et ce qui est mensonge ... en particulier en vous-même ...
C'est ce qui ne vous appartient pas, comme si vous faisiez partie.
La plus grande erreur, dit-il, est de croire que l'homme a un établissement stable. Un homme n'est jamais un. Il change constamment. Reste rarement les mêmes, même pendant une heure.
L'homme n'a pas I. individuelle ... A sa place, il ya des centaines et des milliers de petites séparée j'ai le plus souvent s'ignorent, n'ont aucun rapport avec, ou, au contraire, ils sont hostiles les uns aux autres, exclusif et incompatibles.
L'homme est une pluralité. Le nom de l'homme sont légion ... L'alternance de ces I, leur manifeste luttes, à chaque instant, pour la suprématie, sont contrôlés par des influences extérieures accidentelles ...
Un petit accident je peux, à un moment donné, faire une promesse, non pour lui, mais pour quelqu'un d'autre, juste pour la vanité ou pour le plaisir ... Passent toute leur vie afin de régler les dettes de petite je accidentelle.
l'homme est comparé à une maison sans maître ou du surintendant, occupé par une multitude de serviteurs qui ont entièrement oublié leurs devoirs: personne ne veut faire ce qui doit, tout le monde essaie d'être le patron, si ce n'est que pour un instant, et, dans ce genre d'anarchie, la maison est menacé par des dangers graves
Mais même si l'homme a compris aussi clairement que ses possibilités, ce ne ferait pas avancer d'un seul pas vers leur réalisation. Pour être en mesure de réaliser ce potentiel, doit avoir un très fort désir de libération, doit être prêt à tout sacrifier, à tout risquer pour leur propre libération. "
Nous ne devons pas nous bercer d'illusions que nous pouvons livrer avec notre propre force: tous nos efforts, tous les efforts, toute pensée ou acte, sont déjà fortement influencés, nous ne savons pas où est la liberté, qu'est-ce que cela signifie d'être éveillé .... La première étape consiste donc à prendre conscience que nous sommes comme dans une prison, et nous ne savons pas comment en sortir. Pour combien nous essayons, nous ne pouvons échapper par eux-mêmes, les obstacles sont nombreux. Il sera sage de trouver un groupe de personnes comme nous, qui ont le désir de se réveiller et de profiter de l'expérience de quelqu'un qui a déjà fait.
L'Absolu, à savoir l'état de choses dans lequel l'ensemble est un entier, est l'état primordial, d'où, par la division et la différenciation, est née de la diversité des phénomènes que nous observons ... L'homme vit dans tous les mondes, mais de différentes manières. Cela signifie qu'il est d'abord influencé par le monde plus près, avec qui il vit en contact immédiat, car il fait partie ... Les antipodes, aussi affecter les humains, que ce soit directement ou à travers des mondes intermédiaires, mais leur action diminue en proportion directe de leur éloignement ou d'augmenter la différence entre elles et les hommes.
L'humanité, comme le reste de la vie organique sur la terre pour les besoins et les buts propriétaire du terrain. Et c'est exactement ce qui doit être de répondre aux besoins de la terre à l'heure actuelle ... Juste une pensée si théorique et donc séparée des faits qui la pensée européenne moderne, était inconcevable que l'évolution humaine a été possible indépendamment de la nature qui l'entoure, ou d'envisager l'évolution de l'homme comme une conquête progressive de la nature.
Laissez-le vivre, mourir, évoluer ou dégénérer, l'homme sert aussi de la nature, ou plutôt, la nature est la même, mais peut-être à des fins différentes, les produits de l'évolution est celui de la dégénérescence.
L'humanité, considérée dans son ensemble, ne peut jamais échapper à la nature, parce que l'homme agit en conformité avec les buts de la nature, même si la lutte contre celui-ci.
Comme nous le verrons plus tard, l'influence directe de l'Absolu n'atteint pas l'homme. Mais l'influence du monde, immédiatement après, celle du monde des étoiles, est déjà tout à fait évident dans la vie de l'homme, même si la science «certainement ne sais rien ...
Plus d'»sont des conditions de vie difficiles, plus« bons sont les résultats des travaux, en supposant que vous vous souvenez du travail
Développez votre imagination.
Ne commandez pas juste pour le plaisir d'être obéi.
Si vous méditez et obtenir un diable, le diable ne va méditer.
Peut 'être juste un seul qui sait comment vous mettre dans l'autre
Prenez la compréhension de l'Est et de la science de l'Occident et tente ensuite
Ne pas visiter n'importe seule pour remplir votre temps.
Si vous en doutez entre faire et ne pas faire, et pourrait faire ».
Ce qui est possible pour l'individu, il est impossible pour les masses.
Celui qui veut savoir doit se faire les premiers efforts pour trouver la source, pour l'amener, suivant les instructions fournies à tous, mais généralement les gens ne veulent pas voir ou reconnaître. La connaissance ne peut pas être des hommes sans faire des efforts.
Vous êtes en prison et tout ce que vous voulez, si vous avez le bon sens, est d'échapper à ...
personne ne peut échapper à la prison, sans l'aide de ceux qui ont déjà fui. Eux seuls peuvent dire la manière dont il est possible évasion et d'apporter les outils prisonniers et tout ce qui peut être nécessaire. Mais un prisonnier isolé ne peut pas trouver ces hommes libres ou entrer en contact avec eux. Vous avez besoin d'une organisation. Rien ne peut se faire sans une organisation.
L'évolution peut être nécessaire que celui qui est conscient de sa situation et la possibilité de changement, et se rendre compte qu'il n'utilise pas les pouvoirs et les richesses ne peuvent pas voir. Et c'est dans le sens de la prise de possession de ces pouvoirs et ces richesses que l'évolution est possible
Qu'est-ce qu'un homme doit bien comprendre: son évolution n'est pas nécessaire que lui.
Personne d'autre est intéressé, et vous ne devriez pas compter sur personne, en fait, on n'est pas obligé d'aider, pas plus qu'il n'a l'intention. Au contraire, les forces qui s'opposent à l'évolution des grandes masses humaines, sont également opposés à l'évolution de l'individu. Il appartient à chacun de se soustraire États-Unis. Et si un homme ne peut pas leur échapper, l'humanité ne peut pas. Comprendrez plus tard comment ces obstacles sont utiles, si elles n'existaient pas, vous devez les créer intentionnellement, parce que gagner les obstacles que l'homme peut développer en eux les qualités dont ils ont besoin ... Ce sont les bases d'une compréhension correcte de l'évolution humaine. Il n'y a pas d'évolution obligatoire, mécanique.
L'évolution est le résultat d'une lutte consciente.
L'évolution de l'homme est l'évolution de sa conscience, et la conscience ne peut pas évoluer inconsciemment.
L'évolution de l'homme est l'évolution de sa volonté, et la volonté ne peut pas évoluer involontairement.
L'évolution de l'homme est l'évolution de son pouvoir de le faire, et ne pas être le résultat de ce qui arrive.
imaginer la relation entre une cellule microscopique et notre corps tout entier. La présence ou l'absence d'une cellule ne change rien dans la vie de l'organisme. Nous ne pouvons pas en être conscient, et cela peut avoir une influence sur la vie et les fonctions corporelles. Exactement de la même manière un individu distinct est trop faible pour affecter la durée de vie de l'organisme cosmique, avec lequel il se trouve (en ce qui concerne la taille) dans la même proportion qui a une cellule avec notre organisme tout entier
Pourquoi pouvons-nous parler de la vie future de toute nature, il doit y avoir une certaine cristallisation, une certaine fusion des qualités intrinsèques de l'homme: un degré d'indépendance contre les influences extérieures. S'il ya quelque chose à un homme capable de résister aux influences extérieures, alors c'est quelque chose qui peut résister même à la mort du corps physique
Les hommes sont des machines. Les machines sont nécessairement aveugle, inconscient, ne peut pas en être autrement, et toutes leurs actions doit correspondre à leur nature.
... Toutefois, des progrès et de la civilisation dans le vrai sens de ces mots, peut apparaître qu'à la fin des efforts conscients. Ne peut pas apparaître comme un résultat des actions mécaniques et inconscients.
Quoi efforts conscients pourrait faire une voiture?
...
les activités inconscientes de millions de machines doit nécessairement se terminer par la destruction et la ruine. C'est précisément dans les manifestations inconscientes et involontaires que tout le mal réside. Vous ne comprenez pas encore et ne peut pas imaginer toutes les conséquences de ce fléau. Mais le jour viendra où vous comprenez.
....
IL Y AVAIT UN MAGICIEN riche et AVARO QUI AVAIT
RAW BEAUCOUP. Il utilisait PASTEURS
Même voulu LIEUX OÙ clôture de pâturage
Ses brebis. SO 'arrivé qu'ils SMARRISSERO
MAIS SURTOUT fui POURQUOI "savait que les
NEWT WANTED leur viande. JE TROUVER DE L'ASSISTANT DE RECOURS »:
Hypnotisé 'OVINS. L'convaincu qu'il était un bon
SHEPHERD, qui aimait les enfants et comment ils ont
IMMORTAL POUR QUI DEVRAIT PAS AVOIR PEUR QUE QUELQU'UN
L'SCUOIASSE. Aussi qu'ils ont été convaincus PAS LE
MOUTONS mais les Lions, même des aigles et d'autres hommes.
SO »au lieu de« fuite vers la liberté »est resté
Obéissant ATTENTE POUR LE MAGICIEN DU SCANNASSE!

---------------

- - - ; svelato il segreto, the secret the power di Ronda Rhonda byrne, La Scienza del Diventare Ricchi, Macro Edizioni, macrolibrarsi,  tony robbins, roberto re, esercizi, testimonianze, matrix divina, denaro, soldi, ricchezza, come usare applicare la legge di attrazione lda loa , bufala, ebook, libro, video, scarica, gratis gratuito free download, emule, rapidshare, prosperità, desideri, immaginazione creativa, pensiero positivo gratuito gratuiti  risorse, lotteria visualizzazione, realizzare sogni, obiettivi, vibrazioni, guida, cervello,  mettere in pratica manifesting manifestare ricchezza manifestazione il Segreto dietro il Segreto , Esther e Jerry Hicks, relazione d'amore, felicità, concentrazione, corsi seminari, corso formazione, pnl emozioni convinzioni Theta Healing psych plus channeling attrarre mente milionaria coscienza fisica quantistica energia positiva new age salute Ho-Oponopono louise hay eft jack canfield coaching dio, transurfing italia vadim zeland Il Fruscio delle Stelle del Mattino Avanti nel Passato Lo Spazio delle Varianti The Space of Variations A Rustle of Morning Stars Forward to the Past aikido forum scribd torrent bruce lipton gregg braden richard bandler law attraction successo success self empowerment automiglioramento sviluppo personale intuizione El Secreto cómo utilizar Ley de Atraccion abundancia vibración ejercicio prosperidad atención fuerza mental creencia dinero riqueza atrae Das Geheimnis visualization imagination the Science of Getting rich abundance exposed affirmation tool mp3 optimist quotes desire change happiness magic soul, Alchimia, Advaita Vedanta, trasmutazione, cambiamento vibrazionale, 2012, Gesù Cristo, Chaos magick, Nisargadatta Maharaj, Timothy Leary, Legge di Attrazione, Lapis Philosophorum, Law of Attraction, Nazismo esoterico, Corrado Malanga, monaco guerriero, Joe Vitale, Ho'oponopono, Aleister Crowley, Fight Club, Ken Wilber, interferenze aliene, Vril, Gurdjieff, Ouspensky, Uppaluri Gopala, Il Tredicesimo piano, Nirvana, E.J. Gold, rettiliani, culto draconiano, magia sexualis, Rasputin, Julius Evola, Magick, Eckhart Tolle, Salvatore Brizzi, Agni Yoga, wicca, stregoneria, cospirazionismo, Officina Alkemica, Damanhur, Miguel Serrano, tantra, Cabala Draconiana, Tommaso Palamidessi, PNL, Gregg Braden, cyberpunk, Permutation City, Terence McKenna, Giuseppe Calligaris, Genesi del mondialismo, corrente ofidiana, infobusiness, Mindfucking, Ram Tzu, Mindfullness, Aghora alla sinistra di Dio, La porta del Mago, Vampiro, La cosmogonia dei Rosacroce, Don Miguel Ruiz, Daniel Goleman, Bram Stoker, Dracula, Douglas Baker, Sole Nero, Anne Givaudan, Vril Gesellschaft, Il mattino dei maghi, spermatoterapia, Hunab Ku, Robert Anton Wilson, Lovecraft, psiconauta, Zecharia Sitchin, Peter Kolosimo, Ramana Maharshi, goa trance, minimal, Paul Kalkbrenner, Nosferatu, Rivolta contro il mondo moderno, mago, maghi, sciamanesimo, spiriti guida 'saggi'  'consiglieri'  'manifestazioni archetipiche.' 'sé superiore', 'Divin Maestro', 'Guida interiore', 'Saggezza Interiore', 'self Transpersonale,' 'alleato', 'Dottore immaginario'  anche 'Angelo Custode' intelligenze del mondo eterico ,enti ESSERI spirituali, sentinelle

1 commenti:

cesare ha detto...

Non è un saggio cretino: se incontri nella via un maestro uccidolo..... Ovviamente si riferisce dentro di te. È quello che dice Pure Gurdjieff e non solo.....

Related Posts with Thumbnails

Google+ Followers

Parole Chiave

abitudine (63) Accettazione (82) Acqua (7) Advaita (9) affermazioni (24) Aforismi (129) Agire (65) Aivanhov (4) Alchimia (58) Aldilà (5) AMORE (125) Aneddoto (100) angeli (11) Anima (121) archetipi (2) Armonia (29) arte (12) Astrale (39) attaccamento (49) attenzione (33) Audiolibri mp3 (23) Bambini (27) Bellezza (54) Bene (18) Buddhismo (60) C. Cisco (3) calma (13) cambiamento (82) Carte illustrative (24) Castaneda (33) chakra (4) Co-Creazione (34) compassione (30) comprensione (76) concentrazione (29) condizionamento (137) conoscenza (86) Consapevolezza (157) Coraggio (132) corpo (81) Coscienza (66) creatività (36) credenze/convinzioni (93) Cuore (90) desideri (33) destino (20) Dialogo Interiore (16) Dio (133) Disordine (5) distacco (85) Dna (11) domande (72) Donna (3) Dzogchen (23) Ego (40) Egregor (28) emozioni (59) Energia (47) energia vitale (38) entusiasmo (10) Equilibrio (32) Esercizi (198) Esperienza (74) Essere (113) Estasi (5) Eternità (18) Evoluzione (29) fare (14) fede (19) Felicità (95) Fiducia (7) film (39) flusso della vita (58) focus (17) follia (8) forme pensiero (49) fortuna (10) Forza Interiore (73) fotogallery (17) Fuoco Sacro (19) futuro (33) gioia (31) gratitudine (21) Gruppo Ur (18) Gurdjieff (40) idea (8) identificazione (47) idiota zen (50) il potere di Adesso (68) illuminazione (36) illusioni (148) Immaginazione (70) importanza (26) Impressione (14) inconscio (20) inferno (9) iniziative (53) iniziazione (56) intento/volontà (72) Intuizione (21) Invocazioni (11) Lanza del Vasto (5) Legge Attrazione (89) Lezioni di Vita (52) Libertà (149) libri gratuiti (119) linea della vita (17) Luce (36) MadMacX (71) Magia (58) Mahamudra (1) medi (1) meditazione (63) Mente (126) Metafisica (8) Metafore (47) MIGLIORI POST (45) Mistero / ignoto (23) mondo (122) morte (79) musica (35) Nascita (6) natura (24) Non Agire (Wu Wei) (46) Nulla (26) obiettivi (29) odio (6) Osservazione (37) ostacoli (9) Ottimismo (15) Pace (28) Paradossi (3) passato (28) paura (57) Pendoli (46) Pensieri (73) Percezione (31) Perdono (13) Personaggi (38) PNL (25) poesia (92) Possibilità (5) Preghiera (15) Presente (31) presenza (43) Principi (33) Psicosintesi (11) Qabbalah (2) quarta via (23) reagire (8) Realtà (56) relax (5) Respiro (20) ricordo (22) riepilogo (34) riflessione (48) rilassamento (29) Rinuncia (3) risonanza (6) risorse (7) Risveglio (107) Rituali (44) Rivista (5) Rocco Bruno (16) saggezza (189) Scelta (40) schiavitù (69) sciamano (33) seghe mentali (125) segnali (3) semplicità (28) sensazioni (19) sentimenti (22) serenità (14) Sesso (1) significati (8) Silenzio Interiore (16) Simboli (11) Sincronicità (19) sofferenza (35) sogni (99) Sole (6) solitudine (3) SONDAGGI (8) Sorgente (3) Sorriso (3) Specchio (14) sperimentare (19) spirito (97) spirito critico (8) Spontaneità (22) stress (9) suggerimenti (120) svago (35) tantra (5) TAO (33) tempo (73) Teurgia (1) Transurfing (54) Trasformazione (14) Tutto (11) Umorismo (120) Unione (46) Universo (77) Vampiri energetici (18) Verità (80) Vibrazioni (19) video (263) VIGNETTE SPIRITUALI (204) Visionari (9) Vista Interiore (61) Visualizzazione (52) Vita (63) Vuoto (33) yoga (21) zen (28) Zewale (323)
___________________________________________________________
______________________________________________________________________
CLICK E TORNA SU