Caduceo Ermetico

mercoledì 27 giugno 2012
;



Ogni nostro insegnamento è illusorio finché non si traduca in una pratica e in un atto. Ti siano dunque comunicate le direttive per le prime operazioni nel senso della via, di cui sai per quanto ti ho detto in precedenza. Devi impadronirti anzitutto di un tratto della tua vita o della tua giornata per fissarvi saldamente ed attivamente una qualità nuova, così.
Staccati interiormente da te e da quanto ti circonda, e tieni ad una vita sobria, senza sforzi, senza eccessi, neutra e equilibrata. Dormi quanto basti e nel cibo sii parco. Il corpo tuo sia integro, calmo, armonizzato, La tua anima tèmprala con la potenza di te, epurala dall’impulsività, dalla passione, dall’agitazione, poi fissala ed amalgamala nel corpo. Gli altri esseri non esistano. Le loro azioni e i loro pensieri o giudizi non ti tocchino qualunque essi siano. Fa sì che nulla riesca a penetrare di nascosto in te: sorveglia tutto, ciò che viene dall’esteriore e ciò che emerge dalle profondità ancora impenetrate dalla coscienza tua; osservando in silenzio con intelletto ed imperturbabilità, con rapida energica mano frenando ogni giudizio. Se passioni ti molestano, non reagire né turbarti. Conducile invece deliberatamente a soddisfazione e poi discioglitene. Accrèsciti su questa direzione fino a riuscire ad avvertire la frivolezza, l’inutilità e l’insidia di ogni pensare, così che anche la mente tua a poco a poco si plachi e venga ad accovacciarsi in silenzio ai tuoi piedi. Così metterai lentamente in piedi una forza di te, simile ad un signore il cui sguardo impone silenzio, rispetto o confusione ai servi che gli sono d’intorno. Questo è il nostro Oro:
Quando avrai operato tutto questo con arte sottile e costante, forte e dolce; quando lo stato equilibrato e neutro in te sarà divenuto una cosa continua e naturale allora ti sentirai come ricongiunto a te stesso in un senso di interiorità di cui prima nulla sapevi. A questo punto sperimenterai una propensione a riposare in te, e da cotesto riposo calmo ed illuminato scaturirà un senso di spirituale e liberata contentezza. Spia questa sensazione e trattienila. Quando te ne sarai impadronito interamente, con un atto interiore su cui non posso dirti nulla, perché lo apprenderai solo dopo averlo inventato, cerca di connetterla col corpo così che, come calore nell’acqua, vi si diffonda ed alla fine dei due non risulti che una sola cosa, che un solo stato.
Questo stato è lo stato fluidico.
E l’operazione nella Tradizione nostra è detta: la prima estrazione del Mercurio o dell’Ermete dalla Miniera. Tenga ben fermo, la tua coscienza, questo stato, con una calma fermezza. Poi lascialo andare, poi rièvocalo, a più riprese: studialo, imparalo, finché sia da te sentito come una realtà che attende nella subcoscienza, pronta ad emergere al tuo richiamo. Quando abbi conquistato questo punto, sii certo di essere andato abbastanza avanti.
Del corpo fluidico bisogna sapere che ogni rapporto sessuale che sia dominato dalla sete per la voluttà lo paralizza, lo rende inerte e fiacco specie nei temperamenti nervosi. Sappi che esso è energizzato dal regime vegetariano, dal digiuno, e anche dai profumi magici, come lo accenna uno dei suoi nomi, che è « corpo aromale » e, in un suo particolare aspetto, « vampirico ». Sappi che ogni squilibrio o emozione improvvisa sopravveniente quando la coscienza è in rapporto con esso può produrre danni, anche gravi, nel fisico e nello psichico. Sappi infine che le sue virtù vanno affinate mediante una speciale disciplina.
Ti darò un cenno elementare su di essa affinché tu possa intendere il senso dell’educazione iniziatica del sentimento.
Non devi distruggere il sentimento, ma devi distruggere la torbida tua adesione ad esso, cioè la voluttà, il desiderio e l’avversione, l’angoscia nel sentire. Purificati da tali scorie: sciogliti dal vincolo del cuore, fatti, nel sentire, aperto, libero, senza timore e senza grettezza. Come un’acqua chiara, non mossa, lascia trasparire le cose che sono nel fondo, così non più identificato con i sentimenti, accoglili ed osservali come faresti per cose del mondo esterno. « Come io non sono il cibo che gusto, del pari io non sono i sentimenti che lascio risuonare liberamente in me essi non sono miei, essi non sono me » nasca in te questa evidenza.
Soltanto allora i sentimenti potranno parlarti quando cesserai di essere preso in essi, intento soltanto a godere o a soffrire. Essi ti riveleranno un nuovo organo dei sensi di là da quelli animali, « oggettivo » quanto questi benché rivolto ad un aspetto più sottile della realtà. Questo nuovo senso educalo con l’attenzione interiore, volto all’orecchio del cuore: rendilo raffinatissimo Al centro di te, come un ragno che tiene tutti i fili della sua rete e ogni loro vibrazione controlla, sii un dominio e una lucidità calma e scrutatrice al centro di una sensibilità perfetta, purificata ed intrepida, aperta ad ogni voce.
Questa educazione del cuore, che opererai per «persuasione », con un « fuoco » lento e dolce, trasfonderà nel tuo corpo fluidico un potere di conoscenza sovrasensibile. Essa realizza un’« acqua distillata », un’acqua trasparente consacrata nel segno della tua neutralità, che la domina:
Giunto a tanto, tenta la liberazione del potere centrale  e l’incontro con la Serpe. Ciò accade quando la coscienza del tuo « io » sappia trasferirsi nella sede del corpo fluidico e questo sia staccato dai sensi animali ed isolato, in conseguenza, dal mondo fisico.
Le tecniche usate sono varie. Disprezza la prudenza dei piccoli metodi di « meditazione », che raramente sono capaci di trarti via realmente e non nella tua fantasia  dalla palude delle forme mentali e dalla prigione del cervello. Portati ai metodi diretti. Usa per esempio lo « Specchio ». I particolari dell'esercizio come la scelta dello specchio li puoi trovare sul CD.
......Con questa esperienza il tuo « io » lascia dunque il veicolo animale, schiavo delle « acque », ed assume un corpo fluidico o « corpo d’aria » per organo d’azione, col quale e con adeguate determinazioni gli è possibile operare molteplici e mirabili opere. E quando per riassumere il corpo animale incontrassi difficoltà, ricordati, il mezzo è: evocare l’immagine e volerla.
Per il mago è questione di uscire in un modo o nell’altro dall’atmosfera di servaggio e di ubriachezza che è l’« anima della terra »; entrare in un cosciente contatto col mondo di là, e da là agire attivamente, dirigendo congrue reazioni ed effetti nella vita reale. Il suo spirito dice il Kremmerz è come una fiamma che sale e scende: egli sa risalire alla superficie della corrente delle « acque » ove, consacrato in « aria », gli è virtualmente dischiusa la possibilità di assoggettare gli esseri che dipendono da questa stessa corrente, la quale appare ora come la « Luce astrale » stessa.
-

<<Creati un'immagine e mirala. Nel buio abituati così a vedere di una luce che non è quella sensibile>> - in ciò già ti indicai il primo segreto dell'Opera. Poi, con la pratica dello specchio ti dissi come puoi staccare interamente il senso della vista dal mondo fisico e dallo spazio esteriore - ed attuarlo nella luce eterea.
Questo è il principio. Nella vita del giorno pur sveglio in perfetta coscienza saper non vedere e vedere simultaneamente - non vedere nella luce visibile e vedere nella luce invisibile, a volontà - è la perfezione di cotesto cominciamento, della quale dispongono gli Adepti. Sappi però che lo scopo nostro non è l'estasi passiva di chi solo vede e percepisce le manifestazioni, ma la capacità di dirigerle, di proiettarvi la propria forza, di crearle e di distruggerle provocando effetti corrispondenti nel mondo fisico e sugli esseri che lo abitano. Il secondo passo dell'Opus magicum è questo. Seconda preparazione del Caduceo ermetico - noi così lo chiamiamo.
Ogni realizzazione magica implica un principio attivo, secco e fisso che agisce simpaticamente su di un principio passivo, umido e volatile; cioè una <<proiezione>> nel veicolo di una veste di fuoco sulfureo, detta anche soffio e acqua ardente. Bisogna prima di tutto preparare con l'Arte questi due elementi o principì nel nostro <<vaso filosofico>> ermeticamente chiuso.
Ricordo a te che cosa vuol dire la <<chiusura ermetica>>: guardia alle porte dei sensi - e: Silenzio. E il Silenzio iniziatico non è soltanto non parlare, ma non parlare (neanche con te stesso), non udire e non leggere.
Stàccati mentalmente dall'ambiente realizzando che nulla può e deve offenderti: <<Gli ingiusti non arriveranno ad intaccare il mio equilibrio>>.
I maghi affermano poi che il <<vaso>> deve essere di cristallo terso e resistentissimo, insieme alla costanza tenace vogliono anche indicare che nella tua coscienza o <<laboratorio>>, tutto deve essere trasparente. Devi saper vedere chiaro e netto in te come alla luce del sole, realizzare l'incapacità assoluta di una qualsiasi insincerità con te stesso.
Il principio maschile attivo è sempre il nostro Oro,
, ma vieppiù esaltato, disciolto e fissato. Ricorda la sua prima preparazione. È un placare, unificare e dominare l'animo - è il calmo energico esser superiore a te stesso - è il nucleo che nell'atmosfera ubriacante dell'<<anima della terra>> sa resistere alla passione restando saldo nell'impeto impuro delle <<Acque>>.
Éliphas Levi ti dice: il mago pensa e vuole - non ama alcuna cosa per desiderio e nulla respinge per passione. La parola passione designa uno stato passivo, mentre egli è sempre attivo e vittorioso. Un mago innamorato, geloso o pigro è contraddizione in termini. Il più difficile è giungere a questa realizzazione, perché quando il mago abbia creato se stesso, la Grande Opera è virtualmente compiuta, nel suo principio essenziale.
Kremmerz aggiunge: crea uno stato di neutralità perfetta, di indifferenza positiva, mediante il completo equilibrio di te stesso. Fatti superiore al bene e al male, perché dalla tua neutralità rispetto all'uno e all'altro effetto dipende il tuo stato equilibrato e continuo e il potere di sviluppare tutte le forze sottili e si servirtene in tutti i sensi.
Quanto alla <<preparazione seconda>> di questo nostro Oro, tu puoi conseguirla per consacrazione o investitura, ovvero con l'ausilio di aceti filosofici ed acque corrosive, se sai, e sei capace di resistere loro. Ti dico però, date certe speciali condizioni, puoi eseguirla anche a mezzo della crudeltà e della sofferenza.
Provoca freddamente e mantieni per un numero preciso di minuti uno strazio fisico: resta di faccia ad esso, poi fatti più forte - sino a poterlo far tacere. Violentati. Non fare ciò che ti piace ma ciò che ti costa; prendi sempre, per principio, la linea di maggior resistenza. Sposta il piacere naturale per questo o quell'oggetto al piacere dell'<<aver voluto>>. Conformemente ad una formula antica di nostra Tradizione, che per <<disciogliere>> un <<metallo>> prescrive di arroventarlo e poi immergerlo nell'acqua, eccita, esalta, esaspera un istinto, un impulso, una brama e poi, bruscamente, al punto in cui essa crede di giungere alla soddisfazione, sospendila. L'occhio sovrasensibile Vede allora dei lampi staccarsi dai centri inferiori e correre serpeggiando fino a raggiungere i centri superiori che si mettono a risplendere di un fulgore temibile.  Possente e secca, questa virtù loro è la virtù aurea del comando assoluto. Tanto basti per la preparazione dell'Oro.
Adesso tratterò del secondo principio, il quale è la forza astrale, l'ente fluidico stesso. [...]
L'atto magico è un atto di concreta fluidificazione della volontà, una concezione immacolata androginica in cui la forza fluidica sotto l'azione ispirante e maschia del principio solare, opera come femina nella realizzazione creativa. Ti è stato già detto sul senso del corpo fluidico e come esso, nella prima composizione del caduceo ermetico, si estragga dal corpo fisico. Ma la modo istesso che nella seconda fase dell'operazione è richiesta un'esaltazione dell'Oro che dovrà assorbire le virtù più forti e secche dell'<<Acciaio dei Saggi>>; in egual modo è richiesto, per il fluidico, un regime secondo chiamato <<ignificazione della luce astrale>>.  Il corpo fluidico al primo stadio è = acqua distillata, detta anche <<materia al bianco>> o lavata.
È una sensazione immateriale, luminosa, calma, sospesa e stante, estratta con l'immersione della coscienza in ciò che sub specie interioritatis corrisponde al sistema nervoso. Ma tu ora devi spingerti ad un congiungimento magico più profondo con il corpo fisico, facendo scendere la coscienza fino ad <<amalgamarsi>> con ciò che è il sistema sanguigno, il sangue dell'uomo - e così otterrai il fluidico come <<materia al rosso>>.
[...]
La realizzazione è tanto più perfetta, per quanto più esaltati, energici ed assoluti nella loro rispettiva virtù sono i due principi congiunti dalla verga di Ermete.
È il grande mistero dell'Arte Regia, che a nessun profano può essere comunicato. [...]
In questo stato la concezione è creazione, non avviene nel corpo, nel tempo e nello spazio, ma come moto libero, nello spazio spirituale senza dimensioni.
Tieni in mente soprattutto che in magia in successo non è mai il risultato di uno sforzo; che appena sopravviene uno sforzo, cioè il senso di un ostacolo, l'azione è arrestata perché ricondotta sotto le condizioni materiali degli esseri incarnati. La magia opera sempre in modo semplice e diretto, come una forza istantanea o una forza irresistibile e sottile di fragranza. È per questo che Lao-tze dice che la virtù del Tao è un <<agire senza agire>>; è per questo che gli Ermetisti ti parlano dell'Opera come di un <<gioco di donne>> o di bambini confermando l'insegnamento della Qabbalah, la quale nell'arcano XI dei Tarocchi prende per simbolo della Forza una donna che schiude ed immobilizza senza sforzo alcuno le mascelle di un leone inferocito.
È un sentirsi in uno stato di perfetta giustizia...
-

Da:  http://magiaonline.net/corsi/caduceo_ermetico.htm







0 commenti:

Related Posts with Thumbnails

Google+ Followers

Parole Chiave

abitudine (63) Accettazione (82) Acqua (7) Advaita (9) affermazioni (24) Aforismi (129) Agire (65) Aivanhov (4) Alchimia (58) Aldilà (5) AMORE (125) Aneddoto (100) angeli (11) Anima (121) archetipi (2) Armonia (29) arte (12) Astrale (39) attaccamento (49) attenzione (33) Audiolibri mp3 (23) Bambini (27) Bellezza (54) Bene (18) Buddhismo (60) C. Cisco (3) calma (13) cambiamento (82) Carte illustrative (24) Castaneda (33) chakra (4) Co-Creazione (34) compassione (30) comprensione (76) concentrazione (29) condizionamento (137) conoscenza (86) Consapevolezza (157) Coraggio (132) corpo (81) Coscienza (66) creatività (36) credenze/convinzioni (93) Cuore (90) desideri (33) destino (20) Dialogo Interiore (16) Dio (133) Disordine (5) distacco (85) Dna (11) domande (72) Donna (3) Dzogchen (23) Ego (40) Egregor (28) emozioni (59) Energia (47) energia vitale (38) entusiasmo (10) Equilibrio (32) Esercizi (198) Esperienza (74) Essere (113) Estasi (5) Eternità (18) Evoluzione (29) fare (14) fede (19) Felicità (95) Fiducia (7) film (39) flusso della vita (58) focus (17) follia (8) forme pensiero (49) fortuna (10) Forza Interiore (73) fotogallery (17) Fuoco Sacro (19) futuro (33) gioia (31) gratitudine (21) Gruppo Ur (18) Gurdjieff (40) idea (8) identificazione (47) idiota zen (50) il potere di Adesso (68) illuminazione (36) illusioni (148) Immaginazione (70) importanza (26) Impressione (14) inconscio (20) inferno (9) iniziative (53) iniziazione (56) intento/volontà (72) Intuizione (21) Invocazioni (11) Lanza del Vasto (5) Legge Attrazione (89) Lezioni di Vita (52) Libertà (149) libri gratuiti (119) linea della vita (17) Luce (36) MadMacX (71) Magia (58) Mahamudra (1) medi (1) meditazione (63) Mente (126) Metafisica (8) Metafore (47) MIGLIORI POST (45) Mistero / ignoto (23) mondo (122) morte (79) musica (35) Nascita (6) natura (24) Non Agire (Wu Wei) (46) Nulla (26) obiettivi (29) odio (6) Osservazione (37) ostacoli (9) Ottimismo (15) Pace (28) Paradossi (3) passato (28) paura (57) Pendoli (46) Pensieri (73) Percezione (31) Perdono (13) Personaggi (38) PNL (25) poesia (92) Possibilità (5) Preghiera (15) Presente (31) presenza (43) Principi (33) Psicosintesi (11) Qabbalah (2) quarta via (23) reagire (8) Realtà (56) relax (5) Respiro (20) ricordo (22) riepilogo (34) riflessione (48) rilassamento (29) Rinuncia (3) risonanza (6) risorse (7) Risveglio (107) Rituali (44) Rivista (5) Rocco Bruno (16) saggezza (189) Scelta (40) schiavitù (69) sciamano (33) seghe mentali (125) segnali (3) semplicità (28) sensazioni (19) sentimenti (22) serenità (14) Sesso (1) significati (8) Silenzio Interiore (16) Simboli (11) Sincronicità (19) sofferenza (35) sogni (99) Sole (6) solitudine (3) SONDAGGI (8) Sorgente (3) Sorriso (3) Specchio (14) sperimentare (19) spirito (97) spirito critico (8) Spontaneità (22) stress (9) suggerimenti (120) svago (35) tantra (5) TAO (33) tempo (73) Teurgia (1) Transurfing (54) Trasformazione (14) Tutto (11) Umorismo (120) Unione (46) Universo (77) Vampiri energetici (18) Verità (80) Vibrazioni (19) video (263) VIGNETTE SPIRITUALI (204) Visionari (9) Vista Interiore (61) Visualizzazione (52) Vita (63) Vuoto (33) yoga (21) zen (28) Zewale (323)
___________________________________________________________
______________________________________________________________________
CLICK E TORNA SU