Passa ai contenuti principali

QUANTA ENERGIA SPRECHI?






Solo per darti la minima idea di quanta energia sprechi nel ‘dare apparente vita’ al personaggio con cui ti identifichi ogni giorno.

Pensa a tutto il tempo, lo sforzo e l'energia che impieghi per proiettarti nel mondo. Pensa alla costante attenzione impiegata ad analizzare il tuo ruolo sociale; rifletti sulla fatica richiesta per recitare il ruolo di te stesso. Quindi, una volta che ti sei fatto un’idea di ciò che implica
questo incessante sforzo per esibirti, apparire, mostrarti e proiettarti nel mondo,
prova a immaginare di non farlo più.


Immagina il sollievo di non doverti sforzare di apparire in un certo modo.

Immagina se potessi smettere di essere ‘te stesso’ e potessi semplicemente ‘essere’. Come sarebbe diversa la tua vita se non dovessi
continuare a lottare contro ogni circostanza della vita?

Come sarebbe il rapporto con te stesso se non dovessi più complottare, attaccare, accanirti contro te stesso?

Come sarebbe se potessi semplicemente esistere e accettarti totalmente in ogni momento della giornata?

Come sarebbe non dover sostenere un’autoimmagine personale, senza il dovere di alterarla, abbellirla, migliorarla?


E poi c’è l’altro lato della medaglia, il rapporto con gli altri.

Dall'altra parte c’è l’immagine sociale; c'è il tuo obbligo (sociale) di mantenere l’immagine che gli altri hanno di te.

Allo stesso modo gli altri si sentono obbligati – sempre socialmente – a dover mantenere una loro precisa immagine.

Dento di te c’è una tensione continua dovuta allo sforzo richiesto per fare una bella impressione con gli altri: lo sforzo di essere riconosciuti, accettati, apprezzati, stimati.

Così, mentre tu rifletti la loro immagine, loro riflettono la tua immagine.

In questo modo sostenete a vicenda una simulazione sociale dopo l’altra n maniera tale da proteggere reciprocamente il vostro ego, la vostra autoimmagine.



Cosa succederebbe se rompessi questo patto sociale di reciproca sicurezza dell'ego?
E se potessi semplicemente abbandonare queste simulazioni che consumano tutta la tua energia?

E se potessi fare a meno di sostenere un’effimera e vanitosa autoimmagine?

E se potessi fare a meno di stimare e lusingare l’autoimmagine degli altri?

E se potessi solamente lasciar perdere quelle simulazioni sociali? Se potessi fare a meno di dover garantire la sicurezza del tuo ego o dell’ego altrui?



Cosa succederebbe se ritirassi tutta l'energia dal personaggio immaginario che tenti di simulare?

Cosa ti costerebbe ritirare l’attenzione e l’energia dal protagonista della tua simulazione sociale?
E infine, cosa accadrebbe se lo facessero tutti? Se tutti ritirassero l’energia dal personaggio immaginario che stanno continuando a simulare?

Perché no?

Perché non provarci?

Fidati, ne vale la pena.

Magari cominciando con il ritirare l’energia dalle piccole simulazioni personali per poi passare alle simulazioni interpersonali.

Commenti

ALTRI ARTICOLI (clicca qui per aprire o richiudere il menù a discesa))

Mostra di più
  • I MIEI LIBRI